Cerca nel blog

Loading

17 dicembre 2011

Inizia la fase dopo il cold shutdown


Ieri il primo ministro Noda ha dichiarato che i reattori di Fukushima Daiichi hanno raggiunto la condizione di cold shutdown (video in Giapponese). Un primo ministro che dichiara lo stato tecnico di un reattore nucleare è già una cosa particolare di per sé, ma i reattori di Fukushima non sono certo in una condizione normale da poter essere una decisione solamente tecnica. Dal punto di vista prettamente tecnico, i reattori si trovano nelle stesse condizioni di ieri già da parecchi giorni e in questo lasso di tempo hanno mostrato una certa stabilità nei parametri. I grafici con tutte le grandezze di interesse, li potete trovare sulla nostra pagina speciale.

Bene allora è tutto finito? Qualcuno ha pensato che l'annuncio del cold shutdown equivalesse a dire che l'emergenza fosse finita come se si potesse mettere una pietra sopra (magari in senso figurato) alla centrale di Fukushima e considerare il problema risolto. No, il piano di recupero dell'incidente non è per nulla finito. I lavoratori della centrale sono riusciti a terminare le prime due fasi, quelle con una prospettiva temporale molto ridotta e in cui era necessario agire con la massima urgenza. Se si preferisce, possiamo dire che è finita quella fase in cui bisogna mettere a rischio la propria vita per salvare quella degli altri ed ora si entra nella fase, lunga e difficile, della gestione routinaria di un impianto incidentato e allo stesso tempo il confinamento e la rimozione di tutto il combustibile nucleare presente sul sito. Se qualcuno pensa che con l'annuncio di ieri i problemi siano stati tutti risolti si sbaglia di grosso: alcuni obiettivi erano già stati raggiunti, ma altri e più importanti restano ancora da affrontare. E a differenza della prima fase, dove nonostante le difficoltà, era facile tracciare un percorso e definire un piano d'azione, per la fase a lungo termine dobbiamo aspettarci lunghi periodi di attesa per permettere di capire come meglio affrontare i problemi e, in molti casi, inventarsi e costruirsi le soluzioni.


Altra perdita al sistema evaporativo

Ma veniamo a vedere cosa è successo in questa settimana dall'ultimo nostro aggiornamento. C'è stata un'altra perdita dal sistema evaporativo. Si tratta di un altro sistema rispetto a quello che aveva già avuto un'importante perdita giorni fa. In questo caso la perdita è stata limitata come vedete nell'immagine, ha coinvolto acqua già trattata e concentrata quindi a relativamente basso contenuto di contaminanti e, cosa più importante, è stata contenuta all'interno della vasca in cui si trovano le cisterne. Nonostante non ci sia alcun impatto sulle nuove emissioni riteniamo opportuno sottolineare come questi piccoli incidenti siano il sintomo di un impianto realizzato in tempi strettissimi e con la massima urgenza, ma che ora devono essere rivisti alla luce della loro estesa durata di operatività.

Una situazione simile di precarietà si è verificata ai quadri elettrici per l'alimentazione del sistema di trattamento del gas nel PCV del reattore 1. Il sistema doveva essere alimentato da due linee ridondanti, ma entrambe provenivano dallo stesso quadro, quindi quando per motivi di manutenzione il quadro è stato disconnesso dalla rete, il sistema ha automaticamente commutato dalla linea attiva a quella di riserva che però anch'essa non aveva potenza. Tutti questi sistemi di sicurezza devono essere verificati, controllati gli automatismi in modo da non scoprire un malfunzionamento durante la prossima emergenza.

Esercitazione notturna

Un altro aspetto da non sottovalutare per la futura gestione dell'impianto che è drasticamente cambiato negli ultimi mesi è l'addestramento del personale. Le esercitazioni di emergenza sono esercizi che vengono svolti periodicamente all'interno degli impianti nucleari e sono ancora più importanti nell'attuale condizione in cui non solo i reattori non sono in un buono stato di salute, ma le procedure di emergenza devono essere sviluppate e riadattate.
TEPCO ha organizzato un'esercitazione notturna per verificare la capacità di collegare ai generatori elettrici mobili i sistemi di raffreddamento dei reattori.

Situazione dell'acqua contaminata

Passiamo ora ad analizzare la situazione dell'acqua contaminata e il funzionamento del complesso sistema di rimozione dei contaminanti. TEPCO ha rilasciato una nuova tabella con i valori di contaminanti ai vari livelli di processo nell'impianto.  Questi valori vanno confrontati con quelli dell'acqua contenuta negli interrati dei reattori incidentati. La tabella manca di misure specifiche per gli isotopi beta emettitori dello stronzio e indica solo il valore per i beta totali. Nell'acqua dei reattori non sono stati rivelati alfa emettitori, come americio, plutonio e uranio e non sono stati ricercati nell'acqua trattata. Varrebbe la pena eseguire un'analisi molto accurata anche sull'acqua di scarto dell'impianto per vedere se dopo il processo di accumulo e concentrazione, tracce di alfa emettitori si rendono visibili.

Al sistema ad osmosi inversa è stato applicato un nuovo circuito di ricircolo in grado di riprocessare l'acqua scartata in prima istanza. Cerchiamo di spiegarlo ancora con parole più semplici. L'acqua in ingresso al sistema ad osmosi inversa viene fatta passare attraverso una membrana e la frazione che passa viene inviata al cisterne per lo stoccaggio e il successivo utilizzo per il raffreddamento. La frazione di acqua che non passa veniva inviata al sistema evaporativo, mentre ora è possibile riportarla in ingresso al sistema per un ulteriore passaggio. Questa modifica ha come scopo quello di diminuire la quantità di acqua con alta concentrazione di sali che necessita di essere trattata come rifiuto.


Per la prossima settimana è previsto uno stop del secondo sistema di rimozione del cesio causa intervento di manutenzione e l'effetto dello stop è chiaramente visibile nella previsione riportata in tabella. Questa settimana la previsione sul totale dell'acqua accumulata è stata migliorata di circa 1300 tonnellate.


Settimana precedentePrevisione per questa settimanaSettimana presentePrevisione per la settimana successiva
Acqua nei reattori + turbine75 71078 44076 62079 100
Acqua nello stoccaggio12 240 9 2109 7409 530
Totale 87 95087 650 86 36088 630


Mappe di contaminazione al suolo e dose ambientale

Per gli interessati consigliamo di prendere visione dell'ultimo aggiornamento dal MEXT (Ministero della Scienza e Tecnologia) sulla mappatura della contaminazione al suolo da cesio e della stima della dose ambientale ad 1 metro dal terreno. Nella mappa qui a lato vedete la situazione su una scala estremamente vasta

Le note in piccolo
clicca qui per leggere la lista completa con gli avvenimenti

11/12/2011:
  • Nella giornata di oggi hanno regolato le portate dei vari sistemi di raffreddamento. Verosimilmente stanno spingendo per arrivare in una condizione di cold-shutdown per il 16 dicembre quando uscirà la valutazione della roadmap. 
  • Per il reattore 3, la valvola di regolazione del flusso del raffreddamento ha mostrato una certa vibrazione. Hanno provato a variare le portate in mondo da uscire dalla condizione di risonanza e alla fine hanno trovato la condizione che minimizza la vibrazione.(link)

12/12/2011:
  • Nuova tabella con i valori di contaminazione dell'acqua in ogni punto del circuito di decontaminazione. Non ci sono i valori per Sr-89/90 espliciti, ma solo quelli dei beta totali. La frazione pulita dell'acqua che esce dall'impianto di evaporazione contiene 0.2 Bq/cm3 di beta totali. (link
  • Altra tabella importante con la contaminazione dell'acqua nei tre locali turbine 1, 2 e 3. Tra i gamma emettitori ci sono solo i due isotopi del cesio con concentrazioni dell'ordine del centianio di Bq/cm3. Non ci sono alfa emettitori e non sono presentati i valori per i beta. (link)
  • C'è stata una piccola perdita di 5 litri da un altro sistema ad evaporazione. Tutto contenuto nell'apposita vasca sotto il dispositivo. Questi strumenti devono essere completamente revisionati contro le perdite. 
  • Sospeso il raffreddamento della piscina 1 per cambio quadro elettrico. Ripartirà oggi pomeriggio. (link)
  • Altro pasticcio con i quadri elettrici. Due linee che dovevano essere in parallelo (servono ad alimentare il sistema di gestione del gas del reattore 1) provenivano in realtà dallo stesso quadro. Adesso sistemato, ma serve più attenzione. (link)
13/12/2011:
  • Installato un nuovo set di condutture per il sistema ad osmosi inversa. L'idea potrebbe essere quella di fare più passaggi attraverso la membrana e diminuire l'acqua di scarto. (schema)
  • Ecco la foto della perdita di ieri (link)
14/12/2011:
  • Risultati delle analisi spettroscopiche dell'acqua accumulata nei locali turbine 3 e 4. (link) Restano solo cesio-134/137 dell'ordine d 300kBq/cm3 per la 3 e 30 kBq/cm3 per la 4. 
  • Presentazione con la situazione dei rifiuti solidi infustati e stoccati sul sito. Il terremoto ha fatto cadere i fusti e fino ad oggi non sono ancora stati ri-sistemati. 
  • Arriva la situazione dell'acqua contaminata stoccata sul sito. (link


----
Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

158 commenti:

  1. Pronti via con una settimana tutta nuova :)

    L'annuncio di Noda è passato nella totale indifferenza dei media, salvo sporadici articoletti, evidentemente il raggiungimento di una prima tappa nel recupero da una situazione disastrata non interessa o magari dà addirittura fastidio.

    Riguardavo il nuovo loop sul sistema di ricircolo dell'acqua. L'idea è così brillante che mi chiedo come mai non ci avessero pensato prima. Glielo avevamo suggerito noi anche questo??

    Ciao SM

    RispondiElimina
  2. Secondo me è stata una questione di "economia". Durante i primi mesi di funzionamento dell'impianto di decontaminazione avevano bisogno di acqua da usare per raffreddare senza dover aggiungerne altra. E quindi giù tutti di corsa a lavorare per arrivare allo scopo. 
    Adesso che ce ne è a sufficienza (circa 3 settimane di autonomia!) stanno probabilmente pensando di ridurre gli scarti. E qui ritorna di prepotenza la necessità di stoccare quest'acqua "pulita"...

    RispondiElimina
  3. Non escludo che possa essere usato in tarature, ma i suoi 2 anni e mezzo di vita media lo rendono poco pratico per applicazioni industriali dove uno vorrebbe comprare una sorgente e non doversi ricordare la data di calibrazione.  

    Noi lo utilizziamo per spettroscopia ad annichilazione di positroni per studi di danneggiamento di materiali. 

    RispondiElimina
  4. stefaniste
      "Da antinuclearista convinto posso solo dire che Toto è superpartis e
    disponibilissimo a spiegare in modo semplice e comprensivo ."

       Scusa la domanda... ma "da antinuclearista convinto" mi potresti spiegare come vorresti produrre l'energia elettrica che non sarebbe prodotta dal nucleare, nel caso si fermassero tutti i reattori?
      Grazie.

         Roberto

    RispondiElimina
  5. Per il rimpatrio dei residentifino ai  20 mSv sì, sopra i 50 mSv no, tra i 20 e i 50 prima si ripulisce e poi si vedrà
    http://www.yomiuri.co.jp/dy/national/T111216005953.htm 

    Nature definisce la dichiarazione di arresto a freddo un annuncio simbolico
    http://blogs.nature.com/news/2011/12/fukushima-reaches-cold-shutdown.html 

    Nel suddetto articolo di Nature  si rimanda alla richiesta di nazionalizzazione chiesta dall'ex primo ministro Hatoyama, che parre abbia fatto analizzare campioni dal seminterrato contenenti chlorine 38

    http://www.yomiuri.co.jp/dy/national/T111215005428.htm 

    RispondiElimina
  6. Guarda, qualche tempo fa ho fatto la stessa identica cosa con la mia lavatrice a casa e anche in questo caso sono felice di informarvi che non c'è stato leakage di acqua+detersivo nella mia cucina.
    SM

    RispondiElimina
  7. Certo che da tecnici e operatori che si stanno occupando della sicurezza di ben 3 reattori danneggiati questi errori un po tragi-comici non ce li si aspetta.
    Speriamo che selezionino meglio il personale...

    RispondiElimina
  8. Il punto è che i media, a prescindere dalla realtà dei fatti, hanno sempre dipinto una situazione apocalittica. Come possono quindi ora andare a raccontare che invece i reattori sono stati riportati sotto controllo, che i lavori procedono e si sta per avviare un'altra fase importante della roadmap (la rimozione delle barre di combustibile)?
    E' normale quindi che la cosa venga occultata o sminuita il più possibile.

    RispondiElimina
  9. Purtroppo non possiamo leggere l'articolo su Nature, o paghi 32 dollari o ti abboni. Esiste una versione giapponese su Natureasia,  se ti va :))
    http://www.natureasia.com/japan/nature/specials/earthquake/nature_comment_121511.php 

    RispondiElimina
  10. Si ma il punto è di che cosa siamo qui a parlare se nelle filippine passa un tifone e si porta via 440 anime di cui 100 bambini. Qui lo si capisce che non ci sarà da monitorare per i prossimi anni lo stato di salute della tiroide ma c'è solo da seppellire? Scusate la cruda franchezza.
    SM

    http://www.corriere.it/esteri/11_dicembre_17/filippine-tempesta-tropicale_4f0ffdc2-2894-11e1-b2e0-62df0bde9a01.shtml

    RispondiElimina
  11. Rispondo Boh! Dimentichi che sono una elementare cacciatrice di link?
    Inoltre  Most people have Neanderthal DNA, on average about 2.5 percent, but there are outliers, who have much more. Forse appartengo alla seconda categoria.
    http://spittoon.23andme.com/2011/12/15/find-your-inner-neanderthal/ 
    http://spittoon.23andme.com/wp-content/uploads/2009/04/neanderthaler_278.jpg

    RispondiElimina
  12. Diciamo che sono un abbonato... 

    Ho come l'impressione che stia per arrivarti una email! Qualcun'altro?

    RispondiElimina
  13. AnonimaFrancese17 dicembre 2011 18:51

    Greenpace: 
    http://www.greenpeace.org/international/en/news/Blogs/nuclear-reaction/fukushima-nuclear-crisis-update-for-december-/blog/38432/#.TuzVb8B7hOU.facebook

    RispondiElimina
  14. AnonimaFrancese17 dicembre 2011 18:52

    necessita fà virtù!!! 

    RispondiElimina
  15. Infatti... Ma che dritto! Approvo, approvo pienamente!

    RispondiElimina
  16. Eccola, Tatahttp://jen.jiji.com/jc/eng?g=eco&k=2011121700206 

    RispondiElimina
  17. AnonimaFrancese17 dicembre 2011 19:42

    http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/news/20111216p2a00m0na020000c.html  articolo che vorrei capire meglio

    RispondiElimina
  18. AnonimaFrancese17 dicembre 2011 19:43

    grazie Gio ;.)

    RispondiElimina
  19. Ecco cosa dice il nostro istituto superiore di sanità:
    http://www.epicentro.iss.it/problemi/norovirus/norovirus.asp

    Nella maggior parte dei casi documentati, la trasmissione è avvenuta per contaminazione di cibi da parte di un alimentarista, produttore o distributore, subito prima del consumo. Le epidemie sono spesso associate al consumo di insalate, cibi freddi, sandwich, prodotti di panetteria. Il cibo potrebbe essere contaminato alla fonte, da acque infette, sia nel caso di frutti di mare sia di verdure fresche o di frutti di bosco. In molti casi, la contaminazione è stata attribuita alle cisterne di raccolta dell’acqua o a piscine e fontane.

    mi sa che i pasti della mensa non sono un granché! Attenzione che in questo caso, quando si parla di contaminazione, è riferita al patogeno e non a sostanze radioattive. 

    Comunque è una bella botta per chi una grossa fetta di operai non è disponibile, speriamo non sia tutti adibiti a mansioni simili. 

    RispondiElimina
  20. AnonimaFrancese17 dicembre 2011 20:20

    grazie toto

    RispondiElimina
  21. Se ti può consolare aggiungo che anche la IAEA non ha idee chiare su questo episodio e credo sotto ci sia uno "scazzo" grosso tra dirigenti Tepco e capocentrale di turno.
    SM

    RispondiElimina
  22. Non e' che per caso hai una pomata contro l'orticaria? :-(

      Roberto

    RispondiElimina
  23. AnonimaFrancese17 dicembre 2011 23:03

    E poiché agitato per domani.... possiamo notare con evidenza che è passato Ste;.)))

    RispondiElimina
  24. Questo è quanto riporta TEPCO nel suo bollettino di questa mattina.

    On December, 17, one of the TEPCO's employees serving for restoring work at Fukushima Daiichi Stabilization Center was diagnosed with Norovirus. Up until now, there have been no reports of Norovirus onset other than this employee. We have disinfected the working area etc. of this employee. With advice from doctors, we plan to inform persons/parties concerned of fundamental matters such as strict enforcement of washing hands and gargling, re-enforcement of disinfecting ways in case of onset, a medical team responding system etc. within this week.

    TEPCO parla di un solo operai e di TEPCO non ditta esterna. L'ISS dice però che la trasmissione è veloce e quindi aspettiamoci che un bel gruppo abbia conseguenze.

    RispondiElimina
  25. Cara AF:

      paura di cosa, esattamente? Giuro che non capisco.

      La faccenda e' semplice: devi generare, perche' la gente la corrente la consuma, tot GWh di energia elettrica, quando serve e quanta serve (fotovoltaico e eolico astenersi, quindi) e se fermi X reattori da Y MW ognuno ti serve qualcosa al loro posto.

      Avrei potuto chiedere direttamente se preferiva, Stefano, carbone o gas, ma ho lasciato la porta aperta a risposte come "decrescita" (felice?), oppure le mitiche rinnovabili, o riduzione degli sprechi energetici.
      La risposta deve avere un minimo di dati, di stime, di idee sulle tecnologie da utilizzare... e purtroppo il tuo "necessita' fa' virtu'" non ha queste caratteristiche.

      Roberto

    RispondiElimina
  26. E' troppo se oso dire colabrodo? Un'altra perdita  trovata  per puro caso da un volenteroso operaio  suscita al solito grande sorpresa
    New Leak at Fukushima I Nuke Plant: 230 Tonnes of Waterhttp://ex-skf.blogspot.com/2011/12/just-in-new-leak-at-fukushima-i-nuke.html http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11121809-e.html http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_111218_02-e.pdf 

    RispondiElimina
  27. "La curiosità della domenica"

    Energia da pezzetti di carta
    http://www.japantoday.com/category/lifestyle/view/sony-generates-power-from-shredded-paper-2 

    RispondiElimina
  28. Ti hanno mai detto che il tuo sarcasmo ammazzerebbe un elefante? 
    Ho deciso d'ora in poi  tenere la conta, per esempio mi era piaciuta molto la frase  "e io che mi  volevo fare 1/2 kg di polvere d'aspiratore saltata in padella".... :-))

    RispondiElimina
  29. Non esageri per nulla... è uno schifezza... d'altronde ogni giorno hanno una piccola perdita che riparano con il nastro americano. E' ovvio che prima o poi ti parte quella grossa...

    Posso usare un francesismo? Merde...

    RispondiElimina
  30. Adesso che so che ci sono gli alieni a supervisionare posso dormire più tranquillo! 

    :)))

    Poi do uno sguardo agli articoli...

    RispondiElimina
  31. Sono tornato :)
    Sano salvo e soddisfatto......ora mi leggo tutto :)

    RispondiElimina
  32. AnonimaFrancese18 dicembre 2011 21:28

    mhhhh------appena ho piu tempo mi riprometto di controllare meglio la faccenda sotto il punto di vista botanico del terreno, conifere e crescita tessuti e soopratutto vorrei studiare meglio il periodo meteorologico in quelle zone

    RispondiElimina
  33. Interessante, ma...

      "“Bio batteries are environmentally friendly and have great potential” as
    they use no metals or harmful chemicals, Kitsukawa said."

      ... purtroppo le bio-batterie hanno rendimenti/efficienze minori delle batterie normali, e quindi difficilmente potranno soppiantare queste ultime.

      Roberto

    RispondiElimina
  34. AnonimaFrancese18 dicembre 2011 22:28

    un nuovo centro  indipendente di monitoraggio aperto 3 giorni fa in Giappone 
    http://crms-setagaya.jimdo.com/

    RispondiElimina
  35. AnonimaFrancese18 dicembre 2011 22:28

    come e andata Ste?

    RispondiElimina
  36. mamoru_giappopazzie18 dicembre 2011 23:47

    "People who aren't experts spread rumors, and then people who don't
    trust what the government says believe them," Mirny said. "I think it's
    important to stay objective and provide these people with accurate
    knowledge and info and to tell them about my experience."


    Mi viene da scolpirle nella pietra a caratteri cubitali...

    Ispirato a Chernobyl c'era http://en.wikipedia.org/wiki/S.T.A.L.K.E.R.:_Shadow_of_Chernobyl , sceneggiatura intrigante basata su delle novelle SF, ma da li' a scambiarlo per roba verosimile ce ne passa...prendere la fiction come testimonianza delle realta mi pare il sintomo di un problema, come quelli che credono alle scene in cui da una foto sgranata di 3 pixel x 3 tirano fuori una roba dettagliatissima per interpolazione.....

    RispondiElimina
  37. Sì sì, ci ho dato un'occhiata , è del genere ammazzatutto stile DOOM, ci sono alcuni mutanti presumo da ammazzare anche quelli. Mio figlio è un esperto in materia, in passato aveva pubblicato una guida sui trucchi da usare con Battlefield 1942. Certamente se c'è chi confonde la fiction con la realtà dovrebbe consultare uno psichiatra. 
    PS. Io poverina so giocare solo Cogs e World of goo

    RispondiElimina
  38. Come dice Toto sembrerebbe un accumulo d'acqua ( da infiltrazione probabilmente)....  a parte le eventuali omissioni o gli interventi spesso approssimativi di Tepco io sono convinta che tutto l'impianto è pieno di crepe e fessurazioni a causa del fenomenale terremoto. E se è così vattelappesca da dove ti entra l'acqua  e da dove la perdi.

    RispondiElimina
  39. Dai Roberto, tu subito lì a stimare i costi e l'efficienza...

    RispondiElimina
  40. Aggiungo il problema specifico per ambito nucleare, spesso le condutture o le altre parti da manutenere devono essere ispezionabili e manutenibili da remoto per problemi di dose. Di solito un criterio utilizzato è quello delle utilities in doppio o triplo con i fermi programmati per manutenzione su una linea mentre le altre sono in esercizio.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  41. Eh, Giovanna... per alcuni sara' anche triste, ma e' cosi' che funziona ed ha sempre funzionato il mondo!... e non cambiera' certo adesso.

       Roberto

    RispondiElimina
  42. Toto:

     "" Questo però scatenerà le ire di molti, perché varrà il solito adagio:"guadagni privati, perdite pubbliche" ""

      Perche', questo sarebbe una prerogativa del nucleare? Potrei fare 10 esempi diversi, legati al settore della produzione di energia, di guadagni privati e perdite pubbliche, tra l'altro motivate da cause sicuramente meno impellenti di quelle di mettere in sicurezza 4 reattori nucleari semifusi.

      Non vedo cosa ci sarebbe di strano, davanti ad un incidente industriale di tale portata causato da una calamita' come quella che tutti sappiamo aver colpito il Giappone.
      L'alternativa e' lasciare una agonizzante TEPCO fare il minimo possibile (per esempio: assumere lavoranti poco qualificati e motivati... bisogna pagarla bene questa gente!)... alla fine chi ci rimettera' sara' "il pubblico", quindi tanto vale la pena prendere le redini in mano subito.

       Roberto

    RispondiElimina
  43. No affatto, non volevo dire che fosse una prerogativa del nucleare. Quando l'ho scritto avevo in mente un tipico esempio italiano e per darvi un'indicazione vi suggerisco che ha le ali! 

    RispondiElimina
  44. Voglio dire che l'idea della biobatteria è senz'altro un'idea brillante, presumibilmente è suscettibile di miglioramenti, probabilmente ce ne saranno e allora si può discutere di efficienza, forse no e allora la si butta a mare

    RispondiElimina
  45. Leggero OT:

      Informo il mondo che mi sono preso la mia prima frazione di mSv qui sul nuovo lavoro... li ho sentiti arrivare tutti, i fotoni da impurezza d'acciaio attivato, dei "solidi" gamma da Co-60.... mmmmhhh... aaaah... mi sento molto meglio adesso. :-)

      Roberto

    RispondiElimina
  46. Ma io non la voglio buttare a mare, dico solo una cosa ovvia:

      ingegnosita' umana batte natura 1 a 0 quasi sempre.

      3 esempi fra i molti possibili:
      - non ci sono uccelli concepiti da madre natura che volano a Mach-3, ma aerei fatti dall'uomo si.
      - la fotosintesi clorofilliana ha un'efficienza dello 0,7% (se non ricordo male), il FV di punta attorno al 40%.
      - la biobatteria sara' sempre perdente rispetto alla batteria a metalli pesanti, o litio, o qualche diavoleria a nanotubi di wolframiocarborundumcolribattino che inventeranno domani (probabilmente in Cina).

      Inotre: far funzionare/caricare un laptop o un cellulare, passi... ma non si riuscira' mai a produrre centinaia di TWh... almeno io non lo vedo in base alle cose che leggo sulle riviste specializzate.

      Sul far ricerca sempre, a piu' non posso, ovviamente, sono daccordo con Toto (e chiunque altro la pensi cosi')... ma annunci come quello da te linkato sono, a mio avviso, controproducenti per il grande pubblico, perche' danno una falsa percezione di come proceda la catena ricerca-->produzione industriale... ci vogliono, spesso, decenni prima di vedere implementati nei prodotti in vendita le nuove scoperte.

      Pensa al viaggio spaziale: quand'ero bambino io, anni 60, mi hanno fatto una testa cosi' con la colonizzazione dello spazio, andremo qui... andremo la, base di qua... base di la... quasi 50 anni piu' tardi siamo tornati indietro, adesso non sapremmo neanche andare di nuovo sulla luna (ne sono convinto).
      Sarebbe stato meglio parlare chiaramente alla gente e spiegare che, sulla base di semplici calcoli energetici, non ce l'avremmo mai fatta, a colonizzare neanche la luna.

       Roberto

    RispondiElimina
  47. Stanziati i fondi governativi per la decontaminazione
    http://online.wsj.com/article/SB10001424052970204879004577107703452346104.html 

     

     the government has announced that it will take over supervision of TEPCO's decommissioning work, JAIF reports. Also, during decommissioning, a lab will be built near the site to analyse the 'condition and behaviour' of debris and radwaste. A mock-up facility will also be built. The plan was approved by the Japan Atomic Energy Commission. 

    http://www.neimagazine.com/story.asp?sectioncode=72&storyCode=2061425 

    RispondiElimina
  48. Ma tu hai con te il dosimetro quando lavori?
    Eccoti una cosa che di sicuro ti piacerà ( o forse no, visto che sono lievitati i costi del nuke)http://www.jaif.or.jp/english/news_images/pdf/ENGNEWS01_1324278240P.pdf 

    RispondiElimina
  49. mi sembra di capire che la nazionalizzazione sia passata, giusto? mi sembra un'ottima idea...

    RispondiElimina
  50. Forse non tutti avranno notato che: 

    ValerianoB  ha tradotto per noi il documento IRSN sulla contaminazione alimentare. Eccolo:
    http://unico-lab.blogspot.com/2011/12/rapporto-sulla-contaminazione.html

    RispondiElimina
  51. Sinceramente non saprei confermarti se supervisione = nazionalizzazione. Ho qualche  dubbio. In pratica però se i soldi ce li mette lo stato, visto che Tepco è allo stremo, e si parla di supervisione si tratta indubbiamente  di una presa di controllo. 

    RispondiElimina
  52. Mah, vorrei vedere i costi per l'idroelettrico quando si mettono in conto i mille morti causati dal crollo della diga per il terremoto dell'11 marzo, così, tanto per fare bene i totali ... Certo, noi col Vajont abbiamo fatto meglio e senza un terremoto.
    SM

    RispondiElimina
  53. Di solito i miei lavoratori che prendono dose e se ne vantano li obbligo a sorbirsi qualche ora extra di formazione sulle procedure di lavoro o sull'ottimizzazione della protezione che volutamente propongo in forma noiosa o peggio gliela faccio fare da colleghi che so essere in antipatia reciproca.
    Hehe
    SM

    RispondiElimina
  54. In Italia lo chiameremmo "commissariamento", di fatto i supervisori del governo (che paga) metteranno giustamente il naso nelle attività dei biricchini di Tepco. Direi che era ora.
    SM

    RispondiElimina
  55. Che bel lavoro, ci ho piazzato un commento, non ho potuto esimermi :))
    SM

    RispondiElimina
  56. Eh, la decontaminazione è business, con quei bei soldini stanziati ...
    Possiamo avere la traduzione della parte tecnica della pagina che hai linkato? Vorrei capire un attimo le caratteristiche.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  57. purtroppo il google-traduttore non sembra dare buoni risultati. vediamo se mamoru_giappopazzie riesce nell'impresa!

    RispondiElimina
  58. Dai, non essere pendante!... madonna mia!.. era solo per dire... sono entrato in un posto unico al mondo, ho preso, a credere alla macchinetta, 0.03 mSv, che dire?...
      OK, chiedo scusa, faro' un mea culpa davanti alla sede di GreenPiss.

       Roberto

    RispondiElimina
  59. Guarda, questo genere di calcoli sono mesi che li faccio. Io ero arrivato ad una stima simile, leggermente piu' alta, anzi.
      Come dice SM, non c'e' confronto con le altre forme di produzione di energia elettrica... puoi metterci tutti i morti e ammalati che vuoi, di tutti gli incidenti nucleari della storia, ed esce ancora vincente.
      Il carbone, nella sola Cina, nel 2007 ha lasciato dietro di se 9 milioni e 800 mila anni di vita perduta.
      E non dirmi che sono cinico: alla fine della fiera e' questo che conta. Produrre energia elettrica con l'impatto minimo verso l'uomo e la natura.
      Roberto

    RispondiElimina
  60. Adesso pero' ci devi dire dove sei andato...

    RispondiElimina
  61. Toto: un articolo pubblicato, se non ricordo male, su Energy Policy, utilizzando solo comunicati stampa in lingua Inglese, ha dimostrato che dal 1907 al 2007 ci sono stati, nel mondo, piu' di 145mila morti causati da crolli di dighe. Incidentalmente, non hanno messo nella lista proprio il Vajont. :-(

      Roberto

    RispondiElimina
  62. Perfetto.....
    su..darsi da fare e trovare un'altra fonte !!!!!!

    :))

    RispondiElimina
  63. Mah, sai com'è, alla fine il mio ruolo di rompicoglioni sono così abituato a farlo sul lavoro che mi viene spontaneo anche sul forum :) Ti ricordo che stai parlando con uno che ha il ruolo del controllore nonché notabile di dosi.

    Bisogna vedere che dosimetro ti hanno dato (sarà uno di quei soliti dosimetri elettronici suppongo, che dosi ambiente c'erano, etc. Il tutto tenendo presente che stai divulgando un dato sensibile per te e per il luogo che hai visitato.
    Non vorrei contraddire toto che ti chiede di dirci dove sei andato, ma forse è meglio per tutti se non ce lo dici ...
    :)))
    SM

    RispondiElimina
  64. brava Gio, ottimo lavoro. 

    la mia speranza è che il board direttivo sappia quello che fa e non siano solo dei burattini, vedremo....

    RispondiElimina
  65. visto che ci sono...

    Hosono ha bisogno di robothttp://mdn.mainichi.jp/mdnnews/news/20111220p2g00m0dm026000c.html 

    La commissione investigativa sul disatro pubblicherà la sua relazione il 26 dicembre, ma non ci ha capito niente, visto che non può entrare a ispezionare gli edifici dei reattori.
    http://www.japantimes.co.jp/text/nn20111220a6.html 

    RispondiElimina
  66. Al cern usano i Rados http://access-control.web.cern.ch/access-control/dosimeter.jpg (questo è un dato pubblico!) e ok per non dirci dove sei stato, anche se ho un paio di ipotesi.

    Vorrei spezzare una lancia sul ruolo della radioprotezione. Quando ho iniziato a fare questo lavoro pensavo che i tecnici di RP avessero il ruolo istituzionalizzato di RC, ovvero rompic..... "Non puoi fare quello, ma perché lo fai così, non puoi farlo più veloce, hai portato tutti i ferri, hai messo i doppi guanti, ce li hai i dosimetri alle mani e via con un milione di altre "scocciature".

    Adesso ho imparato ad apprezzare il loro lavoro, anzi se so che ho il mio tecnico preferito alle mie spalle mentre faccio un lavoro, mi sento più tranquillo anche se la dose ovviamente non cambia (scherzando il mio tecnico di RP dice che lui essendo un po' grosso fa anche da schermo!). Lui vede anche quello che a te, che sei concentrato su un particolare, sta sfuggendo. 

    Insomma, ognuno ha un suo ruolo e quello della RP non è rompere, ma organizzare al meglio e ridurre la tua dose.

    RispondiElimina
  67. Antiproton Decelerator, una delle zone meno attivate in assoluto... :-)

    RispondiElimina
  68. eccolo http://unico-lab.blogspot.com/2009/09/il-deceleratore.html

    RispondiElimina
  69. In Italia compatiamo i poveri giapponesi per essere stati così fessi da sviluppare il nucelare civile e da subirsi le conseguenze di un disastro come Fukushhima.

    In Giappone si rimboccheranno le maniche e sfrutteranno anche questo disastro come incredibile input per ricerca scientifica-tecnica di frontiera (esempio la robotica) che poi spero rivendano all'Italia a prezzi salatissimi.

    Così va il mondo.
    SM

    RispondiElimina
  70. AnonimaFrancese20 dicembre 2011 14:12

    hahaha uyhuuhuhuhh Valerianooooooooooooo....;.)) guarda qui che bellino ? ;.) il nuovo aggiornamento della gestione dei siti inquinati da sostanza radioattive ;.))) IRSN 
    http://www.irsn.fr/FR/Actualites_presse/Actualites/Documents/IRSN_Gestion-sites-pollues_guide-122011.pdf

    RispondiElimina
  71. dopo tutte le lodi ai francesi... adesso non ti puoi tirare indietro! 

    RispondiElimina
  72. AnonimaFrancese20 dicembre 2011 14:17

    te sei sadico............guarda che lo dico a tutti che ti rifiuti di venire a un certo programma!!!! ;.))))

    RispondiElimina
  73. Non ti racconto quanto poco tempo ho io, guarda :-)
    Non per lavoro, ma cio' non toglie .

    RispondiElimina
  74. toto sotto: mi sa che il suo deceleratore è un tantinello più grosso ;-)

    RispondiElimina
  75. Forse questo grafico sarà interessante. E' pubblicata su una rivista non proprio imparziale, ma c'è citata la fonte dei dati.

    RispondiElimina
  76. è esattamente lo stesso... si tratta di una missione fuori porta! 

    RispondiElimina
  77. Una paio di notizie tecniche dalla centrale. 

    * Hanno spento come da programma SARRY. Non ho ben capito cosa vogliono fare in questo periodo di outage.

    * Vi ricordate il raffreddamento della piscina del reattore 2 che di tanto in tanto ha problemi? Si tratta di un misuratore differenziale di flusso. In pratica tiene controllata quanta acqua passa in entrata e in uscita. Se la differenza è troppo alta, allora stoppa tutto perché potrebbe esserci una perdita. Questo allarme continua a suonare, ma non trovano la perdita. Oggi hanno deciso di affrontare il problema in modo deciso e hanno sospeso il raffreddamento fino al giorno 23/12 per finire i lavori. Speriamo siano fatti bene e in modo risolutivo. Non ci sono conseguenze per la temperatura della piscina. 
    http://www.grafici-reattori.tk/r2-temp-sfp.html

    * Hanno ripreso a "giocare" con i valori delle portate del raffreddamento. Oggi hanno iniziato da R3 in modo da portarlo a temperature più basse. Per R1 hanno invece variato come da programma la quantità di azoto iniettata. Guardate la temperatura di R1
    http://www.grafici-reattori.tk/r1-temp-rpv.html

    RispondiElimina
  78. Convincilo !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :)))))))))))))))

    RispondiElimina
  79. AnonimaFrancese20 dicembre 2011 20:21

    niente da fare...non mi si fila prorprio!!!

    RispondiElimina
  80. Ragazzi, ma sono un timidone... e sono troppo piccolo per il piccolo schermo... 

    RispondiElimina
  81. AnonimaFrancese20 dicembre 2011 20:52

    OT guardate come è fatto bene questo sito...oltretutto piace molto a toto Strasburgo  ed è anche la mia città natale....
    http://www.alsace-360.fr/2011/Voeux/

    RispondiElimina
  82. caspita, non mi viene in mente proprio nulla. Senti se ti metto in contatto con un'amica fisica che ha molte di queste idee? 

    RispondiElimina
  83. AnonimaFrancese20 dicembre 2011 20:56

    hai visto che puoi vedere anche la cattedrale e altri luoghi^???

    RispondiElimina
  84. AnonimaFrancese20 dicembre 2011 20:57

    ma grazie toto ma loro ne hanno di fisici ...non è quello il problema.....di gente se ne trova....e che era carino per unico-lab secondo me....hai visto il taglio delle puntate???

    RispondiElimina
  85. Un interruttore differenziale "idraulico"! Geniali.

    RispondiElimina
  86. Hai appena entusiasmato me e Vittoria (mia compagna) perchè questa estate siamo stati a Strasburgo e abbiamo visitato tutto, compresa la cattedrale illuminata di notte. Ci è piaciuto tantissimo, soprattutto il trenino, le piste ciclabili e il tram che spaccava il minuto.
    La piazza così con i mercatini di natale deve essere da vedere :)))
    Ciao SM

    RispondiElimina
  87. AnonimaFrancese20 dicembre 2011 21:20

    e calcola che è uno se non IL piu vecchio mercatino di natale....:-))) una meraviglia!!! ;.) e un salutone a Monica :;.)))

    RispondiElimina
  88. Ho perso qualcosa? :-)

    RispondiElimina
  89. AnonimaFrancese21 dicembre 2011 10:22

    si ora ti scrivo

    RispondiElimina
  90. Gas, carbone, nucleare. Non c'e' altro. Si tratta di scegliere.

      Roberto

    RispondiElimina
  91. Niente da dire, molto bello... e' proprio vero che i tedeschi sono bravi a fare certe cose...

      R.

    RispondiElimina
  92. AnonimaFrancese21 dicembre 2011 10:52

    ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh (urlo di dolore!! ) come TEDESCHI????????????????? gli Alsaziani sono Francesi Roberto.....:-))) e te lo sai benissimo...ma cosi trai in inganno chi pensa che siamo tedeschi e sono molti credimi ................ahhhh ancora rotolo sotto la morsa dolorosa..........;.((( !! 

    RispondiElimina
  93. AnonimaFrancese21 dicembre 2011 10:56

    per chi non avesse visto le mappe di rilevamenti di IRSN in Europa: 
    http://sws.irsn.fr/sws/mesure/index

    RispondiElimina
  94. lo sapevo che ti prendeva un colpo... ma è un'altra battuta che gli italiani fanno spesso nei confronti degli alsaziani! 

    RispondiElimina
  95. Abbiamo un'aggiornamento alla roadmap, non ho ancora visto nulla... ma adesso mi ci fiondo sopra. 

    Non avete notato nulla di strano? 

    RispondiElimina
  96. AnonimaFrancese21 dicembre 2011 12:29

    le palle di natale su unico lab???

    RispondiElimina
  97. detta così sembra una scena un po' cruenta... povero il signore Natale che ci ha rimesso le p....

    comunque hai vinto il premio

    RispondiElimina
  98. AnonimaFrancese21 dicembre 2011 12:37

    cè chi ci rimette la faccia e chi le p........! lui ne ha lasciata una qui ;.)))..

    RispondiElimina
  99. e brava!
    Io scendo direttamente ai commenti :-D

    RispondiElimina
  100. ecco che la grandeur riappare... l'Europa ridotta alla Francia :-):-):-):-)

    RispondiElimina
  101. ulla'.... giocare sull'Alsazia e la Lorena con i francesi... meglio mettere la testa nella bocca di un coccodrillo affamato :-)
    Gli sarannos coppiate due vene alla nostra AnonimaAlsaziana :-)

    RispondiElimina
  102. AnonimaFrancese21 dicembre 2011 15:30

    ;.) AnonimaAlsazianaAReunionese per favore  ;.)))

    RispondiElimina
  103. AnonimaFrancese21 dicembre 2011 20:06

    c'e un gran parlare ora di salute in questi giorni...sia su siti Giapponesi che ora USA 
    http://www.rassegna.it/articoli/2011/12/20/81334/dossier-choc-su-fukushima-14mila-morti-negli-usa

    RispondiElimina
  104. mamoru_giappopazzie21 dicembre 2011 20:18

    ti pareva che la fregnaccia prima o poi arrivava pure sui siti di lingua italiana... e pensavo giusto oggi ai test nucleari in atmosfera e a quanto fallout ci e' piovuto in testa in 50 anni di bombe atomiche.

    Tornando alle cose serie:
    http://www.world-nuclear-news.org/RS_New_data_on_low_dose_radiation_2112111.html

    (@efad7cb9df976cdb8526347154d2f328 da aggiunfere ai tuoi docs!)

    RispondiElimina
  105. lo sapevo che ti dovevi vendicare contro @efad7cb9df976cdb8526347154d2f328 , ma proprio questa mattina ho scoperto che questi sono gli stessi che guardando alle statistiche a modo loro avevano visto non so quanti mila bambini morti negli stati uniti. 

    Ecco cosa dice Scientific American a riguardo: 
    http://blogs.scientificamerican.com/observations/2011/12/20/researchers-trumpet-another-flawed-fukushima-death-study/ 

    RispondiElimina
  106. AnonimaFrancese21 dicembre 2011 20:43

    ahahah no sei fuori strada toto ;.) pensa che guardavo l'Amsa per sapere se in Rai domani c'e sciopero oppure no e mi è caduto l'occhio sul filo delle news dove in grande c'era questo...e per dovere di cronaca l'ho segnalato....;.)

    RispondiElimina
  107. Piano per smantellare i reattori di Fukushima in 40 anni
    http://www.businessweek.com/news/2011-12-21/tepco-plans-to-dismantle-fukushima-reactors-within-40-years.htmlhttp://www.japantoday.com/category/national/view/govt-releases-40-year-fukushima-nuclear-plant-cleanup-plan 

    Govt likely to take over TEPCO / Liability fund would hold stock majority
     si parla di rilevare i due terzi della società
    http://www.yomiuri.co.jp/dy/national/T111221006388.htm 


      

    RispondiElimina
  108. OT
    Inusuale  la palla di Natale di unico-lab, ha un che di scientifico e  viene servita su un piatto! Avete visto con quanto fasto si festeggia il Natale in Giappone? Dare un'occhiata per credere
    http://mdn.mainichi.jp/photospecials/graph/banetsu/ 
    Ma perché, se in maggioranza sono scintoisti o buddisti? Qualcuno ha detto" Per vendere play station", infatti per loro è più che altro una festa commerciale ( invece per noi...pure)  Il loro Babbo Natale si chiama Hoteiosho, un monaco buddista cicciotto
    http://www.theholidayspot.com/christmas/worldxmas/japan.htm 

    Il mio contributo
    http://www.youtube.com/watch?v=ZJB67h_eE_g&feature=player_detailpage
    http://www.youtube.com/watch?v=ZJB67h_eE_g&feature=player_detailpage

    RispondiElimina
  109. bello e soprattutto si sanno vendere

    RispondiElimina
  110. Ieri mi sono dimenticato di riportarvi il link all'articolo analogo dell'unico-lab:
    http://unico-lab.blogspot.com/2011/12/la-roadmap-e-giunta-al-termine-la.html

    RispondiElimina
  111. I numeri sono giusti stando all'ultimo stato della situazione dell'acqua 
    http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/betu11_e/images/111221e13.pdf 

    torri piccole 288, torri grandi 28, totale 316
    nel deposito ci sono 544 loculi per le piccole e 200 per le grandi. 

    fino ad oggi il sistema ha processato 192mila tonnellate d'acqua, praticamente tutta l'acqua ha già girato due volte. L'acqua che viene ripescata dalle turbine ha già un decimo della concentrazione di contaminanti di quella iniziale segno che la quantità totale di contaminanti asportata dall'acqua diminuisce. Il che mi pare un buon segno. 

    secondo me, a breve cominceranno a ributtare l'acqua delle turbine, solo filtrata dallo sporco e poco decontaminata direttamente nei reattori. A quel punto restano solo (si fa per dire) un qualcosa tipo 90 mila tonnellate da trattare definitivamente. Che significa usare anche Areva, e poi evaporazione massiva in modo da avere acqua pulita (eccezione fatta per il trizio). Quindi ci saranno ancora un certo numero di torri per il cesio a cui bisognerà aggiungere quelle per i fanghi e lo scarto finale dell'evaporativo. Non saranno pochi, ma meno di estrapolare quanto fatto fino ad ora per i prossimi 10 anni o peggio ancora per 40. Almeno lo spero...

    Perché non è stato fatto prima? Perché bisogna praticamente svuotare i locali turbine e questo significa avere spazio per mettere in sicurezza l'acqua e ci sarà un aumento di dose notevole nei pressi dei reattori perché l'acqua fa anche da schermo. insomma è un difficile compromesso...

    RispondiElimina
  112. Brava! Il commercio è l'anima delle feste, purtroppo. La boccia unico-lab mi è costata un'ora buona di foto-ritocco, ma aspettate di leggere il post di auguri che arriverà la mattina della vigilia! 

    RispondiElimina
  113. La vediamo domani in prima pagina sullo StrafattoQuotidiano eh? Chi accetta la scommessa?

    Il PDF ha il format di articolo scientifico ma non vedo i riferimenti di una rivista. O forse è quel "The Nuclear Industry and Health"?? Mah.

    Aridagli con l'ormesi degli ingegneri, tanto non vale, vale il principio ALARA come buona pratica di lavoro.

    Ciao SM

    RispondiElimina
  114. L'articolo in questione è stato pubblicato su International Journal of Health Services  http://www.baywood.com/journals/PreviewJournals.asp?Id=0020-7314 

    Nella foto l'impact factor 

    RispondiElimina
  115. mamoru_giappopazzie22 dicembre 2011 13:06

    SM  dovrebbero aver approvato i nuovi limiti per il cesio negli alimenti

    se non ho capito male 100bq/kg per alimenti comuni

    RispondiElimina
  116. molto interessante... riesci a trovare un documento? io provo a guardare sulla versione in inglese di MHLW

    RispondiElimina
  117. AnonimaFrancese22 dicembre 2011 13:25

    http://jen.jiji.com/jc/eng?g=eco&k=2011122001047 si parla di "tra un po"

    RispondiElimina
  118. Quella pomata per l'orticaria che ti avevo chiesto, ce l'hai o no?

      Michelle Rivasi?.... la pasionaria che ha detto la famosa frase "un microgrammo di Trizio ammazza una persona e ITER consumera' 3 kg all'anno, quindi potenzialmente 3 miliardi di morti"?... sentita con le mie orecchie...
       ... quella che dice che un cellulare vicino ad un neonato e' pericoloso per vie delle emissioni dell'antenna?... e ha un dottorato in biologia...

      No, grazie, ho gia' dato.

      Roberto

    RispondiElimina
  119. Sul JapanTimes segnalato da @zavorka via twitter http://www.japantimes.co.jp/text/nn20111222a1.html

    RispondiElimina
  120. Questa e' la migliore...

      "perte d'immunité, problèmes cardiaques dus au césium qui s'installe dans
    les fibres musculaires, effets neurologiques et des difficultés
    scolaires… L'accident de Tchernobyl est loin d'être fini, alors imaginez
    Fukushima !"

      ... una dottorata in biologia che afferma che il Cs si "installa" nelle fibre muscolari... mitico.

      E che dire del "alors imaginez Fukushima"... come se Fukushima fosse peggio di Chernobyl... che dire?... qui si rasenta il "procurato allarme", reato penale.

       Roberto

    RispondiElimina
  121. No, scusatemi... ma la Rivasi E Mangano nello stesso giorno non ce la faccio neanche io che digerisco letteralmente le pietre, farebbero venire la gastrite a una betoniera.

       Roberto

    RispondiElimina
  122. Grazie Mamoru, interessante.

       Quanto a Mangano, qualcuno dovrebbe spiegargli cosa sia un "confounding factor" in uno studio epidemiologico.

      Per lo Strafatto Quotidiano e il pasionario Bertaglio, ci vorranno almeno un paio di giorni, perche' non e' sveglio neanche per quello, ci arriva in ritardo, sempre e comunque.... oh... ho scoperto oggi che ha scritto a 4 mani un libro sul nucleare in Italia, le scorie... 15 Euri, forse lo compro, e lo lascio in cesso...

       Roberto

    RispondiElimina
  123. Eh si, come in un crescendo rossiniano si comincia a sparare "scemate" sempre più grosse perdendo il vero obiettivo del lavoro. Limiti sempre più ridicolmente bassi non garantiscono un maggior livello di sicurezza, che per altro sarebbe da considerare solo salute, ma garantiscono meglio i politici che le adottano.

    Una prima conseguenza immediata di limiti così piccoli significa stressare i laboratori che effettuano le misure, specie su generi alimentari particolari, che dovranno scendere di MDA e allungare i tempi di misura, nonché preconcentrare, etc...

    Una infinita corsa a spaccare il capello in 4 mentre i problemi veri sono da un'altra parte, ad esempio gestire in conformità le procedure di campionamento, focalizzare le indagini sugli aspetti e/o sulle matrici più critiche, etc,.
    E' un copione già visto.

    RispondiElimina
  124. ... che poi, non occorre avere un dottorato in fisica o matematica per capire che se i livelli di contaminazione dell'aria misurati negli USA avessero potuto ammazzare li' 14 mila bambini/persone, in Giappone non ci dovrebbe piu' essere nessuno in vita.

      Ma questo all'ANSA, o a quelli di Report, o al duo Pallante&Bertaglio, etc... chi glie lo spiega?

      Roberto

    RispondiElimina
  125. Beh, Valeriano... c'e' anche un pezzpo d'Italia... la Corsica. :-)

       R.

    RispondiElimina
  126. Da considerare un altro aspetto: molti alimenti oggi considerati buoni e commercializzati andranno immediatamente "fuori limite di legge". Al di là delle considerazioni puramente tecniche, questo sarà piuttosto un altro autogol mediatico, e sarà anche duro.
    Come toto mi faceva giustamente notare, avremo persone che diranno che il governo ha fatto mangiare finora alimenti che in realtà non erano buoni, e via di questo passo...

    RispondiElimina
  127. Eh gia' l'Alsazia e' francese... e' per quello che la centrale EDF in quella zona si chiama FESSENHEIM, un tipico nome francese, come Schmidt...

      Roberto

    P.S.: eh eh eh... lo sapevo che avrei toccato un nervo scoperto.

    RispondiElimina
  128. :-D Assolutamente vero!

    RispondiElimina
  129. Eppure... continuo a ricevere offerte per soggiorni in localita' termali, dove potrei curarmi facendo inalazioni e bevendo acque con piu' di 1000 Bq/litro.
      Qui c'e' qualcosa che non va...
     
         Roberto

    RispondiElimina
  130. AnonimaFrancese22 dicembre 2011 17:31

    parli parli e poi hai letto lo stesso vedi ;.))))))))))))) hhehehehehehe

    RispondiElimina
  131. AnonimaFrancese22 dicembre 2011 17:32

    stai "carmo" coem dcono a Roma .. caro Roberto...che ti viene l'estrasistolia da stress ;.))))) perche pensi che non lo sapevo che scatenavo le vostre ire represse ;.))))) 

    RispondiElimina
  132. AnonimaFrancese22 dicembre 2011 19:21

    conversazione con Pierre Yves Cousteau 
    http://natgeotv.com/fr/secrets-de-la-mediterranee/tchat-cousteau

    RispondiElimina
  133. Ma sai, quello è una conseguenza e penso che giustamente le vostre osservazioni hanno colto nel segno, non solo un autogoal pazzesco, ma una slavina per la credibilità delle autorità.

    Tuttavia io da tecnico dissento totalmente proprio sul piano tecnico prima che sulle conseguenze. Sul fatto che abbassare in questo modo i limiti equivalga a rientrare in quanto chiede la WHO con target 1mSv/anno è falso. Qui siamo ai fischi per fiaschi.

    Leggete questo paragrafetto nel link sotto (e notate come metto il corsivo!!):
    Why do the guidance levels for radioactive Iodine-131 in drinking water vary

    http://www.who.int/hac/crises/jpn/faqs/en/index8.html

    Ma che fanno i Japans? Usano i limiti life-long per lo I-131 per l'acqua e il Cs-137?? Ma sono fuori come un balcone?
    SM

    RispondiElimina
  134. La vedo dura applicare da aprile  la tabella sotto  ( !00 per il cibo comune, 50 alimenti per bambini, 10 acqua) quando si continuano a registrare questi valori

    Radioactive cesium exceeding the national provisional safety limit (500 becquerels/kg) has been found in rice harvested in Fukushima City and other cities in Fukushima Prefecture. On December 22, the Fukushima prefectural government announced that 1540 becquerels/kg of radioactive cesium was found in rice grown by a farmer in Watari District in Fukushima Prefecture.http://www.yomiuri.co.jp/feature/20110316-866921/news/20111222-OYT1T01073.htm http://www.yomiuri.co.jp/photo/20111223-113160-1-N.jpg

    RispondiElimina
  135. Grazie Toto! Devo dedurre che l'assunto " l'acqua che dilava per un decennio il combustibile con il sistema di ricircolo lo priva della sua radioattività"  non corrisponde a verità?

    RispondiElimina
  136. Peccato che il filmino mi sia venuto con le righe luminose verso la fine !

    RispondiElimina
  137. lo sai che l'origine di quelle linee verticali sono stati un capitolo della mia tesi di dottorato? 

    RispondiElimina
  138. aspetta... un po' di contaminanti li porta via sicuro, ma non il grosso. L'acqua serve come schermo, ma quello è un altro discorso. Ho cercato di rispiegare la cosa anche nell'aggiornamento di oggi. 
    http://unico-lab.blogspot.com/2011/12/aggiornamento.html

    RispondiElimina
  139. Non per farvi un torto, ma visto che è quasi Natale, magari ci trasferiamo in un post nuovo
    http://unico-lab.blogspot.com/2011/12/aggiornamento.html

    RispondiElimina
  140. Hai scoperto da cosa dipendono?

    RispondiElimina
  141. Hai scoperto da cosa dipendono?

    RispondiElimina
  142. quello non l'ho scoperto io, è un effetto piuttosto noto e dipende da due fattori: un eccesso di carica in un pixel e il meccanismo del trasporto di carica nella CCD. In pratica se un pixel si satura, ovvero ha un segnale altissimo dovuto come nel tuo caso ai riflessi dei piatti dei babbi, allora al suo interno contiene una grande quantità di elettroni che compongono il segnale. Nella CCD la lettura del segnale è sequenziale, ovvero gli elettroni  di ogni pixel vengono fatti passare attraverso tutti quelli della stessa riga o colonna. Nel caso di un pixel saturato, l'effetto si manifesta come una riga (colonna) saturata. L'effetto si chiama "blooming" ed è particolarmente fastidioso, oltre che nei video natalizi, anche nelle riprese delle stelle, perché su campo totalmente nero e con esposizione lunga, le stelle tendono a saturare trasformandosi in righe (o colonne). 

    Il mio lavoro è servito a dimostrare che se al posto di usare un sensore CCD si utilizza un sensore CMOS l'effetto va automaticamente a sparire a scapito di altre cose... il discorso si fa lungo e non vorrei scrivere un capitolo! 

    RispondiElimina
  143. Credo che per il 50 e 10 non ci saranno troppi problemi, ma 100 sul cibo comune significa che molto andrà eliminato. Staremo a vedere.... Ripeto la mia perplessità su questo cambio di rotta.

    RispondiElimina
  144. Madonna che pozzo che sei! Se potessi ti metterei 2 "mi piace".  In effetti anche i fuochi di artificio mi erano venuti a righe! Quindi niente sorgenti luminose o oggetti molto riflettenti per i fotografi della domenica...

    RispondiElimina
  145. parlate di questo? Blooming

    Mai viste di persona, eppure sono un fotografo della domenica :-)
    Egiovanna : comunque, normalmente gli apparecchi forografici moderni limitano la quantità massima di luce sul sensore nel caso questa superi le soglie di cui parla toto, per cui anche se ti spari un tramonto con il sole nell'obbiettivo, quelle linee non le vedi. Almeno non in tutte..
    La videocamera che hai usato è forse un po' vecchia?

    RispondiElimina
  146. Oppure una fotocamera analogica o una digitale con sensore cmos!

    In realta' sulle macchine professionali esistono sistemi antiblooming a scapito di una leggera perdita di risoluzione spaziale. Senza contare che ora ci sono fotocamere che offline fanno i miracoli.
    Cmq non e' una gran scienza, ma elettronica zero e tanta curiosita'.

    RispondiElimina
  147. Posso azzardare: un cellulare?

    RispondiElimina
  148. Eccellente ipotesi. Aspettiamo la conferma.

    RispondiElimina
  149. Si tratta di una piccola Olympus, modello T10., l'ho acquistata in offerta a 50 euro. Sarà per questo...

    RispondiElimina
  150. Egiovanna : mica il modello da 10 Mpixel, zoom ottico 3x, due batterie stilo? Il prezzo è onesto (un po' più basso di quello di mercato), ma assolutamente non cosi' vecchia da giustificare le righe...
    Non saprei, il mio sito di riferimento per i test degli apparecchi fotografici non la riporta, ma puo' darsi che il basso costo debba pur essere giustificato in qualche modo...

    RispondiElimina
  151. analogica? Intendi a pellicola?
    In ogni caso, al T-10 è a CCD (CMOS mi sa che sono rari sulle macchine, o roba di alt(r)o livello).

    RispondiElimina
  152. ValerianoB 
    Esattamente Vale, è proprio lei, per l'uso che ne faccio direi che mibasta

    RispondiElimina
  153. Occhio che la luce totale è un conto, ma l'effetto in questione è generato da uno o comunque pochi pixel che sono saturati. Nel caso di illuminazione totale, nelle CCD diminuiscono l'esposizione e in caso diminuiscono il guadagno dell'amplificatore a fine cella. 

    I CMOS, ai tempi della mia tesi, occupavano la fascia molto bassa (ricordo una macchina fotografica per bambini e persino una marchiata "Le Iene") oppure quelle altissimo livello. In teoria, quando sono nati, i CMOS dovevano garantire vantaggi in termini economici e di processo, perché il sensore poteva essere realizzato in una qualsiasi silicon foundry per elettronica di consumo. Poi però le cose sono cambiate, per renderle competitive hanno iniziato a cambiare il processo passando al cosidetto "OPTO", ovvero con uno strato di silicio epitessiale leggermente più spesso. Quella è una fregatura, perché mentre l'elettronica di consumo andava verso wafer di silicio senza strato epitessiale le tecnologie OPTO ne richiedevano rendendo di fatto i sensori CMOS fuori dagli standard. Poi non lo so come è finita la telenovela...

    RispondiElimina
  154. Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

    Belajar Berjalan

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...