Cerca nel blog

Loading

12 ottobre 2013

Altri due errori gravi a Fukushima


Non è certamente un buon periodo quello che stanno vivendo i lavoratori della centrale di Fukushima. Con gli occhi di tutto il mondo puntati contro e il carico di responsabilità che portano sulle spalle, stanno collezionando errori su errori che certo non possono far bene al morale e alla credibilità dell'azienda e del piano di recupero. Anche la timida apertura del governo giapponese verso suggerimenti e interventi internazionali è stata vista dai più come l'ultima spiaggia.


I due errori di questa settimana sono entrambi gravi e meritano una riflessione. Il primo, in ordine cronologico, ha riguardato l'accidentale sospensione dell'energia elettrica delle pompe principali per il raffreddamento del reattore 1. L'incidente è riportato nel dettagli in questo documento, ma in parole molto povere, può essere riassunto come segue: durante una ronda di controllo, un tecnico TEPCO stava raccogliendo i dati elettrici dal pannello che vedete nell'immagine di apertura. Per farlo deve premere il pulsante indicato dal cerchio blu in modo da far comparire i parametri sul display. Tutto qua. Il display si spegnerà automaticamente dopo un certo intervallo di tempo. Ma il tecnico dopo aver registrato i dati, nel tentativo di spegnere il display, ha pigiato il tasto "OFF" senza rendersi conto che così stava spegnendo non il display, ma di fatto stava togliendo corrente a tutto l'impianto collegato. Quello strumento è un po' come se fosse il vostro contatore dell'energia elettrica di casa (anch'esso ora munito di display) e voi nel tentativo di spegnere il display toglieste corrente a tutta la casa agendo sull'interruttore principale.

Lo spegnimento del circuito non ha lasciato a secco il reattore 1, visto che un secondo sistema in standy si è subito messo in funzione ripristinando in pochi minuti la portata nominale. Come spesso accade in questi casi, nessuna conseguenza, ma non per questo l'errore resta meno grave. Le cause sono chiaramente da ricercare in una poca e superficiale formazione del personale e nella mancanza di corrette segnalazioni. Un interruttore di tale importanza non può essere spento accidentalmente a causa di un errore umano. Non solo ci deve essere l'indicazione: questo tasto spegne il raffreddamento, ma deve essere inaccessibile per via accidentale, non a caso nelle sale controllo, in genere superaffollate di pulsanti e spie luminose, i pulsanti importanti sono coperti da una protezione che deve essere volontariamente aperta per accedere al comando.

Perdita d'acqua e contaminazione del personale

Il secondo grave errore riguarda la contaminazione di una squadra di tecnici dovuta alla disconnessione di una condotta sotto pressione. Spieghiamo meglio. Questa squadra di tecnici era impegnata a sostituire i tubi corrugati che collegano i vari elementi di uno dei sistemi ad osmosi inversa con analoghi più resistenti in polietilene, quindi non si è trattato di un lavoro fatto in condizioni di emergenza, ma di un intervento pianificato che poteva essere studiato in tutti i dettagli. L'errore è stato scollegare un tubo sbagliato, che risultava essere ancora in pressione e che ha fatto fuoriuscire approssimativamente 7 metri cubi d'acqua di scarico del sistema e quindi con un'elevata concentrazione di radionuclidi (totale 34 MBq/l). Non c'è stata dispersione in ambiente, perché tutta l'acqua è rimasta all'interno della diga dove stavano lavorando ed è già stata riportata in sicurezza. Degli 11 operai, sei sono risultati contaminati esternamente e sono stati decontaminati.

Anche in questo caso possiamo concludere che non ci sono stati grosse conseguenze a questo errore, ma il nocciolo del problema resta la cattiva programmazione dell'intervento che doveva essere studiato maggiormente nel dettaglio identificando i tubi da sostituire in modo univoco confrontandoli con i disegni tecnici.

Si dice che errare è umano, perseverare però è diabolico. Speriamo almeno che siano serviti da lezione.

La situazione dell'acqua

Concludiamo con i numeri dell'acqua contaminata fotografati nel bollettino emesso il 9 ottobre.


Settimana precedentePrevisione per questa settimanaSettimana presentePrevisione per la settimana successiva
Acqua nei reattori + turbine75 00074 60075 50075 100
Acqua nello stoccaggio16 97017 32017 32017 680
Totale 91 97091 92092 82092 720

Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

78 commenti:

  1. Il problema è che a Fukushima non ci vuole andare nessuno, lavorare in certi ambienti comporta un certo rischio, stanno assumendo persone qua e là. Di pochi giorni fa una offerta in Brasile che richiedeva solo la sana e robusta costituzione, come potete pensare che persone con una professionalità vogliano andare in certi ambienti?

    RispondiElimina
  2. mamoru_giappopazzie13 ottobre 2013 02:19

    Mi sta venendo voglia di andare a lavorare sul sito, almeno esperienza impiantistica ed esperienza di lavoro con sostanze pericolose non mi manca. Dove si fa domanda?


    Seriamente: io vedo problemi di progettazione, la quadristica la devi fare idiot proof e stesso dicasi per i collegamenti in serie, i troppo pieni le sonde al risparmio....ma chi cavolo gli ha insergnato a lavorare?

    RispondiElimina
  3. mamoru_giappopazzie13 ottobre 2013 02:23

    Sono incuriosito dal discorso dell'offerta in Brasile...

    RispondiElimina
  4. Concordo in pieno.

    Comunque ti informo che da oltre due anni noi stiamo già lavorando sul sito. Lo facciamo da remoto e senza riceverne uno stipendio ma a mio avviso le analisi approfondite della situazione che divulghiamo sono lavoro vero e proprio.
    SM

    RispondiElimina
  5. Poi uno non deve incazzarsi.
    http://ilpiccolo.gelocal.it/cronaca/2013/10/12/news/scoperta-avaria-alla-centrale-nucleare-di-krsko-1.7911599
    Ma come si fa a dire "barre radioattive". Ma la proprietà di linguaggio ce la siamo giocata al lotto?
    Per inciso si tratta di un banale leaking da guaina al primario. Krsko è un PWR westinghouse di costruzione canadese per cui il primario è isolato dal secondario. Si cambiano le barre e finisce li. La radioattività va nelle resine che sono già radioattive (rifiuto II categoria).
    bah !!

    SM

    RispondiElimina
  6. @Peakoil:

    Hai per caso accesso all'articolo completo?
    Journal of Radiological Protection Volume 33 Number 4
    Intake of radioactive materials as assessed by the duplicate diet method in Fukushima

    RispondiElimina
  7. E' quello che dicevo nell'altro post. Qua si sta scendendo piano piano verso le basi di meccanica e idraulica, e ora ci metterei anche elettrotecnica.
    Morale basso, ok, ma ciò non toglie.
    Non credo che la progettazione la mettono a fare alla manodopera non specializzata, che suppongo faccia solo "bassa manovalanza". La progettazione credo sia fatta dal personale della centrale o quantomeno TEPCO.

    RispondiElimina
  8. se per questo, "controllare la stabilità atomica delle barre" non è meglio.

    RispondiElimina
  9. si però... immaginati un oscilloscopio a tubo catodico con figura di Lissajous un po' fuori fuoco e un tizio con indosso un camice bianco che dice con accento russo "se solo riuscimmo a controllare la stabilità atomica delle barre" e come per magia ti ritrovi proiettato in un film di fantascienza in piena guerra fredda.

    RispondiElimina
  10. e non è la prima volta... vi ricordate anche la prima volta che ALPS si è fermato? pulsante sbagliato sul touch screen... In quel caso non fu accidentale, ma semplicemente l'operatore tentò di fare un'operazione non permessa. Se l'operazione non è permessa, allora non ci deve essere il pulsante o quanto meno deve essere disabilitato.


    Su un controllo PLC che abbiamo in laboratorio, pieno di bottoni touch screen, la maggior parte sono disabilitati e si abilitano soltanto in modalità manuale. Ovvero l'utente ha scelto di abbandonare il programma, si è identificato con il suo userid, e a quel punto è libero di fare quasi tutto quello che vuole.

    RispondiElimina
  11. @pippo
    Scusa capo la tua esposizione dei fatti è al solito esemplare, ma stavolta potevi sbilanciarti un po’ sul critico, senza timore di smentite tanto più che la Tepco stessa ammette
    1- i due pulsanti del pannello elettrico non hanno indicazioni chiare , possono essere confusi
    tanto che ci metteranno su un’etichetta ( come faccio io con gli interruttori di casa, non si sa mai quale interruttore accende cosa, un errore di impianto)
    2- non esiste un manuale dettagliato da consultare
    3-i We , ma will provide those who have little experience with more opportunities/trainings
    for administrating apparatuses (general product) concerning nuclear power.

    implicitamente ammettono che i due Tepco employees ne sanno poco o niente e
    vanno addestrati.

    RispondiElimina
  12. Fermo restante l’equazione Worker= cooperative company e Tepco employee= assunto dalla Tepco , ecco l’intervista di un worker a Le Monde
    i ragazzi non hanno esperienza a volte non conoscono nemmeno i nomi degli attrezzi
    i liquidatori a volte sono contadini sfrattati dalla zona contaminata
    45 € al giorno per il lavaro meno qualificato
    Una miriade di subappaltatori
    Manca la manodopera, preferiscono lavorare nella decontaminazione, meno pericoloso, o nelle
    opere di allestimento per le Olimpiadi
    Anche gli impiegati Tepco se ne vanno
    E tanto altro

    http://www.lemonde.fr/japon/article/2013/10/10/fukushima-dans-l-enfer-des-liquidateurs_3493382_1492975.html

    RispondiElimina
  13. caspita ed io che ero convinto di esserci già andato giù troppo pesante.

    RispondiElimina
  14. Già, non sono mai contenta...:(

    RispondiElimina
  15. AnonimaFrancese13 ottobre 2013 12:29

    OT . Nessuno tra voi ha qualche dato importante suffragato da letteratura cospicua riguardo ai chemtrails??? Io non ne posso più di leggere questa fanfaronata delle scie chimiche ovunque :-( .....pensare che per governare il laniera devi immettere a quest altitudine con i costi che rapresenta , del materiale composto da alluminio o bario allorche senza andare così lontano sarebbe molto più semplice impiegare modi meno dispendiosi mi irritai parecchio.....avete materiale in merito ?

    RispondiElimina
  16. C'è stato un contratto di assunzione di brasiliani con una ditta di reclutamento ad Osaka, annullato dopo l'intervento dell'ambasciatore brasiliano, giugno 2012.
    http://ultimosegundo.ig.com.br/mundo/2012-06-06/japao-cancela-contratacao-de-brasileiros-para-limpar-lixo-toxico-de-fukushima.html

    Iori aveva riferito di offerte di lavoro su giornali brasiliani
    http://fukushima-diary.com/2012/05/fukushima-worker-hunting-from-overseas/

    http://fukushima-diary.com/wp-content/uploads/2012/05/588985742-450x309.jpg

    RispondiElimina
  17. Chiedi e ti sarà dato. L'ipotesi più accreditata da queste parti è che si tratta di ebrei, della lobby ebraica, che spruzza di sostanze chimiche la popolazione per renderla succube ed ottenere il controllo del pianeta.
    LOL

    RispondiElimina
  18. AnonimaFrancese13 ottobre 2013 13:33

    Quindi per la Grecia sono i potenti ebrei ok....è per il resto del pianeta ??? :-) certo che però ne stanno mettendo di tempo comunque....:-) proporrei di inquinare le acque allora ...più economico e diretto no, , ?

    RispondiElimina
  19. AnonimaFrancese13 ottobre 2013 13:34

    Adoro quando chiami il nostro piccoletto preferito ...capo :-)

    RispondiElimina
  20. AnonimaFrancese13 ottobre 2013 13:36

    Curioso che IRSN non faccia più aggiornamenti :-(

    RispondiElimina
  21. Così mi sembra di essere al lavoro

    RispondiElimina
  22. secondo me trovi tutto quello che ti serve qui: http://sciechimicheinfo.blogspot.it/

    RispondiElimina
  23. Anonimaaaaa!!!! Guarda che ho un nervo per capello da ieri , non stuzzicare ( mi sono beccata 80 euro di multa per divieto di sosta in un punto dove sostavano anche altre auto ma il conto era solo sulla mia) .
    Allora abbiamo detto che i soldi non sono un problema, mentre come ben sai molte popolazioni l’accesso all’acqua neanche ce l’hanno.
    Cosa gli inquini allora? Inoltre prelevare un campione d’acqua e farne
    l’analisi chimica è un giochetto, mentre campionare una scia è più problematico ( ci è andato mai nessuno a raccoglierne un campione) e contribuisce a mantenere l’alone di mistero :-))
    Voilà!
    LOL

    RispondiElimina
  24. 80 euro per divieto di sosta? ma dove avevi posteggiato, al posto del presidente?

    RispondiElimina
  25. E' la tariffa per il divieto di sosta, sopra c'è scritto che se pago entro 10 giorni fanno lo sconto e andiamo a 40, domani in banca si vedrà. Il fatto è che con i famosi tagli non c'è più la polizia municipale e non puoi neanche andare a lamentarti. Ogni tanto passa la polizia stradale con la moto e multa chi trova davanti.

    RispondiElimina
  26. AnonimaFrancese13 ottobre 2013 15:00

    Amo il tuo lato tigre :-)

    RispondiElimina
  27. Mitica scena!... Dovresti scrivere sceneggiature di film di fanta-iscienza, toto.
    Dovevo chiamare mia sorella a Udine ma ormai sara' gia' morta di cancro a quest'ora.
    R.

    RispondiElimina
  28. Veramente siccome il soggetto inquinato e` l`uomo rincoglionito dal bario che passeggia per strada, tu devi analizzare cio` che stai respirando in quel momento, quindi SPESA per CATTURA del campione NULLA.
    Tra l`altro se una particella ti rincoglionisce e ti fa votare grillo, quelli a cui si faceva ingurgitare un litro di bario come sostanza di contrasto in certi esami clinici non avrebbero dovuto uscirne decerebrati?

    RispondiElimina
  29. no, sotto la casa del vigile...

    RispondiElimina
  30. Giusto, ma se volessimo conoscere la concentrazione di bario nella scia?:-))

    RispondiElimina
  31. Hai ragione! A volerlo scoprire non saremmo meno idioti di quelli quelli che mettono ventoline galleggianti di fronte a Fukushima per scoprire che e` una pazzia anziche` accontentarsi di guardar quanto costerebbe costruirle.

    RispondiElimina
  32. Visto che prima vi dichiarate incuriositi e poi lasciate cadere l'argomento mi sono fatta una ricerchina Mamoru correggimi: Esiste una grossa diaspora giapponese in Brasile, circa un milione e mezzo, ma in declino vuoi per la diminuzione del tasso di natalità vuoi per l’immigrazione di ritorno in Giappone Al giorno d'oggi, molti brasiliani giapponesi appartengono alla terza generazione ( Sansei ), che costituiscono 41,33% della comunità. La prima generazione ( Issei ) è 12,51%, seconda generazione ( Nisei) sono 30.85% e quarta generazione ( Yonsei ) 12,95%.
    sulla mancata integrazione forzata dei giapponesi in Brasile e il fallimento del processo di “sbiancamento” dei brasiliani di colore perseguito da Getúlio Vargas rimando a
    http://en.wikipedia.org/wiki/Japanese_Brazilians

    Viceversa esiste anche una comunità significativa di brasiliani in Giappone , composto in gran parte, ma non esclusivamente di brasiliani di etnia giapponese . Nel 1980, la situazione economica giapponese è migliorata e ha raggiunto la stabilità. Molti brasiliani giapponesi sono tornati in Giappone come lavoratori a contratto a
    causa di problemi economici e politici in Brasile, ed sono chiamati " Dekasegui ". ( o nikkei-jin) . Nel 1990 inoltre il governo giapponese ha autorizzato l'ingresso legale dei giapponesi e dei loro discendenti fino alla terza generazione in Giappone
    Anche qui bisogna dire che i brasiliani giapponesi di ritorno non si sono bene integrati, spesso sfruttati e in crisi di identità, sono concentrati in particolare a Tokyo e Osaka e si tratterebbe di 215.000 persone (2012)

    Detto questo l’annuncio di lavoro a Fukushima pubblicato su un quotidiano della comunità brasiliana in Giappone riguardava
    i brasiliani dekasegui ( nikkei-jin ) che vivono in Giappone , età dai 45 anni in poi ( “dal momento che le malattie causate da radiazioni - come il cancro - si manifestano dopo un decennio o due ”) , in buona salute e senza tatuaggi ( che caratterizzano gli affiliati della
    yakuza)
    L’offerta di lavoro ha messo in subbuglio anche i giappobrasiliani residenti in Brasile in quanto apparsa sul San Paolo-Shimbun, un giornale pubblicato in lingua giapponese nella città di São Paulo e dal network Globo Tv http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=wQsqYLb7zc

    In questo caso potevano avere il visto per il Giappone
    I brasiliani di origine giapponese sposati di seconda generazione (Nisei) e loro discendenti
    i brasiliani di origine giapponese sposati alla terza generazione (Sansei) e loro coniugi

    VOCI FUORI DAL CORO
    Commento di un brasiliano giapponese dal Brasile:
    Non ci torno più,l’ho cancellato
    Commento di un dekasegi-nikkei-jin dal Giappone
    meglio un maiale felice che un defunto ricco.

    Curiosità
    Il console giapponese a San Paolo è un nikkei-jin di seconda generazione e si chiama Noriteru Fukushima !!!

    RispondiElimina
  33. e che deve aggiornare...
    La situazione alimentare è chiara, quello che succede alla centrale riguarda più il bricolage che la sicurezza nucleare....

    RispondiElimina
  34. Ho un post molto interessante al riguardo, ma non posso postarlo qui. Te lo mando in privato stasera.
    In sostanza, dimostra che numericamente non è possibile... avresti concentrazioni più che omeopatiche a terra.

    RispondiElimina
  35. ecco... la solita discriminazione... solo perché ho un tatuaggio sul braccio sono automaticamente un mafioso :):):) e peggio ancora non potrò andare a Fukushima a lavorare :(

    RispondiElimina
  36. Penso ormai sia chiara qual è la vera lezione da trarre da questo incidente.

    RispondiElimina
  37. Cos'è? Un ciclotrone?

    RispondiElimina
  38. no è un sole... perché chiuso nel bunker è difficile vedere quello vero.


    :)

    RispondiElimina
  39. Ci sono anche un paio di articoli di Paolo Attivissimo (e relativi rimandi) che potresti leggere.

    RispondiElimina
  40. Si trattava di radiografie al tratto intestinale del crasso.
    Me li ricordo benissimo (anche se sono passati più di 30 anni) i bibitoni al solfato di bario.

    RispondiElimina
  41. Vogliamo la FFFoto del tatuaggio!!!
    ...ne approfitto solo per un rapido saluto a tutti....

    RispondiElimina
  42. Che piacere sentirti!


    Una foto? del mio tatuaggio? Appena riesco te la carico, anche se la cosa mi fa un po' ridere... :)

    RispondiElimina
  43. AnonimaFrancese15 ottobre 2013 23:06

    come stanno i nervi per capello Gio ? :-)

    RispondiElimina
  44. AnonimaFrancese15 ottobre 2013 23:06

    molto interessanti i tuoi articoli Valeriano !

    RispondiElimina
  45. AnonimaFrancese15 ottobre 2013 23:06

    grazie toto letto anche questo :-)

    RispondiElimina
  46. AnonimaFrancese15 ottobre 2013 23:10

    un po di lettura di le Figaro ? http://www.lefigaro.fr/flash-actu/2013/10/12/97001-20131012FILWWW00341-fukushima-les-radiations-sous-estimees.php

    RispondiElimina
  47. AnonimaFrancese15 ottobre 2013 23:13

    una lettura serale del Jerusalem Post scignori ? http://www.jpost.com/Business/Commentary/Global-Agenda-Fukushima-returns-322534

    RispondiElimina
  48. AnonimaFrancese15 ottobre 2013 23:21

    Ma una vera buona notizia la attorno no eh ? addirittura il piu violento degli ultimi 10 anni ora ? :-( ma che p.--------- ? http://www.japantoday.com/category/national/view/fukushima-in-path-of-strong-typhoon

    RispondiElimina
  49. È una calamita di disgrazie!

    RispondiElimina
  50. AnonimaFrancese15 ottobre 2013 23:43

    ma toto vedi tu o no la camera in diretta ? http://www.tepco.co.jp/nu/f1-np/camera/index-j.html

    RispondiElimina
  51. mamoru_giappopazzie16 ottobre 2013 01:01

    ma no, e' l'occasione buona per aprire i rubinetti...

    RispondiElimina
  52. mamoru_giappopazzie16 ottobre 2013 01:21

    Molti sono stati manovalanza per l'automotive giapponese, prefettura di aichi (Toyota).

    http://www.mutantfrog.com/2009/03/10/brazilian-community-in-the-homi-danchi-toyota-city/

    RispondiElimina
  53. Questo sarebbe un argomento interessante, ma Figaro non è che dice più di tanto!

    RispondiElimina
  54. andava quasi bene (con alcune riserve, tipo dire-e-non-dire per lasciare intendere il peggio) fino alla frase:
    " the poison seeping out of Fukushima in the form of highly radioactive water will not be dissolved, dispersed or otherwise dealt with by the Pacific and will therefore cause trouble far from its source."

    RispondiElimina
  55. Ormai ti sarai fatta una cultura sulle scie chimiche! :-)

    RispondiElimina
  56. I n t e r e s s a n t i s s i m o! GRAZIE! Ho provveduto anche alla correzione Toyota ,Oizumi , e Hamamatsu , che contiene la più grande popolazione di brasiliani in Giappone mentre NON sono particolarmente concentrati nelle grandi città Tokyo o Osaka

    Comprendo perfettamente il problema in quanto simile a quello dei cosidetti “russopontici o russi del Ponto” in Grecia, greci profughi
    dall’ex Unione sovietica Kazakistan, Uzbekistan Kirghizistan, Georgia circa 200.000 favoriti nel rientro dalla politica Gorbaciov ( sorvolo sulla prima ondata di profughi greci dell’Ellesponto del 1922, quella seguita al genocicio di Smirne che ormai si è ben integrata ηttp://en.wikipedia.org/wiki/Pontic_Greeks
    nonostante che nella lingua comune apostrofare qualcuno come "Pontio” significhi dargli del cretino e le barzellette che in Italia vedono i carabinieri come protagonisti qui vedono invece i pontici!.
    Invece i greci di ritorno dalla ex URSS affrontano difficoltà per la conoscenza insufficiente del neogreco, per il riconoscimento dei loro titoli di studio ( c’è da dire però che spesso spacciano diplomi di scuole secondarie per lauree specialmente in ambito medico-ospedaliero) impossibilità di riconoscimento dei contributi fondi pensione, ecc.. E’ anche vero che lo Stato greco li ha forniti di passaporto, mutui a tasso zero, licenze di venditori ambulanti, facilitazioni all’accesso universitario tutte cose che hanno fomentato risentimenti da ambienti sociali xenofobiche vedono nei greci del ponto/ greco-russi anche un covo di mafiosi e delinquenti.
    - tornatevene in Russia, asiatici cafoni ortodossi
    - in URSS eravamo greci, in Grecia siamo russi, qual è la nostra patria?

    C’è una comunità abbastanza numerosa in Tracia, (Xanthi e Komotinì) oltre che a Salonicco ed Atene. Alcuni hanno continuato ad avere rapporti commerciali con le terre natìe, e sulle bancarelle del bazar vendono matrioske, cremine taumaturgiche scialli colorati. Esistono anche negozietti con alimenti tipici come pesci sotto sale , salamoie di chiodini e verdure varie, salumi tutto a buon prezzo. Nelle edicole si trovano regolarmente giornali russi , molti seguono tv russe con la parabolica.
    Ma non ci sono scuole russe per “russopontici” e tutti sono di religione ortodossa, un collante questo di prim’ordine.
    Vedo che i brasiliani di origine giapponese hanno acquisito molte
    caratteristiche latine, conservano una identità braseileira molto forte,
    110 mila sono pure cattolici, ahia!, ma quello che più pesa mella loro emarginazione secondo me sono le scuole , dovrebbero lasciare l’uso del portoghese nell’ambito familiare . Invece ci sono circa 80 scuole brasiliane per Fushūgaku e costano pure 30 thousand yen per month . Ma allora perché non mandarli alla scuola pubblica giapponese? ( poco qualificata rispetto a quella privata e anche qui si pagano le tasse ma almeno si aiuterebbero i figli ad integrarsi. Ma dice un padre I've taught kids who came to Japan at 12 or 13 and were miserable in Japanese public schools ) . E poi ci sono scuole gestite da ongs, tipo la Paulo Fereiro che si vede nel post, uma escola bilíngue – português e japonês, immagino gratis.

    Che dire ? Forse sarà più semplice gestire la crisi a Fukushima...

    RispondiElimina
  57. OK, sono innocua ormai (solo 40 euro) :-)

    RispondiElimina
  58. Typhoon kills 17 people in eastern Japan, disrupts Tokyo transportation
    http://english.kyodonews.jp/news/2013/10/251664.html
    Ma un tifone è un ciclone o no?
    http://www.focus.it/ambiente/natura/Che_differenza_ce_tra_ciclone_uragano_e_tornado_C39.aspx

    http://santini2008.files.wordpress.com/2013/05/faccina-confusa-300x295.jpg?w=150&h=147

    RispondiElimina
  59. 80 lavoratori in più per la gestione delle acque, 20 employees provenienti da Kashiwazaki-Kariwa

    http://english.kyodonews.jp/news/2013/10/251419.html

    RispondiElimina
  60. Hanno scaricato solo dai serbatoi di stoccaggio temporaneo?
    http://jen.jiji.com/jc/eng?g=eco&k=2013101600178

    o hanno drenato l'acqua all'interno delle barriere?
    http://jen.jiji.com/jc/eng?g=eco&k=2013101600178

    RispondiElimina
  61. tifone, ciclone e uragano dovrebbero essere nomi diversi per lo stesso fenomeno, ma in diverse zone geografiche:
    tifone nel mare dell'estremo oriente, uragano in atlantico e ciclone un nome più generico...

    RispondiElimina
  62. E meno male che
    Typhoon Wipha kills several, but misses Tokyo and Fukushima
    http://www.dw.de/typhoon-wipha-kills-several-but-misses-tokyo-and-fukushima/a-17161393

    Questa devo riportarla assolutamente ( la notizia impazza da domenica) anche perché a noi può essere utile il derivato Fukuppyani
    http://www.japantimes.co.jp/news/2013/10/15/national/firms-mascots-name-earns-ridicule/#.Ul6f5dLt_To

    L'azienda di frigoriferi Fukushima ha ora rimosso il nome occidentalizzato Fukuppy tenendo solo quello giapponese e producendo anche un pdf di scuse We apologize profusely for having caused concern and misunderstanding among a great many people.
    http://www.fukusima.co.jp/

    E' molto comune in Giappone che le imprese abbiano delle mascotte che utilizzano per la promozione dei loro prodotti o servizi.
    http://findingfukuoka.com/2012/01/13/top-ten-japanese-character-mascots/
    L'azienda di frigoriferi Fukushima ha ora rimosso il nome occidentalizzato Fukuppy tenendo solo quello giapponese e producendo anche un pdf di scuse We apologize profusely for having caused concern and misunderstanding among a great many people.
    http://www.fukusima.co.jp/
    http://www.fukusima.co.jp/character/img/c_img03.jpg

    RispondiElimina
  63. AnonimaFrancese17 ottobre 2013 00:11

    histoire d'eau ......che raffinati questi giornalisti :-) http://sciencesetavenir.nouvelobs.com/crise-nucleaire-au-japon/20131014.OBS0976/crises-a-repetition-a-fukushima-tepco-fait-le-point.html

    RispondiElimina
  64. mamoru_giappopazzie17 ottobre 2013 14:08

    Qualunque cosa ha la mascotte in giappone, pure la dogana...pare di stare all'asilo. E da un certo punto di vista lo e'.

    RispondiElimina
  65. Buongiorno a chi passa di qui!


    Iniziato il processo di rimozione del combustibile all'interno del reattore 6
    http://www.world-nuclear-news.org/RS-Fuel_removal_from_undamaged_Fukushima_reactor-1710134.html
    http://photo.tepco.co.jp/date/2013/201310-j/131016-03j.html

    Se ho ben capito hanno completato il trasferimento del combustibile dal reattore alla piscina al 2 di Daini
    http://photo.tepco.co.jp/date/2013/201310-j/131017-01j.html

    Per il resto continuano a fukuppyare il sito con continui campionamenti e relative analisi nuclidi dai pozzetti del bypass, pozzetti di monitoraggio, canali di drenaggio, altri buchi in zona H4, barriere contenimento serbatoi, recinzioni sedimenti, porto e il risultato è sempre peggio soprattutto dopo il dilavamento dovuto alla pioggia. C'è stato anche un monitoraggio del mare , a 2 chilometri di distanza , con campionatura a 2-3 metri dal fondo e a 2 metri sotto il livello marino, secondo il quale miracolosamente non si registra un aumento significativo della concentrazione cesio.
    http://www.nsr.go.jp/english/data/131016.pdf
    http://www.nsr.go.jp/english/data/131015.pdf

    Da segnalare uno sversamento da un noch tank
    http://jen.jiji.com/jc/eng?g=eco&k=2013101700507

    Analisi del pozzetto di osservazione E-1 (campione Ottobre 17)
    all-beta: 400.000 Bq / L (record)
    http://www.tepco.co.jp/cc/press/2013/1231498_5117.html

    Interviene anche IRID http://irid.or.jp/en/ alla ricerca di un altro capro espiatorio
    http://www.japantimes.co.jp/news/2013/10/17/national/japan-open-to-all-ideas-on-how-fukushima-no-1-can-be-scrapped/#.UmC2J3Dt_To

    E infine si riflette su un metodo di smaltimento " finale"
    http://www.japantimes.co.jp/news/2013/10/16/national/tepcos-toxic-water-failures-pitiful-nra/#at_pco=tcb-1.0&at_tot=8&at_ab=-&at_pos=4



    Ciao!

    RispondiElimina
  66. Grazie Giovanna per le news :)

    RispondiElimina
  67. Com'è la mascotte della dogana??

    RispondiElimina
  68. mamoru_giappopazzie18 ottobre 2013 09:22

    http://www.customs.go.jp/zeikan/customkun/index.htm

    http://www.customs.go.jp/zeikan/download/kabe_1.jpg

    RispondiElimina
  69. Un acceleratore riuscito male, un sincrotrone di serie b...
    :-)
    R.

    RispondiElimina
  70. Buongiorno, ci sono eh?! Non preoccuparti che passo.
    A parte qualche misura di niente in mare e il solito casotto in terra (nel sito) non vedo grosse novità. Mi chiedo anche se i giapponesi sono così bravi da aver preservato integre le postazioni di misura dopo tanti mesi. Per esperienza quando il Cesio entra in laboratorio lo trovi anche nelle murande. Il trizio peggio. Se contaminano strumenti, arredi, vetrerie etc. è davvero la fine


    Il fatto nuovo, mezzo terremoto, credo debba ancora arrivare. Quanti crediti ha l'ipotesi di scorporare da Tepco una società che si occupi solo di liquidare Fukushima? E' anche a questo che si può riferire quello che non ha detto Abe nel suo appello di qualche giorno fa?
    SM

    RispondiElimina
  71. Daniele Giuffrida19 ottobre 2013 07:41

    Te lo mando io, ciao!

    RispondiElimina
  72. ce l'hai il suo indirizzo, altrimenti passa pure da me :)

    RispondiElimina
  73. Daniele Giuffrida19 ottobre 2013 07:53

    Bravo, stavo giusto chiedendomi come fare... adesso :-)

    RispondiElimina
  74. Toh! sai che ti credevo di nuovo in Kazakistan?
    Quanto alle mutande, ci sono tante novità
    http://rt.com/news/japanese-anti-radiation-underwear-388/

    Quanto al secondo tema che poni secondo me l'ipotesi ha molti crediti. E' un piano allo studio da parte del Partito Liberal Democratico
    http://www.japantimes.co.jp/news/2013/10/06/national/abe-seeks-help-to-end-fukushima-water-crisis/#.UmIVcXDt_Tp

    E lo stesso Dale Klein, presidente del comitato di controllo Nuclear Reform Monitoring Committe http://www.nrmc.jp/en/news/detail/index-e.html, e quindi consulente Tepco insieme a Barrett si è pronunciato a favore di una struttura in cui le persone coinvolte siano finalizzate alla pulizia e che il loro lavoro, e solo il loro lavoro, sia sicuro e affidabile.

    http://japandailypress.com/advisers-urge-tepco-to-allow-separate-entity-to-take-over-fukushima-decommissioning-1635953/

    In fin dei conti la Tepco è una società che gestisce impianti di generazione di energia elettrica, idroelettrici o a carbone o nucleari. Che ne sa di clean-up?

    RispondiElimina
  75. Hanno pensato a tutto, lo puoi scaricare come sfondo da desktop, in versione cartacea da ritagliare e farci un pupazzetto 3D (attento alle forbici!) e infine possiamo festeggiare anche il suo compleanno!

    RispondiElimina
  76. “But if the government assumes all the consequences of a major disaster (without holding the guilty party accountable), nuclear power becomes a zero-risk industry.

    RispondiElimina
  77. AnonimaFrancese22 ottobre 2013 09:11

    Ciao UL :-) persino la Rai 1 si occupa una volta all anno di Fukushima.....è ci annunciano che domenica , causa impossibilità di pompare l acqua in fretta , Tepco ha rovesciato tonnellate di acqua nel mare.....

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...