Cerca nel blog

Loading

14 gennaio 2012

Si prepara l'ispezione al reattore 2


Si prepara per l'ispezione del PCV del reattore 2

Mentre per i reattori dall'1 al 3 sono stati eseguiti i lavori di installazione e di test per un ulteriore sistema di raffreddamento con le pompe nell'edificio turbine, per il reattore 2 ci si sta preparando all'ispezione con un sistema endoscopico dell'interno del contenimento primario. Questa settimana hanno iniziato a pompare meno azoto all'interno, continuando ad estrarre sempre la medesima quantità di gas attraverso il sistema di trattamento, con lo scopo di abbassare la pressione. Per il momento non si vede una netta diminuzione e tra gli effetti collaterali ci potrebbe essere un aumento della temperatura ambiente all'interno del contenimento come dimostrato dagli esperimenti delle scorse settimane sul reattore 1. Ovviamente speriamo di potervi dare maggiori informazioni nel prossimo aggiornamento.



Praticato il buco nel PCV

Le operazioni per forare le spesse pareti del contenimento primario del reattore 2 sono andate a buon fine. 10 gruppi formati da 4 lavoratori ciascuno si sono divisi il compito e tutto è pronto per procedere con l'ispezione tramite endoscopio che dovrebbe avvenire giovedì 19 gennaio.

Nell'immagine qui a lato vedete la posizione dove è stato realizzato il buco e da dove si dovrebbe poter avere una visione della parte bassa del vessel di pressione e anche dello stato del fondo del contenimento primario. Tanto dipenderà dalle condizioni dell'aria all'interno, in particolare il tasso di umidità che potrebbe rendere difficili le riprese con la camera dell'endoscopio.

La dose massima ricevuta dai lavoratori impegnati nelle operazioni è stata di 3 milliSv - ricordiamo che con la conclusione della roadmap il limite per i lavoratori è stato abbassato da 250 a 100 milliSv all'anno. Prima di effettuare le operazioni sul reattore 2, lo stesso lavoro in prova è stato eseguito sul reattore 5, che è strutturalmente identico al 2, ma che non ha problemi di elevata esposizione. L'immagine qui a lato mostra una ripresa effettuata da dentro il reattore 5, mentre qui sotto vedete l'intero video dell'ispezione di prova.




Altra perdita dalla piscina 4

Non c'è pace per la piscina del combustibile esausto dell'unità 4. Nella giornata di domenica è stata individuata una perdita di acqua pulita dal circuito secondario di raffreddamento. Il raffreddamento è costituito da due circuiti chiusi (primario e secondario) con scambiatore acqua / acqua. L'acqua del secondario è raffreddata ad aria con un Air Fin Cooler. La perdita è localizzata proprio a questo scambiatore acqua / aria ed essendo acqua del circuito secondario non è contaminata.

Questo problema è indipendente dall'abbassamento di livello che era stato evidenziato il primo gennaio.

Per la precisione ci sono due scambiatori acqua / aria per ogni piscina (sistema A e sistema B) e  ognuno di questi sistemi è composto da 4 ventilatori Air Fin Cooler; in genere solo uno dei sistemi è in funzione con l'altro in standby pronto ad intervenire in caso di guasto. In tutto sono state evidenziate 4 perdite, 2 nella ventola B2 e 2 nella B3. Per il momento hanno escluso il sistema B dal circuito in modo da investigare le ragioni della perdita e ripararle (fonte).

Troppa acqua da tenere sotto controllo 

C'è veramente tanta, troppa acqua da gestire sul sito. A parte quella nelle piscine, c'è quella contenuta negli edifici turbine e negli scantinati dei reattori che insieme a quella contenuta negli appositi siti di stoccaggio presenta una forte contaminazione da cesio e da altri beta emettitori. In settimana si sono verificate altre due perdite dall'impianto di decontaminazione. La prima è avvenuta ad uno dei sistemi evaporativi da un rotametro. La poca acqua è il risultato dell'evaporazione e quindi non contiene più contaminanti ed è comunque stata contenuta nella vasca posta sotto allo strumento. La seconda è invece avvenuta dalla cisterna che contiene l'acqua di scarto prodotta da uno dei sistemi ad osmosi inversa. Questa acqua è già passata attraverso il sistema di rimozione del cesio, ma è in attesa di venire termodistrutta dai sistemi evaporativi e quindi contiene tutti i beta emettitori che il sistema di rimozione del cesio non riesce ad eliminare. La concentrazione di beta totali, come riportate nel precedente aggiornamento, è di 1.5E5 Bq/cm3.

E poi c'è l'intero capitolo delle gallerie tecniche. Lo scorso 18 dicembre era stato individuato un accumulo di  oltre 200 tonnellate d'acqua contaminata in una galleria di servizio. Il 7 gennaio è stata individuata l'origine di questa e sigillata in modo da evitare altre accumuli. Simultaneamente è iniziato un controllo a tappeto di tutti gli altri tunnel presenti sul sito per vedere se vi è acqua accumulata e, se contaminata, a quale livello. A partire dall'11 gennaio, TEPCO sta effettuando controlli su tutte le gallerie tecniche e praticamente ogni giorno (11, 12 e 13 gennaio) ha riportato ritrovamenti di pozze più o meno grandi. Nello schema a lato vedete la ragnatela di tunnel suddivisi su 4 colori: in verde le gallerie che collegano edifici che contengono acqua altamente contaminata (> 100 000 Bq/cm3) tipo gli edifici dei reattori e turbine e gli edifici dove viene stoccata l'acqua in attesa di essere decontaminata. In violetto, le altre gallerie intorno ai reattori dall'1 al 4, in blu quelle che sono inerenti ai reattori 5 e 6, mentre in giallo quelle in cui si è riversata dentro acqua altamente contaminata. Per il momento sono state trovate una manciata di pozze, il livello di contaminazione per il cesio totale si aggira intorno ai 100 Bq/cm3, che significa che la provenienza non è certamente i locali con acqua altamente contaminata.

Situazione acqua

Un'altra settimana con un solo sistema di rimozione del cesio in funzione e continua a crescere la quantità totale di acqua contaminata totale. Il giorno 11 gennaio è stato rimesso in funzione anche Kurion e così per la prossima settimana è prevista una diminuzione del totale di acqua accumulata di circa 2000 metri cubi. I numeri per questa e per la prossima settimana sono riportati nella tabella qui sotto.


Settimana precedentePrevisione per questa settimanaSettimana presentePrevisione per la settimana successiva
Acqua nei reattori + turbine80 25079 95079 46079 340
Acqua nello stoccaggio15 54017 86018 42016 530
Totale 95 79097 810 97 88095 870




Le note in piccolo
clicca qui per leggere la lista completa con gli avvenimenti

6/1/2012:
  • Ispezione all'interno di R3 con un robot. 
7/1/2012:
  • Riparte il sistema di raffreddamento della piscina 3 dopo la sostituzione del filtro. Per chi vuole sapere come è fatto un filtro strainer, questa è un'immagine.
8/1/2012:
  • Perdita al secondario della piscina 4. Approfondimento nel testo. 
9/1/2012:
  • Perdita d'acqua al sistema evaporativo B2. Dettagli qui
  • Malore di un operaio ditta esterna. Dettagli qui. Deceduto lo stesso giorno, due ore dopo il ricovero in ospedale (link).
10/1/2012:

  • Altra perdita, questa volta dal sistema ad osmosi inversa. Link
11/1/2012:
  • In preparazione all'ispezione del PCV del reattore 2, stanno cercando di abbattere la pressione diminuendo la portata dell'azoto iniettato e continuando ad estrarre la stessa quantità di gas. (link)
  • Situazione dell'acqua. (link)
  • Dettagli sulle due gallerie tecniche con acqua contaminata all'interno (link)
  • E' ripartito Kurion (link)
      ----
      Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

      Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

      Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

      Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

      A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

      235 commenti:

      1. AnonimaFrancese14 gennaio 2012 15:09

        la conferenza a Yokohama sarà ripresa in diretta anche in inglese questo w-e :
        http://npfree.jp/english/tv.html

        RispondiElimina
      2. AnonimaFrancese14 gennaio 2012 15:11

        Altro 4. 7 questo oggi ;.( 
        http://www.japanquakemap.com/week

        alcune analisi e foto qui : http://fukushima.over-blog.fr/article-voir-fukushima-29-97051421.html

        RispondiElimina
      3. Secondo me si e' trattato di un'altra esplosione nucleare, "a-la-Gundersen"...

            Roberto

        RispondiElimina
      4. Sulle leucemie infantili attorno alle centrali made in France...

          http://www.journaldelascience.fr/environnement/interviews/un-taux-de-leucemie-infantile-anormalement-eleve-autour-de-10-centrales-nucleaires-francaises-2507

          ... intervista con il principal scientist dello studio.

          Roberto

        RispondiElimina
      5. Bello, grazie da aggiungere ai bookmark.

        RispondiElimina
      6. 36 mila dosimetri. Sarebbe bello sapere anche come sono stati assegnati. Comunque è un bel campione statistico.

        I valori di esposizione non mi sembrano eccessivamente elevati, ma l'esperto dosimetrico sei tu.

        Gli errori di lettura capitano, ne so qualcosa! E a proposito di cassetti ricordo un collega (non dico dove) che teneva il suo dosimetro nel cassetto e sul tavolo sopra faceva gli esperimenti con le sorgenti.

        RispondiElimina
      7. Interessante... ma siamo a livello della frazione di dose naturale relativa a quell'intervallo di tempo... non sono sui 1.5 mSv/anno da quelle parti?
        R.

        RispondiElimina
      8. Interessante quello delle leucemie infantili......cè un evidente aumento vicino alle centrali.....ma si presume non vi sia una correlazione con esse ......
        Regna la confusione piu totale.....come si fa' a pretendere che tutti accettino il nucleare se le informazioni arrivano cosi'......a questo punto è normale schierarsi per simpatia

        RispondiElimina
      9. Si è conclusa la conferenza di Yokohama che ha prodotto una dichiarazione per un mondo libero dal nucleare
        http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201201150019 

        11 persone vivono in zone di divieto
        http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/news/20120116p2g00m0dm010000c.html 

        http://www.japantimes.co.jp/images/photos2011/nn20110423a1a.jpg
        http://www.kahoku.co.jp/img/news/201201/20120116a3_01.jpg

        RispondiElimina
      10. Ste, io sinceramente ripetere lo stesso studio per tutti le centrali non nucleari per vedere se esiste una causa comune, tipo le linee dell'alta tensione. 

        Non direi che lo studio è confuso o includente, anzi arriva perfettamente alla conclusione, solo che non è quella che i più si aspettano e la più semplice da accettare. Bisgona guardare altrove. Speriamo lo facciano.

        RispondiElimina
      11. è grazie....sarei il primo a strumentalizzare queste cose....perchè come hai detto sopra "in un senso o nell'altro".....non cè chiarezza

        RispondiElimina
      12. Toto...pero'...... siamo nel 2012..... Fermi accese il primo reattore nel 42.....da allora di tempo per provare che il nucleare è sicuro ce ne è stato.... ma siamo ancora qui senza la precisione

        RispondiElimina
      13. E' stato mostrato ai media un progetto di bonifica a Minamisoma City (e poi  tenetevi  i sacchetti)
        http://www.yomiuri.co.jp/dy/national/T120115003689.htm 
        1,24 μSv in un appartamento di Nihonmatsu City, Fukushima. Pare sia il brecciolino usato nella costruzione
        http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20120115_28.html 

         Proviene  da un cava di Namie il pietrisco usato per produrre calcestruzzo,  distribuito  a numerose  aziende edili 
        http://www3.nhk.or.jp/daily/english/politics.html 
        ( scusino, ma se fosse il cemento?)

        Commissione indipendente guidata da Kiyoshi Kurokawa condurrà un'inchiesta sull'effetto terremoto ( non tsunami) sui reattori
        http://www.nytimes.com/2012/01/16/business/global/independent-panel-to-start-inquiry-into-japans-nuclear-crisis.html?ref=japan 
        (Un clic sul Japan dell'articolo rimanda a un  ritratto esaustivo del Giappone dalla crisi nucleare alla situazione politico economico militare)

        RispondiElimina
      14. Stefano: l'articolo/studio e' chiaro, e riflette le stesse conclusioni raggiunte da altri studi: il nucleare e' sicuro. La precisione e' li', scritta a chiare lettere: 7 casi extra su quasi 3000, 7 casi che NON possono essere spiegati con le emissioni misurate delle centrali... cosa vuoi di piu'?

          Il fatto che non lo si possa "certificare 100% sicuro" dipende dii metodi analitici e matematici della statistica epidemiologica, che e' il meglio che ci sia, e non e' certo colpa del nucleare, lo stesso viene fatto per gli effetti del fumo, del traffico, dell'uso di pesticidi in agricoltura, e via dicendo. Se non mi credi vai sul sito diJournal of Environmental Health o riviste simili e controlla da te.
          Ragiona: nel famoso studio KiKK che tanto polverone levo' qualche anno fa', si trattava di 37 casi di leucemia in 24 anni, con 3/4 dei casi che si risolvono con una guarigione. A mio avviso, dire che una forma di produzione di energia "globale" debba essere considerata "non sicura" quando genera livelli di mortalita'/morbidita' come questi e' assurdo. Ogni pannello fotovoltaico prodotto in Cina (praticamente il 50% della produzione mondiale, % in aumento) e' prodotto utilizzando un mix energetico all'80% elettrico. Nel 2007 e' uscito uno studio congiunto del PSI di Villigen (CH), varie universita prestigiose (MIT, UNiv. Tokio e Pechino), e altre... che ha mostrato come l'utilizzo del carbone in Cina avesse prodotto 9 milioni e 800 mila "YOLL" (Years Of Life Lost)... che e' un'altra criptica unita' di misura utilizzata in certi studi epidemiologici. Che facciamo blocchiamo la fabbricazione dei pannelli?

          Se ti fai dare una copia delle centinaia di articoli che avevo reso disponibili a Toto troverai decine di studi sulle leucemie (e altro, per esempio Down Syndrome, o tumori solidi) attorno a centrali nucleari francesi, svedesi, finlandesi, britanniche, e di altri paesi... meta-analisi che hanno messo assieme piu' studi per allargare la base di dati e permettere una precisione maggiore, .... e cosi' via. I risultati sono simili: o non c'e' evidenza di correlazione o se c'e' e' molto debole. Anche quando parlano di "56% di aumento" in realta' sono numeri piccolissimi... vedi esempio sopra. L'energia elettrica bisogna produrla, in un modo o in un altro, e la produzione da nucleare e' la piu' sicura di tutte, specialmente quando si fa un'analisi completa del ciclo "dust-to-dust".
          E' anche quella che in caso di incidente grave provoca la perdita maggiore di territorio, rendendolo inabitabile per decenni, ma quella e' un'altra storia... se ne puo' discutere, ovviamente. :-(
         
           Roberto

        RispondiElimina
      15. OT provocatorio
        domanda: cosa farebbe il direttore italiano di un impianto nucleare  in caso di incidente? C'è da chiederselo.
        Siamo in prima pagina su tutti i giornali con il comandante Schettino come fulgido esempio di codardia, che va a confermare i fulgidi esempi di vigliaccheria e voltafaccia collezionati dall'esercito italiano (comando e semplici soldati) nelle due guerre mondiali, per i quali purtroppo siamo famosi all'estero.

        RispondiElimina
      16. Poichè eventuali correlazioni tra le esposizioni a basse dosi di radiazioni-leucemie è stocastico, non si può avere una correlazione "certa" per definizione.

        Se vi lasciate influenzare dai dadi, buona fortuna, ma siete destinati a ricercare furiosamente sul Web articoli che contengono le certezze che cercate. E magari prima o poi troverete un articolo di dubbia attendibilità che contiene esattamente le parole che volete vedere scritte per poi dire "ecco, finalmente l'ho trovato". E invece non avrete trovato niente.

        Perdonate la franchezza ma nell'ambito della stocastica non ci sono certezze.

        L'unica  cosa seria da fare è studiare a livello globale, paesi, continenti, popolazioni, gli andamenti delle malattie oncologiche, sempre con metodi statistici, e investire danari nella prevenzione, nella ricerca e nel garantirci uno stile di vita sano (incluso lo stipendio).

        Ciao SM

        RispondiElimina
      17. Vorrei aggiungere alcune osservazioni: per alcuni il pianeta si sta riscaldando, per altri si sta raffreddando; la terapia sostitutiva ormonale per alcuni previene i tumori per altri li provoca; le statine sono del tutto sicure/ le statine a lungo termine  provocano paralisi muscolari e rovinano il fegato; solo latte per i bambini fino ad un anno d'età / a sei mesi si deve iniziare lo svezzamento... potrei continuare all'infinito. In particolare la medicina in tutte le sue branche non è una scienza esatta, figuriamoci la climatologia la meteorologia la sismologia, anche se  si servono di modelli matematici è l'input che  è difettoso. Direi che rimane fuori la matematica pura e la fisica. Correggetemi pure.

        RispondiElimina
      18. E' vero, Fermi ha acceso il primo reattore nel 42. Potrei risponderti che Ford ha iniziato a vendere auto nei primi anni del 1900 e da allora ci siamo costruiti un bagaglio di esperienze che ci permettono di dire che le auto fanno male alla salute e non mi riferisco agli incidenti, ma alle emissioni. Da allora abbiamo cercato di metterci una pezza, benzina senza piombo, filtri anti-particolato, euro 5 (tu sei molto più esperto di me :)... ma abbiamo semplicemente accettato la cosa e non ce ne facciamo un gran cruccio.

        Risponderti così sarebbe fare una sterile polemica, cosa che assolutamente non voglio. Quello che è certo è che è stata fatta una grande quantità di studi sugli effetti delle radiazioni e per le piccole dosi l'approccio statistico (l'unico che possiamo utilizzare a livello epidemiologico) è limitato dal campione che si dovrebbe prendere in esame. Assumendo un comportamento lineare anche alle piccole dose (LNT) le emissioni delle centrali sono state considerate trascurabili e per questo sono state costruite. A posteriori, forse stimolati da qualcuno che non vuole il nucleare, la gente si convince che ci sono più leucemie vicino alla centrale nucleare e chiede a gran voce e ottiene uno studio accurato. Accurato non vuol dire certezza, perché dal punto epidemiologico è impossibile. Il tono di questa mia affermazione è volutamente provocatorio perché presumendo ci possa essere una correlazione leucemia/nucleare, la gente si straccia le vesti, invece pur sapendo con certezza la correlazione leucemia/benzene si fa spallucce. E' proprio il fatto che sia KiKK sia questo studio francese trovano una correlazione con la distanza dalla centrale che non si spiega con la dose che dovrebbe far riflettere e chiedere controlli su altri aspetti e su altre fonti che fino ad oggi sono stati trascurati.

        Spero di essermi spiegato...

        RispondiElimina
      19. 1.24 microSv/h non sembrerebbe K-40 del cemento, a meno che il ghiaiccio sia un carico di U-Th ma sarei propenso ad escluderlo. Valori Max in interni per U-Th-K che ho visto in giro nei miei lavori erano sugli 0.3-0.4 microSv/h ed erano già piuttosto altini (non pericolosi, ma decisamente più alti del fondo naturale che è a 0.05-0.15 microSv/h di solito).

        Bisogna spaccarne un pezzo e farci una spettrometria gamma. Se è veramente Cesio è un esempio di come anche i materiali da costruzione debbano essere tenuti sotto monitoraggio e soprattutto direi di evitare di usare quelli provenienti dalle prefetture più colpite o addirittura dalla zona ristretta. Potrebbe però anche essere la sabbia e non la ghiaia. Lo stesso problema potrebbe verificarsi sul legname. Quindi, se ci leggono, si diano da fare :))
        Rifare la casa? Tra 3 anni saranno meno di 0.4 microSv/h per cui lascerei la casa com'è.

        Ciao SM

        RispondiElimina
      20. ahah, qui ti bacchetto! :-)
        Esempi di codardia bellica ce ne sono, ed è meglio passarci sopra senno' si che si scatena l'inferno.
        Pero' i soldati (e parlo di soldati, non alte sfere) si sono sempre distinti per il coraggio e la capacità di fare il proprio dovere anche in condizioni estreme, e questo è stato riconosciuto. Potrei fare una quantità di esempi (e ti cito solo El Alamein nella IIGM, in cui la folgore fu onorata anche da quell'ubiracone di Churchill), ma andremmo troppo OT e il padrone di casa non sarebbe contento...

        RispondiElimina
      21. Che poi scusa, il discorso km dalla centrale me lo devono spiegare. Si può essere a 3km sopravento o a 20km sottovento. Magari quei 3km sopravento sono anche a 5km sottovento da una raffineria.
        Di solito si sa da che parte tirano i venti doiminanti.
        Ciao SM

        RispondiElimina
      22. Non parliamo della ritirata di Russia dove i militari italiani si sono guadagnati il rispetto da parte di tutto il mondo, avevano le scarpe di cartone e hanno fatto centinaia di chilometri a piedi, poveretti.
        SM

        RispondiElimina
      23. Accetto la provocazione e guardo con fiducia all'imminente blocco delle crociere, stress test sulla sicurezza delle imbarcazioni, le procedure di sicurezza, le rotte, i porti, etc.
        Ciao SM

        RispondiElimina
      24. E che ti aspettavi da una conferenza di Greanpeace?

        RispondiElimina
      25. SM  di esempi ce ne sono tanti, a partire dall'800. Il che non significa che le alte sfere non abbiano preso decisioni parecchio discutibili in diverse occasioni.

        RispondiElimina
      26. Ma guarda, è il classico caso di "pratica comune" pericolosa che tutti approvano, finché non c'è l'incidente, dopo il quale tutti a scagliarsi addosso. Per me passare là (avete visto la distanza della scogliera??) è quasi un suicidio, pratica diffusa o meno.
        Nota: pare (dico pare!) che esistano registrazioni che dimostrano che il capitano fosse là. Comunque, è ancora tutta da vedere, non dico niente.

        RispondiElimina
      27. Si ma non c'è chiarezza dal punto di vista della divulgazione non dal punto di vista scientifico. E' un problema di comunicazione al massimo.

        RispondiElimina
      28. Io raccoglierei i dati "vicino centrali" e "lontano centrali" cercando di renderli omogenei, quindi a parità di inquinamento, linee elettriche e altre cause possibili. Insomma campioni uguali tranne per il fatto di essere o meno vicino alle centrali. E poi li farei analizzare a cieco, per cominciare.
        E vediamo se queste correlazioni rimangono. Se rimangono, allora possiamo cominciare a discuterne.

        RispondiElimina
      29. Vedo che pero' sono di dubbia attendibilita' anche quelli ufficiali.....di certo non cè nulla....o poco

        RispondiElimina
      30. Invece io credo il contrario.....come per il benzene che è stato provato che provochi leucemie anche per il nucleare se si avessero certezze chiare di cosa provoca e non provoca si potrebbe discuterne seriamente e farlo accettare da tutti....come è per il benzene.
        Quando hai un'idea chiara e quando sei chiaro anche se  dovesse provocare Leucemie nel raggio di 5-10 km...si stara' piu attenti a costruire le centrali...magari un po' piu isolate.....magari con altri accorgimenti.....invece fino ad ora si ha obbligato le persone a conviverci con la classica frase "sono sicure".
        Scusate ma come pretendete che ci si possa fidare quando anche voi "non vi fidate".....ne abbiamo avuto una piccola prova con il video della piscina 4....nessuno pro e contro ha messo la mano sul fuoco che quello fosse un video integrale....questa non è chiarezza

        RispondiElimina
      31. Risposta:

          abbiamo l'esempio dell'esercito USA, i cui generali, capi di stato maggiore... giu' fino ai soldati semplici, hanno avuto in recenti guerre (Iraq e Afganistan) comportamenti non certo splendidi (pisciare su cadaveri di "nemici" morti?... fingere di avere le prove dell'esistenza delle armi di distruzione di massa di Saddam sapendo benissimo che non erano valide?... parliamo di eventi che hanno generato milioni di morti e un disequilibrio a livello planetario che continua da 10 anni)... eppure sono gli stessi USA dove 104 reattori funzionano come orologi svizzeri, e che nel caso dell'incidente di Three Mile Island si comportarono piu' o meno come dovevano?

          Giovanna: lungi da me difendere il comandante della nave, ma dove sarebbe questa codardia?

          Roberto

        RispondiElimina
      32. "Greanpeace"? Volevi dire GreenPiss?

          :-)

          R.

        RispondiElimina
      33. Ed e' esattamente questa la novita' di questo studio francese. Al contrario del KiKK Study, che aveva preso i cerchi di 5, 10 e piu' km centrati attorno alle centrali e analizzato l'incidenza di tumori in funzione della distanza come se le emissioni fossero a perfetta simmetria sferica... questo studio francese ha utilizzato un sofisticato algoritmo (il contributo dell'IRSN) che modellizza la propagazione del plume radioattivo tenendo conto dei venti. Ed e' proprio da li che arrivano alla conclusione che LE EMISSIONI DELLE CENTRALI NUCLEARI NON POSSONO ESSERE IL FATTORE CHE SPIEGA LE 7 LEUCEMIE IN ECCESSO, IN 6 ANNI. Cosa possono fare di piu' di cosi' per rassicurare la gente?
          Le ragioni per lo sviluppo di leucemie infantili potrebbero essere molte: in passato il population mixing e' stato avanzato come ipotesi possibile, e sono sicuro che ne terranno conto in futuro, per altri studi piu' approfonditi e sofisticati.
          Dire che questi eventuali, se anche fossero "veri", 7 casi di leucemia in 6 anni (ma non su tutto il periodo di studio, molto piu' lungo) possano essere una valida ragione per dire no al nucleare e magari, addirittura, chiudere le centrali esistenti e', secondo me, una cosa da pazzi, ma pazzi veri... perche' l'energia elettrica bisogna generarla comunque (a meno di non vivere nel mondo dei sogni come fanno i nostri "ambientalisti") e le alternative al nucleare ammazzano, DIMOSTRABILMENTE, molto, ma molto di piu' di 7 bambini in 6 anni.

          Roberto

        RispondiElimina
      34. Ed e' esattamente questa la novita' di questo studio francese. Al contrario del KiKK Study, che aveva preso i cerchi di 5, 10 e piu' km centrati attorno alle centrali e analizzato l'incidenza di tumori in funzione della distanza come se le emissioni fossero a perfetta simmetria sferica... questo studio francese ha utilizzato un sofisticato algoritmo (il contributo dell'IRSN) che modellizza la propagazione del plume radioattivo tenendo conto dei venti. Ed e' proprio da li che arrivano alla conclusione che LE EMISSIONI DELLE CENTRALI NUCLEARI NON POSSONO ESSERE IL FATTORE CHE SPIEGA LE 7 LEUCEMIE IN ECCESSO, IN 6 ANNI. Cosa possono fare di piu' di cosi' per rassicurare la gente?
          Le ragioni per lo sviluppo di leucemie infantili potrebbero essere molte: in passato il population mixing e' stato avanzato come ipotesi possibile, e sono sicuro che ne terranno conto in futuro, per altri studi piu' approfonditi e sofisticati.
          Dire che questi eventuali, se anche fossero "veri", 7 casi di leucemia in 6 anni (ma non su tutto il periodo di studio, molto piu' lungo) possano essere una valida ragione per dire no al nucleare e magari, addirittura, chiudere le centrali esistenti e', secondo me, una cosa da pazzi, ma pazzi veri... perche' l'energia elettrica bisogna generarla comunque (a meno di non vivere nel mondo dei sogni come fanno i nostri "ambientalisti") e le alternative al nucleare ammazzano, DIMOSTRABILMENTE, molto, ma molto di piu' di 7 bambini in 6 anni.

          Roberto

        RispondiElimina
      35. Ed e' esattamente questa la novita' di questo studio francese. Al contrario del KiKK Study, che aveva preso i cerchi di 5, 10 e piu' km centrati attorno alle centrali e analizzato l'incidenza di tumori in funzione della distanza come se le emissioni fossero a perfetta simmetria sferica... questo studio francese ha utilizzato un sofisticato algoritmo (il contributo dell'IRSN) che modellizza la propagazione del plume radioattivo tenendo conto dei venti. Ed e' proprio da li che arrivano alla conclusione che LE EMISSIONI DELLE CENTRALI NUCLEARI NON POSSONO ESSERE IL FATTORE CHE SPIEGA LE 7 LEUCEMIE IN ECCESSO, IN 6 ANNI. Cosa possono fare di piu' di cosi' per rassicurare la gente?
          Le ragioni per lo sviluppo di leucemie infantili potrebbero essere molte: in passato il population mixing e' stato avanzato come ipotesi possibile, e sono sicuro che ne terranno conto in futuro, per altri studi piu' approfonditi e sofisticati.
          Dire che questi eventuali, se anche fossero "veri", 7 casi di leucemia in 6 anni (ma non su tutto il periodo di studio, molto piu' lungo) possano essere una valida ragione per dire no al nucleare e magari, addirittura, chiudere le centrali esistenti e', secondo me, una cosa da pazzi, ma pazzi veri... perche' l'energia elettrica bisogna generarla comunque (a meno di non vivere nel mondo dei sogni come fanno i nostri "ambientalisti") e le alternative al nucleare ammazzano, DIMOSTRABILMENTE, molto, ma molto di piu' di 7 bambini in 6 anni.

          Roberto

        RispondiElimina
      36. Mi scuso con tutti... ho postato 3 volte lo stesso intervento... le prime due volte mi ha dato un "discus error"... ma in realta' l'aveva preso...

           Roberto

        RispondiElimina
      37. @efad7cb9df976cdb8526347154d2f328 sembra che il comandante se la sia data a gambe ben prima dei passeggeri...

        fingere di avere le prove dell'esistenza delle armi di distruzione di massa di Saddam sapendo benissimo che non erano valide?
        Ma quello è semplicemente cercare il pretesto per fare quello che vogliono fare con l'avallo dell'ONU e poter quindi chiedere il contributo in vite umane anche agli altri paesi europei.
        Con la Siria si stanno dimostrando più furbi.

        RispondiElimina
      38. La società di navigazione abbandona il comandante
        http://www.ogginotizie.it/110828-costa-concordia-la-societa-di-navigazione-aquot-abbandonaaquot-il-comandante/

        RispondiElimina
      39. appunto, errore di comando,  li mandarono allo sbaraglio 

        RispondiElimina
      40. Quelle barre di combustibile esaurito mettetele... altrove
        http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201201160067 

        RispondiElimina
      41. Niente di strano. E' tipicamente italiano. E' iniziata la caccia al capro espiatorio.
        Intendiamoci: se il capitano ha davvero abbandonato la nave, allora la società ha ragione.
        Quanto alla rotta, fa parte delle solite pratiche tollerato o "consigliate" finché va bene, e appena qualcosa va male, il responsabile (ovvero il capitano) si becca il padulo volante.
        Quanto alle scialuppe, non è possibile che data l'inclinazione della nave, una parte fossero inutilizzabili? Con che velocità si è inclinata?

        RispondiElimina
      42. Perché sale la temperatura al 2? per il motivo che illustri all'inizio del post, cioè pompano meno azoto?
        http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/f1/images/12011512_temp_data_2u-e.pdf 

        RispondiElimina
      43. Non credo. O almeno così non successe per il numero 1 dove alla diminuzione dell'azoto seguì un innalzamento della temperatura dell'aria misurata alle HVH. Dalla tabella che hai allegato le HVH sono pressoché stabili. 

        L'aumento di temperatura è misurato sugli alloggiamenti delle barre di controllo (nel grafico sono quegli spuntoni che escono dal sotto del vessel). La nota dice "Strumento rotto". 

        RispondiElimina
      44. cerco di risponderti, tengo un tono volutamente provocatorio, ma tu lo sai che non ce l'ho con te e con gli altri... :)

        Uso dei numeri immaginari, ma è il ragionamento di fondo che voglio trasmettere non tanto le quantità. Diciamo che il fattore di rischio x causa 100 morti in più all'anno di quella malattia. La cosa è certa, non ci sono dubbi. Le centrali nucleari si presume causino 1 morto in più all'anno della stessa malattia (ho detto le centrali e non le radiazioni per essere più compatibile con il ragionamento originario). Si presume e non si da per certo perché l'effetto se c'è è talmente debole che non si riesce ad averne la certezza. Però per "rassicurare" la popolazione che è preoccupata (o stata fatta preoccupare), il governo decide che quel numero è vero, anzi fa sgomberare le aree a rischio in modo che questo singolo morto passi a 0.01 morti l'anno e approva il progetto. 

        Quelli che avevano fomentato l'opinione pubblica per chiedere questi studi, si diranno contenti e si focalizzeranno sul fattore di rischio x (cosa che andava fatta già a priori, vista la pericolosità) o scriveranno "ve lo avevamo detto che le centrali erano pericolose, anche il governo adesso è costretto ad ammetterlo. basta nucleare!" ? Solo risposte oneste, no perditempo :)

        Sulla piscina, mi sembra un discorso differente. Un conto è prendere in modo sistematico i dati anagrafici e sanitari delle persone e fare uno studio su un vasto campione di persone, un altro è il nostro doverci fidare di un video che è sicuramente stato montato e che non potremo mai giudare per intero. 

        RispondiElimina
      45. Inn compenso la linea rossa della temperatura del 3 è piatta nonostante le variazioni di portata dei sistemi di raffreddamento, no-buono.
        SM

        RispondiElimina
      46. Vero. Problema serio. Metti il dito nella piaga.
        Stare a dietro con invio e riprocessamento al rate di produzione di barre esauste è sempre più difficile.
        SM

        RispondiElimina
      47. Bravo, hai centrato il punto:

          l'articolo scientifico originale dice cose come questa:

          ""

          ... mentre la divulgazione dei siti "ambientalisti" de noantri, anti-nucleari a prescindere le commentano cosi':

          "I casi di leucemia nei bambini raddoppiano vicino alle centrali nucleari francesi"

          "L’atomo odia le femmine e odia anche i bambini."

          "L’aumento della leucemia (un cancro del sangue) e più in generale dei casi di cancro nei bambini era già stato accertato da una una revisione degli studi internazionali in materia, il più famoso dei quali è tedesco: casi di cancro aumentati del 54%, e casi di leucemia aumentati del 76% nei bambini con meno di 5 anni residenti nel raggio di 15 chilometri dalle centrali nucleari"

          E' logico che in un paese da bar sport, con uno fra i tassi di analfabetismo vero e di ritorno fra i piu' alti fra i paesi industrializzati, il rapporto fra quelli che hanno accesso al primo e quelli che leggono distrattamente il secondo sono 100.... 1000 a 1?

          Dopodiche' resta da porsi la domanda: e' giusto che un paese industrializzato segua "il volere del popolo" su questioni di politica energetica?

           Roberto

        RispondiElimina
      48. Io seguirei il volere del popolo e dopo un po di blackout scommetto che in molti cambierebbero idea ;)

        RispondiElimina
      49. Altra galleria con acqua: 
        http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_120116_06-e.pdf

        Vi ricordate la perdita dal sistema evaporativo che arrivò in parte fino al mare? C'è il rapporto finale con le misure di stronzio. Le ho aggiunte in calce all'articolo di approfondimento:
        http://unico-lab.blogspot.com/2011/12/perdita-dal-sistema-di-decontaminazione.html#update3 

        Curiosità: questa volta hanno usato Bq/l, lo fanno per farci impazzire. 

        Video con la rimozione dei detriti dal canale: operazione preliminare per la costruzione del muro di rinforzo. 
        http://youtu.be/ROM67Ern7kE

        RispondiElimina
      50. Valeriano: al TG francese di ieri sera ho sentito una superstite francese dire che dal momento in cui c'e' stato l'urto al momento in cui hanno suonato l'allarme di evacuazione sono passate quasi due ore... ben prima che la nave si inclinasse in quel modo.
          Comunque... mi domando anchio come si possa pensare di calare le scialuppe di salvataggio quando una nave s'inclina velocemente, e' semplicemente impossibile... se fossero applicati standard anche solo lontanamente simili a quelli applicati in campo nucleare o aeronautico, non una di queste navi potrebbe uscire dal porto... certamente non con 4-5 mila fra passeggeri e membri d'equipaggio.

          Roberto

        RispondiElimina
      51. TI rispondo qui......

        Allora : proviamo ad andare un po' oltre....e addentriamoci in qualche meandro oscuro :))..dai questi dati raccolti sino ad ora il pericolo delle centrali è veramente trascurabile...incidenti a parte .
        Se la matematica non è un'opinione nessuno puo' mettereli in dubbio......ma allora perchè cè questa "confusione" attorno al nucleare?......riprendo l'esempio del benzene : anche il piu ignorante degli ignoranti non ti dira' mai che il benzene non provoca nulla...perchè con il nucleare non funziona cosi? 
        Lasciando perdere i discorsi su green pace o ambientalisti vari..che per mè non contano una cippa (nel senso che non hanno potere).....non riescono a fermare l'abbattimento di 4 alberi in amazzonia figuriamoci la costruzione di nuove centrali...e la prova l'abbiamo visto che di reattori se ne sono costruiti a volonta' anche senza il loro consenso e la deforestazione dell'amazzonia continua :) .
        Gli ambientalisti dicono che cè la lobbye del nucleare......i favorevoli si difendono dicendo che cè una disinformazione totale .....isomma da ambo i lati ci si sente vittime .
        A questo punto...secondo Voi chi ha un tornaconto a disinformare e a scagliare contro i favorevoli gli ambientalisti......insomma chi ne puo' giovare?

        RispondiElimina
      52. L'errore di comando te lo concedo in pieno (ma era davvero errore di comando quello? No, nel senso che era la diretta conseguenza di Cassibile e il seguito là e altrove sarebbe stato ovvio per chiunque). Il valore dei soldati è storia diversa però.
        Lasciamo perdere, che stiamo su una polveriera (non certo fra me e te, ma per la sensibilità dell'argomento). Al massimo cambiamo sede...

        RispondiElimina
      53. pensierino della buonanotte
        Il primo reattore alimentato da un acceleratore di particelle

        http://www.nuclearnews.it/news-2837/il-primo-reattore-alimentato-da-un-acceleratore-di-particelle/

        RispondiElimina
      54. Ok Vale, in effetti un argomento molto spinoso e la storia in gran parte  non può non essere un'interpretazione

        RispondiElimina
      55. è la prima categoria che è venuta in mente anche a mè...ma mi sembra troppo scontato......pero' delle volte la verita l'abbiamo sotto il naso e non la vediamo

        RispondiElimina
      56. Toto....a mè sta bene....ma non riesco a capire come io Paolino Paperino (ambientalista) riesco a mettermi contro la comunita scientifica con dei dati alla mano .
        Dietro ci vuole ancora un "potere" forte...ma molto forte che mi appoggia e mi finanzia.....non credo che la paypall basti 

        Ps. io resto ancora con la mia idea del no al nucleare.....ma sia ben chiaro..non contro il nucleare...ma contro quell'essere stupido che è l'uomo.....talmente stupido che deve proteggersi da sè stesso .

        RispondiElimina
      57. Parte della confusione credo sia anche dovuta al fatto che la politica, la burocrazia e gli ambientalisti usano come riferimento il modello LNT, linear no-threshold model, che sostanzialmente prevede che ogni dose di radiazioni comporti un danno.
        Però non solo non ci sono evidenze scientifiche che lo supportino, ma anzi ce ne sono che supportano un'ipotesi totalmente opposta, quella dell'ormesi (sempre rimanendo nell'ambito delle dosi basse).

        Ecco che a questo punto ci sono due mondi che praticamente parlano un linguaggio diverso, uno della politica e della strumentalizzazione ideologica (come greenpeace e simili) e l'altro gli studi scientifici.

        RispondiElimina
      58. La disinformazione è un'arma potentissima. La comunità scientifica non ha problemi con le supposizioni infondate, le reputa tali punto e basta. Ma il resto della società che non legge le riviste scientifiche sente i proclami di alcuni falsi ambientalisti che raccontano quello che vogliono e aggiungono di non credere agli altri che dicono solo bugie perché schiavi della lobby.

        L'uomo della strada a chi crede, secondo te, agli scienziati o ai falsi ambientalisti?

        Ps. Resto del parere che il nucleare così come lo conosciamo oggi possa essere inteso solo come una soluzione transito verso qualcosa di meglio. Cosa sarà, sarà la ricerca in campo energetico a dircelo, senza premura però.

        RispondiElimina
      59. i miei dubbi sono sui costi commerciali della cosa...

        RispondiElimina
      60. diciamo la storia recente, perché richiama ancora in causa diverse passioni.
        Se "interpretazioni" lo intendi invece nel senso di "motivazioni", sono completamente d'accordo, la storia recente e non è piena di azioni e decisioni inspiegabili.

        RispondiElimina
      61. Come first-of-a-kind costerebbe molto, ma una produzione in serie con standardizzazione ne abbasserebbe i costi, di sicuro.
          La tecnologia dell'acceleratore/driver e' nota, i punti deboli che necessitano di R&D ulteriore lo sono anche (si fa ricerca analoga anche in Italia, Francia, Giappone, USA, e probabilmente altri paesi)... diciamo che presto l'Italia raggiungera' il limite dei 6 miliardi di Euro/anno per il Conto Energia del fotovoltaico, quindi con un anno di "incentivi" (a delinquere, secondo il mio modo di vedere) si finanziano almeno 3 progetti come questo. Per darti un'idea, la Spallation Neutron Source di Oak Ridge, serie di 3 linac normal-conducting, 1 linac superconduttore (il piu' grande del mondo), anello di accumulazione, e hall sperimentale (con sistema remoto di manipolazione/sostituzione del target a mercurio, con criteri ingegneristici nucleari), potenza sul target di circa 1 GW e' costato 1.4 miliardi di dollari.

          Saluti,

            Roberto

        RispondiElimina
      62. Caro SM:

          ti ringrazio di aver scritto questo messaggio chiarificatore, sei sempre molto chiaro, pero' questa frase

          "Qui sta l'enorme incomprensione tra scientisti e ambientalisti oppure organi di stampa"

          non mi trova daccordo. Prendi l'esempio del direttore di GreenPiss Italia... e' un fisico che si e' occupato professionalmente di radioprotezione... eppure dice delle stupidaggini colossali sul nucleare e sulla LNT.

          L'incomprensione fra scienziati e ambientalisti deriva dal fatto che i secondi, in campo nucleare ma non solo... per gli OGM e' la stessa cosa, fanno un atto di fede, combattono "il male assoluto" nucleare indipendentemente dai fatti oggettivi, i risultati scientifici pro e contro, il loro e' un no a prescindere, contro tutto quello che ha a che fare col nucleare... le centrali no, le miniere no, i depositi no, e' sempre no, non propongono nulla "per", e' sempre "contro", no... no e no.

          Roberto

        RispondiElimina
      63. Grazie SM SPLENDINDO commento, adesso lo metto nei bookmark così la prossima volta che qualcuno me lo chiede so come spiegargli le cose.

        Ancora grazie!

        RispondiElimina
      64. Stefano

        "Ps. io resto ancora con la mia idea del no al nucleare.....ma sia ben
        chiaro..non contro il nucleare...ma contro quell'essere stupido che è
        l'uomo.....talmente stupido che deve proteggersi da sè stesso . "

          Mah... direi che tanto stupido non e' quest'uomo che applicando il metodo scientifico e' riuscito nel giro di meno di un secolo a garantire ai bambini che nascono adesso una speranza di vita di 102 anni per le femmine e 98 per i maschi... da confrontare con le stesse grandezze presso popoli/culture/societa' che tale metodo non applicano, per tutta una serie di motivi.

           Della serie "Il difficile l'abbiamo fatto, l'impossibile lo stiamo facendo, per i miracoli ci serve un po' di tempo"... ma il popolo chiede solo miracoli, quando gli dai l'impossibile sbadigliano dalla noia.

          Roberto

        RispondiElimina
      65. Praticato il foro per l'indagine endoscopica prevista per il 19/1

        http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20120117_24.html


        http://fukushima-diary.com/wp-content/uploads/2012/01/%E3%82%B9%E3%82%AF%E3%83%AA%E3%83%BC%E3%83%B3%E3%82%B7%E3%83%A7%E3%83%83%E3%83%88%EF%BC%882012-01-17-12.09.46%EF%BC%89.png

        http://fukushima-diary.com/wp-content/uploads/2012/01/%E3%82%B9%E3%82%AF%E3%83%AA%E3%83%BC%E3%83%B3%E3%82%B7%E3%83%A7%E3%83%83%E3%83%88%EF%BC%882012-01-17-12.10.07%EF%BC%89.png

        RispondiElimina
      66. Ho aggiunto un pezzettino all'articolo:
        http://unico-lab.blogspot.com/2012/01/si-prepara-lispezione-al-reattore-2.html#upd1

        ma secondo voi, perché TEPCO non ne parla?

        RispondiElimina
      67. Grazie della segnalazione di fukushima-diary, Giovanna. Sul blog dice che forse non vedranno nulla, a causa del vapore dell'acqua a piu' di 50 gradi... possibile, ma se hanno l'endoscopio giusto dovrebbero riuscire a farlo scendere per gravita' verso il basso... io ne avevo uno che faceva quasi 15 metri, dove lavoravo prima. Comunque, basta aspettare fino a domani, e poi sapremo... qualcuno vuol fare una previsione?... 

          Io mi chiedo: si dovrebbe vedere il bagliore bluastro della radiazione Cherenkov o no? Direi di si.

          Roberto

        RispondiElimina
      68. Una volta dentro non è detto che debbano limitarsi solo a riprendere sfruttando la luce visibile no?
        Cioè penso che cambiando strumento possano sfruttare infrarossi, ultravioletti, onde radio, eccetera per mappare precisamente l'interno del reattore e farsi un'idea dei danni e della posizione del corio.

        RispondiElimina
      69. Comunque la fonte è questa, vi si può seguire un video con una presentazione animata
        http://www3.nhk.or.jp/news/html/20120117/t10015340532000.html?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter 

        RispondiElimina
      70. Il sito è molto molto ma molto peggio di Blogeko, ti assicuro, ma ogni tanto si trova qualche primizia.

        RispondiElimina
      71. Se non avete visto il video con la presentazione animata lo riporto qui per visibilità
        http://www3.nhk.or.jp/news/html/20120117/t10015340532000.html?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter 

        RispondiElimina
      72. Ce l'ho con LNT perchè è stato adottato come scelta politica non scientifica. Se LNT fosse corretto si sarebebro dovuti avere dei riscontri in alcuni casi studiati.
        Mi riferisco per esempio alle famiglie in un luogo del Giappone vissute in appartamenti il cui ferro nei muri era contaminato da Co-60 (la solita sorgente ad uso medico smaltita non correttamente).
        Invece di riscontrare aumenti nei casi di cancri addirittura si è visto che vivevano mediamente meglio del controllo.
        Quindi ci sono addirittura evidenze del fatto che basse dosi di radiazioni possano essere vantaggiose. Che sarebbe poi la teoria dell'ormesi per cui questi dosaggi stimolerebbero i meccanismi di riparazione del dna e di morte delle cellule troppo danneggiate (evitanto quindi il loro possibile sviluppo in cancro).
        A Ramsar (in Iran) poi si è evidenziato un vero e proprio adattamento del sistema immunitario e anche qui i cancri non sono più elevati che altrove.

        RispondiElimina
      73. guarda vista la "fortuna" che mi perseguita in questi giorni se faccio una previsione come minimo succede l'esatto opposto. Io al lavoro ne ho uno di solo 1.5 m, ma vi posso assicurare che non è semplice da maneggiare e tutte le volte che ci provo mi viene un certo mal di mare! 

        L'umidità potrebbe essere davvero un limite, ma il giro continuo di azoto dovrebbe tendere a seccarla (adesso che l'ho detto, come minimo dentro al PCV ci sono nuvole e piove a dirotto!)

        RispondiElimina
      74. sono d'accordo, molto spesso ci indovina sulle anteprime anche perché l'autore sapendo il giapponese riesce a mettere insieme subito tutti i pezzi del puzzle. 

        il tono di mistero con cui presenta il buco mi ha fatto un po' sorridere :)

        RispondiElimina
      75. Sicuramente faranno un'immagine a IR, in genere basta cambiare la "testa" dell'endoscopio. Quella potrebbe essere molto utile per stimare la temperatura in più punti e per esempio capire se la sonda che ci diceva ieri Egiovanna è davvero rotta o sta misurando qualcosa di vero. 

        Se non ricordo male a TMI avevano usato anche sonde ecografiche. 

        RispondiElimina
      76. Grazie, non vorrei finire bannato da youtubue per copyright infringement, quindi meglio lasciarlo su NHK...

        RispondiElimina
      77. Vi mando i saluti di AnonimaFrancese che è a letto malata! 

        RispondiElimina
      78. Caro Toto,
        spero tu abbia ricevuto le fotocopie del libro su Caorso; le foto che Egiovanna ha pubblicato fanno vedere le unità di comando degli attuatori delle barre di controllo ...... o sono solo uno schema?.
        Se fossero foto, o non c'è fusione del nucleo con produzione di corio (perchè i gruppi sono troppo puliti), o sono stati sfortunati di aver fatto il buco in una zona in cui non c'è visibilità della fusione.
        Una foto mooto chiara la troverai a pag 278 del libro.
        ciao a tutti 

        RispondiElimina
      79. Ciao Paolo, oggi non ho guardato nella casella di posta, domani mattina sarà la prima cosa che faccio. E poi, se è arrivato, pubblico subito la foto che hai suggerito.

        Le immagini messe da Giovanna si riferiscono alla prova generale che hanno fatto sul reattore 5 per ridurre l'esposizione. Mi sarei stupito se anche quelle fossero state danneggiate.

        Sale la curiosità!

        RispondiElimina
      80. Taiwan non Giappone, si ho letto un paio di articoli in merito a quell'edificio. Nulla da obiettare. Ci sono anche i casi dei nativi andini esposti a circa 6-7 mSv/anno per altitudine.
        LNT è scelta di metodo più che politica ed è adottata dalla ICRP che è la commissione scientifica internazionale di livello più alto che possa immaginare. Le dosi si sommano col metodo LNT, senza questo è un casino. Inoltre, e qui ti posso dare ragione circa la scelta "politica" i legislatori hanno bisogno di un LNT per controllare la sicurezza in ambito lavoro.
        Credimi, non se ne esce. E' il migliore dei metodi possibili ma non deve essere strumentalizzato o usato in modo improprio.
        Ciao SM

        RispondiElimina
      81. No, la luce Cherenkov a nocciolo spento non la vedi a meno di usare un intensificatore di luce. Se vuoi vederla devi venire da noi :)

        RispondiElimina
      82. @sandromanera sarà pratico quanto vuoi, ma preferirei comunque che si utilizzassero parametri e norme basate su evidenze scientifiche non su un modello teorico arbitrario che viene ripetutamente smantellato da altri studi.
        Anche perchè, come ho già scritto, penso che questo approccio (assieme all'associazione con le armi nucleari) abbia viziato l'uso della tecnologia nucleare civile in modo molto marcato, in senso negativo ovviamente.

        RispondiElimina
      83. Ecco l'apparecchiatura che sarà usata da Tepco  - bel colpo per l'Olympus - 

        http://www.olympus-ims.com/it/rvi-products/iplex-fx/ 

        ( notizia pescata nei bassifondi che non disdegno bazzicare) 

        RispondiElimina
      84. Auguri di  prontissima  guarigione alla petite malade!

        RispondiElimina
      85. è un bel giocattolo, non c'è che dire!

        RispondiElimina
      86. Lavori di decontaminazione a Minamisoma


        http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=0Bz59wy8Zqg

        RispondiElimina
      87. Buona giornata a te!

        RispondiElimina
      88. Buongiorno a tutti! Ecco alcune notizie che ho trovato, se vi possono interessare.

        Ancora su SPEEDI, simulazione date ai militari USA e non ai diretti interessati. Attendibili o meno, questi rilasci a qualcuno e non a tutti stanno certamente giocando a sfavore dell'immagine del governo.
        http://t.co/dKmPEriV

        Altro esempio di cattiva gestione. Si stanno identificando gli utilizzi del materiale da costruzione contaminato. I valori di dose fino ad ora misurati non mi sembrano "terribili", però la situazione andava gestita meglio, almeno secondo il mio parere. 
        http://t.co/W4DdhUbC

        RispondiElimina
      89. il canale di irrigazione poteva mancare...

        RispondiElimina
      90. http://www.youtube.com/watch?v=-mnFF2IyDB4&feature=player_embedded#!
        Mi sembra che sia stato gia postato...pero' non ricordo..... nei primi minuti si vede lo spaccato del muro che devono perforare....almeno credo sia quello

        RispondiElimina
      91. Mah, sull'opportunità di rendere pubblico si puo' discutere.
        Ma perché inviare ai militari USA (che in principio c'entrano quanto me) i risultati?

        RispondiElimina
      92. Possibile e sarebbe interessante, perché cosi' si potrebbero individuare eventuali lesioni interne alle strutture.

        RispondiElimina
      93. per la base che si trova non moltissimo distante e forse perché essendosi offerti per portarer aiuto volevano sapere a cosa andavano in contro.

        RispondiElimina
      94. AnonimaFrancese18 gennaio 2012 11:50

        grazie ragazzi ;.))))))) sto meglino ma ancora non d'attacco....ma va detto che casa mia è gelata e non aiuta....calcolate 17 gradi quando torno la sera verso le otto di sera..troppo esposta e mal coibentata, e poi sono all'ultimo piano e sotto da che e morto il signore sotto non ci vive piu nessuno e quindi altra fonte di freddo ;.(((( 

        RispondiElimina
      95. AnonimaFrancese18 gennaio 2012 11:52

        li postai io allora vesro aprile...ci sono due video : 1 e 2.. e comunque sono tra i videos alla pagina che fece toto con tutt i video di interesse messi assieme

        RispondiElimina
      96. Te pareva se a lei gli scappava un video :))

        RispondiElimina
      97. No buono, no buono
        Un calo di tensione è stato ripristinato ieri solo dopo 3 ore
        http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201201180034 

        RispondiElimina
      98. adesso trasferisco il video su youtube che è più facilmente raggiungibile.

        RispondiElimina
      99. ehi, Anonimella, sono bastati gli auguri per farti riprendere... Ti sento gagliarda! Se può consolarti  da una settimana circa non riusciamo a superare i 15, ( quinto e ultimo piano) dovresti provare il freddo balcanico, la notte siamo costantemente -2, -3, -4,50, di giorno si arriva al massimo a 6

        RispondiElimina
      100. in realtà era scritto anche nei rapporti tepco e mi sono dimenticato di riportarli. la cosa strana è che due linee sono cadute simultaneamente. mi sembra di capire non abbia fermato l'iniezione nei reattori, ma resta il grande interrogativo di come sia potuto succedere.

        voglio sperare che la lentezza nel ripristino sia dovuta al fatto che ha colpito sistemi non vitali per la stabilità e che non è stato necessario far intervenire i generatori diesel.

        RispondiElimina
      101. ecco il link al video su youtube:
        http://www.youtube.com/watch?v=lkiUyII4xQI

        RispondiElimina
      102. @c916585afcece0a2f1dde407112f42c4 il libro à arrivato e lo sto sfogliando, molto bello e sicuramente utile per capire tutte le varie parti. Adesso vedo se riesco a trasformarlo in un pdf e così lo posso ridistribuire

        Ancora mille grazie!

        RispondiElimina
      103. Oltre che a fare la liscivia, vedo che sei bravetto in   tante altre cose

        RispondiElimina
      104. AnonimaFrancese18 gennaio 2012 13:17

        ahai aihaiha .....-((( un po come da me allora....anche io ultimo piano :;(((( pero.....cavoli ....spero che quel fantastico uomo ti sia di soccorso....parlo  del nostro invisibile geologo (sembri la versione femminile del tenente Colombo ma ,mi pare gia te lo avevamo detto :-)))  e dicevo fatti riscaldare dai suoi potenti abbracci ;.))))

        RispondiElimina
      105. O tempora, o mores!

        RispondiElimina
      106. Ah, non sapevo che c'era una base li vicino.... si, rende la cosa più logica.

        RispondiElimina
      107. AnonimaFrancese18 gennaio 2012 15:37

        e zitto zitto lemme lemme ....
        http://www.romandie.com/news/n/_Japon_Tepco_eleve_de_17_le_prix_de_l_electricite_pour_les_entreprises170120120801.asp 

        RispondiElimina
      108. AnonimaFrancese18 gennaio 2012 15:56

        una follia secondo me..........
        http://www.youtube.com/watch?v=E8l8kB6GP1E&feature=player_embedded#!

        RispondiElimina
      109. Beh... AF (bentornata!)... cosa ti aspettavi? Una diminuzione?

           Roberto

        RispondiElimina
      110. AnonimaFrancese18 gennaio 2012 17:22

        beh no ma nemmeno di esagerare cavolo !!! il 17% per le industrie??? ma accidenti le stesse industrie già molto penalizzate per tutto questo casino e questo anno improbabile ti pare??? dove la storia della centrale non ha certo aiutato ti pare?  e la dove  in molti casi hanno dovuto ricostruire gli edifici o consolidare e che hanno vissuto mesi di sicuro scarso selll-out  per assenza di turismo, assenza di richiesta e/o altro...il 17 % e davvero tanto...o sbaglio ?? mi interesserebbe capire come si comportano le altre compagnie che gestiscono l'energia nucleare la attorno..........

        RispondiElimina
      111. AnonimaFrancese18 gennaio 2012 20:31

        dai scatenatevi ..................
        http://www.youtube.com/watch?v=n1XvPaQXFIU

        RispondiElimina
      112. Buongiorno! 

        Sappiamo che oggi sarà il giorno dell'ispezione in R2, ma viste le "tradizioni" non spererei di avere tutte le informazioni già oggi. Mi basterebbe sapere che lìhanno fatta :)

        Due rapidi flash dalla stampa. 

        Ancora sul materiale edile contaminato. Questa volta sarebbe finito in una scuola, ma occhio a non esagerare, i livelli sono di 0.1 - 0.2 microSv/h. Ci sono situazioni, scuole incluse, ben peggiori a migliaia di km da Fukushima. Ripeto quanto detto ieri, sicuramente la cosa andava gestita meglio.
        http://t.co/PnjpfqPY

        I costi dell'abbandono del nucleare in Germania. Non voglio far scoppiare una polemica, ma solo per dire che non sarà affatto facile.
        http://t.co/SanrLPj9

        RispondiElimina
      113. L'hanno fatta!Guarda qui! 
        http://nukene.ws/story/fukushima-i-nuke-plant-reactor-2-cv-endoscopy-done/20120119 

        RispondiElimina
      114. ma bene! il video non riesco a vederlo dal link che nell'articolo che hai segnalato. 

        devo scappare al lavoro, se trovate link e info accumuliamoli tutti, please che vorrei fare un approfondimento.

        grazie!

        RispondiElimina
      115. Toto,
        che è successo ai grafici dei reattori? Li visualizzo io male oppure sono sballottati veramente da linee orizzontali??
        Ciao SM

        RispondiElimina
      116. Ieri la Reuters ci ha dato giù pesante con almeno 3 pezzi "nuclear-like", mi risulta nuova la cosa. Cosa ne pensano i nostri amici giornalisti? Solo notizie riportate oppure qualche cambio di rotta?

        http://af.reuters.com/article/metalsNews/idAFL6E8CH4FZ20120117
        http://www.reuters.com/article/2012/01/17/us-siemens-energy-idUSTRE80G10920120117
        http://af.reuters.com/article/energyOilNews/idAFL3E8CI0B120120118

        Curiosamente, per Stefaniste, guarda come si parla di Nucleare nel link "energyOilNews", ti ricordi cosa dicevamo 3-4 giorni fa?
        SM

        RispondiElimina
      117. Dal cellulare non li vedo ma è normale. Quando arrivo in ufficio controllo, grazie.

        RispondiElimina
      118. Sembra che siano proprio cosi'... dipedne da alcune date assurde tipo ottobre 2012, e già nel google doc sono cosi'. Tocca vedere cosa ne dice toto

        RispondiElimina
      119. Beh, la maggior parte delle centrali chiuse tedesche sono quelle verso il confine francese, quindi la prima conseguenza sarà quella che le esportazioni tedesche di energia elettrica verso la Francia saranno ridotte. Il "poco" nucleare che avranno in casa se tenngono stretto. Conseguanza: la Francia col cavolo che allenta sul nucleare.

        Il costo dello smantellamento tedesco sarà coperto sicuramente da qualche altra losca operazione del Neue Reichstag europeo. Mi viene in mente, per esempio, il rientro dei debiti dei PIIGS da qui al 2030, che con qualche manovra saranno dirottati dalla BCE. Tipo un "fondo per la sovvenzione dei paesi che abandonano il nucleare".

        RispondiElimina
      120. Kyodo news conferma  l'ispezione 
        http://english.kyodonews.jp/news/2012/01/137236.html 

        Si scopre un altro altarino
        http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20120119_20.html 

        RispondiElimina
      121. Allora è sicuramente colpa mia!

        RispondiElimina
      122. Magari un formato strano nel file di origine, o proprio la data sbagliata... vedi un po'.

        RispondiElimina
      123. ragazzi, scusate, mi mandate il link diretto alla pagina sbagliata e magari anche uno screenshot? io non vedo nulla di strano...

        RispondiElimina
      124. Ma sei sul blog anche quando guidi?? Spero non quando vai in bagno :)
        SM

        RispondiElimina
      125. Come no? In bagno ci faccio delle "surfate", a volte, finche' le gambe non perdono la sensibilita'... :-)

          Roberto

        RispondiElimina
      126. leggo e rispondo ai commenti via email e ho un paio di lunghi semafori sempre rossi!

        RispondiElimina
      127. Beh... e' scritto chiaramente nell'articolo da te linkato, ed era prevedibilissimo... il costo del kWh da gas naturale non e' comparabile a quello da nucleare.
          Solo il carbone/lignite e' competitivo, oltre all'id roelettrico non da pompaggio.

          Le industrie giapponesi stanno delocalizzando alla grande, per tutta una serie di motivi. Primo, sanno che quello del marzo scorso non e' stato certo l'ultimo terremoto devastante che li colpira', secondo sanno che per lungo tempo continuera' ad esserci una penuria energetica/elettrica in Giappone... si sono fatti tutto il periodo di alti consumi con i doppi/tripli turni delle fabbriche durante i weekend, a livelli ridotti di potenza (il Giappone d'estate senza condizionatori non deve essere un bel posto). Non dimenticare una cosa: 1000 TWh/anno di elettricita' consumata nel 2010, senza possibilita' d'import... sono un'isola... fanno 3 volte esatte quanto ha consumato l'Italia, per una popolazione doppia, o giu' di li.

          Roberto

        RispondiElimina
      128. dovrei aver sistemato. confermate?
        si è trattato di un errore organizzativo: mai copiare dati in una tabella prima di aver bevuto il secondo caffe!

        RispondiElimina
      129. @efad7cb9df976cdb8526347154d2f328 stai pensando di trasferirti?
        http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20120118_38.html

        RispondiElimina
      130. No... non credo proprio... anche perche' la "nostra" versione dell'ILC, CLIC, e' molto meglio dell'ILC... eh... eh... eh... e comunque ambedue le proposte sono ancora decenni lontane dall'essere costruite... io prima di andare in Giappone, con la sismicita' del paese, per costruire un acceleratore lineare di decine di km di lunghezza che necessita di precisioni di posizionamento a scale dei micrometri ci penserei due volte... il terremoto del marzo scorso ha fatto disastri a KEK, J-Parc e altri acceleratori.

          Comunque, grazie del pensiero, nel caso mi vada male qui mandero' un CV... :-)

           Roberto

        RispondiElimina
      131. Adesso sono OK :))))
        SM

        RispondiElimina
      132. Per Valeriano...

          http://blog.forumnucleare.it/tecnologia-2/dal-belgio-un-ulteriore-passo-verso-i-reattori-di-nuova-generazione/comment-page-1/#comment-45906
         
          e dai un'occhiata alla presentazione linkata dei giapponesi! Interessante, no?

          Roberto

        RispondiElimina
      133. Se vi interessano ecco le prime foto dall'interno del PCV 2
        http://www.tepco.co.jp/nu/fukushima-np/images/handouts_120119_02-j.pdf 

        RispondiElimina
      134. Alcuni dati dalla conferenza stampa ( in giapponese)
        http://nukene.ws/story/reactor-2-containment-vessel-endoscopy-update-they-coudnt-see-water/20120119 

        RispondiElimina
      135. caro, stai parlando con uno che ha lavorato almeno 4 anni per ILC, non gli puoi dire che CLIC è meglio! Da quando ho cambiato aria, mi sembrava di aver capito ci fosse stata una sorta di fusione tra CLIC e ILC, ma evidentemente è solo una questione politica o quasi...

        RispondiElimina
      136. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 13:12

        hhihiihihihih  era cosi anche sulla spiaggia SM :-)))))) tanto è che nascondeva il cell sotto l'asciugamano per non farsi beccare da sua moglie che giustamente lo avrebbe preso a remate in testa ;.)))

        RispondiElimina
      137. No... non ci interessano, Giovanna... perche' ce le proponi? :-)

          Grazie.

           Roberto

        RispondiElimina
      138. Grazie Giovanna, ho chiesto a tutti i nostri lettori italo-giapponesi una mano per tradurre le scritte.

        Sono un po' annebbiate e le tracce delle particelle beta sono parecchio fastidiose!

        RispondiElimina
      139. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 13:18

        Ne avevamo giè parlato qui su Unico-lab quando alcuni di voi (hehehehe) nemmeno erano nati come unicolabisti ;.) e quindi omaggio speciale specie per ValerianoB  e toto  ma anche stefaniste  e @RobertoPutano ;.))) 
        http://www.dissident-media.org/infonucleaire/radieux.html 

        RispondiElimina
      140. Non ci puo' essere fusione fra CLIC e ILC, sono due specie che non possono fare "breeding"... le tecnologie sono molto diverse, come ben sai, una delle due e' molto piu' avanzata dell'altra.

          Quattro anni?... dov'eri all'epoca? Univ. Milano?... sei tu quel A. Bulgheroni?...

          Roberto

        RispondiElimina
      141. Se vai alla north area potresti ancora trovare il nostro telescopio a pixel che mi ha fatto sudare anima e sangue.

        A. Bulgheroni sono io, ma sono quel A. Bulgheroni solo se ti piace l'articolo. Quale hai trovato? Milano e un po' anche Roma.

        RispondiElimina
      142. Dalle poche parole tradotte da
        http://nukene.ws/story/reactor-2-containment-vessel-endoscopy-photos/20120119 sembra che la griglia sia all'asciutto

        RispondiElimina
      143. NHK dichiara l'esperimento fallito, perché le immagini non sono chiare e limpide. Credo che sarebbe stato presuntuoso aspettarsi molto di meglio. Resta da capire la storia del livello dell'acqua alla griglia, se veramente si aspettavano l£acqua a quel livello.
        http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20120119_28.html

        Dallo schema OP+9500 è molto alto
        http://img6.imageshack.us/img6/696/markifukushima.jpg

        RispondiElimina
      144. Ecco la versione in inglese:
        http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_120119_03-e.pdf

        RispondiElimina
      145. Scusami,
        non sono riuscito a leggermi tutto i pregresso di dati e foto su questa indagine. Dov'è che sono entrati? Nel Contenimento primario suppongo, o meglio nel Wet-Well, non nel Vessel come sembra dire NHK. Oppure non ho capito bene io ??
        Di quali griglie stiamo parlando? Cos'è, cercano nel n.2 il combustibile fuori dal Vessel?
        SM

        RispondiElimina
      146. ???????
        !!!!!!!!!
          .......
        Forse le radiazioni fanno veramente male... :-(

        RispondiElimina
      147. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 14:17

        ahahaha aspetto che mi sto rottolando ancora....;.)) detto da te poi ;:))))))))))))) 

        RispondiElimina
      148. Adesso ti tiro le orecchie! E' il PCV, guarda su nel post  PRATICATO IL BUCO NEL PCV. 
        Io continuo a non capire  , nonostante il file allegato d Toto,  dove si trova la famosa griglia e se dovrebbe essere coperta d'acqua.( in effetti non so che significa OP 9500)

        RispondiElimina
      149. Sono entrati attraverso una penetrazione per termocoppia all'interno del PCV. 
        Non sapevo della presenza di quelle griglie, sappiamo che si trovano a OP+9500 che è qualche metro rispetto al fondo. 

        RispondiElimina
      150. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 14:56

        ecco il video 
        http://www.tepco.co.jp/en/news/library/movie-01e.html

        RispondiElimina
      151. ??
        Based on your corporate access policies, access to this web site
        ( http://www.entrevue.fr/le-doorjob-fait-fureur-au-japon-16805 ) has
        been blocked because the web category "Adult" is not allowed.

        Spero non sia quello che penso... :-)

        RispondiElimina
      152. I post sul Radithor, yep!!!
        "Standard Radium, solution for drinking"???
        "Igiene intima femminile, Septoradol, Antisettico radioattivo"??? :-O
        Ci sono delle cose che neanche immaginavo? Bel sito, storicamente parlando, ovvio.

        RispondiElimina
      153. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 15:12

        ma era una pagina non un sito porno .........boh

        RispondiElimina
      154. Giuro che non ci capisco piu' niente, Toto.
          Riassumendo: il nocciolo del reattore dovrebbe essere completamente (o in gran parte) fuso, e (gran) parte di esso fuoriuscito dal pressure vessel, giusto?
          IL calore residuo, pur diminuito dal momento dell'incidente, dovrebbe essere ancora elevato, per cui se il livello dell'acqua all'esterno del PV fosse cosi' basso come quelle istantanee fanno credere il suo raffreddamento dovrebbe essere molto scarso...
          Boh...

          R.

        RispondiElimina
      155. Probabilmente la pagina è taggata "per adulti" per via dell'argomento.
        Non pensavo fosse un sito porno :-))

        RispondiElimina
      156. OP 9500 dovrebbe essere se non vado errato Piano Operativo 9.500 m, un po' sotto l'1F, in pratica una misura di quota.
        Gli esperti della struttura confermano?

        RispondiElimina
      157. OP +9500 significa che si trova ad una altezza di 9500 millimetri (9.5 metri) rispetto al punto OP che è il valore medio dell'altezza del mare in un punto preciso. In realtà è un riferimento come un altro però visto che tutte le quote sono in OP è molto comodo.

        RispondiElimina
      158. figurati era persino nel testo dell'articolo :P

        RispondiElimina
      159. Mo' si spiega. La NHK usa la parola Vessel in modo scorretto, maledetti questi acronimi. PCV è il contenitore nel quale si pone il RPV che è quello che contiene il Combustibile.
        Abbiamo un video del PCV che ci fa vedere poche cose che sembrano intatte in prossimità di una griglia che non sapevo neppure ci fosse. Capirai il PCV è una ragnatela di tubazioni, condotte, supporti, etc, Adesso so che a quota OP 9500 c'è anche una griglia.

        E' nel RPV che devono andare a vedere però, è li la festa. E' un po' come stare di fronte ad un ristorante sapendo che dentro c'è gente che si gusta delizie pazzesche senza entrare a vedere e ad assaggiare (Avrei potuto fare anche ben altri esempi, vista la vivacità post-influenzale della nostra AF :)))).

        Se vogliono andare a vedere nel PCV vadano nel n.1 che c'è più di un dubbio circa il contenimento del combustibile nel relativo RPV.

        Mi sono spiegato?? :)
        SM

        RispondiElimina
      160. Le ultime simulazioni che hanno reso pubbliche ( http://unico-lab.blogspot.com/2011/11/stato-del-corio-nei-tre-reattori-di.html ) davano una grossa frazione del nocciolo del reattore 1 uscito dal PV per adagiarsi sul fondo del PCV. Per il 2 e il 3 la frazione di corio fuori PV dovrebbe essere ridotta. Ma sono simulazioni e la vita vera potrebbe essere molto diversa e ricca di sorprese.

        Non si vede acqua, e questo potrebbe essere un problema qualora parecchio corio fosse sul fondo. Aspettiamo ulteriori immagini, magari il video per tirare conclusioni.

        RispondiElimina
      161. In merito alla domanda che poni al punto 3 circa quel "unfortunately" e assumendo che la frase di Matsumoto sia stata riportata fedelmente dalla traduzione, non è difficile associare al nome di Matsumoto l'aggettivo "imbecille".

        L'acqua è più in basso di quello che si aspettano. Ma lo sa questo tizio che l'acqua esce da sotto quando il contenitore è bucato. La stanno pescando da sotto per mandarla alla purificazione, da qualche parte uscirà, no?? Bisogna applicare il principio dei vasi comunicanti.
        SM

        RispondiElimina
      162. Aggiungo qualche mia opinione usando la tua numerazione.

        3) Secondo me lo "sfortunatamente" va interpretato come: "non abbiamo visto nulla, perché non siamo riusciti a vedere sufficientemente bene per dare un giudizio definitivo".
        4) L'endoscopio ha una sonda di temperatura che ha misurato qualcosa tipo 46 gradi. Le sonde di temperatura dentro al PCV misurano una temperatura di 44 gradi, quindi abbiamo una conferma in più che il valore letto da quelle sonde sia ragionevole e non un numero del lotto.
        6) la griglia potrebbe semplicemente essere un camminamento. C'è una griglia nell'RPV che serve a fermare parte del nocciolo qualora caschi, ma qui siamo nel pcv e lateralmente rispetto al RPV, quindi non riesco a dargli una funzione strutturale.

        RispondiElimina
      163. Il robertoK06 immagino sei tu! Bella presentazione per l'ADS, mi ha incuriosito.

        Per Myrrha, se quelle sono le caratteristiche di sicuro commercialmente non è appetibile per la produzione.

        RispondiElimina
      164. ahah, è vero!!!

        RispondiElimina
      165. A Caorso è tutto più semplice perchè usano il PC (piano di campagna)

        La Tepco usa questo OP rispetto al mare, ha ragione Toto, ma non comprendo molto bene lo Zero OP.

        RispondiElimina
      166. Rispondo qui a SM
        OP è la sigla di un porto non molto distante da Fukushima e rappresenta il livello del mare medio durante l'anno. Un po' come il livello 0 del Po'.

        RispondiElimina
      167. Ho messo un articolo ad hoc sulle immagini
        http://unico-lab.blogspot.com/2012/01/prime-immagini-da-dentro-il-reattore-2.html

        Forse vale la pena mettere là i commenti relativi all'ispezione, come preferite

        RispondiElimina
      168. Provo a dare una mia interpretazione.
        Unfortunately si riferisce al fatto che anche dopo aver fatto l'indagine endoscopica sono rimasti sostanzialmente all'oscuro circa la reale condizione e posizione del combustibile fuso. Certo come dice Egiovanna si può anche concludere che non sia fuoriuscito dal RPV, però evidentemente sono convinti del contrario e speravano di poter ricavare maggiori informazioni.

        Riguardo al livello dell'acqua, probabilmente si aspettavano che anche considerate le perdite il livello fosse superiore nel PCV. Però in questo caso almeno sanno che se vogliono avere un livello superiore o tappano le falle o aumentano la portata d'acqua.

        A proposito di tappare le falle, ora che hanno un foro d'accesso al PCV, non potrebbero usarlo per iniettare qualche composto che vada a sigillare le crepe (o almeno ridurne il numero)?

        RispondiElimina
      169. SM:
          " Ma lo sa questo tizio che l'acqua esce da sotto quando il contenitore è bucato."

          Non ti seguo... questo contenitore NON dovrebbe essere bucato, senno' siamo fritti. E' l'altro contenitore che si stima essere bucato, questo e' il vessel di contenimento, non quello dove sono le barre... se e' bucato questo all'ora siamo veramente alla famosa sindorme cinese... :-(

           Roberto

        RispondiElimina
      170. Sulla tua ultima frase... dubito che un foro di pochi cm di diametro come questo possa essere utilizzato per iniettare un sigilla-crepe... anche perche' il sigilla-crepe andrebbe ad intasare i filtri per il Cs nel sistema di ricircolo, no?

          Comunque, ieri per altri motivi ho dato un'occhiata ad uno dei tanti documenti sul decommissioning di TMI, ci hanno messo poco piu' di 4 anni a tirar fuori tutto il combustibile... ed ho letto che in quel caso fu il 45% del nocciolo ad essere fuso... e non ne usci' nulla... siamo sicuri che in questo caso il nocciolo sia veramente uscito? E se ne fosse uscita solo una minima parte, in corrispondenza delle penetrazioni delle barre di SCRAM etc... ed il corio fosse tutto all'interno?

          Roberto

        RispondiElimina
      171. Ma no, dai!... Toto!...  non rispondere cosi' alla povera febbricitante AF... e lei che cerca perfino di tirarti su con gli OT HOT! :-)

           Ingrato.

          Roberto

        RispondiElimina
      172. Il buco vero e proprio c'era già, almeno così sembra di capire da quello che scrivono. Dovrebbe trattarsi di una penetrazione, in particolare la X35. Dai nostri bunker abbiamo delle penetrazioni che sono sigillate sul lato esterno e riempite con delle piccole (e fastidiose) palline di materiali differenti con lo scopo di assorbire i gamma e i neutroni. Quando abbiamo bisogno di utilizzare una nuova penetrazione questa deve venire aperta e svuotata, probabilmente hanno dovuto fare una cosa simile anche loro. 

        Tieni conto delle dimensioni: il buco ha un diametro di 13 millimetri, mentre il fondo del PCV è di qualche metro e qualche metro più in basso. Buttare dentro materiale sigillante alla cieca potrebbe essere un'impresa veramente ardua, un po' come spalare la sabbia con una forchetta!

        RispondiElimina
      173. Ho fatto alcune considerazioni sul livello dell'acqua nel nuovo post. 
        http://unico-lab.blogspot.com/2012/01/prime-immagini-da-dentro-il-reattore-2.html

        Se l'acqua altamente contaminata che è stata in contatto con il corio arriva nell'edificio esterno del reattore e nel locale turbine, vuol dire che dall'RPV dove viene iniettata, fuoriesce e arriva fino a lì. Il che significa che  ci sono almeno due differenti perdite: una dall'RPV (o da una tubatura a lui connessa) e una dal PCV (wet well o dry well non lo sanno). 

        L'acqua nell'edificio esterno del reattore e nel locale turbine sono praticamente allo stesso livello, intorno a OP+3000. sarebbe meglio dire che è tenuta a questo livello perché viene pompata via. Il livello di acqua dentro al PCV non può essere inferiore a OP+3000, ma l'altezza precisa non è nota. Sicuramente adesso sanno che è inferiore a OP+9500

        RispondiElimina
      174. hai ragione Roberto, sono un irriconoscente! scusa AnonimaFrancese !

        La prox volta segnalaci i tuoi HOT OT come NSFW (not safe for work) così evitiamo il licenziamento in tronco! 

        A proposito di OT, se qualcuno di voi ha acquistato il corriere della sera di oggi, in particolare il settimanale SETTE, vada a pagina 21, c'^è una sorpresa!

        RispondiElimina
      175. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 17:45

        OHHHHHHHHHHHHHHHH per Bacco e per Giove...........:.) @efad7cb9df976cdb8526347154d2f328  che per UNA VOLTA mi difende??? mi sta risalendo la febbre a 40°------------------------
        toto  e ch tipo Egiovanna perchè sta in Grecia o  in Francia   o io perche sto al letto non può?  che fa?????????????????????????????????????????????

        RispondiElimina
      176. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 17:51

        cercate di capire...la tropppa emozione.,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

        RispondiElimina
      177. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 18:20

        toto ti chiedo come fa un poverino/a a visionare il corriere dove ci sarebbe la sorpresa se non può andarlo a comprare perché è 
        1) ammalato ? 
        2) all'estero  ?

        RispondiElimina
      178. i giornali italiani sono venduti anche all'estero! e per chi è malato ci sono sempre gli amici che vanno in edicola :)

        cmq, qui trovi la sorpresa

        RispondiElimina
      179. Sera a tutti........vedo che vi siete scatenati :))))

        Ok....comincio a leggere....sono rimasto un po' indietro :(

        RispondiElimina
      180. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 20:18

        ti sei scateanto stasera eh ??? Avrai l'indice gonfio ca...o ??? ;.))))

        RispondiElimina
      181. ca...o sta' per "caro"....vero ? :))

        RispondiElimina
      182. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 21:12

        what else? ;.)

        RispondiElimina
      183. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 21:18

        http://edition.cnn.com/2012/01/19/world/asia/japan-nuclear-reactor/index.html dalla CNN dopo l'endoscopia di oggi

        RispondiElimina
      184. AnonimaFrancese19 gennaio 2012 21:22

        eheheheeheh 
        http://tempsreel.nouvelobs.com/planete/20120118.OBS9142/apres-l-aoc-l-aor-appellation-d-origine-radioactive.html ;.))))

        RispondiElimina
      185. Nah, non essere tragico, si sistema tutto. Sto cominciando a pensare positivo su Fukushima. La sindrome cinese non si applica affatto, anche perchè dall'altra parte del mondo rispetto al Giappone non c'è la Cina, uhahahaha :)))
        SM

        RispondiElimina
      186. Il tuo ragionamento non fa una piega, lo condivido
        SM

        RispondiElimina
      187. Bellissima..... :))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))

        RispondiElimina
      188. Un altro articolo sui muoni, che dovrebbero aiutare a trovare il coriohttp://www.japantimes.co.jp/text/nn20120120f1.html 

        RispondiElimina
      189. http://www.sify.com/news/china-to-monitor-radiation-in-water-around-n-plants-news-international-mbsokgfceba.html

        Benissimo, qualcuno ha riferito ai cinesi che esiste una cosa chiamata monitoraggio ambientale attorno ai siti nucleari, è un passo avanti.

        I cinesi mi impressionano. Se gli dici esattamente cosa fare e come farlo lo fanno meglio di chiunque altro al mondo. Ci mettono solo un po' ad imparare. In generale la sicurezza è vista in modo diverso nel mondo:

        1)USA: le assicurazioni e i consumatori/cittadini ci fanno causa, per cui non deve uscire 1 Bq
        2)UK: ne va dell'immagine dell'impero e della regina
        3)Francia: si ma noi comunque la facciamo meglio e più in grande
        4)Italia: 12 supervisori di processo per ogni operaio e 2 coordinatori dei supervisori con 1 direttore e 2 vicedirettori
        5)Russia: sicurezza?
        6)Giappone: è una questione d'onore
        7)Cina: speriamo che non gli arrivino le planimetrie di Fukushima-Daichii con i Diesel lato mare, altrimenti li fanno uguali

        Ciao SM

        RispondiElimina
      190. Beh, caro SM,... con piu' di 10 milioni di anni di vita perduta dal solo utilizzo del carbone, capirai che i cinesi hanno altre priorita'...

           Roberto

        RispondiElimina
      191. Non ultima questa "elasticità" cinese che riferisci ha convinto Bill Gates a investire in Cina
        http://www.washingtonpost.com/blogs/innovations/post/why-is-bill-gates-selling-nukes-to-china/2010/12/20/gIQA3FPmuO_blog.html 

        RispondiElimina
      192. "eheheheeheh 
        http://tempsreel.nouvelobs.com... ;.))))"

          ... niente da dire... i soli fessi... di GreenPiss... ovviamente di mostrare le analisi dei vini e dei formaggi francesi delle zone attorno alle centrali citate non se ne parla neanche, molto piu' facile mettere in opera campagne diffamatorie come questa, senza alcuna base.

           E' sempre incinta, non c'e' niente da fare.

          Roberto

        RispondiElimina
      193. E' il solo articolo che ho trovato su Jacow, c'e' un secondo a nome di un W Bulgheroni... il tuo riguardava Dafne... non ILC.

          Roberto

        RispondiElimina

      Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

      Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

      Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

      A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

      Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...