Cerca nel blog

Loading

21 settembre 2011

Cold shutdown entro la fine dell'anno



L'aggiornamento della roadmap


Ci sono progressi in questo mese e si fanno vedere molto chiaramente. L'esperimento del Core Spray sta dando i frutti sperati almeno per il reattore 3, la cui temperatura è in continua discesa e ben al di sotto dei cento gradi, come lo è per il numero 1. Non così, ancora, per il reattore 2 dove la temperatura resta sopra i 100 e al momento non è ancora stata trovata la giusta strategia per il raffreddamento. E' possibile che nei prossimi giorni verrà rimodulata la portata dell'acqua nel reattore 3, perché vista l'attuale temperatura si potrebbe voler risparmiare un po' sull'acqua, che poi deve venire decontaminata. Per mettere ancora più in evidenza questi progressi, TEPCO ha rilasciato un video che vi riportiamo qui a lato girato all'interno della centrale dove sono mostrati i diversi fronti su cui si sta attualmente lavorando.

Grandi progressi anche per la copertura del reattore 1. I pannelli in materiale sintetico coprono già gran parte della struttura metallica che era stata conclusa solo il 9 settembre scorso. Ricordiamo che oltre ai pannelli, dovranno venire installati anche i servizi necessari per questioni di sicurezza e per confinare ulteriormente eventuali emissioni di contaminanti. I lavori sono comunque previsti terminare per la metà di ottobre. Sempre lato grandi opere, sono iniziati e proseguono di buon passo i lavori per la rimozione dei detriti dalle parte danneggiate degli edifici dei reattori 3 e 4.

Le nuove emissioni

Le emissioni fresche di contaminanti continuano a scendere anche se non molto rapidamente e sono costantemente monitorate come abbiamo già più volte avuto modo di far notare. Nel grafico qui a fianco vedete l'ultima stima effettuata utilizzando le misure di contaminazione dell'aria eseguite sopra i reattori sia dal lato mare sia dal lato monti. Il valore attuale sarebbe di circa 200 MBq/h. Insieme alla copertura e al raffreddamento dei reattori e delle piscine, il prossimo passo per abbattere ulteriormente le emissioni è quello di filtrare l'aria contenuta nei PCV secondo lo schema proposto qui sotto.


L'aria contenuta all'interno del PCV e che sappiamo essere contaminata, come per esempio, nel reattore 1, verrà estratta dal contenimento primaria, essiccata e quindi filtrata più volte per rimuovere tutta la componente di contaminazione volatile. Solo quando il livello di decontaminazione sarà sufficiente, l'aria verrà rilasciata in atmosfera. Il processo avverrà molto lentamente: si cercherà di trattare lo stesso volume d'aria che quotidianamente viene immesso tramite il sistema per l'iniezione di azoto. Qualcuno potrebbe essere spaventato dalla re-immissione in atmosfera dell'aria trattata, ma bisogna considerare che comunque sia questa sarà una importante riduzione rispetto alle attuali emissioni. Partiamo da questo presupposto: ogni giorno vengono iniettati circa 500 m3 di azoto gassoso in ciascuno dei tre PCV e la loro pressione resta praticamente costante, significa che le perdite di gas contaminato sono almeno pari a quelle del volume iniettato. Riuscire a filtrare il gas contenuto è sicuramente un passo in avanti verso la riduzione delle emissioni.

Il sistema di trattamento dell'acqua

Gli esperimenti ora in corso sull'utilizzo di metodi alternativi per il raffreddamento sono stati di fatto resi possibili dal sistema per la decontaminazione dell'acqua che in questo ultimo mese ha messo a segno prestazioni molto buone.


I due grafici qui sopra sono indicativi di questo successo. Analizziamoli cominciando da quello di sinistra che ha due assi verticali, quello di sinistra in percentuale si riferisce alle linee rosa e gialla, mentre quello di destra in tonnellate d'acqua si riferisce alle barre verticali. Le due linee rappresentano il cosidetto fattore di disponibilità ovvero quanto il sistema sia stato in funzione rispetto ai tempi morti legati a guasti imprevisti piuttosto che a manutenzioni programmate e preventive. La linea rosa si riferisce al sistema Kurion+Areva che, come sicuramente vi ricorderete, aveva iniziato piuttosto male, con fattori di disponibilità intorno al 60%. Discorso totalmente differente per SARRY (linea arancione) che ha iniziato subito molto vicino all'80% e ultimamente si aggira intorno al 90% e oltre. Le barre blu rappresentano la quantità di acqua totale trattata, notate come a partire dalla seconda metà di agosto, quando SARRY ha cominciato a funzionare, la pendenza sia aumentata per arrivare a oltre 95000 tonnellate totali di acqua trattata.
Il grafico di destra mostra il livello d'acqua negli edifici turbine 2 (giallo) e 3 (blu). Anche in questo caso, la partenza di SARRY è stato un evento importante perché di colpo è sceso il livello e siamo ora ben al di sotto di OP+3000, ritenuto un livello di sicurezza anche in caso di violenti piogge e lunghi periodi di stop del sistema di decontaminazione.

Esposizione dei lavoratori

La riduzione delle nuove emissioni e la rimozione della contaminazione da sito della centrale è importante anche per l'esposizione dei lavoratori. Nella tabella qui sotto vedete l 'andamento della dose assorbita e impegnata (quindi la somma di quella esterna e quella interna) per i lavoratori impegnati nella centrale estratta da questo documento


Non solo la dose media mensile è andata a scendere dai 22 milliSv di marzo (tenete conto che sono solo 20 giorni) ai circa 2 di luglio, ma anche la dose massima di un singolo lavoratore è scesa da 670 milliSv a poco più di 30 milliSv nello stesso periodo.

Solo buone notizie allora? 

Non necessariamente. Innanzitutto bisogna far notare che insieme all'abbassamento della temperatura delle pareti esterne dei vessel dei reattori, bisognerebbe assicurarsi che anche le temperature interne si stanno effettivamente abbassando ed in particolare che non ci siano dei punti caldi in cui il combustibile non è efficacemente raffreddato. Al momento non ci sono modi semplici per accedere a queste informazioni direttamente, si deve fare sempre affidamento su informazioni indirette come nel caso delle sonde induttive utilizzare per il momento sui reattori 1 e 3. Queste sono normalmente utilizzate per verificare il completo inserimento, o al contrario, la completa rimozione, delle barre di controllo, ma al momento non ci danno informazioni affidabili a causa di svariati malfunzionamenti.  Nello schema qui sopra è riportata la situazione per il reattore 1, dove vedete che per almeno metà delle barre di controllo non è possibile ottenere informazioni a causa del danneggiamento dei cavi delle sonde stesse. Per l'altra metà si sono trovati quasi tutti i punti di contatto.
La situazione è ancora peggiore per il reattore 3 dove a parte risultati inconcludenti non è stato nemmeno possibile verificare almeno uno dei quadranti. 

Altro problema, ancora legato all'acqua potrebbe arrivare dalle intense precipitazioni che anche in queste ore si stanno abbattendo su tutto il Giappone e che non hanno risparmiato la centrale. Il ciclone 1115 ROKE sta passando proprio in queste ore sopra alla centrale e nell'immagine della webcam, bisogna tornare indietro di qualche ora per poter apprezzare con la luce del sole sia il vento sia la pioggia.
E' la pioggia, in particolare a spaventare, perché stando a TEPCO ci potrebbero essere da 200 a 500 tonnellate d'acqua che entrano nei locali interrati degli edifici dei reattori e turbine ogni giorno andando ad aggiungersi all'acqua contaminata da trattare. Questo sarebbe un problema piuttosto grosso specie sul lungo periodo perché andrebbe inevitabilmente ad aumentare il volume di acqua da trattare. Resta da vedere dove sono localizzate queste crepe nelle pareti, quanto difficilmente sono accessibili e se possibile ripararle.



Le note in piccolo
clicca qui per leggere la lista completa con gli avvenimenti

15/9/2011
  • Aggiornamento sulle dosi interne+esterne ai lavoratori fino a tutto luglio. Il valore di dose massimo e medio sta scendendo velocemente rispetto al mese di marzo.

16/9/2011
  • Schema dei risultati di un esperimento effettuato con la sonda ad induzione sul reattore 1. Lo scopo è quello di capire lo stato dell'RPV e la posizione delle control rod, ammesso che le quattro sonde ancora funzionino. Servono maggiori informazioni.
  • Hanno aumentato a 2 m3/h la portata del CS di R2, ma la temperatura accenna solo ad una lieve discesa. La temperatura di R3 ha ripreso a crescere.
  • Qualche problemino su Kurion+Areva. Il sistema, ieri sera JST (fonte), mostrava fattori di decontaminazione troppo bassi (contaminazione elevata in uscita). Per capire quale elemento sia responsabile, il sistema è stato sospeso e riattivato solo Kurion per valutarne il suo funzionamento. Restiamo in attesa di ulteriori chiarimenti.
  • Cambio di programma per il CS. Aggiunto update al post di precedente. Conferma che hanno aumentato a 8 m3/h il CS di R3 e a 3 m3/h quello di R2.
  • Arrivano i risultati delle analisi dell'aria e dei vapori contenuti all'intero del PCV del reattore 1. Ridotta di circa il 50% la frazione di vapore, che è buon segno visto che il reattore si sta raffreddando. La quantità complessiva dei contaminanti è leggermente più alta rispetto alla misura precedente dove però non era stata convertita in frazione secca.     
  • Arriva i fattori di decontaminazione. La tavola è poco chiara, da quello che si capisce Areva non sta funzionando per nulla. Mentre Kurion ha fattori di decontaminazione > di 100mila, l'acqua in uscita da Areva ha molta più contaminazione dell'acqua in ingresso.
  • Arrestato per qualche ora SARRY a causa di un guasto su un sistema di controllo (fonte).
17/9/2011
  • Scende e anche velocemente la temperatura nel reattore 3 in virtù non solo dell'utilizzo del CS, ma anche e forse soprattutto dei 12 m3/h di acqua utilizzata. La temperatura è scesa sotto i 100 gradi sia sopra sia sotto. Praticamente invariata la situazione di R2 dove la temperatura è scesa solo marginalmente.
  • Raccolta fotografica di Daiichi. Impressionante progresso nei lavori di installazione dei pannelli di R1. L'edificio originale, o quello che ne resta dopo l'esplosione, è praticamente invisibile dietro i pannelli. 
18/9/2011
  • Continua a scendere rapidamente la temperatura di R3. L'abbondante acqua buttata dal CS oltre a raffreddare la parte superiore del corio riesce a raggiungere anche quella inferiore abbassando la temperatura in modo generalizzato su tutto l'RPV. Tecnica indovinata.
    Invariata la situazione su R2, dove si nota solo una quasi impercettibile diminuzione nella parte superiore. Continuare così ha poco senso, secondo me, o si prova come su R3 ad aumentare ulteriormente la portata del CS o si sperimenta sul FDW o qualcosa d'altro.
    Una nota sulla portata totale. Ho fatto due conti per vedere la portata totale di acqua impegnata per il raffreddamento. Al momento si stanno usando qualcosa come 23 m3 ogni ora che equivalgono ad oltre 3800 tonnellate alla settimana. Questo valore è ben all'interno delle capacità del sistema di decontaminazione visto che anche Kurion da solo riesce a trattare 30 m3/h. A questi vanno aggiunti quelli di Sarry e quelli aggiuntivi prodotti dall'evaporazione. Qualora ci fosse uno stop totale del sistema di decontaminazione, si potrebbero utilizzare le 9000 tonnellate di acqua già preparata ed accumulata.
    Mi viene da pensare che questi esperimenti sul raffreddamento erano programmati da qualche tempo, ma hanno atteso di esser pronti con l'acqua prima di iniziare 
19/9/2011:
  • Perdita da uno dei sistemi ad osmosi inversa. Isolato l'apparato e in fase di riparazione. Qui la foto della perdita.
  • Aumentato a 4 m3/h la portata del CS di R2. Così com'era non aveva senso continuare l'esperimento. In questo momento la portata totale è circa 8 m3/h ugualmente distribuita tra FDW e CS. Vedremo domani l'effetto. 
20/9/2011:
  • Riparte il raffreddamento della piscina comune che era stato sospeso causa cambio origine alimentazione. 
  • Un operaio ha perso la maschera mentre lavorava all'esterno. Verrà eseguito WBC (fonte) con esito negativo (fonte)
  • Aggiornamento della roadmap con tutti i documenti allegati 
21/9/2011:
  • Come per il reattore 1, anche per il 3 è stata fatta l'analisi con le sonde ad induzione. I risultati sono pressoché identici e non ci dicono molto.

---
Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

149 commenti:

  1. impressionate il vento, l'acqua , i dosimetro pure lui non scherza...http://pon.bex.jp/all2.html

    RispondiElimina
  2. guardate qui su imagine NASA il tifone................http://earthobservatory.nasa.gov/NaturalHazards/view.php?id=52224

    RispondiElimina
  3. altre notizie dal tifone ..........amche qui (oltre le mie fonti ) afferamno che una gru sarebbe caduta sul 3...ma è tutto da verificare...ma anche qui lo ribadisce....;:( sperimao niente danni...;.(

    RispondiElimina
  4. caspita la foto sembra piuttosto chiara anche se è difficile capire la profondità. stiamo a vedere se e quali sono le conseguenze.

    RispondiElimina
  5. come se non bastasse la webcam è spenta!

    RispondiElimina
  6. Allora, facciamo un po' di chiarezza. Guardate il video http://youtu.be/mjZDoTzs2_4

    Intorno al minuto 5 potete vedere che una gru viene lentamente piegata e "posteggiata" davanti al reattore 3. La posizione è probabilmente solo apparente vista la mancanza di profondità di campo. Mi sembra di escludere che sia caduta, perché l'intera operazione dura svariati minuti quando al più dovrebbe durare secondi.

    Molto meglio così!

    RispondiElimina
  7. speriamo;.) ma hai visto su tbs quanto sono forte le raffiche ancora???

    RispondiElimina
  8. toto guardati questo video https://www.youtube.com/watch?v=1Eg9HW9tKbs&feature=player_embedded#!

    RispondiElimina
  9. per toto se ingrandisci la tbs cos'e allora quel coso di traverso in orizontale???

    RispondiElimina
  10. secondo me, esattamente come prima, è la gru in piegata in parcheggio. guarda il video mio di prima e vedi tutta la sequenza. se fosse caduta sarebbe stata ben differente non credi?

    RispondiElimina
  11. Anche se questo tipo di articoli non li commento mai per ignoranza in materia, li leggo sempre e devo farti veramente i complimenti per la qualità e completezza. Davvero bravo Toto. :)

    Un saluto. :)

    RispondiElimina
  12. Circa i rilasci di aria contaminata, ma anche per la complessiva gestione della temperatura, mi chiedo se proprio non riescano ad allagare completamente i Vessel. Probabilmente così facendo le perdite di acqua dalle penetrazioni compromesse non riescono ad essere gestite. E' questo secondo voi il problema?
    Ciao
    SM

    RispondiElimina
  13. video interno centrale http://www.youtube.com/watch?v=ILPklEDOLbo

    RispondiElimina
  14. Situazione reattori

    Si inizia a intravedere un trend a scendere per la temperatura di R2 con il termometro che nella parte alta sta sfiorando finalmente i 100 gradi.

    Le unità 1 e 3 sono ormai sotto gli 80 gradi. Bisognerebbe forse valutare la stabilità della temperatura di R3, variando il flusso.

    L'abbassamento della temperatura nell'1 che sembrerebbe apparentemente immotivata, è correlata con la variazione a scendere delle temperature nelle 4 piscine e potrebbe essere legata a fattori ambientali che hanno abbassato la temperatura dell'acqua iniettata.

    La webcam è stata riattivata dopo il ciclone, sul sito TEPCO è apparsa la motivazione: interruzione della linea di trasmissione dati. Cosa molto verosimile. Nelle immagini della webcam registrate questa mattina e disponibili su youtube la gru del 3 stava lavorando in tutto il suo splendore. Nelle immagini attuali, invece è già parcheggiata; forse attendono mal tempo per il pomeriggio. 

    RispondiElimina
  15. Grazie LeNny :) Mi piacerebbe scrivere anche d'altro, ma in questo momento è meglio aspettare quando avremo recuperato un po' di fiato! Poi passo da te a capire cosa ne pensate del nuovo allenatore.

    RispondiElimina
  16. Ciao SM, benvenuto!

    L'idea di allagare completamente i PCV era stata accantonata temporaneamente durante la prima fase della roadmap e poi rimandata a data da destinarsi quando si è passati nella seconda fase. La motivazione era che era più l'acqua che usciva di quella che riuscivano a fare rimaner dentro.

    Riempire gli RPV, invece, secondo me non è completamente impossibile. Con la temperatura che si sta abbassando nella struttura di acciaio, è possibile che il livello di acqua nell'RPV stia aumentando e questo dovrebbe per lo meno accelerare il processo di raffreddamento, o sbaglio?

    Stiamo a vedere cosa riescono a fare con il sistema di filtrazione, il punto è che i risultati si potranno misurare solo in termini di emissioni fresche e quelle stime (parere mio personalissimo) sono piuttosto approssimative.

    RispondiElimina
  17. ma almeno potevi mettervi il video che ho postato io su YT e aggiunto a questo post.. :(

    RispondiElimina
  18. Qui il video di quando la gru viene nuovamente riparcheggiata davanti al reattore 3. Intorno al minuto 2

    http://youtu.be/Ix9RHMvsMPo?t=2m3s

    RispondiElimina
  19. Guardate nella foto, come l'acqua piovana sta entrando negli edifici turbine. Qui un particolare dell'unità 6, ma temo che possano essere tutte più o meno nelle stesse condizioni.

    L'acqua entra pulita, si mischia con quella contaminata e ne aumenta il volume.

    RispondiElimina
  20. Per la serie GRANDI IDEE

    Ecco una pecca del sistema Kurion Areva! Non hanno previsto il passaggio dell'acqua decontaminata in un impianto di refrigerazione prima di pomparla di nuovo ai reattori.

    RispondiElimina
  21. hihih toto excuse moi!!!! ma lo sai che ero certa che il tvideo su fosse ancora il "groviglio di tubi" ???? desolata....batto umilmente in ritirata....!!! :-)

    RispondiElimina
  22. ma cara Gio...i Francesi (indi metà progetto...) NON PECCANO MAI  :-) la grandeur glielo impedisce ...ci deve essere stato un errore a monte da parte di Kurion......stanne certissima:-))))))

    RispondiElimina
  23. sono bionda e non ho capito nulla perl'1 ...! scusa ma erano giorni che gia scendeva la Temperatura vero? 

    RispondiElimina
  24. mamoru_giappopazzie22 settembre 2011 08:57

    Non ho capito in che senso, anche io ho lavorato su impianti in non cui non era previsto (=non fornito) il passaggio in uno scambiatore e ce lo abbiamo messo in un secondo momento.
    Dal punto di vista tecnico si tratta di chiudere una valvola  tagliare un pezzo di tubo, attaccare i tubi dello scambiatore e ricollegarsi a valle, occorre vedere cosa hanno messo nella specifica tecnica di fornitura.

    In pratica hai un tubo che entra in una scatola (il sistema ku/ar) da una parte e ne esce dall'altra, a questa ci attacchi uno scambiatore di calore che "interrompe" la tubazione.
    Con le pompe che hanno messo non dovrebbe essere un problema in termini di perdite di carico etc. pero' se hai un link che lo spiega bene mi interesserebbe.

    RispondiElimina
  25. Caro Mamoru, dalle parole di Toto sulla situazione reattori che eventualmente fattori ambientali hanno abbassato la temperatura dell'acqua iniettata ho dedotto che l'acqua iniettata non viene raffreddata. Non so assolutamente nulla, ignoro se il sistema Kurion Areva preveda o no uno scambiatore di calore,  se lo hanno aggiunto o no quelli della Tepco, non avevo intenzione di sollevare un vespaio. Io pensavo comunque, per la serie GRANDI IDEE proprio a un grosso frigorifero  o una ghiacciaia :-)  Avevo dimenticato di mettere gli asterischi che contraddistinguono le battute spiritose, pensavo bastasse il titolo.

    RispondiElimina
  26.  Salve toto, e scusami...  ma "guardate nella foto"... quale foto?... nel messaggio precedente hai linkato un video su YouTube...

    RispondiElimina
  27. Ciao PEAK, allora ci sei! Vedo che hai notato anche tu che Toto ultimamente soffre di attacchi di panico dovuti alle infiltrazioni di acqua piovana ( e di falda aggiungerei io)...

    RispondiElimina
  28. Giovanna, stando agli schemi che abbiamo a disposizione, l'acqua in uscita che viene pompata nei reattori non viene raffreddata. Dovendo raffreddare una cosa che è a 100 gradi, non cambia molto se ci butto acqua a 20 o a 10 gradi, specie se il mio target è arrivare a 30 - 40.

    Ad ogni modo non sarebbe solo un problema di Kurion+Areva. Perché entrambi i sistemi Kurion+Areva e Sarry, buttano la loro acqua pulita in una cisterna di buffer; eventualmente sarebbe l'acqua in uscita da questa cisterna a necessitare il raffreddamento. Ripeto ammesso che serva.

    Per le piscine del combustibile esausto, se vi ricordate, ci sono due circuiti chiusi, quello primario che prende acqua direttamente dalla vasca, quello secondario che scambia con il primario e con uno scambiatore acqua / aria esterno. A meno che lo scambiatore acqua / aria non sia una macchina frigogena, altrimenti può abbassare la temperatura dell'acqua a quella dell'aria. mamoru_giappopazzie, ricordo che tu avevi trovato altre info su questi scambiatori, sbaglio? Se ricordo bene, potresti verificare se hanno un chiller o sono solo scambiatori?

    Però non prendete la mia ipotesi sulle condizioni ambientali troppo sul serio, potrebbe essere una [BIIIP] pazzesca!

    RispondiElimina
  29. infatti. guarda la temperatura delle piscine http://www.unico-site.comze.com/techapp/temp-sfp.html anche loro hanno avuto una diminuzione improvvisa negli ultimi giorni.

    RispondiElimina
  30. il buon vecchio disqus si è mangiato la foto! riproviamoci: https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc7/s720x720/317382_284140294931252_189044364440846_1214524_335911011_n.jpg

    RispondiElimina
  31. scusate ma sono molto raffreddato e questa mia giornata lavorativa è iniziata alla 1:20 questa notte!

    mi sembra strano che a quella altezza possa esserci la falda. Siamo praticamente in riva al mare e quel punto (se i disegni sono veri) si trova a OP+3000 circa, ovvero a 3 metri sopra il livello del mare. Vorrebbe dire che la centrale è praticamente una palude :)

    però non sono un esperto, prova a chiedere ad un geologo se lo conosci :)))

    RispondiElimina
  32. Ciao "E"... si, ci sono ancora, ma come il gatto dello Cheshire di Alice nel Paese delle Meraviglie sto scomparendo piano piano... "7 giorni all'alba", come direbbe uno che ha fatto la naja... sto scomparendo da ITER, e per effetto tunnel compariro' subito dopo da un'altra parte...
      Comunque, si, a parte queste considerazioni personali (che ho fatto anche per spiegare perche'  non ho mantenuto la promessa di scaricare dei pdf... lo faro' appena posso), ho notato anch'io che toto e' un po' stanco, non e' efficace come lo e' stato in passato... che succede toto? :-) (oh... si scherza, sia chiaro).


       Roberto

    RispondiElimina
  33. traduzione approssimativa purtroppo............http://sankei.jp.msn.com/science/news/110921/scn11092113420003-n1.htm

    RispondiElimina
  34. ho capito toto ma anche perché cambiava la portata di acqua come dicevi sempre giorni fa mentre sull' 1 non ci sono state variazione a tal proposito... e quindi???

    RispondiElimina
  35. ma porcocane...io ero rimasto di la' e vedevo che nessuno scriveva........ :))))

    RispondiElimina
  36. Curiosità
    Il modulo da compilare per la richiesta di risarcimento danni dalla Tepco è di 60 pagine, il manuale di istruzioni per la compilazione di 156 pagine http://www.japantoday.com/category/national/view/tepco-compensation-hotline-overwhelmed-by-complaintshttp://www.majiroxnews.com/2011/09/14/tepco-blasted-over-60-page-compensation-application-forms/

    RispondiElimina
  37. Non sono sicuro che ci siamo capiti. A me stupiva il fatto che la temperatura di r1 fosse diminuita apparentemente senza motivo. L'unica spiegazione che mi sono dato è legata alla situazione ambientale che potrebbe anche essere una super stupidaggine.

    Ecco come ci sono arrivato.

    Guarda questa pagina:
    http://www.unico-site.comze.com/techapp/temp-sfp.html

    sono le temperature delle quattro piscine. Noterai che negli ultimi giorni c'è stata ima generale diminuzione della temperatura. La portata nelle piscine non c'entra nulla con quella dei reattori. Questa diminuzione è correlata, ovvero mi sembra che tutte stiano diminuendo in sincronia.

    Ora guarda quest'altra pagina
    http://www.unico-site.comze.com/techapp/r1.html

    ci sono solo i grafici del reattore 1. Vedi che l'improvvisa e apparentemente immotivata diminuzione della temperatura nel reattore 1 (primo grafico in alto a sinistra) inizia proprio in sincronia con la diminuzione della temperatura nella piscina (ultimo grafico in basso a destra). Da qui ho fatto un salto mentale (che è possibile che sia sbagliato) e mi sono detto che i due fenomeni (abbassamento  temp in RPV e in SFP) potrebbero avere la stessa origine.

    Allora ho fatto un passo indietro e mi sono chiesto: cosa potrebbe provocare l'abbassamento della temperatura delle piscine e che allo stesso tempo potrebbe aver influito sulla temperatura di R1?  Mi sono ricordato come è fatto il circuito di raffreddamento delle piscine, con un circuito primario, uno secondario e uno scambiatore acqua / aria. Se lo scambiatore acqua / aria non fosse raffreddato di suo, ovvero abbatte la temperatura dell'acqua del secondario alla temperatura dell'aria, allora potrebbe essere che una diminuzione della temperatura ambiente si sia fatta sentire nelle piscine e allo stesso tempo anche nella cisterna in cui viene stoccata l'acqua trattata pronta per essere buttata nei reattori.

    Se così fosse dovremmo vedere una diminuzione simile anche su R3 e R3, cioè su tutti e tre questi grafici
    http://www.unico-site.comze.com/techapp/temp-rpv.html

    Per il 3 è difficilissimo da notare visto che sta cadendo a precipizio a causa dell'aumento della portata nel CS e per il 2 si intravede una leggerissimo diminuzione ma non possiamo dire esattamente di che cosa si tratta.

    E non ditemi che si sente rumore di unghie sui vetri... lo sento anch'io! :)

    RispondiElimina
  38. colpa mia che non ho avvisato, sorry.

    se usate un news reader e vi iscrivete al feed RSS dovreste venire informati di quando ci sono nuovi articoli.

    RispondiElimina
  39. cosa dici, hanno fatto un corso di base nel Bel Paese seguito da uno di aggiornamento in Francia?

    RispondiElimina
  40. toto Perdindirindina, non riuscivo a capire la tua osservazione sulla palude, mi son detta il ragazzo sta veramente male,  finché non ho riguardato il mio post...stranamente ellittico. Mi sono mangiata due parole (già corretto). Ti pareva che non avevi ragione tu...
     Per mettere i puntini sugli i in verità c'è una falda sotto l'impianto, secondo il diagramma Tepco per la costruzione del muro, naturalmente a una qualche  profondità , che pian piano si arricchisce anch'essa di acqua contaminata proveniente dalle crepe dei sotterranei e in genere dall'intera zona grazie alle infiltrazioni di acqua piovana ( per non parlare delle enormi quantità di acqua di mare scaricate all'inizio). Ci siamo chiariti no?

    RispondiElimina
  41. No  pluthermal power? No party.

    http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/news/20110921p2g00m0dm048000c.html

    RispondiElimina
  42. ho dovuto rileggere tutto un paio di volte per capire, ma questa volta è sicuramente colpa mia e di quel maledetto involtino di cavolo che ho mangiato, specialità polacca. Perché ho quel maledetto vizio di lasciarmi tentare dalla cucina estera?

    Per il momento l'inquinamento della falda sembrerebbe essere molto localizzato tanto i valori sull'acqua potabile fuori sono tutti puliti. Però hai ragione e non si può certo escludere a priori.

    :)

    RispondiElimina
  43. Voglio strafare, ho trovato una traduzione più decente dell'articolo postato da Anonima sul buco al reattore 2

    Reactor 2 Containment Vessel May Have Had a Hole Right After March 11 Earthquake according to a government researcher at Japan Atomic Energy Agency (JAEA).

    http://ex-skf.blogspot.com/2011/09/fukushima-i-nuke-plant-reactor-2.html
    Ma anche se non sono bionda non ci ho capito niente lo stesso

    RispondiElimina
  44. "ho dovuto rileggere tutto un paio di volte per capire,".................dice toto.....Egiovanna se ci fai caso l'ha detto da poco pure a me riguardo ad un altra osservazione.....mhhhhhhhhh........fosse che fosse maschilista...:-))))

    RispondiElimina
  45. il solito Ste..................:-)
    pensa quanto hai cliccato a vuoto!!! ehehehehe e noi si pensava che ci snobbavi...tanto non e rimasto nessuno!!!!!!!!!! tranne pochi??? nemmeno Valeriano parla piu:-( 

    RispondiElimina
  46. questo sito dovrebbe piacere alle vostre piccole teste e menti da scienziati ;.)))) http://bos.sagepub.com/content/current

    e poi una foto della perdita al 6 ........http://www.japannewstoday.com/?p=4307

    RispondiElimina
  47. OT ma a leggere........http://www.repubblica.it/scienze/2011/09/22/news/frammenti_satellite-22060086/

    RispondiElimina
  48. http://www.gen4.fr/blog/2011/09/les-infos-de-fukushima-2209.html?utm_source=twitterfeed&utm_medium=facebook&utm_campaign=Feed%3A+Gen4-LeNuclaireBilanEtPerspectives+%28gen4+-+Le+nucl%C3%A9aire%2C+bilan+et+perspectives%29&utm_content=FaceBook
    acqua radiaottiva e vari

    RispondiElimina
  49. Sul primo punto, TEPCO stessa in accordo con la NISA ha ridefinito il cold shutdown aggiungedo alla condizione di raffreddamento stabile anche l'annullamento o quasi delle emissioni fredde. Più di così non si può dire e per questo nessuno di loro ha ancora annunciato il cold shutdown nemmeno del reattore 1.

    Sul punto 2 mi trovi d'accordo. Per come è messo il combustibile, potrebbe non essere sufficiente sapere la temperatura dei recipienti a pressione. Vediamo cosa si inventano per vedere dentro...

    Per il terzo punto, non lo so. Bisogna capire come e dove sono localizzate le perdite. Secondo me al momento è troppo presto per sbilanciarsi in una o nell'altra direzione.

    Per il buco nel PCV di R2 causa terremoto, boh... se lo dicono sarà, ma fin tanto che fanno girare le simulazioni e solo quello è piuttosto difficile fare un'affermazione del genere ed esserne pure certo.

    RispondiElimina
  50. ho letto l'articolo sulle conseguenze alla salute e alla psiche a causa del disastro qualche giorno fa, ma mi ero frenato dal postarlo perché sarei potuto essere tacciato di essere di parte.

    Ad ogni modo, vale la pena di leggerlo!

    La foto del 6 non è la stessa che abbiamo postato questa mattina all'alba?

    RispondiElimina
  51. vai in fondo alla prima pagina di questo documento
    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_110922_02-e.pdf

    e guarda di quanti cm si è alzato in un solo giorno il livello di acqua nei locali interrati. Mi vengono i nervi a pensare che si era già sulla buona strada e adesso è si sono fatti parecchi passi indietro colpa dell'acqua.

    A farmi innervosire ulteriormente è che la prossima pioggia sarà ancora lo stesso problema fin tanto che non si trova un modo per sigillare le perdite.

    RispondiElimina
  52. Hanno variato le portate del raffreddamento per i reattori. Domani avremo la conferma con i numeri, ma se ho ben capito la descrizione questa dovrebbe essere la situazione attuale:

    Reattore 2: Core spray da 4 a 5 m3/h, FDW lasciato a 4 m3/h
    Reattore 3: Core spray invariato a 8 m3/h, FDW abbassato da 3.8 a 3 m3/h

    Domani vedremo le reazioni delle temperature.

    RispondiElimina
  53. che dici soo distratta in questo priodo??? sara che sono un po stressata da futuri avvenimenti? :-)

    RispondiElimina
  54. per non parlare dei miei... in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  55. crepi il lupo...........per ambedue questo c... o di lupo deve crepare!!!;.))) 

    RispondiElimina
  56. Allora noto che Ste ha ripreso piu vivamente che mai la sua attività ptreferita ma di questi giorni diro solo ............BENONE!!! Di solito l'attività di Ste porta bene ,.) 
    poi noto anche che ci siamo giocati Valeriano? ma Vale no parli piu??? ;.((((

    RispondiElimina
  57. Valeriano è in ferie! Dovrebbe tornare domani...

    RispondiElimina
  58. Velocissimo aggiornamento. 

    Cambiate le portate dei reattori 2 e 3
    Temperatura di R2 scende sotto i 100 gradi nella parte alta.  
    Temperatura R3 frena, ma continua a scendere. 

    Video con lo stato degli strumenti per la misura dei parametri dei reattori. Speriamo che la prossima settimana ci mettano il video con anche le sonde ad induzione che mi sembrava interessante 

    ps. AnonimaFrancese guarda il video, prima di ripostarlo :-)

    RispondiElimina
  59. Detected high levels of hydrogen containment piping "low risk of explosion"2011.9.23 14:28 TEPCO 23, leading to the containment vessel of the Fukushima No. 1 nuclear power plant 1 "spray system," announced that it has detected a high concentration of hydrogen in excess of 1%, referred to as the pipe. 4% hydrogen concentration, and could explode if the oxygen concentration exceeds 5%, TEPCO "(to prevent hydrogen explosion) and sealed with nitrogen and oxygen are very close to zero as a" blast believes that the risk is low.http://sankei.jp.msn.com/affairs/news/110923/dst11092314300005-n1.htm

    RispondiElimina
  60. http://t1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcS2ABd8JlLXcK3TST2AsXHqAK7zJNi9vYwKkWAb4aNgNudu01g2

    RispondiElimina
  61. :-) spiritoso!! 

    RispondiElimina
  62. ho visto anch'io questa mattina. la cosa che mi disturba è che pensavano di usare questi tubi per collegare il sistema di rimozione dei contaminanti dal PCV, ma per farlo devono prima togliere l'idrogeno. Chissà come verranno fuori da questo circolo vizioso.

    RispondiElimina
  63. mappa della radioattività naturale del Giappone...http://www.geosociety.jp/hazard/content0058.html#map

    RispondiElimina
  64. Grazie toto per la risposta.
    Aggiungerei un paio di cose. Mi sembra di aver letto che non vogliano allagare il contenimento secondario per paura di ulteriori scosse sismiche che potrebbero danneggiarli in misura maggiore da pieni piuttosto che da vuoti. Credo si tratti di un problema di resistenza meccanica.
    In ogni caso, considerata la bassa conducibilità termica dell'ossido di uranio e considerato che dovrebbero esserci nei Vessel delle masse abbastanza compatte di corium, penso che l'allagamento sia l'unico modo efficace per scendere stabilmente sotto i 100°C, non credo che con gli spray ci riescano in tempi brevi.
    Nondimeno sono ottimista visti i dati che emergono dai grafici più recenti sui n.1 e n.3. Il n.2 mi sembra messo peggio.
    Ciao
    SM

    RispondiElimina
  65. Ciao SM, ricordo che avevano pubblicato tutto un lavoro sulla resistenza meccanica e che erano risultati soddisfatti. Sono d'accordo con te e con il tuo ottimismo. Vediamo cosa succede per il 2. 

    A proposito vado ad aggiornare i grafici.

    RispondiElimina
  66. mamoru_giappopazzie24 settembre 2011 10:22

    le mappe le avevamo linkate a bordo pagina da un po' di tempo ;-)

    RispondiElimina
  67. mamoru_giappopazzie24 settembre 2011 10:28

    non era per polemica, solo che la cosa mi incuriosiva.

    toto  qui sotto lo ha spiegato bene.
    Inoltre considera che la sola esposizione all'aria di centinaia di metri di tubazioni (che non sono isolate termicamente) causa una dissipazione di calore non trascurabile perche' la temperatura dell'acqua e' parecchio piu' alta di quella ambientale e in inverno lo sara' ancora di piu'.

    RispondiElimina
  68. mamoru_giappopazzie  :-) chuttt.....potevi glissare no??? ;-) ecco che ti ci metti pure tu:-) già ho lo sguardo severissimo di toto lungo la schiena..,,,,;.) son dolori qui!!! 

    RispondiElimina
  69. stasera sul canale ARTE ore 19 15 http://www.arte.tv/fr/content/tv/02__Universes/U1__Comprendre__le__monde/02-Magazines/13__ARTE_20Reportage/01_20Cette_20semaine/edition-2011.09.21/01__reportage1__fukushima/4157530.html

    RispondiElimina
  70. ohiohiohio....mi ero persa l'ultimo video di A: Gundersen...........http://fairewinds.com/updates

    RispondiElimina
  71. Scusate l'assenza, ma mi ero velocissimamente eclissato su un altro aspetto fisicamente eccezionale... 

    Ci sono due video interessanti che forse vi va di guardare. Entrambi sono stati pubblicati oggi da TEPCO e riguardano le riprese dei reattori 2 e 3 dall'alto. Per il numero 2 la ripresa è fatta dalla "finestrella" laterale. 

    In entrambi i casi si vede ancora vapore salire che significa che l'acqua che filtra dal RPV è ancora calda da evaporare copiosamente. 

    Reattore 2: http://www.youtube.com/watch?v=RYKefr4-IDs
    Reattore 3: http://www.youtube.com/watch?v=wHAK2MKyiCQ

    Per i reattori, le temperature si stanno stabilizzando

    RispondiElimina
  72. azz...io pensavo che le emissioni di vapore fossero terminate da tempo

    RispondiElimina
  73. purtroppo no, Ste. Sono decisamente meno intense, sicuramente ti ricordi le fumate dei mesi scorsi, ma fin tanto che butti acqua fredda in un pentolone bollente c'è da aspettarsi un po' di vapore. 

    RispondiElimina
  74. Non c'entra con Fukushima, ma penso sia  dovuto un omaggio a questa scoperta ( da buona abruzzese sono orgogliosa della mia montagna, senza di lei non se ne faceva niente)

    Votano: i neutrini più veloci della luce
    http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2011/09/24/news/votano-i-neutrini-piu-veloci-della-luce-5019259
    Più informazioni sul progetto neutrini in
    http://operaweb.lngs.infn.it/spip.php?rubrique1&lang=en

    Mi sembra di distinguere un po' di amarezza in
    http://www3.nhk.or.jp/daily/english/23_26.html

    e per finire lo scandaloso comunicato della Gelmini
    http://www.corriere.it/cronache/11_settembre_24/gelmini-velocita-luce_d91a222c-e6a4-11e0-93fc-4b486954fe5e.shtml?fr=box_primopiano

    RispondiElimina
  75. posso aggiungere alla tua ottima rassegna stampa anche un pizzico di orgoglio comasco? 
    http://goo.gl/WVGi0

    sulla figura di menta della Gelmini non ho veramente parole. Queste cose mi fanno davvero venire il mal di pancia, perché non solo non sai di cosa stai parlando, ma ti manca persino il minimo di buon senso per capire che 730 km di tunnel sono un'opera praticamente irrealizzabile e che pagarla 40 mln è ridicolo. Posso capire che uno non distingua un neutrino da neutrone, o che non conosca la relatività generale. Ma il buon senso...

    Basta cambio discorso. E per farmi male, questa sera andrò a vedere la partita dell'inter così è sicuro che mi viene la gastrite!

    RispondiElimina
  76. Tanto di cappello Toto, e scusa se non ho visto l'articolo a lato ( ho i paraocchi e guardo raramente ai lati) . Tu però scusa potevi accennarne qui su un post, cose così eccezionali accadono di rado ... Ecco qua,  dopo la strigliata affettuosa ti auguro buon divertimento alla partita, anch'io da giovane ero dell'Inter, era l'inter di Mazzola e Facchetti,  pensa un po'...

    RispondiElimina
  77. ma quel geigerino :) che qualche mese fa' zampillava dall'1 o dal 2 (non ricordo) altamente radioattivo....se ne sa' qualche cosa ?

    RispondiElimina
  78. Sì, in effetti, hai ragione, sono chilometri di tubi, bastano  e avanzano  per raffreddare...

    RispondiElimina
  79. Una curiosità sempre a questo proposito. Anche i Giapponesi hanno il loro CERN + GranSasso. Si chiama T2K e l'esperimento è iniziato a febbraio 2010. 

    Come per opera, lo scopo principale non è rimisurare la velocità della luce, ma osservare le oscillazioni dei neutrini. Opera guarda oscillazioni di neutrini mu in neutrini tau, T2K guarda neutrini mu che si trasformano in neutrini elettronici.

    RispondiElimina
  80. Ieri sera (JST) SARRY si è arrestato in modo automatico. Sono attualmente in corso le indagini e le verifiche per capirne le motivazioni. Continua l'iniezione di acqua nei reattori perché ce ne era in abbondanza. 

    Ieri è finalmente ripreso il trend generalizzato a scendere dei livelli di acqua nei locali interrati, che sia finita l'acqua piovana? 

    RispondiElimina
  81. non conosco il clima del giappone..... quale è il periodo "piovoso" ?

    RispondiElimina
  82. Ste???  eccoti un concentrato di : http://www.meteogiornale.it/notizia/17324-1-il-clima-del-giappone-honshu-shikoku-kyushu-i-record

    RispondiElimina
  83. era dall'1 giusto Egiovanna? Non se ne sa più nulla. E' verosimile che sia diminuito almeno in portata con l'abbassarsi della temperatura del nocciolo. Ma non sappiamo nulla più.

    RispondiElimina
  84. bello !!!!!!!

    non ci ho capito una mazza :)

    RispondiElimina
  85. Guglielmo Montoro25 settembre 2011 12:49

    Vediamo se funziona il mio account multipersonalita' unificato ... Disgust/tweet ... Ma della Maria Stella si conosce il tipo di test che ha dovuto superare per essere assunta?

    RispondiElimina
  86. allora facciamolo semplice:questa vale per l'estate;  l'estate arriva da Giugno a Settembre dove il caldo raggiunge  il suo apice ad agosto. (notare che Tokio ed Atene stanno sulla stessa latitudine) ci sono in questa stagione due periodi distinti: una stagione delle piogge in Giugno e in settembre,.che indicano l'ingresso e l'uscita dell'estate dovuto alla risalita de venti tropicali sui due versanti dell'arcipelago. Una stagione calda e calda umida da luglio a fine agosto.,A settembre(fine settembre) quando le masse d'aria si spostano verso sud è il periodo dei grandi venti, i tifoni. questo periodo finisce a fine ottobre il tempo rimane mite fino a novembre....per l'Inverno: nella zona settentrionale le terre sono confrontate da novembre ad aprile a un inverno rigoroso dovuto al vento dalla Siberia orientale freddo e umido il quale incastrato nel rilievo montagnoso crea nelnord ovest del paese importante nevicate....all'opposto , nella parte est invece, l'arcipelago subisce un vento freddo ma asciutto chiamato  karakaze o vento Cinese responsabile di un inverno clemente , assolato, e poco piovoso..  va meglio cosi Ste?????

    RispondiElimina
  87. Guglielmo Montoro25 settembre 2011 13:55

    Ecco perché quando i giapponesi vengono in Italia gli sembra il paradiso (più spesso un Safari tra le belve feroci) ... gente che quando parla sembra che litiga, clima ne secco ne umido, cielo azzurro, colori vivaci, grandi costruzioni in pietra, case ricche all'interno, grandi quantità di opere d'arte, e poi l'aria oltre ad essere fresca è anche libera, niente controllo sociale, zero regole ... Che Meraviglia! Ho amici giapponesi a Milano che hanno scoperto il "ma che cazz ..." suonando il clacson in auto e facendo il classico gesto con la mano, e si sentono finalmente vivi. :-)

    RispondiElimina
  88. Gughi che piacere risentirti;.))))))))))))) con Vantaggista ne parlavamo pochi giorni fa preoccupati del tuo silenzio::..un caro saluto e te e la tua famiglia...come state??? ;.)))) 

    RispondiElimina
  89. che dite di questo gas? so che ne abbiamo gia parlato pochi giorni  fa (lo dico a toto; :-) )  ma se ben ricordo allora parlavano di idrogeno.... e qui invece parlano di gas non identificato....mi sono persa qualche cosa secondo te?? http://french.ruvr.ru/2011/09/24/56672404.html

    RispondiElimina
  90. Guglielmo Montoro25 settembre 2011 14:25

    Ciao Francesina, tutto bene ... sono una nuvola probabilistica nel cielo italico ... forse fra 6 ore sarò sopra la tua testa per un istante (a 11000 metri ... tranquilla) ... La mia Family e' in Japan ... Tutto OK. Ma anche il Wanty si scorge poco ... per fortuna che non manca il dito si Ste che nei momenti di solitudine fa tanta compagnia ... ;-) Certo che anche voi Francesini tra Sark la consorte e Str/Kan non siete messi bene ... Temo che vi siate .... Americanizzati anche voi

    RispondiElimina
  91.  Salve: parlano di gs non identificato perche' vogliono fare un articolo sui misteri del nucleare (come se non ce ne fossero abbastanza). Oltre all'idrogeno cosa puo' ragionevolemente esserci? Il giacimento di metano nascosto da TEPCO negli anni 60 per poterci costruire sopra la centrale?
      Mah...

      Roberto

    RispondiElimina
  92. Per essere precisi... qui sopra sto rispondendo alla francesina de noantri... ho premuto "rispondi"  ma ha scritto il messaggio come se fosse uno nuovo...

    RispondiElimina
  93.  Ah! Ah!... tought luck!... hanno scelto la coppia di neutrini sbagliati!... la furbizia italica li ha fot*uti di nuovo! :-)

    RispondiElimina
  94. Ciao: il test e' ben noto. E' consistito (non sto scherzando) nel riuscire ad acquistare un biglietto aereo per Reggio Calabria, dove la prestigiosa soubrette Marie Etoile sarebbe in seguito riuscita a superare l'esame di stato... senza di quello avrebbe al massimo potuto ambire ad un posto di sottosegretariessa aggiunta.

       E' un caso di caduta libera, ma non della Marie Etoile... del paese intero che l'ha votata/accettata come ministro della ricerca scientifica.

      Roberto

    RispondiElimina
  95. merci Peakoil;.)

    RispondiElimina
  96. E  ma dai. pensi hehe ......:-) anche li  in Francia un bel balletto di poca sostanza vero? ;.))) ma stai tornando in Italia oppure torni dai tuoi? progetti invece????

    RispondiElimina
  97. ieri, solo l'insperata e tanto attesa vittoria dell'inter ha saputo ritirarmi sul il morale. sai la cosa che mi da più ai nervi? hai sbagliato? capita a tutti, chiedi scusa e paga pegno. invece no, devo trovare una scusa per giustificare l'ingiustificabile. 

    RispondiElimina
  98. Ragazzi, su FB ci segnalano possibile acqua contaminata a Sendai... facciamo un giro di verifiche?

    RispondiElimina
  99. quale potrebbe essere un gas infiammabile e diverso dall'idrogeno contenuto nel reattore? Non so come funziona la rivelazione di un gas infiammabile, ma pensavo avvenisse attraverso la sua identificazione chimica. 

    RispondiElimina
  100. Tutte le volte mi ripropongo di leggere tutti i commenti prima di rispondere, ma poi cedo alla tentazione e rispondo al volo con commenti identici a quelli che mi hanno preceduto. 

    Sorry, :)

    RispondiElimina
  101. Guglielmo Montoro25 settembre 2011 15:22

    colpa di Disgust ... non è sequenziale ma non è neanche non-sequenziale ... è come giocare a mosca cieca ... non sai mai dove sta succedendo il bello :-)

    RispondiElimina
  102. Guglielmo Montoro25 settembre 2011 15:30

    Roberto io sono di Catanzaro (ci nacqui ma non vissi) le Marie Etoile ha preso residenza in Calabria, poi si è iscritta all'esame poi ha preso l'abilitazione, ma questo non è il test di assunzione, è quello propedeutico a ... ecco ero curioso di sapere le caratteristiche del test successivo ... lambada?  limbo? ... trenino? Forse trenino .... tunnel-trenino .... si ci azzecca. :-)

    RispondiElimina
  103. Guglielmo Montoro25 settembre 2011 15:34

    (risposta da intendersi successiva a quella sottostante) ... sono in vari punti d'Italia (ancora non contemporaneamente) da 20 giorni .... rimbalzo da sede di banca in sede di banca ... per fare corsi ... tipo quale lavoro dopo il crollo bancario? hahaha .... che ridere ... 

    RispondiElimina
  104. Dimentichi l'accendino...:-)

    RispondiElimina
  105. che è il metodo preferito dagli installatori di cucine per verificare che il tubo del metano non perde! :)

    RispondiElimina
  106. Situazione piuttosto statica come potete vedere dai grafici dei reattori in cui la temperatura dell'RPV ha raggiunto l'equilibrio con la portata del raffreddamento e la potenza termica dissipata. 

    La presenza di idrogeno al numero 1, individuata qualche giorno fa, ha spinto TEPCO a controllare meglio anche il 2 e 3. Ci aspettiamo uno schema di come pensano di fare queste misure. 

    RispondiElimina
  107. Per esserci Idrogeno (se è di recente produzione/accumulo) vuol dire che ci sono parti metalliche o di corium ad alta temperatura (1200°C) e che le letture complessive sui Vessel non sono che una media grossolana (ma non significativa) oppure che ci sono veramente delle sacche di combustibile che non riescono ad essere raffreddate dai getti d'acqua. Altrimenti l'idrogeno non si può formare.

    Mi ripeto, devono lavorare per arrivare ad allagare i vessel.
    Ciao
    SM

    RispondiElimina
  108. anche secondo me ci sono volumi di corio che non sono raffreddati a dovere. nel misure sull'esterno del vessel sono significative quando il contenuto è nella posizione che dovrebbe essere e non totalmente imprevista.

    mi domando però se non è possibile che almeno parte dell'idrogeno non sia prodotto per radiolisi, che oltre a creare idrogeno, esplosivo e infiammabile, produce anche perossido di idrogeno che è corrosivo.

    RispondiElimina
  109. Ma dopo 6 mesi con queste temperature....i 30 cm di vessel saranno ancora integri ?....... a meno che le sacche formate non siano all'interno del corium...raffreddato all'esterno e fuso all'interno?.......

    RispondiElimina
  110. se le temperature che abbiamo disponibili sono rappresentative di tutta la superficie allora non credo ci siano problemi. Il problema potrebbero essere degli hot spot termici localizzati.

    a causa della bassa conducibilità termica del corio la temperatura tende ad aumentare molto al suo interno esattamente come hai detto.

    RispondiElimina
  111. Non ho alcun dubbio che i 17cm di acciaio inox dei vessel reggano alla grande queste temperature. Eventuali problemi (specie il n.3) sono da imputare alle penetrazioni per i servizi nel vessel che sono i punti deboli.

    RispondiElimina
  112. @2824b96c71a8d9f4a73d7f299f39b1dd, perché dici specie per il 3? il design dovrebbe essere molto simile al 2, giusto? 

    RispondiElimina
  113. 17...avevo sempre capito 30...... 
    e come ha chiesto Toto...perchè il 3... non è uguale agli altri?

    RispondiElimina
  114. Hanno aumentato la portata del CS del reattore 2 da 5 a 6 m3/h e l'effetto si è subito fatto sentire in termini di temperatura specie della parte alta dove è scesa di quasi 3 gradi in 15 ore. 

    Continuano i lavori per la rimozione delle macerie dai reattori 3 e 4. In particolare si sta per iniziare la stesura di uno strato di protezione per la piscina 4 (vedi foto). L'idea è la seguente: da uno scivolo montato su trabatello idraulico vengono fatti cadere nell'acqua dei galleggianti che andranno a riempire la vasca. Dopo di che si posizionerà un pannello di metallo sopra a protezione. 
    Hanno già provato tutto questo in una piscina di prova ed ora dovrebbero essere pronti ad iniziare con quella vera.

    C'è stato un problema con una pompa di trasferimento per il sistema KURION questa mattina (6 JST). Se vi ricordate tutte le linee e le pompe di Kurion+Areva erano state raddoppiate ed ora la portata è scesa da 20 a 16 m3/h. Invariato il funzionamento di SARRY. 

    RispondiElimina
  115. ecco, e la foto se le è mangiata Disqus...

    RispondiElimina
  116. mamoru_giappopazzie27 settembre 2011 09:02

    Invece io avevo in mente 250mm (10") e devo averlo pure estrapolato da qualche disegno piu' o meno in scala di TEPCO =).
    Tuttavia, rivedendo i miei calcoli a distanza di tempo,  i 170mm di cui parli sono quelli che si avvicinerebbero di piu' alle 500t di massa dichiarata nei dati tecnici della centrale epr il RPV dei R2~R4 e mi paiono piu' che plausibili.

    In ogni caso sono meno dei 350 mm del RPV di Caorso di cui ci accenno' l'ing. Ruffatti ai tempi dell'intervista su giappopazzie: in quel caso, se ben ricordo, ci parlo' di acciaio al carbonio con un riporto (al plasma o tecniche similari) di 50mm di inox (AISI316 o 316L) all'interno.

    Sostanzialmente d'accordo sull'ultima affermazione, nelle simulazioni degli anni precedenti  vennero individuate le parti critiche del piping esterno al RPV mediante analisi numerica proprio perche' le piu' a rischio in caso di incidente.
    Inoltre considererei anche l'apporto dello shroud, la parete anulare (anch'essa in 316) che alloggia(va) i venturi di ricircolo dell'acqua, e che, probabilmente, e' stata la prima a subire danni e potrebbe essersi deformata andando a anche ad ostruire alcune penetrazioni o riducendo l'efficenza dell'iniezione dalla linea FW.

    RispondiElimina
  117. Che io sappia i Vessel di 17cm sono stati portati a 20cm per i alcuni reattori più recenti.  Diciamo che mi vado a rivedere le brochures di EPR e AP1000.

    Caorso dovrebbe avere un vessel da 20cm. 35cm per Caorso non mi torna e mi sembra un'esagerazione però potrei sbagliarmi. In ogni caso Caorso ha un contenimento MkII mentre i reattori della TEPCO hanno il MkI e la differenza ... si sente, si tocca (e soprattutto non vola via)!

    Toto, il 3 ha sicuramente problemi di perdite maggiori rispetto agli altri dal Vessel, basta guardare la pressione.
    SM

    RispondiElimina
  118. Risposta a questo commento di @2824b96c71a8d9f4a73d7f299f39b1dd 

    Ero infatti incuriosito dalla tua spiegazione e il fatto che la pressione di atmosferica (e secondo me lo strumento rotto) non sono certo una buona notizia. Grazie.

    RispondiElimina
  119. ULTIMA ANALISI DELL'IRSN SULLA SITUAZIONE IN GIAPPONE: http://www.irsn.fr/FR/Actualites_presse/Actualites/Documents/IRSN-NI_Fukushima-Consequences_environnement_Japon-27092011.pdf

    RispondiElimina
  120. Grazie Anonima, sai che apprezzo molto. Anche se è in francese :)

    RispondiElimina
  121. Se si riuscisse a trovare almeno una traduzione in inglese ...

    Molto interessante questo lavoro, fa capire come in realtà le ricadute maggiori siano state verso sud (studio dei rapporti I-131/Cs-137) e che i rilasci verso NW siano ben separati e successivi. Fukushima è veramente un evento complesso.

    SM

    RispondiElimina
  122. se non sapessi che la nostra AnonimaFrancese è molto impegnata in questo momento (sai lei è una personalità pubblica, e per questo si nasconde dietro l'anonimato!) le chiederei una rapida traduzione... in fondo sono solo 11 pagine...

    ma magari se glielo chiedi anche tu e se tutti i nostri francofoni si suddividono il lavoro...

    :)

    RispondiElimina
  123. va beh toto ma sei "bastard inside".....:-)))) sappi che ieri pomeriggio era la prima.....non ho chiuso occhio poi....infatti stamattina sto in coma.!!..per fare alcune pagine sono d'accordo previo accordo con gli altri che lo faranno con me...altrimenti diventa un caos! fatemi sapere o mettimi in comunicazione con eventuali altri volontari.....

    RispondiElimina
  124. toto che sottile intortigliatore..................!!! .-) senza pietà...!!! :-) Ste e inutile che commenti mi piace che m ti fai nemica sai....:-)

    RispondiElimina
  125. grazie della pubblicità .........pensa se volevo rimanerlo davvero....stavo fresca con te....:-))) tu muto e zittino.. che dalla prossima inizio a lavorare di cesello...e poi vederemo se fai ancora il furbetto....!Un  uomo avvisato ne vale due" diciamo noi in Francia...:-)

    RispondiElimina
  126. cioè ieri hai registrato o sei andata in onda? adesso mi collego al sito giusto e guardo il palinsesto.

    cmq direi che visto che i francofoni sono almeno 3, e tu se la madrelingua, potresti fare le prime 4 pagine... no?

    a parte gli scherzi, solo se hai tempo e voglia di sfogarti un po' dopo la botta di stress.

    RispondiElimina
  127. Salve: non per togliere del lavoro alla nostra validissima AF... ma se selezionate il testo di una pagina interea del pdf in francese e usate Google Translate, ottenete la traduzione in maniera abbastanza precisa.

       Roberto

    RispondiElimina
  128. intendi un copia incolla su translate Roberto immagino? poi ti vedo di parte perché se io dovevo fare dalla 1 alla 4 , Vale la 4 alla 8 era sottinteso (da toto) che toccava a te fare la 8 alla 12 ? ;.))))))))))))))))))) eheheheh !! furbetttino eh il Peakoil2010!!!!

    RispondiElimina
  129. mamoru_giappopazzie28 settembre 2011 13:04

    Si puo' caricare il pdf intero su G.T. anche se la traduzione e' limitata alle prime 12 pag. per doc piu' grandi server splittare il pdf.

    RispondiElimina
  130. Cucu! :-)
    Beh, perché lavorare quando si puo' evitare... :-) Pero' magari è più comodo avere sotto mano un documento già tradotto.
    Io proporrei di dare le pagine 8-12 a toto , visto che deve assolutamente spolverare il suo francese :-))

    RispondiElimina
  131. C'è chi lo fa davvero, non credere!!!!

    RispondiElimina
  132. Credo che la scelta neutrino mu-tau fosse dovuta ad una maggiore facilità di identificare gli eventi legati al tau rispetto a quelli elettronici... ma dovrei rivedere le *MIE* brochure di CHORUS (se vogliamo il "progetto pilota" sulla oscillazioni, che mi è passato a fianco di striscio).

    RispondiElimina
  133. ValerianoB ........ma guarda che sei buffo tu;-) in sunto e in soldoni togli il lavoro, che io con gioia estremaaaaaaaaaaaaa volevo rifilare a peakoil2010 ..... e guarda che fai??? lo passeresti a toto....allora sai che si fa Vale? si da TUTTO IL TESTO A toto e Roberto e noi se e quando ci andrà lo correggiamo che ne dici? :-)

    RispondiElimina
  134. Ci credo e come se ci credo... dopo che i miei occhi l'hanno visto sarebbe inutile negarlo!

    RispondiElimina
  135. C'è un nuovo video da dentro l'edificio del reattore 3
    http://youtu.be/iYqHY6qwmrc

    ci sono parecchi dettagli e sarebbe veramente interessante sentire una descrizione di quello che si vede fatta da qualcuno che quei reattori li conosce nel dettaglio. Certo è che l'effetto combinato di terremoto + esplosione è molto ben visibile: pannelli a terra, un condotto dell'areazione penzolante, a parte le ovvie prese d'aria e di luce che prima non c'erano.

    Ce ne è uno anche dal reattore 2, ma non così dettagliato.
    http://youtu.be/zzvF2wDSLb8

    RispondiElimina
  136. Ottima idea! :-) Revisore di bozze mi si addice meglio.

    RispondiElimina
  137. Ho dato una scorsa veloce al testo (sfogliato si sarebbe detto in altri tempi), e mi sembra che vale la pena metterlo a disposizione. Ci sono già fatte un po' di analisi che volevo fare: lavoro in meno e fatto sicuramente meglio :-)

    RispondiElimina
  138.  The 1st nuclear power plant of Fukushima: Hydrogen concentration of No. 1 piping A maximum of 63% is detected.






    On the problem by which high-concentration hydrogen was detected from
    piping which leads to the reactor container of the 1st nuclear power
    plant of No. 1 of Tokyo Electric Power Fukushima, Toden announced on the
    28th that it was a maximum of 63%, as a result of measuring the
    hydrogen concentration in piping at two places.When it is 1% or more,
    there is a possibility that sparks may break up and explode at the time
    of piping cutting.Although Toden pours nitrogen into piping, hydrogen is
    pushed out outside and it shifts to installation construction of the
    "container gas pipe 理 system" towards accident convergence after that,
    it is certain that start is late for a schedule at the beginning.



    Although hydrogen was detected by preparation of installation
    construction on the 22nd, 1% or more was immeasurable equipment.Toden
    measures hydrogen concentration from the floor of piping extended
    lengthwise at 1.5 meters in height, and two 0.5-meter points this
    time.As a result, the concentration of a 1.5-meter point was 61.7% 63%
    at a 0.5-meter point.



    Toden concludes that the hydrogen which occurred in the nuclear reactor
    in early stages of the accident in which hydrogen explosion occurred by
    No. 1 had accumulated in piping.Hydrogen explosion will occur easily, if
    hydrogen and oxygen become a rate more than fixed, but at present,
    oxygen is not detected.[Ono friend Yoshiko]





    Mainichi Newspapers 23:34 on September 28, 2011 

    RispondiElimina
  139. Ci sono dei punti in cui la traduzione è un po' contorta, ma il messaggio sembra essere chiaro: di certo non si può tagliare questo tubo con un flessibile e possibilmente bisogna rimuovere l'idrogeno da quei tubi specie a quelle concentrazioni. 

    Non mi è chiaro come abbiano fatto ad affermare che si tratta di idrogeno residuo dall'esplosione. 

    RispondiElimina
  140. A proposito delle vittime...
    http://www.japantoday.com/category/national/view/uemployment-benefits-extended-for-90-days-to-those-who-lost-jobs-due-to-march-11-disaster

    RispondiElimina
  141. Senza scombussolarvi troppo, vorrei segnalarvi un nuovo aggiornamento:

    http://unico-lab.blogspot.com/2011/09/le-conseguenze-di-roke-sullacqua.html

    RispondiElimina
  142. A proposito del terreno contaminato...
    http://www.japantoday.com/category/national/view/govt-faced-with-decontaminating-millions-of-cubic-meters-of-soil-in-4-prefectures

    RispondiElimina
  143. Anche la Tepco si prepara a licenziare e a tagliare le pensioni aziendali ( non solo Papandreu)

    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ2011092812434

    RispondiElimina
  144. Centrali nucleari galleggianti ( io lo ignoravo, ma pare vadano di moda)
    http://www.nuclearnews.it/news-2769/russia-e-cina-collaborano-alle-centrali-galleggianti/

    RispondiElimina
  145. hanno ritirato persino la squadra di calcio femminile! http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11092802-e.html

    RispondiElimina
  146. ;.) sei molto English in fondo toto:-)

    RispondiElimina
  147. E' solo la Russia che le produce, e ha i suoi buoni motivi: grandi fiumi navigabili e immense zone poco servite.
    Interessante invece quello che dicono alle Hawaii: anche in caso di terremoto una centrale galleggiante non subirebbe danni.. Bene, aspetto con trepidazione il primo maremoto/tsunami e vediamo...

    RispondiElimina
  148. Anche il supporto tecnico alla piattaforma mi sembra difficilino oltre al rischio onda anomala. Sul fiume sembra più fattibile.
    Tra l'altro pare che gli tsunami non siano solo di natura sismica, possono generarsi dalla sincronizzazione  di correnti e venti e anche dalla scontro tra onde normali e correnti. Comunque e purtroppo il Giappone è il paese più a rischio  sia per la frequenza dei fenomeni sismici che lo interessano, sia perché la massa d'acqua oceanica non trova nessun ostacolo che possa ritardarlo o diminuirne la potenza fino a raggiungere il paese. Non per niente la parola è giapponese. 
    Sono famose le onde  dipinte da Hocusai. Io l'ho scoperto qualche anno fa e me ne sono innamorata. 
    Ecco la mia preferita

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/0/0a/The_Great_Wave_off_Kanagawa.jpg/220px-The_Great_Wave_off_Kanagawa.jpg

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...