Cerca nel blog

Loading

23 dicembre 2011

I rifiuti del sistema di decontaminazione


Ci sono pochi sviluppi tecnici da rendervi conto in questa settimana oltre agli approfondimenti di cui abbiamo già parlato (Accumulo di acqua e quello sui documenti conclusivi della roadmap). Da segnalare anche l'ottimo lavoro di traduzione del documento IRSN (l'Istituto per la sicurezza nucleare francese) circa la contaminazione alimentare.

Dicevamo che dal punto di vista tecnico sono successe relativamente poche cose, tra cui vale la pena menzionare l'ennesimo stop per il sistema di raffreddamento a ricircolo della piscina 2. Il problema è sempre il solito: il sistema deputato per controllare che il flusso d'acqua in andata e in ritorno continua a segnalare una differenza troppo alta e manda in allarme, quindi in arresto automatico il sistema. La ragione di esistere di questo controllo è evitare le perdite, infatti se l'acqua inviata è molto superiore all'acqua di ritorno, significa che da qualche parte la stai perdendo. Nelle settimane scorse l'allarme è già suonato parecchie volte ed è sempre stata cercata invano la perdita responsabile. I tecnici hanno quindi deciso di interrompere per qualche giorno il raffreddamento della piscina per poter affrontare il problema alla radice e verificare il corretto funzionamento dei misuratori di flusso. Questa è la ragione per cui da qualche giorno la temperatura della piscina 2 (clicca qui per il grafico) è tornata a salire. Non sono temperature preoccupanti, ancora al di sotto dei 30 gradi, ma speriamo che la riparazione/sostituzione porti suoi frutti.

Uno stoccaggio per le torri rimuovi cesio

Passiamo a parlare del sistema di decontaminazione dell'acqua e concentriamoci sulla situazione dei rifiuti secondari prodotti. Infatti la rimozione del cesio dall'acqua che avviene tramite i sistemi Kurion e Sarry, accumulano il radioisotopo in torri filtro contenenti particolari zeoliti. Questi cilindri, al termine del loro periodo di esercizio necessitano di essere conservati in sicurezza a causa del loro contenuto e del rateo di dose emesso. Al momento, dopo che sono stati trattati oltre 192 mila metri cubi d'acqua, sono stati generati 288 fusti piccoli di Kurion e 26 di quelli grandi di SARRY per un totale di 316.

Questi fusti verranno al più presto trasferiti nel nuovo edificio di stoccaggio temporaneo dove per ciascuno di essi è stato preparato una sorta di loculo in cemento in modo da ridurre il rateo di dose all'esterno e proteggerlo dagli agenti esterni. Le operazioni eseguite da un carroponte permetteranno di minimizzare l'esposizione del personale. Lo schema del deposito è rappresentato qui sotto:


Sono previsti 544 posti per fusti piccoli e 200 per quelli grandi. Al momento questi fusti sono temporaneamente stoccati in altri luoghi e verranno presto tutti trasferiti qui dentro. Le torri che vedete nella foto sono quelle nuove ancora da utilizzare.

E' lecito chiedersi, quanti di questi edifici dovranno essere costruiti per contenere tutti i fusti che verranno prodotti durante gli anni a venire. Va messo in evidenza che durante il trattamento di questi primi 192 mila metri cubi (praticamente due volte tutta l'acqua accumulata), la concentrazione di contaminanti è stata abbattuta di un fattor 10, il che significa che l'acqua che viene ripescata dai locali turbine oggi è 10 volte meno radioattiva di quella del giugno scorso. E' però improponibile pensare che questo sistema continui a processare per i prossimi decenni perché la quantità di rifiuti secondari prodotti sarebbe ingestibile. E' necessario e anche previsto un cambio di strategia: l'acqua ripescata dai locali turbine verrà pompata, filtrata e solo leggermente decontaminata verso cisterne nei pressi dei reattori per essere immediatamente ributtata come raffreddamento. Nel frattempo il sistema di decontaminazione effettuerà il trattamento definitivo della restante quantità d'acqua, rimuovendo il cesio con Kurion e Sarry, altri contaminanti con i sistemi a flocculazione di Areva (che produrranno fanghi radioattivi di scarto), tutti i sali con i sistemi ad osmosi inversa per poi passare al trattamento termico finale con i sistemi evaporativi. Così facendo ci saranno sì altri rifiuti secondari prodotti, ma una quantità in diminuzione rispetto alla tendenza attuale.

Ritenendolo di particolare interesse per i lettori tutti, riporto un commento a questo articolo a firma di SM circa il trasferimento di contaminanti dal corio all'acqua e quindi alle torri/filtro.


(commento originale di SM disponibile qui)

  • Mano a mano che l'acqua viene fatta circolare su questi filtri perde la sua radioattività con le efficienze di rimozione che conosciamo. Nuova radioattività viene introdotta dal sistema sino a che corio e/o combustibile danneggiato continuano a rilasciare (anche le pareti e le tubazioni cominceranno a rilasciare Cesio tra un po'). Il tutto può essere considerato con una cinetica a compartimenti e scambi diretti tra i vari compartimenti. Fuel-Acqua-Torri, 3 compartimenti (il quarto sarebbe interno al fuel ma evitiamo il discorso guaina-reticolo di Uranio dei pellet). I meccanismi di scambio dovrebbero essere governati da leggi di dispersione semplice, direi in prima approssimazione da cinetiche del primo ordine del tipo , quindi è ragionevole assumere leggi esponenziali negative sugli scambi di radioattività sui tre compartimenti Fuel-Acqua-Torri. Questo significa che tra non molto non sarà più necessario sostituire le torri per troppa radioattività contenuta. Questo vorrebbe dire molto meno rifiuti prodotti.
  • I rilasci dal corio e dal Fuel danneggiato in fase di raffreddamento diminuiscono sempre più per aspetti termici e di rimozione, purché il combustibile sia costantemente sotto battente d'acqua e a temperatura costante. Questi sicuramente hanno andamento a esponenziale negativo.
  • Ributtare in reattore l'acqua con un trattamento più leggero deve essere l'obiettivo da qui a 6 mesi sia per minimizzare i rifiuti/torri prodotti, sia per semplificare (accorciare) il ciclo dell'acqua che al momento è provvisiorio ed è il focus della sicurezza (perdite, gestione acque, etc.). Se si va avanti a lungo ad usare queste linee temporanee con tubazioni in plastica volanti non andiamo bene, le perdite si moltiplicheranno. A regime l'acqua deve circolare in tubazioni in metallo (acciaio o alluminio) ben fissate, ispezionabili, sicure e strumentate a dovere.


Passiamo ora all'analisi della situazione di questa settimana che ha visto un risultato peggiore rispetto alle previsioni effettuate la scorsa (vedi tabella sotto). L'acqua contaminata totale è andata aumentando e, stando alle previsioni lo farà anche la prossima settimana, perché tutti i sistemi di rimozione del cesio (Kurion e le due linee di Sarry) sono fermi per manutenzione. Sarry riprenderà a funzionare il 27 dicembre, mentre per Kurion bisognerà aspettare l'inizio del nuovo anno. In base alla disponibilità di acqua già pronta, e quella che deve essere solamente dissalata, non dovrebbe rendersi necessario l'utilizzo di acqua nuova non proveniente dal circuito di decontaminazione.



Settimana precedentePrevisione per questa settimanaSettimana presentePrevisione per la settimana successiva
Acqua nei reattori + turbine76 62079 10079 28080 030
Acqua nello stoccaggio9 740 9 5309 72014 300
Totale 86 36088 630 89 00094 330




Le note in piccolo
clicca qui per leggere la lista completa con gli avvenimenti

17/12/2011:
  • Oggi hanno cambiato la destinazione dell'acqua degli interrati turbine 2, ma dopo 2 ore si sono accorti che di fatto non stavano pompando nulla visto che una delle valvole era chiusa. Verificato che non ci fossero altri errori sono ripartiti come da programma. (link)
  • Ancora uno stop per il sistema di raffreddamento della piscina 1 (grafico). E' scattato un allarme e in effetti nel circuito secondario c'era troppa poca pressione d'acqua. Anche in questo caso si è trattato di una valvola non nella corretta posizione. Sistemato e ripartito senza aumento di temperatura della vasca.
18/12/2011:
  • Ieri è stato diagnosticato un caso di Norovirus tra gli operai. La stampa parla di alcune decine di casi, cosa non impossibile vista la facile trasmissione del patogeno. Ecco come lo descrive il nostro ISS.
  • Identificato un accumulo di circa 125 m3 di acqua in una galleria tecnica. Articolo di approfondimento
20/12/2011:
  • Stanno affrontando il problema dell'allarme del differenziale di flusso nel raffreddamento della piscina 2. (schema) Le operazioni di "investigazione" sono previste fino al 23 dicembre con un aumento della temperatura stimato fino a 21 gradi. Speriamo sia una soluzione definitiva. 
  • E' fermo SARRY. Era già previsto (link)
  • Variata la portata dell'iniezione di azoto in R1 e dell'acqua in R3. (link)
21/12/2011:
  • Rilasciati i disegni e le immagini dello stoccaggio temporaneo delle torri per l'assorbimento di cesio. 
  • Un allarme ha provocato lo spegnimento dell'apparato ad osmosi inversa 2. Non sono state trovate perdite, ma hanno preferito attivare il 3, che in quel momento faceva da riserva, per poter meglio investigare il problema. (link)
  • Rilasciata la situazione dell'acqua. Questa settimana peggio delle previsioni. Sono fermi tutti i sistemi di rimozione del cesio (sia Kurion sia le due linee di Sarry). Le due linee di sarry riprenderanno intorno al 27/12, mentre Kurion il 10 gennaio prossimo. 

----
Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

219 commenti:

  1. @Toto Su confessalo che ti stimolo l'ispirazione :))

    RispondiElimina
  2. Per la piscina mi chiedo come mai utilizzino sensori differenziali delicati invece di un banalissimo sensore di basso livello con galleggiante (costo 3 euro o meno se hai un bravo elettricista), l'informazione sarebbe accettabile e non ci sarebbero così tanti allarmi. A volte le cose semplici sono da preferire a quelle più sofisticate, sporattutto se l'obiettivo è solo quello di capire se hai una perdita nella piscina.

    Molto più complesso è fare una previsione sulla produzioni di torri del sistema di ricircolo dell'acqua e relativa gestione dei rifiuti. Siccome non ho le risposte in tasca, posso contribuire solo con alcune ragionevoli considerazioni:

    1)Mano a mano che l'acqua viene fatta circolare su questi filtri perde la sua radioattività con le efficienze di rimozione che conosciamo. Nuova radioattività viene introdotta dal sistema sino a che corio e/o combustibile danneggiato continuano a rilasciare. Il tutto può essere considerato con una cinetica a compartimenti e scambi diretti tra i vari compartimenti. Fuel-Acqua-Torri, 3 compartimenti (il quarto sarebbe interno al fuel ma evitiamo il discorso guaina-reticolo di Uranio dei pellet). I meccanismi di scambio dovrebbero essere governati da leggi di dispersione semplice, direi in prima approssimazione da cinetiche del primo ordine del tipo A(t)=A_0*exp-(cost.*T), quindi è ragionevole assumere leggi esponenziali negative sugli scambi di radioattività sui tre compartimenti Fuel-Acqua-Torri. Questo significa che tra non molto non sarà più necessario sostituire le torri per troppa radioattività contenuta. Questo vorrebbe dire molto meno rifiuti prodotti.

    2)Non so quale criterio utilizzino per la sostituzione delle torri: la dose a contatto? l'efficienza di scambio? un intervallo di tempo prefissato?

    3)I rilasci dal corio e dal Fuel danneggiato in fase di raffreddamento diminuiscono sempre più per aspetti termici e di rimozione, purché il combustibile sia costantemente sotto battente d'acqua e a temperatura costante. Questi sicuramente hanno andamento a [exp -()]

    4)Ributtare in reattore l'acqua con un trattamento più leggero deve essere l'obiettivo da qui a 6 mesi sia per minimizzare i rifiuti/torri prodotti, sia per semplificare (accorciare) il ciclo dell'acqua che al momento è provvisiorio ed è il focus della sicurezza (perdite, gestione acque, etc.). Se si va avanti a lungo ad usare queste linee temporanee con tubazioni in plastica volanti non andiamo bene, le perdite si moltiplicheranno. A regime l'acqua deve circolare in tubazioni in metallo (acciaio o alluminio) ben fissate, ispezionabili, sicure e strumentate a dovere.

    In questi giorni sono un po' incasinato, per cui salvo interventi dell'ultima ora, auguro adesso a tutti Buon Natale e buone meritate festività.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  3. certo che sì! tutti gli interventi e le domande stimolano il ragionamento! E' il motivo per cui siamo qui intorno all'unico-caffe! 

    GRAZIE!

    RispondiElimina
  4. AnonimaFrancese23 dicembre 2011 10:56

    caffé un cavolo ...manco ce l'avessi inviato per natale fumante ;.))))))

    RispondiElimina
  5. AnonimaFrancese23 dicembre 2011 10:57

    Auguri  anche a te Super M ;.)))

    RispondiElimina
  6. AnonimaFrancese23 dicembre 2011 11:01

    l'ultimo abitante del villaggio : 
    http://www.tsr.ch/video/info/journal-19h30/3672889-catastrophe-nucleaire-de-fukushima-un-simple-citoyen-a-decide-de-rester-dans-une-zone-dangereuse-pour-etre-le-temoin-de-cet-evenement.html

    secondo il Deutsche Welle nulla è a posto...e dai scatenatevi un ultima volta prima delle feste ;.)) (Roberto pensa alle  tue goce per la pressione però )  http://www.dw-world.de/dw/article/0,,6682457,00.html

    RispondiElimina
  7. AnonimaFrancese23 dicembre 2011 11:07

    E detto questo buon Natale a voi di cuore..... ;.)))

    RispondiElimina
  8. wow! posso permettermi di copia/incollare questo tuo intervento all'interno del post principale dandoti i dovuti crediti? 

    Posso solo risponderti alla tua domanda 2. Credo che utilizzino una combinazione delle tre, come è ragionevole immaginarsi. Per lo meno all'inizio delle operazioni di decontaminazione dell'acqua a giugno, era dominante il contributo della dose a contatto, in particolare per la rimozione delle torri di Kurion che deve essere eseguita a mano, mentre quelle di SARRY vengono sostituite con un maggior livello di automatismo. 

    Passando alle cose serie, tanti auguri anche da parte mia, anche se il post natalizio è in programmazione per domani mattina...

    RispondiElimina
  9. AnonimaFrancese23 dicembre 2011 11:39

    e per concludere ;.) le meravigliose immagini della  cometa Lovejoy ;.)))  
    http://www.futura-sciences.com/fr/news/t/astronomie/d/en-video-spectaculaires-images-de-la-comete-lovejoy-depuis-liss_35516/#xtor=AL-27-1[ACTU]-35516[en_video_:_spectaculaires_images_de_la_comete_lovejoy_depuis_l_iss]

    RispondiElimina
  10. AnonimaFrancese23 dicembre 2011 11:41

    ;.) osceno dici? ;.)

    RispondiElimina
  11. un caffé corretto (abbondantemente, e preferibilmente senza caffé :-P )

    RispondiElimina
  12. Io mi auguro che negli anni a venire venga sviluppata una tecnologia in grado di "riprocessare" questi filtri usati.
    Se non altro per occupare molto meno spazio di quanto non si faccia ora.

    RispondiElimina
  13. Auguri di Buon Natale e Buon Anno se non ripassi di qua prima!

    Intanto aspettiamo di vedere che ci prepara toto nel post di domani. E' il primo natale (dei prossimi 30 ;-) ) che passiamo (virtualmente) insieme.

    RispondiElimina
  14. Pressione sotto controllo cara AF.... basta leggere la biografia dell'esperto nucleare di turno.... il belloccio tedesco.... esperto in giapanologia, politologia e religioni.... direi che ha le carte a posto per dire la sua!
    Saluti a tutti.

    RispondiElimina
  15. Non so se le informazioni che abbiamo avuto finora saranno disponibili a lungo termine. Già dall'annuncio dell'arresto a freddo sono state eliminate le conferenze stampa congiunte Tepco- politici-agenzie di stampa. 
    Le conferenze stampa della Tepco saranno ridotte da due ad una al giorno, quelle della Nisa a 2 alla settimana. Se la Tepco sarà nazionalizzata ritengo possibile un' ulteriore contrazione dell'informazione, un po' quello che succede con la tv pubblica e privata ( naturalmente non prendiamo ad esempio Mediaset).

    RispondiElimina
  16. E non è neanche biondo...

    RispondiElimina
  17. Penso lo stesso.
    Probabilmente bisognerà appoggiarsi di più sui rapporti di tutti gli altri enti, per quanto riguarda la contaminazione alimentare credo che continuaranno a pubblicare i rapporti come ora.

    RispondiElimina
  18. La quantità di fisici/ingegneri nucleari che si nascondeva bene in giro... impressionante! ;-)

    RispondiElimina
  19. AnonimaFrancese23 dicembre 2011 14:27

    proprio vicino vicino :.) se ci fosse CP calcolerebbe l'angolazione qui ;.) 
    http://www.youtube.com/watch?v=DRmMNgdXj8o&feature=player_embedded#!

    RispondiElimina
  20. uffa... youtube

    RispondiElimina
  21. AnonimaFrancese23 dicembre 2011 14:30

    desolée Vale....sarà per stasera....;.)

    RispondiElimina
  22. E se mi mandi tutti i fotogrammi en PJ e li faccio scorrere qui? :-D:-D:-D:-D

    RispondiElimina
  23. niente di speciale, ma carino!

    RispondiElimina
  24. Non e' biondo di capelli ma probabilmente e' biondo dentro. :-)
    Tres charmant.

    RispondiElimina
  25. Hai perfettamente ragione. C'è da aggiungere che al momento siamo in una sorta di periodo di transizione con la direzione dell'incidente TEPCO+Governo che ha finito il suo compito e ancora non c'è il nuovo ente che guiderà nel medio-lungo termine. IAEA ha deciso di emettere bollettini solo una volta al mese e di chiudere l'unità di crisi.

    D'altro canto però a partire da oggi o domani dovrebbero passare on-line altre informazioni sul sito di TEPCO. Appena trovo i vari link li posto. 

    RispondiElimina
  26. il mio "mi piace" era per la cometa, mica per il panza! 

    RispondiElimina
  27. non escludo che qualcosa si possa fare già adesso per compattare, ma di sicuro sarà un punto di ricerca importante per il futuro. per i prossimi 300 anni resteranno piuttosto attivi, quindi abbiamo tempo! :(

    RispondiElimina
  28. hanno fatto proprio una bella ripulita! 

    RispondiElimina
  29. Qualcosa di rotto su un carroponte, quisquiglie (aspettarsi il carroponte intatto sinceramente era troppo)http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_111223_01-e.pdf Fukushima food has 8 times more cesium than in Tokyo
    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201112230009w 

    Mi ha impressionata l'etichetta con l'indicazione cesio, in Italia non comprerebbe nessuno ( e in Grecia)

    RispondiElimina
  30. wow, grazie toto, ho un riquadro tutto per me nel commento, praticamente come un abbonato RAI che ha sempre un posto in prima fila :))
    E che avrò mai scritto?
    Ciao SM

    RispondiElimina
  31. ehi, non te ne eri andato in pompa magna con il pieno di "mi piace" e il riquadro nella testata?

    RispondiElimina
  32. Non sentivo il nome di Kalium per il potassio dai tempi del liceo, lezione di scienze. Si tratta del k-40, Potassio per i comuni mortali.
    Potresti per favore tradurmi quella etichetta? Non sono neanche sicuro 270 sia il prezzo in Yen??
    Ciao SM

    RispondiElimina
  33. Lo scarabocchio che precede il 270 mi assomiglia a Y(en), suvvia un po' di fantasia!

    RispondiElimina
  34. Troppo buoni,
    se vuoi torno a preparare i pacchetti??
    SM

    RispondiElimina
  35. hai visto che hanno dichiarato il terremoto come la causa della rottura? il danno era noto da qualche tempo, ma adesso hanno verificato che il carroponte non cadrà (!) e che non danneggerà il combustibile. Con la fortuna che hanno, aspettiamoci il peggio domani mattina... 

    impressionante l'etichetta con il cesio, così mamoru_giappopazzie può comprare il riso più contaminato che trova per gli esperimenti di SM ! per il comprare i prodotti o meno, dipende tanto dalla cultura e dalla formazione. Se pensi che su ogni singolo pacchetto di sigarette c'è scritto che provoca il cancro, nuoce gravemente alla salute e così via... eppure non ho mai visto nessun fumatore smettere per quelle scritte (per gli effetti sì!)

    RispondiElimina
  36. hai puntualizzato alcuni aspetti che nemmeno in seconda battuta ero riuscito a spiegare a Egiovanna . 

    RispondiElimina
  37. Per come sono sistemati e tombati dubito che li tocchino in futuro. Se li toccano è per portarli in un altro posto simile al completamento dei famosi 40 anni, altrimenti restano li come dice toto.

    RispondiElimina
  38. Beh Egiovanna,
    rispetto al sisma-tsunami che ha causato 25000 vittime hanno smesso di aggiornarci da tempo o per lo meno passa pochissimo sulla stampa italiana. Io sono molto interessato a notizie di rifacimenti di strade, ponti, acquedotti, villaggi, dighe, raffinerie, porti e aeroporti andati distrutti.
    La crisi nucleare scivolerà nell'anonimato inevitabilmente.

    RispondiElimina
  39. Forse hai ragione, dovrebbero scrivere il contenuto di cesio o plutonio sul pacchetto, allora funzionerebbe, la nicotina e il catrame  fanno meno paura, (anche le parole suonano  più rassicuranti al confronto), quanto al cancro penso si corra il rischio perché il fumo è un piacere, non è un genere di prima necessità.

    RispondiElimina
  40. Risarcimento per tutti chiede il governatore di Fukushima Satohttp://www.japantimes.co.jp/text/nn20111223a4.html 

    Ahia! C'è anche Taiwan!
    http://oilprice.com/Alternative-Energy/Nuclear-Power/Another-Asian-Fukushima-Imminent.html 

    P.S. Giuro, questa era la mia toccata e fuga

    RispondiElimina
  41. Qui  si chiama Kallio

    RispondiElimina
  42. E va bene, beccati un altro " mi piace", visto che è sparito anche Ste

    RispondiElimina
  43. Interessante nel primo link, in basso nel secondo articolo, il discorso sulle impurezze di Rame del Vessel di un reattore Genkai del '71 (559MWe) entrato in esercizio nel '75 (quattro anni, complimenti).

    Avere diversi metalli nel bagno all'interno del Vesser non è una bella cosa perchè sebbene l'acqua sia demineralizzata e depurata (quindi conduce poco elettricamente), a causa dell'elevato ambiente radiolitico si stabiliscono delle cellette di conduzione tra i metalli diversi (perchè a diverso potenziale elettrico). I metalli devono essere vicini per questo effetto. Le cellette è noto che consumano gli elettrodi, quindi maggiore corrosione nelle parti strutturali del reattore. Solo che gli elementi di combustibile li cambi tutti ogni 3 anni, le griglie e altri supporti pazienza, ma il Vessel pazienza un bel niente.

    In generale le coppie Acciaio-Alluminio, Acciaio-Rame sono da evitare. Nel caso acciaio alluminio il donatore è l'alluminio (quello che si corrode di più), nel caso Acciaio-Rame non sono sicuro ma dovrebbe essere proprio il rame a meno che non dipenda dal tipo di acciaio. C'è il discorso che l'acciaio degli elementi è lontano dal rame in forma di impurezze nel vessel e ovviamente tra rame e acciaio del vessel non c'è conduzione perchè sono in contatto elettrico.

    Per come la vedo, queste macchine pre-80 prima le chiudono e le sostituiscono con moderni GenIII-plus meglio è. Tanto sono già tutte ampiamente ripagate.
    SM

    RispondiElimina
  44. Vedrai che poi Stafaniste passa e piazza "mi piace" a raffica :))
    SM

    RispondiElimina
  45. mamoru_giappopazzie24 dicembre 2011 05:10

    Penso lo stiano facendo solo per la frutta e la verdura.
    In ogni caso e' da notare come il cesio ce lo stiamo mangiando da decenni e senza indicazione sulla confezione, pertanto chi si scandalizza per quel cartello (opera di trasparenza) sui vegetali freschi dovrebbe quantomeno riflettere su questo punto.

    Se lanciate l'iniziativa di campionamento del terreno fatemi sapere che rilancio su giappopazzie, prima di martedi pero' che poi sono in ferie. Sarebbe interessante capire la tipologia di materiale necessario e la procedura da seguire.

    RispondiElimina
  46. mamoru_giappopazzie24 dicembre 2011 05:38

    梨  > nashi (http://it.wikipedia.org/wiki/Nashi)

    測定??  > misurazioni ??

    ヨウ素 : 検出せず > Iodio : non rilevato / assente

    セシウム: 10 ベクレル  > Cesio: 10 Bq

    ¥270 > 270 yen (~2.5 euro l'una)

    ---

    Il cartello sopra si deduce che possa configurarsi come segue:

    シャインマスカット (http://en.wikipedia.org/wiki/Delaware_%28grape%29)

    ヨウ素 : 検出せず > Iodio : non rilevato / assente



    セシウム: 10 ベクレル  > Cesio: 22 Bq



    ---
    Nota culturale:
    i prezzi possono essere espressi sia con il simbolo ¥ che con l'ideogramma 円, in cifre arabe, cinesi o un misto dei due sistemi, a seconda dell'esercente. La pronuncia della valuta nipponica e' "EN" senza la y davanti, un mezzo refuso che si trascina nel tempo un po' come Fuji-yama (Fuji-san), Kawasaki (pron. ka-ua-sa-ki) etc.

    RispondiElimina
  47. Ti confermo i suoli sono la matrice di maggior interesse (radice del problema). Per favore, sentiamoci a giro mail. Toto può darti tutto
    Ciao SM

    RispondiElimina
  48. Καλά Χριστούγεννα (Kalà Christou
    Come da copione, Tepco aumenta le tariffe aziendalihttp://www.yomiuri.co.jp/dy/business/T111223004234.htm La US Nuclear Regulatory Commission (NRC) approva il progetto AP1000 Toshiba CorpSi sostiene che con un reattore del genere si sarebbe evitato il disastro Fukushimahttp://www.reuters.com/article/2011/12/22/us-utilities-nrc-westinghouse-ap-idUSTRE7BL1FN20111222 (comunque qualche dubbio sulla progettazione  c'è http://it.wikipedia.org/wiki/Reattore_nucleare_AP1000) rivelatore di neutrini sottomarino
     http://www.crazyengineers.com/largest-underwater-neutrino-detector-is-larger-than-burj-khalifa-1470/GE-Hitachi propone di bruciare le scorte di plutonio del  Regno Unitohttp://theenergycollective.com/dan-yurman/73007/ge-hitachi-proposes-burn-uk-plutonium-stockpile Babbo Natale distribuirà doni a Tohoku( gustosissimo il primo commento)http://www.japantoday.com/category/national/view/santas-distribute-gifts-in-tohoku Il festival dell'illuminazione  Lightopiahttp://jaapan.wordpress.com/2011/12/23/lightopia-illumination-festival-in-tokyo/ Lanterns illuminate a street in the Marunouchi business district near Tokyo Station on Thursday as part of the "Lightopia" event. This year, local sponsors in the area are dedicating the event to wish for the recovery of the quakehit northeast. The event started Thursday and will end on Dec. 29. http://www.yomiuri.co.jp/photo/20111224-129452-1-Y.jpghttp://www.japantimes.co.jp/images/photos2011/nn20111224bca.jpg

    RispondiElimina
  49. Riparte il raffreddamento della piscina 2, ma non ho trovato indicazioni se il guasto è stato individuato / risolto e/o il flussometro sostituito...

    La temperatura del vessel del reattore 1 è scesa sotto i 30 gradi. 
    http://www.grafici-reattori.tk/r1-temp-rpv.html

    RispondiElimina
  50. guarda la posta! c'è una sorpresa per te! se vuoi ulteriori chiarimenti sai chi contattare...

    RispondiElimina
  51. Buon Natale anche a te Giovanna e a tutti gli altri amici
    http://unico-short.tk/natale2011

    Secondo me, l'AP1000 è un bel passo in avanti per la sicurezza, c'è stato qualche dubbio in fase di progetto, ma che apparentemente sta venendo risolto. Se lo approva la NRC direi che è decisamente ben fatto. Credo che altri AP1000 siano già in costruzione in Cina. 

    Anche se i reattori a neutroni veloci, magari di piccole dimensioni e modulari come quelli proposti per consumare le scorte di plutonio britanniche possono essere una svolta sia in termini di combustibile in ingresso (può "bruciare" praticamente qualsiasi cosa...) e anche in termini di scorie. Resta ancora da capire bene in termini di sicurezza. Sempre i cinesi hanno appena collegato alla rete un reattore IFR di bassa potenza. 

    RispondiElimina
  52. Ecco cosa succede ai tubi di plastica temporaneamente usati per buttare l'acqua di raffreddamento.
    Nella foto le tubature che portano acqua al reattore 3. Quando nella giornata di ieri il tubo è stato trovato in questo stato, sono passati dalla linea normale a quella di emergenza e sostituito il tubo. 

    Come diceva SM bisogna al più presto passare alle tubazione giuste per questo lavoro...

    RispondiElimina
  53. Alessandro Clementi25 dicembre 2011 14:11

    Nulla da aggiungere a quanto detto da giappopazzie. Posso dire che in nessuno dei supermercati frequentati ad oggi (e posso dire di avere un discreto campione) ho mai visto indicazioni del genere. Dal prezzo della pera, dall'accuratezza della sistemazione su panno grezzo di juta che fa molto biologico, da quello che si intravede sullo sfondo, al fatto che di carrelli nemmeno l'ombra, propenderei per un negozio - appunto - molto "organic", e che quindi usa l'informazione come una forma di pubblicità. 

    Però a pranzo, anche in posti non particolarmente schizzinosi, sento spesso gente chiedere indicazioni precise della provenienza del pesce o dell'insalata, e altrettanto spesso decidere di cambiare menu alla prima avvisaglia sospetta. La cosa che più mi stupisce è sentire gli stessi ristoratori sconsigliare determinati piatti, quando gli si chiede un parere spassionato.

    RispondiElimina
  54. Mi sembra una cosa buona il fatto che il cameriere ti sconsigli i piatti a rischio. E' una forma di trasparenza non da tutti. Se dovessi dire io cosa è un piatto a rischio direi: qualcosa a base di selvaggina e funghi oppure di pesci come lo smelt e la razza che ritornano spesso sopra i limiti nei rapporti. Ovvio che non sono quantità letali, ma se voglio stare dalla parte sicura...

    Loro cosa sconsigliano?

    RispondiElimina
  55. Circa la contaminazione alimentare ne parlavamo un po' dappertutto, infatti anche io mi ero perso sulle varie pagine.

    Il link che proponi alla fine del tuo post è secondo me di estrema rilevanza e mi fa molto piacere che il governo giapponese si ponga domande serie adesso su quello che ha intenzione di fare ad aprile 2012 con i nuovi limiti. Devono aver per forza letto i post di Unicolab perchè emergono alcuni aspetti che avevo/avevamo già evidenziato settimana scorsa.
    Io mi auguro che la IAEA riesca ad agire sul processo decisionale giapponese perchè stanno sbagliando e provo a sintetizzare in alcuni punti il perchè (in attesa di vostro approfondimento oppure opinione).

    Il primo aspetto che riassumo è il seguente: è meglio per il pubblico avere un'autorità governativa che adotta limiti di "sicurezza" (food safety) standard suggeriti dalle conoscenze scientifiche e dalla comunità internazionale oppure abbassare questi limiti rincorrendo una maggior "sensazione di sicurezza" da parte della popolazione? Stiamo parlando di sicurezza percepita? Un po' come quando a luglio ci dicono che nelle città ci sono 42° C di temperatura percepita perchè quando ha caldo la gente vuol sentire dai giornali che fa caldo? Per me la lettura del termometro e dell'umidità relativa sono da preferire. Immagino da questo capiate perchè dico che su questo aspetto stanno sbagliando (probabilmente pressati da oppositori radicali all'utilizzo dell'energia elettronucleare).

    Il secondo aspetto riguarda la possibile classificazione come pericolosi perchè oltre i nuovi limiti di legge di alimenti già consumati in questi mesi e dichiarati sicuri. Un autogoal enorme con relativa perdita di credibilità perchè a quel punto la gente avrebbe tutte le ragioni di non fidarsi del governo. Come fai a spiegare che in realtà non si tratterebbe di alimenti pericolosi perchè i nuovi limiti sono molto più bassi dei limiti di "sicurezza"? E' una roba da matti.

    Il terzo aspetto riguarda proprio un'autorità governativa che da marzo 2011 ha cambiato troppi limiti di legge e troppe volte, a partire dal 100-250 mSv per i lavoratori della centrale. I limiti per le emergenze esistono e sono scritti in tanti documenti "internazionali" e  servono per essere applicati "bovinamente" (espressione di un caro amico) senza ragionare sulla loro validità proprio perchè li studi e li programmi con tranquillità quando le emergenze non ci sono. Ridiscutere tutto durante un'emergenza è proprio la cosa da non fare. Avrei detto che questo fosse l'atteggiamento tipico italiano e non giapponese.

    Il quarto aspetto riguarda il cosa succederà con i nuovi limiti. In particolare ho in mente quello molto basso di 10 Bq di Cs-137 nelle acque potabili (che per altro, correggetemi se sbaglio, deriva dall'analogo suggerito life-time dalla WHO per lo I-131 nelle acque potabili). Adesso credo ovunque in giappone le acque di superficie che utilizzano per gli acquedotti (curioso non usino le acque di falda come noi) non dovrebbero essere più interessate da fallout e il Cesio tende a depositarsi nei sedimenti o sul fondo dei bacini o addirittura sulle pareti delle tubazioni. Adesso quindi le loro acque hanno probabilmente ZERO Bq di Cesio. Ma in primavera con il disgelo ci sarà il naturale reflooding con una grossa parte del Cesio depositato sulle valli e sulle montagne interessate dalla acque superficiali e adesso dalla neve che passerà alle acque superficiali di pianura (aprile-maggio?) e qui i 10 Bq saranno messi a dura prova, probabilmente per qualche settimana superati.

    Riflettiamo su questi argomenti. Scusate se ho scritto un post troppo lungo, sarà perchè ho mangiato troppo e non ho dormito bene :)
    Ciao SM

    RispondiElimina
  56. L'AP-1000 è una bestia.

    Spaventa il livello di sicurezze passive che riescono ad ottenere e in aggiunta a questo la quantità di componenti che riescono a ridurre, quindi il potenziale numero di guasti. Per quanto sicure le nuove macchine è evidente però che un paese come il Giappone deve porsi domande sulla localizzazione dei siti, hanno un livello di rischio sismico molto alto.

    Dice Guzzanti e lo apprezzo perchè in fondo ha ragione: le macchine di terza generazione sono sicure fino a quando non arriva un terremoto di terza generazione ...
    SM

    RispondiElimina
  57. io non posso fare altro che ripetere che secondo me sarà un altro autogol mediatico. Abbassare equivale a dire che fino ad oggi hanno mangiato veleno e che è meglio se adesso si danno una regolata. 

    Non avevo pensato alla primavera e allo scioglimento dei ghiacci. Staremo a vedere, perché l'acqua è potabile è continuamente monitorata nella prefettura di Fukushima e non si registrano livelli da mesi ormai. 

    ps: Mangiato troppo... non ci credo! Non succede mai a Natale...

    RispondiElimina
  58. Ultimissima
    Secondo Nikkei, Yukio Edano potrebbe chiedere oggi la nazionalizzazione de facto della Tepco
    http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=update-1-japan-trade-min-to-call-fo 

    la politica energetica degli Stati Uniti nel 2011 ( sarà contento @efad7cb9df976cdb8526347154d2f328 ma solo fino all'ultimo paragrafo)
    http://www.washingtonpost.com/blogs/ezra-klein/post/2011-in-energy-and-environmental-policy/2011/12/26/gIQAe6Z0IP_blog.html 

    Una strenna per gli antipatizzanti dei verdi
    http://www.japantimes.co.jp/text/rc20111225a3.html 
    ( però non chiedetemi chi è Andreas Kolb)

    RispondiElimina
  59. Auguri @Stefaniste !

    Che interessante notizia quella dell'endoscopio. Il nostro Stefano, dopo aver festeggiato il suo onomastico, mi sa che prenota subito un volo perché è da circa 9 mesi che attende questo evento. Interessante che abbiano voluto iniziare dal 2.

    Faranno un buco nel contenimento primario, quindi non vedremo l'interno dell'RPV, ma solo quello del PCV che è ancora più interessante per verificare quanto corio è fuoriuscito.  Non vedo l'ora...

    RispondiElimina
  60. Grazie a tutti per gli auguri..... 
    Vedi che il buco lo fanno :))))....sono curioso 

    RispondiElimina
  61. se trovi un volo low cost, prenota per due! 

    RispondiElimina
  62. http://www.angelfire.com/extreme4/kiddofspeed/chapter1_it.html
    pensa...ieri mi sono letto il diario del viaggio fatto a chernobyl da questa ragazza..... e pur avendo un po' di timore....non mi dispiacerebbe ripercorrerlo

    RispondiElimina
  63. Per chi è interessato a Chernobyl, questo secondo me è immancabile:
    Svetlana Aleksievic,
    Preghiera per Chernobyl, Roma, Edizioni e/o, 2002,

    Non è un diario di viaggio, ma merita assolutamente.

    RispondiElimina
  64. Mi sembra che il riassunto della situazione è perfetto. Ogni parola vale oro.

    RispondiElimina
  65. @2824b96c71a8d9f4a73d7f299f39b1dd :L'AP-1000 è una bestia.
    toto l'AP1000 è un bel passo in avanti per la sicurezza,

    Sono mesi che lo vado dicendo :-) E visto che guardiamo avanti, l'LFR lo vedrei bene... per ora almeno.

    RispondiElimina
  66. Stefaniste,
    è vero che il Pu-241 decade e fa crescere l'Am-241 ma non è certo questo il responsabile della dose gamma nel suo complesso. E non è vero che il Plutonio di per se non dava problemi di radioattività, è proprio il contrario. Dal punto di vista della tossicità e radiotossicità non è quella frazione in più di Am-241 a cambiare di molto le cose. E' il resto del Plutonio il vero problema oltre ovviamente a Cs-137 e Sr-90.

    Molto bello quel diario.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  67. Premesso che io sono per la nazionalizzazione dei produttori di energia elettrica a prescindere dagli incidenti e che ritengo solo lo stato possa essere il miglior controllore di se stesso (mi piace molto come è strutturata EDF in Francia), mi chiedo però che cosa ne è delle assicurazioni degli impianti nucleari. Credo sappiate tutti che le centrali nucleari sono assicurate per responsabilità civile in caso di incidenti. Che le assicurazioni la facciano sempre franca? Mi ricordo un simile problema per le Twin Towers a New York e anche li non so come andò a finire.

    Mi chiedo, alla fine le assicurazioni pagano? Se no, perchè è obbligatorio pagare i premi ogni anno?
    Ciao SM

    RispondiElimina
  68. I reattori nucleari negli USA hanno una speciale forma di assicurazione, che ha un massimale che nel caso di incidenti come quello di Fukushima NON riuscirebbero sicuramente a coprire le spese totali.
      Nel caso di Three Mile Island lo fecero, senza problemi.
      I grandi disastri naturali sono anche loro coperti dallo stato... e quando non lo sono (per esempio negli USA) la gente ci rimette tutto. Uragano Andrew, anni 90 (se non ricordo male), le recenti alluvioni nel bacino del Mississippi-Missouri (l'unico problema era la centrale nucleare accerchiata dall'acqua, a sentire certa stampa, non le decine e decine di migliaia di famiglie che hanno perso tutto).
      Per me non c'e' problema: da ora in poi ogni kWh nucleare lo si ricarica di 1 cEuro, ed il ricavato in un fondo che accumuli interessi e non possa essere utilizzato per altri scopi.
      Nel caso della Francia sarebbero 3/4 di 4.8 miliardi/anno. Non basta? Si fanno 2 centesimi. 3? Giuro che non vedo il problema... gli italiani pagano altri kWh a 30-45 cEuro... qui si fanno problemi per 1 o 2?

       Roberto

    RispondiElimina
  69. Hai scritto tutto molto chiaramente, non preoccuparti.
      Secondo me la cosa peggiore saranno le continue news su giornali e televisioni di depassamenti dei limiti, un giorno  il riso, l'altro l'acqua, il terzo il the... ogni tanto la carne o altro... ovvio, quando abbassi cosi' tanto basta nulla a sorpassare il limite. L'IAEA e le altre organizzazioni internazionali che fanno capo all'ONU (WHO in primis) dovrebbero intervenire quanto prima e dire, chiaramente, e ripeterlo mille volte se necessario, che tali limiti sono senza senso e controproducenti... e' un Chernobyl redux... stanno rifacendo parte degli errori che furono commessi dopo Chernobyl... con la differenza che adesso hanno il precedente e gli effetti dopo 25 anni da quell'incidente, mentre allora no.
      E' triste vedere che il genere umano, nella fattispecie un paese ritenuto "avanzato", sia capace di spararsi nelle palle in questo modo...

       Roberto

    RispondiElimina
  70. Ah beh... dopo Grillo anche Guzzanti!... fosse ancora vivo Alberto Sordi sono sicuro che anche lui potrebbe dire la sua in termini di generazione di elettricita'...

      Roberto

    RispondiElimina
  71. Nell'epoca dei mutui sub-prime, dei derivati, della finanza creativa pensi veramente sia possibile avere un fondo anti-emergenze senza che 20 banchieri avidi con la bava alla bocca non ci mettano su le mani in 2 minuti??

    Ad assicurare gli impianti nucleari, almeno secondo la legge italiana, è uno speciale pool di assicurazioni. Dentro ci sono almeno 20 società (sempre in Italia). Se paga lo stato allora queste leggi vanno abrogate visto che i premi annui sono alti.

    Gli italiani con il conto energia pagano fino a 50c al kwh o meglio, alcuni guadagnano quella cifra per dimostrare che i pannelli li ammortizzi in 10 anni, il mucchio li paga e basta.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  72. Beh si certo, fanno più notizia 20 Bq/kg nel riso che 2000 morti nelle Filippine causa tifone.

    Purtroppo la IAEA raccomanda l'adozione di limiti e procedure, non impone mai.

    Giappone a parte io penso che tutte le "democrazie" non riescano pià a decidere niente sotto il peso crescente dell'opinioni della gente. Infatti l'unico paese che tira è la Cina e non è proprio una democrazia. Non dimentichiamoci che in Italia non si fa neppure una linea ferroviaria alta velocità per le proteste e non che mi interessi alcunché di quella linea, tanto ormai si va verso il sottosviluppo.

    Ciao SM

    RispondiElimina
  73. Dopo aver visto l'EPR invece che una bestia per me è una bestiata. Possibile che le menti fini di Areva abbian prodotto l'EPR?

    RispondiElimina
  74. aspetta, non capisco. cosa non ti piace l'EPR o l'AP1000?

    RispondiElimina
  75. Terni
    Mi permetto (ma lo sai che non c'è cattiveria :-) ): TERNA: Trasmissione Elettrica su Rete NAzionale, se non sbaglio. Teoricamente, TERNA si occupa della trasmissione, mentre ENEL della produzione.

    Ah, e secondo me, se le speranze sono desertec, stiamo messi bene. E' un'impresa votata al fallimento secondo me e non tanto per ragioni tecniche, ma geopolitiche.
    Per il FV "normale", ripeto, qui dove lavoro hanno installato circa 5000 m^2 di pannelli, e producono di punta 400 kWh. E non credo che hanno usato roba di scarto...

    RispondiElimina
  76. Forse Egiovanna intendeva Ternienergia, non Terna gestore della rete
    http://www.ternienergia.it/company/profilo.aspx
    SM

    RispondiElimina
  77. Se ho capito, apprezza l'AP1000 (lo credo, è un gran bel "coso", tocca dirlo) e non gli piace l'EPR, che ha presentato qualche problema (anche se hanno dichiarato che sono stati risolti)

    RispondiElimina
  78. Vale adesso ti tiro un orecchio, nel link si parla di Ternienergia, se l'avessi aperto...:-)
    Comunque grazie per la delucidazione Terna/Enel

    RispondiElimina
  79. E' vero, non ho letto il link :-)
    Spero di farmi perdonare notando che è un'azienda europea specializzata nel FV che fa contratti con i produttori (con ENEL quindi, ma leggo anche con COFELY di GDF Suez), quindi indipendente da ENEL.

    RispondiElimina
  80. AnonimaFrancese27 dicembre 2011 21:47

    rapporto comitato investigativo inidente Fukushima : per ora solo provvisoria 
    http://icanps.go.jp/eng/111226ExecutiveSummary.pdf

    RispondiElimina
  81. Buongiorno a tutti!

    Vi riporto una notizia che sicuramente apparirà anche altrove:

    Una sonda di temperatura atmosferica del PCV del reattore 1 è dal 22 dicembre che sta lentamente salendo, passando dai 38 gradi del 22/12 a 49 del 27/12. L'altra sonda non ha manifestato nessun cambiamento. Stanno monitorando.
    http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11122801-e.html

    Il numero delle sonde che fanno i capricci continua ad aumentare e ad ogni modo non è una cosa buona se si vuole tenere sotto controllo i reattori. E speriamo facciano presto a fare l'indagine endoscopica anche nell'1 perché mi piacerebbe capire cosa c'è lì dentro!

    RispondiElimina
  82. 22 pagine di schiaffi e sberle, ce n'è per tutti, dagli operatori in turno al gabinetto del ministro. E come dice AF è ancora provvisiorio.

    Mi lascia molto perplesso il numero e il grado di buchi (azioni sbagliate o non fatte o non riportate) nelle azioni, nelle decisioni e nella pianificazione degli interventi.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  83. Cioè in un arresto a freddo in un reattore integro non si hanno mai sbalzi di temperatura sia pur minimi? 

    RispondiElimina
  84. la temperatura oscilla all'interno della banda di regolazione. Questa sonda però misura la temperatura atmosferica all'interno del PCV e non dell'RPV dove dovrebbe esserci il nocciolo. 

    questo poi non sembra tanto essere uno sbalzo, ma una deriva... insomma tanta roba da specularci sopra! 

    RispondiElimina
  85. Si mette male
    Il governatore di Fukushima chiede che siano smantellati anche il 5 e 6 di Daiichi ( già, di questi ultimi non si parla mai) più quelli di Daini
     http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/national/archive/news/2011/12/28/20111228p2a00m0na010000c.html

    i residenti citano in giudizio Kyushu Power co. ,il gestore di Genkai, e chiedono l'immediata sospensione della centrale
    http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/news/20111228p2g00m0dm015000c.html 

    RispondiElimina
  86. Quanto alla decontaminazione, niente paura arriva Toshiba
    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201112270042 

    e tre impianti sperimentali sotto l'egida della JAEA http://www.japantimes.co.jp/text/nn20111227a4.html 

    RispondiElimina
  87. Per il 5 e il 6 credo sia necessario un controllo super accurato di tutto e poi ci potrebbe essere il problema di aver reattori in funzione in un sito fortemente contaminato con tre reattori con combustibile fuso. A TMI sono andati avanti anni ad avere un reattore in funzione di fianco a quello danneggiato, ma la situazione mi sembrava decisamente diversa.

    Chiudere anche Daini mi sembra un po' eccessivo...

    RispondiElimina
  88. hai visto che si chiama SARRY soil? Se funziona bene come SARRY... 

    RispondiElimina
  89. Un mondo di auguri piccola AF! e un grande wow perché hai scovato addirittura  il rapporto - ahimé, io avevo riferito solo la notizia giornalistica :((

    RispondiElimina
  90. Sarry-suolo (Sarisoiru), l'altro era Sarry-aquaUn bestione che ispira sicurezza:))

    RispondiElimina
  91. The prefectural government does not have the power to decommission nuclear reactors on its own, but the governor's stance could make it impossible to operate all 10 reactors in the prefecture. Although not required by law, the governor's approval is generally seen as needed to restart nuclear reactors.

    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201112010025

    RispondiElimina
  92. Vero toto, per il 5-6 Daichii si tratta di verificare gli aspetti di danneggiamento del terremoto di marzo 2011. A me risulta che i noccioli erano in attesa di ricarica (2/3 pieni??) e i reattori spenti. Quell'unico diesel di emergenza che è rimasto in funzione dopo lo tsunami sulle unità 5-6 ha evitato problemi di mancato raffreddamento perchè lo hanno usato alternativamente sul 5 e sul 6, ma bisogna vedere i danni complessivi.

    TMI ma anche a Chernobyl sono andati avanti ad usare i reattori restanti. A Chernobyl credo abbiano spento definitivamente l'ultima unità nel 2000.

    Daini non è tutto rose e fiori come si pensa, il terremoto e lo tsunami hanno colpito pesante anche li, ed idem l'altro sito più a nord di Onagawa (o come si chiama).

    Poi sai, i politici fanno il loro mestiere. Sono tampi duri per gli operatori del nucleare in Giappone, molto duri. L'intera politica energetica del paese è in via di ridefinizione.
    SM

    RispondiElimina
  93. Niente di meglio che utilizzare le macerie di Fukushima per costruire le famose dighe/muraglioni lungo le coste dell'oceano, progetto per proteggersi da nuovi tsunami. Affogare detriti contaminati con Cs-137 nel calcestruzzo (stati centrali dei corpi di cemento) è una soluzione logica e razionale per mettere questi residui-rifiuti in sicurezza (chermo e mancata mobilità dei contaminanti sono garantite) senza occupare spazio utilizzabile per altre attività umane.

    Ciao SM

    RispondiElimina
  94. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 12:17

    Auguri a te Egiovanna  ;.) e a tuo marito ;.) ma tu invece scovi fior fiori di materiali che nulla hanno da invidiare a questa relazione ;.))

    RispondiElimina
  95. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 13:08

    video riguardo al rapporto sotto 
    http://www.youtube.com/watch?v=xDYqpev_kiU&feature=player_embedded

    RispondiElimina
  96. E' arrivato il resoconto settimanale sulla situazione dell'acqua. Le previsioni sono state ancora sbagliate al ribasso e la previsione per la prossima settimana è ancora in aumento. Per il momento è in funzione solo SARRY. 

    RispondiElimina
  97. Non c'e' problema, che fermino tutti e 55 i reattori!

      E' questo quello che "l'opinione pubblica" vuole? OK, che l'abbiano.

      I 5-30 morti per TWh prodotto  (gas/carbone) moltiplicati per i 270 TWH annui dei 55 reattori si faran fatica a vedere, nelle statistiche epidemiologiche future, e comunque si potranno sempre attribuire all'incidente di Fukushima... what's the problem?

      Avanti tutta, verso un nuovo medioevo.

      Roberto

    RispondiElimina
  98. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 15:05

    li vorresti pure fare la morale dopo cio che hanno vissuto Roberto. ,??,..ma dai su ..!!!!  ma ricordi l'orrore appena accaduto dove in molti hanno perso tutto  e in parte anche tutti ,in condizioni orribili? e in conclusion ad un orrore simile ci si è messa pure  la centrale e il peggio della storia del nucleare ? come si fa a non comprendere l'effetto choc? Ma guarda cosa hanno fatto in 8 mesi . sgomberando, creando, provando, ricostruendo..hai mai sentito lamenti o richieste di preghiere? no! Ma credo che ci sia un limite morale alla resistenza psicologica ed e questa che fa parlare di se oggi....poi avrai ragione tu sul fondo......ma penso che molti vivano in una paura forse irrazionale ma vorrei vedere voi ;.(((

    RispondiElimina
  99. Scusate, ma questi tubi non dovevano essere coperti con i famosi cappottini in vista delle gelate? Ti ricordi AnonimaFrancese ?

    RispondiElimina
  100. Morale? Faccio la morale? Dove?

      Sto solo dicendo, cara AF, che se vogliono chiudere i 55 reattori dovranno sorbirsi i ben piu' gravi effetti sanitari delle alternative al  nucleare. Punto. Niente altro.

      Da che mondo e' mondo, ogni qualvolta la specie umana ha abbandonato il raziocinio, il ragionamento logico, ed ha lasciato le emozioni collettive guidare le sue scelte si sono sempre ed unicamente generati dei disastri.

      Esempi a bizzeffe, basta scorrere un libro di storia, recente o passata.

      Il prefetto della prefettura X ha paura di dare l'autorizzazione ai reattori sotto sua giurisdizione? Perfetto... ma che si assuma le responsabilita' di questa sua decisione. Non dico nient'altro che questo.

      Roberto

    RispondiElimina
  101. Sì, è un'idea di grande realismo e efficacia, comunque  uno dei consigli del rapporto IAEA Residues that satisfy the clearance level can be used in various ways, such as the construction of structures, reclamations, banks and roads.
    Vedi consiglio 5 
    http://www.iaea.org/newscenter/focus/fukushima/pre_report.pdf 

    RispondiElimina
  102. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 15:53

    rispondo qui Roberto .... perché giu non me lo da ....io parlo del "timbro" che usi....e non voglio essere polemica.;.)..pensavo solo e mi ripeto ormai da mesi , che per voi il sapore delle situazioni è piu semplice da "maitriser" moralmente e fisicamente....per chi se lo vive sul dolore e paura e incognita è ben diversa...e alludevo a dove dici "avanti tutta verso il medioevo " e po la mia frase "faire la morale" lo sai bene è al modo "francese" ossia è piu leggero rispetto a quello Italiano...ma intendo "giudicargli" ecco forse  è piu esatto! ;.) e poi ho capito cio che dici....ma pensavo solo alla giustezza di reazioni di persone che hanno vissuto probabilmente  troppo e non si puo chiederli di piu ti pare? 

    RispondiElimina
  103. Guarda che infatti non è un'idea mia ma una pratica comune quella di utilizzare materiali contaminati sotto i clearance levels delle RP (per l'europa) come materiali da costruzione. E' solo quando la cosa finisce sui giornali con veementi accenti che si grida allo scandalo, di solito perchè chi scrive non sa come vanno le cose e chi legge vuole solo vederci il complotto.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  104. Domanda di servizio (a Toto):

      per dare un "mi piace" e' necessario avere un conto su disqus? Ogni volta che provo a farlo e clicco sul tasto "mi piace" il sistema sembra pensare un po' e poi non fa nulla. Sono antipatico pure a lui? Nessuno mi vuole solo perche' sono piccolo e nero? E' un'ingiustizia pero'!

      Saluti, e grazie.


         Roberto

    RispondiElimina
  105. in realtà non credo serva essere registrati, ma se non lo sei non comparirà il tuo nome tra quelli che hanno cliccato mi piace. 

    Adesso mi sloggo e provo a mettere mi piace al tuo commento qui sopra per prova. 

    RispondiElimina
  106. Allora ti confermo che da non registrato, ho cliccato su Mi piace, è comparsa la rotellina, e poi il tasto mi piace è divenuto inattivo. Di fianco al tasto mi piace non è comparso nulla. 

    Quando mi sono riloggato ho visto la scritta "1 person piace questo commento." a lato del tuo mi piace. 

    RispondiElimina
  107. Prego spiegare in parole povere
    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_111228_03-e.pdf 

    RispondiElimina
  108. Cara AF:

      "timbro"... intendi dire "tono"? Hai ragione, uso un tono seccato, molto seccato... e sai perche'? Perche' vedo che stanno facendo scelte sbagliate, tutto li'. Potrei fregarmente, dopotutto sono a zilioni di km da casa mia, chemmenefrega del giappone?... ed invece sono qui a preoccuparmi, da mesi, per loro.

      Ripeto: lasciare che sia un burocrate (speriamo non della sottospecie "burocretino", come i nostri), il governatore, a decidere sull'onda dell'emotivita' quale sia il destino energetico, e sanitario, dei suoi connazionali mi sembra l'ultima cosa che un paese moderno e tecnologicamente avanzato come il giappone dovrebbe fare.

      Ciao,

        Roberto

    RispondiElimina
  109. A volte Disqus fa le bizze e allora lo chiamiamo Disgustm come lo ha felicemente definito Fabrizio Montoro.

    RispondiElimina
  110. OK, grazie a tutti e due... pare che funzi adesso... er aun "mi piace" per AF, non vorrei che finisse l'anno pensando che non apprezzo quello che scrive, anche quando se la prende con me... :-)

       Roberto

    RispondiElimina
  111. Traduzione: il nostro miglior traduttore e' in ferie, e questo qui e' specializzato in lingue diverse dall'inglese.

      Ma perche' continuano a spararsi nei marroni questi qui di Tepco? Ma coma si fa a render pubblico un documento scritto cosi' male? E' vergognoso!
      Mah....

      Roberto

    RispondiElimina
  112. Non lo sapevo  che
    -spararsi NEI coglioni=indica generalmente un senso di panico e abbacchiamento pesante simile a depressione di un soggetto.
    -spararsi AI coglioni=questo, invece, dà l'immagine di un soggetto INCAZZATO COME UNA IENANaturalmente è il primo che hai detto

    RispondiElimina
  113. Ci vorrebbe un ingegnere nucleare per spiegarlo nel dettaglio. Mi sembra di capire che abbiano fatto una valutazione delle conseguenze del terremoto sui reattori 2 e 3. 

    La conclusione è più o meno quella che hai trovato anche tu. 

    RispondiElimina
  114. Io in fatto di antisismica sono assolutamente non esperto, non mi ha mai interessato granché. Da conoscitore di impianti nucleari e soprattutto da radioprotezionista mi chiedo però quale sia l'obiettivo delle caratteristiche antisismiche di un impianto nucleare.
    - sopravvivere al sisma con macchina ancora in grado di funzioanare, salvo piccole/grandi revisioni?
    - evitare incidenti gravi con associato rilascio di radioattivitò (il fantomatico Leak usato da Greepeace)?
    - garantire comunque le condizioni di sicurezza del nocciolo e il confinamento della radioattività ancorché con danni irreparabili alla centrale?

    Lo sto chiedendo, non sto dando risposte.

    Se provo a pensare con il buonsenso ad un ponte oppure ad un grattacielo, per me sorpassare la prova di un sisma vuol dire che le persone colte dal sisma nel palazzo o sul ponte riescono ad uscire con le loro gambe e si salvino. Salvino la pellaccia insomma. Se la struttura sarà da rifare, chissenefrega. Ovvio che il valore commerciale di un reattore nucleare è enorme ed ecco perchè non vanno posizionati in zona sismica. Se questo fosse l'obiettivo le centrali giapponesi l'hanno passato alla grande per il solo sisma. Non per lo tsunami evidentemente :/

    Ci vorrebbe un esperto di antisismica.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  115. Guarda che anche io mi piantavo in loop con la connessione dando "mi piace" ad AF. Problema risolto da alcuni giorni.

    RispondiElimina
  116. ma va'...un mi piace te lo metto io :)))....anche se sei un po' fissato con il nucleare :))))

    RispondiElimina
  117. Per Roberto visto che sotto non si poteva

    Da che mondo e' mondo, ogni qualvolta la specie umana ha abbandonato il
    raziocinio, il ragionamento logico, ed ha lasciato le emozioni
    collettive guidare le sue scelte si sono sempre ed unicamente generati
    dei disastri.


    Essenzialmente sei un positivista, forse un illuminista. Anche io lo sono. Sarà contenta AF che in pratica siamo un po' francesi anche noi visto che la Francia è la patria di quel modo di pensare.
    Tornando alla tua frase hai sintetizzato la storia dell'uomo dal 10000 a.C. ad oggi.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  118. Come a detto toto TMI è stata diversa.....non si è avuto una fuoriuscita dal vessel...... invece per quanto riguarda chernobyl secondo mè non fa testo....è stato gestito male prima dell'incidente....male durante e male in seguito....dopo 25 anni non abbiamo neancora un "sarcofago" adeguato .....ma stiamo parlando dell' URSS e poi dei suoi "figli"...dove tutto va bene anche quando non lo è.....

    RispondiElimina
  119. io il complotto non ce lo vedo......e capisco anche che affogato nel calcestruzzo non dia problemi....poi visti i tempi di decadimento "brevi" sara' sicuramente al sicuro...... pero' dai....facciamo le cose come vanno fatte.....usati per costrure da' proprio l'idea che non si sappia  come gestirli

    RispondiElimina
  120. credo che dovranno farlo....ho letto da qualche parte che i tubi arrivano a misurare circa 1,5 km all'esterno....in piu' come detto da Toto e Sm in precedenza hanno usato "i primi tubi che hanno trovato"...e sono sicuramente da cambiare....e in fretta

    RispondiElimina
  121. Gio.... wikipedia è nulla confronto a te :)))))

    RispondiElimina
  122. Siccome nessuno si degna di rispondermi perché i tubi non indossano i famigerati cappottini tanto strombazzati nella road map - che quindi non è stata rispettata-   ( possono resistere  fino a -5 gradi e già sono deteriorati) ecco come mi vendico
    http://tvnz.co.nz/world-news/diseased-seals-in-alaska-tested-radiation-4669702 http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20111227_26.html 

    ( di sicuro qualcuno - Roberto?- voleva farci una frittatina , ora non più)

    RispondiElimina
  123. Hei....voi due....non tirate l'acqua al vostro mulino :))))

    La razza umana ha abbandonato il raziocinio molto tempo fa' e condivido.....ma non perchè alcuni stanno cercando di chiudere un po' di reattori a dir poco obsoleti .
    Non metto in dubbio che il nucleare se gestito da chi lo deve gestire è sicuro....ma tornando al discorso sotto non lo devono gestire i burocretini....e ne ...tantomeno anteporre il guadagno alle norme di sicurezza.... IN TUTTA LA FILIERA 

    RispondiElimina
  124. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 18:49

    io rifletterei .................:-))

    RispondiElimina
  125. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 18:49

    come fareste se tutti vi dicessero che siete bianchi e candidi....:-) prise de tete ;.=)) per questo esistono le donne rompiballe come me ;.) 

    RispondiElimina
  126. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 18:52

    ahahahahah Gio rido da 10 minuti :.))))))) sei un mito ;.))))))))))

    RispondiElimina
  127. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 18:55

    OT completo ma leggete se vi fa piacere ...quanto possa essere delicato ma preciso, incredibilmente interessante , il mondo vegetale...ecco perche mi batto.... perché questo delicato mondo e molto piu fragile di quanto non appare e questo tipo di studio è davvero affascinante ;.) 
    http://utime.unblog.fr/2007/03/20/notions-de-phytosociologie-la-sociologie-des-plantes/

    RispondiElimina
  128. Non ho notizie circa i cappottini ma di sicuro quei tubi non mi piacciono e credo di averlo detto per benino

    RispondiElimina
  129. Io fissato col nucleare? Neanche per idea. Trovami una soluzione migliore per generare grandi quantita' di energia elettrica e dimentico la fissione in due nanosecondi!

      Roberto

    RispondiElimina
  130. Bravo Ste!



    http://lnx.zigolo.net/images/stories/Maurizio2009/pollice_alto.jpg

    RispondiElimina
  131. per Toto:

      qui ci vuole un tasto "non mi piace"... :-(

      Roberto

    RispondiElimina
  132. Perchè scusa, le caffettiere fatte riciclando al 100% l'alluminio delle lattine è diverso?
    Per il cemento tecnicamente si tratta di riutilizzo che non è né reciclo né recupero né reimpiego e tute queste sono pratiche ben descritte e dettagliate
    Ciao SM

    RispondiElimina
  133. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 19:06

    si troverà prima o tardi si troverà e i lobbisti del nucleare la finiranno di romperci i marroni !!!!! ;.) a me personalmente bastano  già quei maledetti lobbisti dei farmacisti a farmi odiare quelle categorie di malefici personaggi che se ne sbattono altamente di cio che hanno attorno...quindi sbatterei nella propria cacca  gigante sia  gli uni che gli altri 

    RispondiElimina
  134. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 19:07

    chissà il nostro Guggy.....................!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  135. Nuuuuuu.....non ci credo :)

    un pochino restera' sempre nel tuo cuore....come l' Hayabusa :)))))

    RispondiElimina
  136. .... spiega, spiega, spiega... sta storiella della filiera?
      Parli delle miniere?

       Giuro che non ti capisco.

      Roberto

    RispondiElimina
  137. disgraziato!!!! Non nominare il nome della mia Hayabusa invano! Come osi?
      L"ho vista oggi, e' ancora li in vetrina, dal concessionario di Aix... mrd!

      Tra l'altro, ho visto un filmino su iuttube (me l'ha trovato mio figlio) di una Hayabusa elettrica, made in iuessei, che fa 300 km/h come l'originale. Nice... potrei convertirmi... anche se dubito che i 50 mq di pannelli FV che la mandano avanti possano avere un CX basso... :-)

      Roberto

    RispondiElimina
  138. Nononononononono.... non lo ammetto proprio!
      Ma stai scherzando, AF? Dovrebbero tirarti via il passaporto made in France, a te... renderti apolide d'ufficio (oh! scherzo, eh?).
      Una soi disant FRANCESE (purche' anonima), che dice che la lobby nucleare se ne sbatte altamente di cioe' che hanno attorno? Ma cosa dici? Attorno ai 4 reattori e relativo centro di arricchimento di Tricastin ci sono vigneti, campi, villaggi pieni di turisti, Avignone a 1/2 ora d'uccello,... Marsiglia sotto vento... dove la vedi la cacca gigante del nucleare? Ma dove? Ti stai confondendo con i 6-8 milioni di tonnellate di carbone/anno che servirebbero a generare la stessa quantita' di elettricita' dei reattori di Tricastin, forse?

      Ravvediti, o pulzella, o ti ravvederai quanto avrai i polmoni catramati per bene... courtesy of GreenPiss... eh... eh... eh...

      Peace.

       Roberto

    RispondiElimina
  139. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 19:44

    prova a toccare il mio passaporto e ti spezzo  le gambine! e poiché nipote di generale dell 'aeronautica chiedo che ti mandino a Cayenne  ;.))) "soi - disant" hai detto  ???

     sei morto e spedito............Henry Charrière et Papillon sono faggiolini al burro in confronto!! Morirai arrosto sotto al sole e divorato da formiche con in bocca una barra di combustibile  ;.)))))))))))))))))))

    RispondiElimina
  140. Cara AF:

      Ho dato un'occhiata veloce... lo riguardero' in futuro... ma dimmi/dicci una cosa, tu che parli alle piante e le capisci cosi' bene (scherzo)... secondo te il riscaldamento globale potrebbe essere anche un bene per certe specie del mondo vegetale oppure no?
      Ho visto recentemente, nel parcheggio del CERN, una vettura con uno sticker "Canadians FOR global warming"... ed ho appena letto un articolo sulla produzione di elettricita' e di come la Norvegia si attenda precipitazioni maggiori in futuro (e quindi maggior idroelettrico)... e mi stavo chiedendo se non ci fossero, potenzialmente, anche altri campi nei quali temperature leggermente maggiori, accompagnate, a forziori, da precipitazioni maggiori, non potrebbero essere anche un bene per certe regioni del pianeta.

     Mi scuso per l'OT, e ringrazio.

       Roberto

    RispondiElimina
  141. A occhio e croce e' meglio senza cappottini. Se metti il capottino non vedi la perditina, quando c'e', e devi cominciare a togliere pezzi di cappottino qua e la per trovarla, riducendo prima o dopo i capottini a dei vestiti dei Flintstones... meglio poter vedere dove e quando si rompono, a mio avviso... in attesa che li installino tutti di metallo... sperando che non avvenga nel mese di poi dell'anno di mai...

     Roberto

    RispondiElimina
  142. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 19:59

    certo che anche l'assetto botanico si modificherà ....e probabilmente è gia un corso un cambiamento, ma non definito e lo vedi dal senso di acclimatazione la dove alcuni decenni fa alcune piante non germinavano nemmeno Rimane che il mondo animale dovrà seguire ;.)ossia  i piccoli impollinatori...altrimenti è un lavoro a metà ;.)
     Ma io sono tra quelli che non crede nel riscaldamento globale. Anzi....mi domando se non andiamo lentamente e alternativamente verso un periodo di" piccola glaciazione"....non prendermi in giro. Seguo da anni la meteorologia per passione e oltre il mediterraneo esistono realtà meteo che indicherebbero cambiamenti in tal senso...quindi il mondo vegetale e ancora lontano anche lui dall'avere compreso che cosa deve fare per ambientarsi e sopratutto dove deve farlo...

    RispondiElimina
  143. Si...parti dall'estrazione....e finisci alla gestione delle scorie.....tutto deve essere fatto da gente specializzata...e soprattutto senza anteporre i guadagni...se no' sappiamo tutti come va' a finire...... Roberto...sia ben chiaro...questo discorso potremmo anzi...dovremmo applicarlo in tutti i campi....

    RispondiElimina
  144. Noooooo......... deve essere rigorosamente a combustibili fossili....in mancanza va bene anche a carbone ma elettrica no' :))))))
    Fai quello che vuoi...pianta qua e la qualche centralina nucleare....ma lasciamo le hayabusa superinquinanti e rigorosamente a benzina....o avio :))))))

    RispondiElimina
  145. Ragazzi vedo che oggi vi siete letteralmente sbizzarriti con i commenti, bravi. Io sono stato impegnato a fare alcune migliorie alla web applicazione della contaminazione alimentare e non sono sempre riuscito a seguire tutto, ma adesso recupero.

    RispondiElimina
  146. Guarda è vero che il mediterraneo non è tutto il mondo, ma il fatto indiscutibile che i ghiacci del polo sud si siano sciogliendo mi sembra una prova tangibile del riscaldamento globale. Che poi la cosa sia una questione ciclica e non esclusivamente antropica può anche essere vero, ma più caldo èinnegabile.

    RispondiElimina
  147. Brava @egiovanna, io mi ero completamente scordato dei cappottini, credo che il loro scopo principale fosse l'antigelo e non la protezione. Come già accennato anche daglialtri speriamo che arrivino preso i tubi di metallo che necessitano lo stesso dell'antigelo, ma mi danno maggiore sicurezza.
    Faremo notare a TEPCO (che sappiamo ci legge) che questo punto della roadmap non è stato raggiunto.

    RispondiElimina
  148. Pier me anti-sismico deve significare che il reattore si ferma in sicurezza, senza nessuna fuoriuscita di radioattività.non necessariamente il reattore deve essere in condizione di funzionaredopo.ovvio quello sarebbe un valore aggiunto, ma meriterei davanti a tutto la sicurezza e la salute delle persone e dell'ambiente. Io desidererei che lo stesso concetto venga applicato anche in altri ambiti.

    RispondiElimina
  149. Come faceva notare Stefano,i tubi coprono distanze importanti anche oltre i 4.5km, ma una buona parte del tragitto avviene all'interno di edifici in modo che nel caso di perdite queste non siano direttamente in ambiente, ma al coperto.

    RispondiElimina
  150. La logica di Roberto è schiacciante.se vuoi energia, tanta, possibilmente a basso prezzo,e vuoi tutelare persone e ambiente sai cosa devi scegliere seguendo una via razionale. Altrimenti devi fare delle rinunce o sulla quantità o sul prezzo o sulle condizioni per i cittadini e l'ambiente.

    RispondiElimina
  151. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 21:21

    Se tutti i modelli del clima predicono per il futuro un riscaldamento globale legato all'aumento del tenore atmosferico in  CO2, le conseguenze regionali son più varie: ecco perché si accordano sul riscaldamento delle alte latitudini superiori alla media globale. Predicono anche un rallentamento della circolazione oceanica   chiamata "thermohaline cicolation", legato alla diminuzione della salinità in nord Atlantico. Siccome questa circolazione trasporta molta energia, il suo rallentamento potrebbe riscaldare alcune regioni e raffreddandone altre. Alcuni modelli immaginano effettivamente un raffreddamento deciso dell'europa occidentale,,mentre per altri modelli il riscaldamento globale vince su questo effetto regionale ....da li le mie perplessità ....

    RispondiElimina
  152. "Il criterio fondamentale delle costruzioni antisismiche è quello realizzare opere che consentono di salvare sempre e comunque le vite umane, pur sacrificando l'indennità strutturale. In questo caso lastruttura resistente dell'edificio, progettata con i criteri sottoelencati (unitamente ad un'alta duttilità strutturale), potrà (e dovrà) anche deformarsi in maniera considerevole uscendo ampiamente dal campo elastico, con fessurazioni del cemento armato ampie e diffuse; l'opera potrà anche essere soggetta a crolli parziali, ma dovrà, comunque, sempre essere progettata per evitare, o almeno ritardare, il collasso totale, in modo da consentire la fuga di chi vi abita.
    Si accetta questo tipo di compromesso poiché, con le tecniche antisismiche convenzionali, realizzare un edificio capace di resistere senza danni a terremoti violenti è quasi impossibile, oltre che economicamente insostenibile. Si tratta di dosare il livello di sicurezza appropriato, in funzione della destinazione d'uso e del grado di pericolo prevedibile mediante metodi probabilistici. "

    io ho trovato questa definizione......ma l'ultima parte non mi piace molto se applicata anche a strutture come le centrali 

    RispondiElimina
  153. Stefano, purtroppo dal probabilistic risk assessment non si scappa.

    RispondiElimina
  154. ma aloraaaaaaaa!!!!!!!!!!

    dopo aver letto questa tua analisi della situazione non jo ancora capito se prendermi una stufa a pellet o un condizionatore :))))))

    RispondiElimina
  155. A parte gli scherzi mio cognato ha appena acquistato una stufa a pellet ed è uno spettacolo sia in termini di resa sia di comodità. Bell' affare davvero!

    RispondiElimina
  156. Rispondo qui
    Non dirlo ad anonima cosi la lasciamo ragionare ancora un po' sul suo dilemma " ci stiamo surriscaldando o no'...:))))  
    ma ho preso la stufa a pellet anch'io :))))

    RispondiElimina
  157. AnonimaFrancese28 dicembre 2011 22:44

    ahahaha...........mica ho la palla di vetro;.) sto ancora cercando di capire Ste;.) prima di Fukushima ero persa la dentro a carpire i segreti della meteorologia e poi..........ripeto che molti fattori sono contraddittori ...ma che te frega tanto...sei da pellet e da condizionatore......-))))))

    RispondiElimina
  158. Vero!
      Mentre tu lavoravi e facevi cose serie noi caxxeggiavamo alla grande, Toto.
      Time to relax 4U2.

      :-)

      Roberto

    RispondiElimina
  159. Le stufe a pellets sono una fi-ga-ta! unica.
      Ricordo che quando comprai la mia Palazzetti, nel 2000, invitai il mio vicino a vederla in azione. Lui si svegliava alla 5 di mattina per prender la legna, sotto la neve, e metterla nel caminetto, cercare di accenderlo, soffiare col mantice... fare un sacco di fumo, bestemmiare come un camionista turco con 2 gomme bucate... io la programmavo e alle 6 meno dieci si accendeva... lo lasciai rapito, come un cobra davanti al suo zufolatore, a guardare la vite senza fine che girando faceva cadere una manciata di pellets...
      fantastico... l' anno dopo ne aveva anche lui una uguale.
     
      Ugh, ho detto.

       Roberto

    RispondiElimina
  160. Tepco ci legge???... speriamo solo che non usino QUEL traduttore... :-(

    RispondiElimina
  161. Beh... una bella fetta delle miniere di uranio sono in co-estrazione, cioe' l'uranio lo estraggono come sottoprodotto di qualcos'altro... esempio.... Olympic Dam, che e' (o era fino a poco fa') la piu' grande miniera d' uranio del mondo, in Australia, produce primariamente oro e rame, l'uranio e' un "gia' che c'e' usiamolo" (tra l'altro, se non lo usassero lo accumulerebbero in superficie dove rilascerebbe nell'ambiente un sacco di radioattivita').
      Se vuoi avere un'idea dell'impatto di qualcuno di queste miniere sull'ambiente, puoi scaricarti da internet facilmente i report annuali delle miniere stesse, con tanto di incidenti, numero di feriti/morti, giorni di lavoro perduti, etc... e impatto ambientale.
      Sul sito di Vattenfal, il gigante energetico svedese, se cerchi con la keyword "EPD" environmental product declaration, puoi trovare l'analisi secondo norme ISO del lifecycle analysis (LCA) del "kWh nucleare' generico, e lo puoi confrontare con gli analoghi EDP del kWh eolico, idro e da gas. Credimi, non c'e' confronto, il nucleare vince praticamente in ogni reparto.
      In alternativa puoi leggere un paio di reports di GreenPiss dove parlano esclusivamente delle miniere in Congo, o dove diavolo e', e intervistano un minatore africano di quasi 60 anni che giura di averci lavorato per quasi 30, e di aver visto morire molti suoi compagni... snifff!... snifff!.... molto commovente e soprattutto molto "donazioni con mastercard e visa in basso a destra"... il tutto, il minatore di sessanta anni, in un paese dove l'aspettati va di vita e' dei maschi non arriva a 45... che dirti di piu'?

      Ciao.

       Roberto

    RispondiElimina
  162. Come dice Toto qui sotto, dalla PSA non si scappa, in campo nucleare.
      E non solo nucleare... non fosse cosi' non volerebbe neanche UN aereo.

      Incidenti sono successi e succederanno ancora, non c'e' nulla da fare. Bisogna accettarlo, perche' il non accettarlo produrrebbe (produrra') molti, ma molti piu' morti e danni.

      Questa idea, malsana secondo me, che si possa generare energia (elettrica o altro) "aggratis" e' semplicemente ridicola. Non e' fisicamente possibile farlo, ne' con le cosiddette rinnovabili ne' con altro. A questo punto tanto vale scegliere ANCHE la forma piu' sicura e affidabile, che il n....

      Roberto

    RispondiElimina
  163. Diciamo che il mio era una forma molto divertente di cazzeggio!

    RispondiElimina
  164. Ecco la versione inglese e riassunta del piano a medio e lungo termine:
    http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/betu11_e/images/111221e10.pdf

    se riesco poi facciamo un approfondimento!

    RispondiElimina
  165. Mi scuso per il doppio post, ma volevo solo aggiungere che il sensore di temperatura atmosferica del PCV di R1 continua a dare letture strane. Ieri la temperatura ha continuato a salire fino a circa 54 gradi, per poi iniziare a scendere. Strano davvero...

    RispondiElimina
  166. Come i cambiamenti climatici influiranno sulla vegetazione

    http://www.sciencedaily.com/releases/2011/12/111218221321.htm
    Comunque la simulazione è basata sullo scenario del rapporto ONU sul clima che prevede un aumento della temperatura globale tra i 2 e i 4 gradi entro il 2100.

    RispondiElimina
  167. AnonimaFrancese29 dicembre 2011 10:54

    continuo a essere perplessa....specie per cio che riguarda il gulf stream....
    http://www.meteomatera.it/index.php?option=com_content&view=article&id=278:linverno-nord-americano-tra-qsnow-beltq-e-qnoreasterq&catid=54:approfondimenti&Itemid=137

    RispondiElimina
  168. Ho messo l'approfondimento a questo indirizzo: 
    http://unico-lab.blogspot.com/2011/12/il-piano-di-recupero-nel-medio-e-lungo.html

    Interessanti soprattutto gli schemi e le immagini per capire quello che faranno. 

    RispondiElimina
  169. Altra perdita al sistema di decontaminazione. Si tratta di acqua pulita, ma è evidente la fragilità di questi tubi. 

    RispondiElimina
  170. Ti dirò, Anonima, anch'io non sono molto convinta dell'aumento progressivo del riscaldamento globale, ci sono tanti fattori imprevedibili, altrove i ghiacciai crescono invece di sciogliersi e se devo giudicare dalle previsioni del tempo dei meteorologi...oltre i due o tre giorni non possono fare previsioni precise, perché i climatologi sarebbero in grado di farle? Aggiungo che qui a Xanthi abbiamo il riscaldamento acceso da ottobre, appena tramonta il sole la temperatura crolla a 0 gradi e oscilla fino a -4,5, non riusciamo a scaldarci, quest'estate  abbiamo avuto una ventina di giorni di caldo torrido, come sempre, e poi tre mesi di siccità, tanto che non c'è stata la stagione dei funghi, incredibile NEANCHE UNO , prima per la siccità e poi per il freddo.  Insomma condivido  pienamente  la tua perplessità.

    RispondiElimina
  171. Hosono chiede ai leader locali il permesso di stoccaggio temporaneo di rifiuti radioattivi ad Okuma e Futaba
    http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/national/archive/news/2011/12/29/20111229p2g00m0dm011000c.htm

    Altre 5 prefetture saranno dotate di terminali Speedy
    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201112290042 

    Quale direzione di marcia per il  sistema energetico italiano?
    http://www.qualenergia.it/articoli/20111222-quale-direzione-di-marcia-per-il-nostro-sistema-energetico 

    RispondiElimina
  172. CURIOSITA'

    Un 2011 senza impiccagioni per il Giapponehttp://www.japantoday.com/category/crime/view/japan-has-year-without-executions 

    RispondiElimina
  173. OT
     Forse sono cose che sapevate già ( io sono carente in tutto)  ma Prendendo spunto da questo articolo ( leggere PIANETA e non PINETA) sull'ingegneria climatica http://www3.lastampa.it/ambiente/sezioni/ambiente/articolo/lstp/435936/ scopro che l'agenzia di inseminazione delle nuvole non solo esiste ma sembra felicemente operante da annihttp://www.weathermodification.com/cloud-seeding.php sorvolando sul paragrafo finale (il progetto 2025  sembra   fantascienza anche se http://www.fas.org/spp/military/docops/usaf/2025/v3c15/v3c15-1.html) quello che mi ha fatto  veramente paura  è che la TWAS http://twas.ictp.it/, l'EDF http://www.edf.org/climate/policy  insomma  scienziati di 22 paesi hanno discusso dell'eventualità di raffreddare la terra con gli strumenti della geoingegneriahttp://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2069449/Could-scientists-reverse-global-warming-The-U-N-discusses-plans-reflect-sun-cool-earth.html 

    Aiuto!

    RispondiElimina
  174. Perchè, esiste un sistema energetico italiano?
    A me risulta che siamo all'arraffa arraffa finché finiscono i soldi, ognuno a modo suo, io per me e niente agli altri :)
    Ciao SM

    RispondiElimina
  175. Letta 20 minuti fa su Journal of Environmental Radioactivity.... tenore di Rn nell'aria delle scuole elementari greche... fino a poco meno di 1000 Bq/m3... con i bambini che li respirano 4-5 ore al giorno... noi stiamo qui a farci le pippe mentali per le decine di Bq/kg di riso.

      Su un altro numero della stessa rivista parlano di uno studio sul contenuto di radioattivita' dei materiali da costruzione in Europa... un pool di studiosi italiani se non ricordo male... se si applichera' la piu' recente e stringente legislazione (pensata a pene di segugio da qualche burocretino "differentemente ambientalista" a Brussells) si dovranno proibire materiali che probabilmente sono utilizzati da quando l'homo sapiens sapiens esiste in Europa... che dire di piu'?

      Da casa riesco a leggere solo gli abstract, appena torno in ufficio mi scarico gli articoli completi.

      E' follia pura, il mondo alla rovescia... voglio andare SU MARTEEEEEEEE!!! Deportatemi a forza su Marte, per favore.

      Roberto

    RispondiElimina
  176. Interessante questo:

      http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20111229_21.html

      "Disaster debris still remain in Tohoku

    The Japanese government is struggling to remove millions of tons
    of debris from the country's northeast, more than 9 months after the
    March earthquake and tsunami.

       ...



    But environment ministry spokespeople say about 7 million tons, or one-third of the total debris, still needs to be hauled away.



    They say the main reason for the delay is the time it takes to demolish
    damaged buildings. The government needs to get the approval of building
    owners and implement measures to prevent asbestos from scattering when
    it destroys the structures."

      Quando fra 20-30 anni ci sara', eventualmente, un innalzamento del tasso di mesoteliomi generati dall'amianto, a chi credete che verra' attribuita la colpa?

       Roberto

    RispondiElimina
  177. ad Anonima Francese.....io do' sempre la colpa a lei di tutto :)))))

    RispondiElimina
  178. Mi meraviglio che un paese tecnologicamente avanzato come il Giappone abbia ancora a che fare con l'amianto, come mi sono stupita che, paese di antica cultura, applichi ancora la pena di morte, *cosa che a quanto pare non ha stupito nessuno in questo blog).
    Se ti è facile potresti segnalarmi lo studio sul Journal of Environmental Radioactivity riguardo al  radon nelle scuole?  a meno che non ti riferissi a questo  
    Environmental monitoring of radon in soil during a very seismically active period occurred in South West Greece

    RispondiElimina
  179. Infatti si segnala una generica road map della commissione europea. C'è da chiedersi come sia riuscita l'Italia ad avere l'industria e il benessere che ha ( o aveva, lo lascio a voi) senza uno straccio di programmazione. 

    RispondiElimina
  180. Per questo forse non li hanno coperti, perché hanno perdite molto frequenti, aveva ragione Roberto.  

    RispondiElimina
  181. Giovanna a me la pena di morte disgusta, non stupisce. 

    Per quanto riguarda l'amianto, ne siamo pieni anche in Italia. Ricordo che l'amianto diventa pericoloso quando è in cattivo stato e si degrada lasciando uscire le polveri. Non so onestamente come sia la situazione tra le case distrutte dallo tsunami, ma non mi meraviglierei se fosse presente in quantità non trascurabili.

    RispondiElimina
  182. Un interessante editoriale 
    Three Ways Japan Can Put a National Disaster to Good Use: View
    The biggest mistake would be to try to re-create what existed before March 11. Power should be transferred to local governments. 
    Sono d'accordo, niente può più essere come prima

    http://www.bloomberg.com/news/2011-12-30/three-ways-japan-might-be-able-to-put-national-disaster-to-good-use-view.html

    RispondiElimina
  183. Altro articolo, questo sulle cattive decisioni prese dal governo nei primissimi giorni della crisi. 
    http://www.yomiuri.co.jp/dy/national/T111229004169.htm

    RispondiElimina
  184. Le 10 persone che hanno contato di più nel 2011, secondo Nature, neutrini e bosone al top
    http://www.nature.com/news/365-days-nature-s-10-1.9678 

    RispondiElimina
  185. torno sulla storia del sensore di temperatura. Stanno cambiando il flusso di azoto nel PCV per verificare se la misura di temperatura è reale o è un guasto del sensore. Apparentemente il sensore sembra essere in salute e funzionare bene. 

    Oggi ci viene detto che anche gli altri due sensori di temperatura dell'atmosfera del PCV avevano avuto una tendenza ad aumentare, ma con valori piccoli comparati rispetto a questo. Il mio parere è che quindi la misura è vera e qualcosa si è mosso lì sotto, potrebbe semplicemente essere una bolla di gas sotto la crosta del corio che si è aperta, ma c'è qualcosa che necessita di essere monitorata. 

    Speriamo che presto potremo avere immagini da lì dentro...

    RispondiElimina
  186. Faccio notare che a differenza del temutissimo Radiocesio, l'amianto non decade, così come non decadono i PCB, la diossina, il DDT, etc. In alcuni paesi l'amianto non è fuori legge (ne cito 2 Venezuela e Kazakhstan).

    Un mio amico che nei primi giorni di Fukushima continuava a mandarmi mails con richiesta di notizie e commenti perchè era terrorizzato dal Giappone si è letteralmente "stupito" quando gli ho detto che la tettoia sotto casa sua era all'amianto.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  187. Eh la Peppa, che dovizia! A me  basta e strabasta l'abstract... 
    Sì della cenere radioattiva  di lignite avevo sentito parlare, e volendo possiamo aggiungereci anche i graniti..
    Grazie Rob

    RispondiElimina
  188. Ho appena "acquistato" la versione integrale PDF, se ti può interessare basta chiedere...

    RispondiElimina
  189. Grazie Toto, non ti scomodare, non ci capirei più di tanto, ripeto mi va benissimo l'abstract :))))

    RispondiElimina
  190.   Ho i miei dubbi che la persona scelta per rappresentare il CERN ed il lavoro fatto sia quella giusta... non capisco perche' l'abbiano fatto... hanno mescolato operazione della macchina con lavori di ripristino dopo il grave incidente del 2008... che furono fatti in massima parte NON dal gruppo operazioni... mmmh...

      Roberto

    RispondiElimina
  191. L'amianto lo trovi un po' dappertutto nei paesi industralizzati, quello che mi ha sempre sconvolto e' piuttosto il fatto che abbiano meta' paese a 50 Hz e meta' a 60 Hz, e che non possono trasferire potenza elettrica  da  una all'altra... capisco perche' uno dei miei ex colleghi di ITER che aveva passato un paio di anni in un cantiere giapponese li chiamava "guignols"... e non si e' mai sorpreso degli errori che hanno fatto, quando decisioni rapide e precise  dovevano essere prese.
     
      Roberto

    RispondiElimina
  192. Avrei due domandine 
    1. Vuoi dire che trasferendomi da una città a 50 Hz in una a 60 Hz dovrei cambiare tutti gli elettrodomestici?
    2. Pensi che questa schizofrenia di energia abbia giocato un ruolo nei primi soccorsi all'impianto di Fukushima quando si era a corto di corrente?

    RispondiElimina
  193. Non tutte, ma una buona parte delle apparecchiature elettriche è compatibile con entrambe le frequenze. Il problema è che le due reti devono essere separate, quindi una centrale a 60 Hz può immettere corrente elettrica solo sulla rete a quella frequenza. 

    Di sicuro nei momenti iniziali dell'emergenza, intesa come terremoto/tsunami con tante centrali non solo nucleari fuori uso, le carenze di energia elettrica potevano essere mitigate avendo un unica frequenza.

    Spero di averti risposto...

    RispondiElimina
  194. AnonimaFrancese31 dicembre 2011 10:24

    toto ma dove ho scritto ieri sera quel link del sito foto allora ...non lo trovo piu ? .-)))

    RispondiElimina
  195. penso tu l'abbia scritto come commento al post di approfondimento. Ad ogni modo, questo è il link che cercavi:
    http://www.boston.com/bigpicture/2011/12/japans_nuclear_exclusion_zone.html

    RispondiElimina
  196. AnonimaFrancese31 dicembre 2011 10:59

    ahahhaha direbbe Luis ;.) " demaciado" ;.) cercavo piu il post del link toto....;.) ma grazie...;.) e Auguri a tutti ' 4 voi di Casa Bulgheroni ;.)))

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...