Cerca nel blog

Loading

9 luglio 2011

Gli utenti, gli utonti e il $sysadmin

L'informatica è letteralmente precipitata nel nostro mondo e nella nostra vita quotidiana. Trent'anni fa, nessuno o quasi sapeva cosa fosse un computer per non parlare di un collegamento ad una rete, oggi siamo sempre connessi con una varietà impressionante di dispositivi al cybermondo.

Ma questa rivoluzione non è certo stata indolore, per la prima generazione di computer dotati - di cui mi vanto di appartenere - si è trattato di un lento processo di apprendimento, fatto di scoperte quotidiane e di ore passate davanti ad uno schermo nero con scritte verdi, syntax error e mangianastri rumorosi. Per le generazioni correnti l'impatto è stato decisamente meno traumatico, ma la minor fatica e la disponibilità della pappa pronta ha fatto sì che gli utenti si trasformassero in utonti e che oggi quasi nessuno sappia più come veramente funzioni un computer e come metterlo in condizioni di poter operare al meglio.

Tra queste due categorie, i tanti utonti e i pochissimi utenti, ce ne è una terza, una mutazione genetica, una specie in via di estinzione gelosamente custodita da quelle poche aziende che se li sono accaparrati e che non li cederebbero per nulla al mondo. Sono i $sysadmin [1], gli amministratori di sistema, quelli il cui cervello si interfaccia direttamente con il pc e che hanno una vita d'inferno a trattare con tutta quella marea di gente che li tempesta di domande dalla mattina alla mattina successiva. Dovete fare attenzione, perché in circolazione ci sono tante imitazioni, gente incapace che si spaccia per deus machinae, quando invece sono soltanto bravi a giocare a Duke Nukem 3D.

Come fare allora per riconoscerli? Basta guardarli in faccia: tutti corrispondono al medesimo identikit (vedi foto), parlano strano, a mille all'ora e infilano una sigla ogni tre parole. Rivestiti di una corazza impenetrabile, la loro riservatezza è un'esigenza per evitare di fare la fine del parafulmine e di tirarsi addosso ulteriori guai informatici da risolvere. Io ne conosco almeno due tre quattro cinque che leggono questo blog e che corrispondono esattamente alla descrizione

Perché tutto sto predicozzo? Perché ho trovato un bellissimo sito, per i contenuti non certo la grafica che definirei asciutta [2], redatto da uno di questi rari personaggi - proprio quello della foto - di nome Davide e di professione amministratore di sistema in Olanda. Il sito, a parte alcuni articoli tecnici, contiene una fonte inesauribile di buon umore: una raccolta di "Storie dalla sala macchine" (link), ovvero aneddoti scritti in sysadmin-ese (NdA lingua del $sysadmin) in cui Davide ci racconta le sue avventure con quelli che definisce CL, ovvero utenti informatici che non hanno la minima idea di quello che stanno facendo.

La raccolta inizia da prima del 2003 e continua con una certa regolarità ogni lunedì mattina, giusto per iniziare la settimana con il buon umore. Ho aggiunto il sito al nostro blog-roll, così che quando ci saranno nuovi episodi possiate trovarli direttamente da unico-lab.

ps. se qualcuno si sentisse offeso perché catalogato come utonto, allora si faccia una bella risata con le storie di Davide, sapendo che senza CL non ci sarebbero $sysadmin e non ci sarebbero nemmeno storie divertenti da raccontare!


[1] Se vi state domandando come mai $sysadmin è scritto con un $ davanti, tranquilli è normale, non siete sysadmin.  (up)
[2] Sarà anche asciutta, ma il sito è completamente navigabile anche dal mio BlackBerry ad una velocità mostruosa confrontata con altri siti progettati per essere mobile-friendly. Devo aggiungere che il CMS lo ha scritto proprio lui con le sue dita.  (up)

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

13 commenti:

  1. Massimiliano Carnevale9 luglio 2011 13:14

    Lo leggo da 7 anni il buon Davide. Ha un sarcasmo meraviglioso, sarcasmo che si sarebbe pure riversato su chi ha scritto "c'è ne è una terza" :D

    RispondiElimina
  2. aspita... bravo grazie correggo subito!

    RispondiElimina
  3. Leggevo (e leggo ancora oggi) Davide dai tempi dei newsgroup :)

    RispondiElimina
  4. Yes, a parte la magra figura dall'altro lato :-), lo leggo anche io da svariati anni...
    Dipinge con sarcasmo quello che è poi la realtà...

    RispondiElimina
  5. ma secondo voi Davide Bianchi è il suo vero nome?

    RispondiElimina
  6. Non ex transverso sed deorsum

    RispondiElimina
  7. Eh eh, anche io lo leggo già da un po (Da prima di unico-lab se devo essere sincero), Ironico e divertente.
    In ogni caso puoi contarne 3 di $SysAdmin che leggono il blog... ;)
    Vi segnalo anche il mio neonato blog www.linuxtips.it dove raccolgo un po di trucchi e segreti sul pinguino.

    RispondiElimina
  8. altro che 3! Sono già a 5. Dal momento che ho messo il post ho cominciato a ricevere commenti del tipo: ma non ti ricordi che te lo avevo indicato io qualche anno fa?

    Guarda tra i blog amici...

    RispondiElimina
  9. Curiosamente noi $sysadmin abbiamo la tendenza a ritrovarci negli stessi posti :)

    Ho ricambiato il link http://www.linuxtips.it/?page_id=90 se non ti piace la descrizione la cambio... ;)

    RispondiElimina
  10. La descrizione è perfettissima. E non appena metterai nuovi post, il feed verrà automaticamente aggiornato anche di qua.

    RispondiElimina
  11. (VANTAGGISTA) roberto putano16 luglio 2011 11:11

    sto Davide è spettacolare a volte ci passo ore a leggere le sue storie davvero divertente e dissacrante

    RispondiElimina
  12. purtroppo mi mancano solo 2009 e 2010 per finire la collezione.

    RispondiElimina
  13. Gianluca, ho letto il tuo articolo sul sysadminday, volevo lasciarti un commento, ma wordpress non mi vuole spedire la registrazione....

    Comunque: un grosso prosit seguito da un sorsone di birra per tutti gli amministratori di sistema che ci leggono e ci sostengono!

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...