Cerca nel blog

Loading

9 novembre 2013

Come si svuoterà la piscina del reattore 4 di Fukushima


Un contenitore per il trasporto sul sito
del combustibile irraggiato
Molti siti di informazione, che trattano l'incidente di Fukushima associandogli una forte carica emotiva, hanno per lungo tempo considerato l'unità numero 4 dell'impianto di Fukushima Daiichi come l'elemento più pericoloso del sito mettendo in risalto la possibile instabilità dell'edificio danneggiato e il fatto che la piscina con i suoi oltre 1500 elementi di combustibile potesse trasformarsi in un nocciolo in fusione a cielo aperto.

TEPCO, con il supporto di altre aziende, ha effettuato monitoraggi periodici (esempio) delle condizioni strutturali dell'edificio e rinforzata la struttura che sostiene la piscina (agosto 2011) verificando che non ci sono problemi di stabilità. Hanno rimosso velocemente tutti i calcinacci e gli elementi pericolanti (luglio 2012), hanno pulito l'acqua (novembre 2011marzo 2012), hanno estratto due elementi di combustibile non utilizzato per verificare i danni subiti dall'esplosione e dall'utilizzo dell'acqua di mare (luglio 2012) e hanno ricostruito interamente il piano operativo (settembre 2013) appoggiandosi su un'imponente impalcatura esterna (maggio 2013).


Adesso che tutto è pronto per iniziare la rimozione del combustibile, l'eventuale sorgente di pericolosità, gli stessi siti di informazione mettono in guardia delle possibili conseguenze apocalittiche di questa operazione. Operazione che poco si discosta nella pratica da quelle effettuate in modo ruotinario in tutti gli impianti nucleari del mondo.

TEPCO ha preparato un video, dai toni piuttosto propagandistici, per sottolineare l'importanza di questa milestone nel piano di risanamento del sito di Daiichi, e che potete vedere qui sotto.



La sequenza delle operazioni è piuttosto semplice: un cask, ovvero un contenitore schermato, verrà caricato da un camion a terra e immerso in un'area apposita della piscina tramite l'uso del carroponte appena installato. Il cask verrà quindi aperto e lasciato riempire di acqua. Usando la nuova macchina per la movimentazione del combustibile, ogni assieme verrà agganciato, sollevato lentamente e trasferito senza mai uscire dall'acqua all'interno del cask dove troverà alloggiamento in una rastrelliera simile a quella in piscina. Quando il processo sarà a regime, ci vorranno 4 giorni per riempire un cask che contiene 22 elementi di combustibile. Una volta pieno, il contenitore verrà sigillato e riposizionato sul camion dove verrà trasportato verso la piscina comune per seguire il processo inverso, ovvero decontaminazione della superficie esterna, e svuotamento degli elementi.

La macchina per la movimentazione del combustibile è dotata di un sensore dinamometrico in modo interrompere la trazione non appena venisse riscontrata una grossa variazione di forza che potrebbe indicare un elemento bloccato a causa, per esempio, di un detrito incastrato.

Tutte queste informazioni, insieme ad una serie di domande e risposte sull'argomento sono state diffuse all'interno di un documento piuttosto dettagliato che vi consigliamo di leggere.

Ammissione di colpa

Alcune settimane fa, la stampa aveva dato ampio risalto ad un'ammissione di TEPCO, ovvero che ci fosse una perdita, piccola e continua di acqua contaminata ancora in corso. Da qui è iniziato tutto il lavoro di rinforzo della banchina e di contenimento. A nostro avviso è molto più importante l'ammissione che TEPCO fa a pagina 16 del documento sopra citato e che potete vedere nell'immagine qui a lato.

L'esplosione del reattore 4 è avvenuta a causa del reattore 3. Infatti i due reattori condividono i camino di ventilazione e quando è stato rilasciato il gas del reattore 3 (incluso l'idrogeno) la valvola che dal camino va al reattore 4 era aperta e di conseguenza, pur non essendoci nessun nocciolo in fusione nel reattore 4, la concentrazione di idrogeno è stata tale da produrre l'esplosione che abbiamo visto.

Il fatto che due unità condividano sistemi essenziali per la sicurezza è totalmente inaccettabile dal punto di vista progettuale (responsabilità del fornitore dell'impianto), dal punto di vista realizzativo (responsabilità di TEPCO) e dal punto di vista della licenza di esercizio (responsabilità delle autorità compotenti). Giusto per citare un esempio famoso, a Three Mile Island dove il nocciolo dell'unità numero 2 venne fortmente danneggiato, l'unità 1 ha continuato ad essere operata per anni.

La situazione dell'acqua

Concludiamo con i numeri dell'acqua contaminata e visto che abbiamo saltato la settimana precedente, ecco i due documenti di riferimento del 6 novembre. La previsione per questa settimana è stata mancata di circa mille metri cubi di acqua, ma comunque si è registrato un notevole abbassamento nei volumi. Vale la pena ricordare che già circa 800 mila metri cubi di acqua sono stati processati per la rimozione del cesio e che attualmente sul sito sono presenti oltre 300 mila metri cubi di acqua senza più cesio, ma in attesa di essere trattata per evaporazione o con ALPS per la rimozione degli altri radionuclidi.


Settimana precedentePrevisione per questa settimanaSettimana presentePrevisione per la settimana successiva
Acqua nei reattori + turbine80 90077 80078 30076 200
Acqua nello stoccaggio19 12016 81017 20017 440
Totale 100 02094 61095 50093 640

Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

108 commenti:

  1. Mi sembran tanti 4gg per un singolo cask. Se non ci sono elementi incastrati da estrarre ci metteranno molto meno. Viceversa si dovranno fare circa 68 viaggi finendo l'estate prossima. Vedremo.

    SM

    RispondiElimina
  2. nel documento dicono che useranno la velocità minima... forse quella potrebbe essere una spiegazione per la lentezza!

    RispondiElimina
  3. OT per la nostra AF
    http://viaggi.libero.it/il_viaggio/f455142766fab776dbb7802338b7853b/nubi-mammatus-grandi-nuvole-a-mammella
    :)
    SM

    RispondiElimina
  4. Figlioli, un bel terremotino.
    Vediamo un po` da dove e` partito... tra un po`.

    RispondiElimina
  5. In realta` impiegano un solo giorno, ma hanno un solo cask:
    un giorno a caricarlo, un giorno a portarlo alla piscina comune, un giorno a scaricarlo ed un giorno a riportarlo in piscina :)

    RispondiElimina
  6. Misure che riguardano l'aumento dei salari, il miglioramento delle condizioni di lavoro e l'aumento della manodopera
    According to the package, announced by TEPCO President Naomi Hirose at a press conference in Tokyo, the firm will pay more to principal subcontractors so that workers receive an extra pay of 10,000 yen a day. The pay increase will be applied to work to be commissioned from December and later. Da 10.000 yen attuali ai 20.000 yen ( da 75 a 150 euro al giorno).
    http://www.japantoday.com/category/national/view/tepco-to-double-pay-for-fukushima-plant-workers
    La misura riguarda i workers a contratto addetti all'assembly "of radioactive water storage tanks and other tasks". Il numero dei lavoratori addetti al monitoraggio dei serbatoi passerà da 100 a 320.
    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201311090059

    Sarà costruito ( da dicembre 2014) un edificio a 8 piani , che ospiterà 1.200 persone, come luogo di sosta dove i lavoratori potranno togliere le maschere, mentre per la fine del 2014 sarà in funzione una mensa
    http://mainichi.jp/english/english/newsselect/news/20131109p2a00m0na006000c.html

    Ma che brava la Tepco, misure elementari che dovevano essere state prese dall'inizio.
    E bravi anche ai giornalisti, tre links per racimolare qualche notiziola sullo stesso tema.
    Con disappunto
    Giò

    RispondiElimina
  7. Figliolo, non eri tu che ci avevi detto che 5 0 6 richter ai giapponesi in generale gli fanno un baffo e a te in particolare men che meno neanche ti svegliano?
    Perciò se non superate i 7 richter neanche mi preoccupo. Patti chiari. :-))

    RispondiElimina
  8. Ah finalmente, eccole le misure in rapporto Tepco, anche per quanto riguarda la ridistribuzione del personale , il trattamento dell'acqua contaminata prevenzione acqua piovana ecc. ( sono a corto anche di docce e lavandini al dormitory di Hirono)
    Key Safety Measures at Fukushima Daiichi NPS
    http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/betu13_e/images/131108e0101.pdf

    Rimozione veicoli e detriti in svolgimento
    http://www.tepco.co.jp/cc/press/betu13_j/images/131108j0102.pdf

    RispondiElimina
  9. E chi ha detto che non fosse nulla?
    Mi ha fatto incavolare solo il fatto che mi stavo scaldando una tazzona di latte ed ho avuto uno tsunami dentro al microonde!

    RispondiElimina
  10. Sai, è un concetto nuovo e lo sarebbe anche per un paese come l'Italia! Pensa, aumentare lo stipendio a chi lavora riconoscendo magari addirittura dei criteri di merito. Il passo successivo sarebbe quello di ridurlo a chi specula senza rischiare o a chi non lavora affatto.

    Speriamo facciano scuola!!
    SM

    RispondiElimina
  11. Perfavore Toto,
    puoi mettere questo nei preferiti per il prossimo che mi chiede qualcosa sul modello LNT?
    Grazie SM

    http://www.repubblica.it/esteri/2013/11/10/news/filippine_tifone_haiyan_10_novembre-70634865/?ref=HREA-1
    http://www.repubblica.it/esteri/2013/11/09/foto/filippine_il_paese_devastato_dal_tifone_haiyan-70598630/1/?ref=HREA-1#1

    RispondiElimina
  12. A maggior ragione, visto che ci pensa la natura a fare stragi, l'uomo non dovrebbe aggiungerci i rischi di radiazioni ionizzanti che possono derivare dagli impianti nucleari. Altrimenti spargiamo sale sulle piaghe.

    L'avvocato del diavolo

    P.S.
    Erano circa 50 anni che non si vedeva un tifone così, ed è stato un caso altrettanto raro che il tifone Haiyan sia «atterrato» in una zona densamente popolata: sono queste le caratteristiche che hanno creato un evento straordinario e tragico. «È un tifone di categoria 5, un evento portentoso della natura», osserva Alfonso Sutera, del dipartimento di Fisica dell’università Sapienza di Roma. Povera gente...

    RispondiElimina
  13. mamoru_giappopazzie10 novembre 2013 09:14

    ecco vedi che il contenimento del latte non e' stato sufficiente, al bando le vacche! mica possiamo contianuare con questi sversamenti nell'ambiente

    RispondiElimina
  14. No dai, esagerato . Rinforziamo gli argini invece. Andrebbe bene questo Boccale grande con ritratto, decoro alla palmetta persiana diametro piede 8 cm, altezza 22,5 cm
    http://www.museomontelupo.it/mu/imshop/boccritrattogrande01.jpg

    RispondiElimina
  15. E a proposito di microonde, da quello che vedo passare su FB ;-), mi sa che bisognerebbe spiegare a un bel po' di gente come funziona realmente...

    RispondiElimina
  16. Hmmm...
    Potrebbe sembrare facile ironia quel mio breve messaggio sopra, ma non lo è. Provo a sisntetizzare, in libertà, il mio pensiero; capisco ci vorrebbero lunghe discussioni per argomentare al meglio:


    Parole chiave: salvare-vite-umane, risorse-limitate, prevenzione



    Premetto che la radioprotezione si fa:
    - evitando gli effetti deterministici da radiazioni (in Giappone non ne risultano)
    - limitando le esposizioni a basse dosi al di sotto di soglie ritenute sicure dalle migliori conoscenze scientifiche (salvo alcuni lavoratori della centrale non sono state superate, non per la popolazione, lo certifica la WHO). In questo senso il mio riferimento al LNT.
    Quello che si sta facendo fuori dal sito di FD1 adesso non è radioprotezione, non ne ha i requisiti.



    Il discorso "non aggiungiamo vittime da radiazioni ai morti veri da eventi provocati dalla natura" va contestualizzato. In un mondo perfetto con risorse infinite avrebbe senso. Nel mondo reale dove le ricchezze sono poche e mal distribuite assume connotati addirittura perversi.


    Fatte 100 le risorse spendibili oggi dal pianeta, mi sembra chiaro che non si può spendere 101. Gli eventi certi che causano migliaia di vittime non trovano oggi risorse per la loro prevenzione anche perchè si spende laddove non servirebbe. Viceversa si buttano mari di denari a limare il sesso degli angeli. Mi spiego. I soldi inutili spesi per la decontaminazione di basso e bassissimo livello in Giappone, fossero stati spesi per costruire case sicure nelle Filippine o anche solo per impianti di acqua potabile in Africa avrebbero salvato migliaia di vite umane. Così sono state risorse sprecate, per altro a vantaggio di pochi.
    Problema: guarda caso gli eventi certi avvengono alla periferia dei paesi che controllano il denaro, laddove, pare di capire, la vita umana sembra valere di meno. Perversione: parliamo di carbone e rischio minerario? Importa poco questo aspetto se in Europa importiamo carbone cinese e a morire nelle miniere cinesi sono i cinesi.
    No: quello che conta è la salute alimentare in Europa a fronte di 1 Bq di Cesio (sesso degli angeli). Vogliamo per favore spendere i soldi per mettere a posto gli edifici scolastici o prevenire sismi o rischio idrogeologico (anche in Italia). E' li che sono i morti veri evitabili. O semplicemente sulle strade non sicure.



    E chiudo ma non mi sottraggo alla discussione: mi sbilancio, non ci sarà 1 singolo morto certo per radiazioni in Giappone, mentre ce ne saranno a centinaia per eventi alluvionali, tifoni, uragani, sisma, etc che forse avrebbero potuto essere evitate con i soldi spesi altrove. Se fossi giapponese chiederei conto ai miei governanti del motivo per cui tanti soldi pubblici sono stati buttati via nel modo che abbiamo visto.


    SM

    RispondiElimina
  17. AnonimaFrancese10 novembre 2013 17:42

    piu di 10.000 morti .........:-( per ora ..........

    RispondiElimina
  18. AnonimaFrancese10 novembre 2013 17:46

    un articolo con video su BBC http://www.bbc.co.uk/news/world-asia-24847381

    RispondiElimina
  19. il tuo discorso non fa una piega, o almeno non dovrebbe farla in un mondo razionale. Invece, purtroppo, sappiamo come le cose vengano spesso viste attraverso uno specchio deformante. E così le rette diventano curve e chi vorrebbe seguire le rette viene visto dagli altri sbandare sui tornanti.


    poveri noi e poveri gli oltre 10 mila

    RispondiElimina
  20. Grazie a @mamoru_giappopazzie aggiungo un paio di fotografie dei lavori alla piscina 4. In particolare, la meticolosa rimozione dei detriti di piccola taglia e di quelli decisamente più grossi.

    RispondiElimina
  21. Fotografie splendide!
    Posso solo permettermi di aggiungere che nella prima fotografia si tratta di illuminazione artificiale e non di corio fuso incandescente? No, sai com'è ...
    ;)
    SM

    RispondiElimina
  22. Egregi amici di merende,
    vi posto un bel link pescato dal nostro Casolino e che in questo periodo in cui cerco di aiutare, mentre mi insultano, l` Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma, mi ha tirato su.
    Peccato che da personcina educata, come loro non sono, non lo faro` se non mi riportano ai livelli a cui mi hanno portato...
    http://verbasequentur.wordpress.com/2013/11/09/tutti-dottori-post-ad-altissimo-contenuto-di-turpiloquio/

    RispondiElimina
  23. mamoru_giappopazzie12 novembre 2013 15:56

    qui e' durante la visita di IAEA, se proseguono di questo passo non gli basta l-antardide per stoccarci tutto quanto...

    RispondiElimina
  24. Mariarita, una nostra lettrice ha scritto su Facebook e io ricopio qui perché così anche voi potete rispondere se volete:



    Salve, ho provato a scrivere sul vostro sito ma ogni volta che provo mi si cancella la pagina e così eccomi qui a porvi un mio quesito. Volevo comprare una parure di perle Akoya, perle di acqua di mare che sono coltivate nel mar del Giappone e precisamente nella città di Toba nella prefettura di Mie. La mia paura è che queste perle possono essere contaminate dato i vari versamenti in acqua di materiale radioattivo degli ultimi mesi. Penso che le correnti non ci mettono niente a portare la radioattività molto lontano.. figuriamoci a 400km(distanza tra Mie e Fukushima)... e questa mia deduzione si basa pure su quanto scritto in questo articolo che copio qui http://ambientebio.it/i-segnali-della-contaminazione-di-fukushima-sulla-costa-occidentale/ che appunto dice che le acque contaminate sono arrivate fino alla costa occidentale degli USA. Ho ragione ad avere questi timori? Come si fa a capire se un oggetto è contaminato? Spero che possiate sciogliere i miei dubbi... Grazie

    RispondiElimina
  25. Vai tranquilla Mariarita con le tue perle. Mie è fuori dalle correnti di ricircolo provenienti dall'artico che lambiscono il Giappone e poi vanno verso le Hawaii. Vedi foto sotto.
    Inoltre le perle sono in genere carbonati di Calcio, quindi sarebbero affini allo Sr-90 più che al Cesio. Sr-90 in mare non ne è andato gran ché per causare problemi di questo tipo.



    Questo sito che segnali dice una marea di stupidaggini. Il peggio del peggio. Ci ho messo un commento perchè i responsabili facciano un minimo di vaglio delle fonti che citano.
    http://ambientebio.it/i-segnali-della-contaminazione-di-fukushima-sulla-costa-occidentale/
    Cordialmente SM

    RispondiElimina
  26. Giovanna! C'è una notizia bomba per te! Grazie alla robot barca hanno trovato le prime 2 perdite nella vasca di soppressione del reattore 1. Finalmente!


    Me lo aveva detto @mamoru_giappopazzie oggi pomeriggio, poi ho trovato il link su TEPCO http://www.tepco.co.jp/nu/fukushima-np/handouts/2013/images/handouts_131113_15-j.pdf


    http://photo.tepco.co.jp/library/131113_04/131113_11.JPEG

    RispondiElimina
  27. Ciao Ragazzi,

    è un secolo che non scrivo qui (ma vi leggo spesso!)
    Leggo oggi il capitolo "ammissione di colpa", dove si dice che sia stato il sistema del vent comune 3+4 che è èsploso.
    E' facile dire "io l'avevo detto" dopo un anno, ma se guardate le foto aeree pubblicate subito dopo il disastro, si vede il sistema di estrazione e filtrazione scoppiato, con i tubi principali rotolati lontano dalla loro sede.

    Allora non si sapeva che avessero lasciato aperte le valvole di comuncazione tra il 3 ed il 4 (errore madornale non accettabile da un gestore normale): per me come per tutti i tecnici esperti di conduzione era una eventualità da non pensare nemmeno e vedendo le foto non si capiva perchè tutto il sistema era andato distrutto; allora ci siamo rivolti a pensare al peggio (falla nella piscina del IV° gruppo, che avesse scoperto i bundle di combustibile, generando la fusione e la conseguente massiccia emissione di gas che ha prodotto lo scoppio della parte superiore della struttura.
    Ciao

    RispondiElimina
  28. AnonimaFrancese14 novembre 2013 00:06

    Le acque della Polinesia non hanno subito l'impatto di Fukushima .nessuna traccia di cesio 134 ( ne modifica o aumento nei valori del cesio 137 ancora presenti dopo gli esperimenti nucleari del 66 e del 74) trovati nelle analisi mensili effettuate nel corso dell'anno 2012 . Tuttavia i controlli continuano ad essere effettuati mensilmente . http://www.irsn.fr/FR/Actualites_presse/Actualites/Pages/20131107-polynesie-francaise-bilan-surveillance-radioactivite-2012.aspx

    RispondiElimina
  29. AnonimaFrancese14 novembre 2013 00:10

    Possibile o no ? http://www.lesechos.fr/economie-politique/monde/actu/0203098049249-cette-nuit-en-asie-le-japon-envisage-de-debarrasser-tepco-de-fukushima-623826.php

    RispondiElimina
  30. AnonimaFrancese14 novembre 2013 00:11

    una ottima occasione per toto e Vale per farci vedere quanto siano diventati bravi ::-))) http://www.20min.ch/schweiz/news/story/28556154

    RispondiElimina
  31. Le operazioni di rimozione inizieranno la settimana prossima, il rimorchio con la botte (cask) è già entrato nell'edificio 4, video da elicottero
    http://news.tv-asahi.co.jp/news_society/articles/000016036.html

    altri 30 miliardi di dollari per la decontaminazione e lo stoccaggio rifiuti ( è escluso dall'importo lo smantellanento dei 6 reattori)
    http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=japan-readies-additional-30-billion-fukushima-nuclear

    RispondiElimina
  32. Sì sì, l’ho vista la notizia e volevo postarla ieri ma è ancora tutto in giapponese

    La barchetta ha funzionato e le immagini sono impressionanti, specie le due riportate sotto. il punto della perdita ( ma pare che siano 2 i punti di perdita A camera on the robot captured images of water leaking from 2 holes in the containment vessel into the building housing the reactor. Radiation levels in the area were extremely high at 0.9 to 1.8 sieverts an hour ) e l’acqua che scroscia allagando il seminterrato. Ricordo che il robot Underwater Swimming Robot WG (Project Manager: Prof. Ura from Kyusyu Institute of Technology) è lungo 90 centimetri. Altre informazioni qui
    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/handouts/2013/images/handouts_131024_04-e.pdf

    L’altra notizia,anche questa solo sulla stampa in lingua giapponese, è che 3 dei 1533 elementi della piscina 4 sono danneggiati a quanto pare non a causa dei detriti ma per
    operazioni errate risalenti a 25 e a 10 anni fa ( ma è normale tenere a mollo le barre per 25 anni nella piscinetta?). La cosa comunque non dovrebbe ritardare l’inizio della rimozione.
    ex-skf traduce dalllo Yomiuri e dal Fukushima Minyo
    http://ex-skf.blogspot.gr/2013/11/fukushima-i-nuke-plant-reactor-4-sfp.html

    a conferma riporto due altre testate
    http://www.excite-webtl.jp/world/english/web/?wb_url=http%3A%2F%2Fjp.wsj.com%2Farticle%2FJJ12604318372418544084219982480553785184780.html&wb_lp=JAEN
    http://www.excite-webtl.jp/world/english/web/?wb_url=http%3A%2F%2Fwww.kfb.co.jp%2Fnews%2Findex.cgi%3Fn%3D201311130&wb_lp=JAEN



    http://www.tokyo-np.co.jp/s/article/images/2013111301002227.jpg

    http://news.mynavi.jp/news/2013/11/14/063/images/001.jpg

    RispondiElimina
  33. Ma ragassi, siam mica qui a lucidar le perle alle ostriche...
    :-)

    RispondiElimina
  34. Che cosa? Lo scorporo della Tepco? Se ne parla da un paio di mesi, è una proposta del partito liberal democratico, LDP, quello al governo con Shinzo Abe per intenderci. Ne avevamo parlato con SM qui Quanti crediti ha l'ipotesi di scorporare da Tepco una società che si occupi solo di liquidare Fukushima? http://unico-lab.blogspot.gr/2013/10/altri-due-errori-gravi-fukushima.html

    RispondiElimina
  35. Luca Bertagnolio14 novembre 2013 08:01

    Domenica sono tornato a visitare Goesgen, ed anche li' hanno una piscina secondaria in un altro fabbricato, e per spostare il combustibile usato usano un cask che viene noleggiato alla bisogna, dati i costi in gioco. Non gli converrebbe assolutamente averne uno loro di proprieta', dato che lo userebbero davvero poco.


    Mi dicevano anche che a breve arriveranno i nuovi bundle di combustibile fresco, una 50ina di milioni di CHF, un bel regalino di Natale ad Areva... :-)

    RispondiElimina
  36. Può capitare di avere in piscina elementi danneggiati, in fondo la piscina è il luogo più sicuro dove tenerli fino a quando non viene decisa la strategia migliore per rimuoverli. Nel caso di Fukushima, ci ha pensato lo tsunami ha fargli venire l'idea giusta :)


    Il tempo di stoccaggio in "piscinetta" dipende dalla disponibilità di spazio e il tempo di fermo reattore che ci si può permettere. Ma nel caso di quei tre elementi credo che il motivo fosse proprio il "danno".


    A Trino Vercellese, che ha smesso di operare di fatto nel 1987, ci sono ancora elementi di combustibile irraggiato in piscina.. ma questa è un'altra storia, tutta italiana.

    RispondiElimina
  37. Una nuova legge rompe i monopoli dell'energia elettrica
    Questo significa che si risolverà la dicotomia Giappone occidentale (60 Hz 100 Volt) incompatibile con il Giappone orientale (50 Hz 100 Volt) come si chiede un lettore?
    Nell'articolo si ripete che la TEPCO,which before the meltdowns at its Fukushima Daiichi facility was the most powerful utility, is now under government control and being split into separate units
    http://www.japantoday.com/category/national/view/japan-passes-law-to-start-reform-of-electricity-sector

    RispondiElimina
  38. L'elemento di novità è l'ammissione da parte di Tepco. Da tempo circolavano pareri "robusti" su questa ipotesi ma mai prima di adesso li troviamo scritti nero su bianco.


    L'errore non è tanto quello di aver lasciato aperte le valvole. E' quello di aver costruito gli impianti didicando la stessa Stack a due unità diverse.
    Ciao SM

    RispondiElimina
  39. Il monitoraggio mensile si fa a prescindere da FD1. E' previsto post test atomici nei dintorni.
    SM

    RispondiElimina
  40. Carino... “Ma tu… che titolo hai per dire che la terra non è rotonda?” è la domanda must, a me la famosa amica sbattuta fuori casa me l'aveva posta rovesciata, "A che titolo affermi con tanta sicurezza che la terra è rotonda".

    Gli studi sono importanti, ma vale di più l'apertura mentale, un pizzico di sale in zucca e il senso dei propri limiti, tant'è vero che il nostro migliore amico di famiglia con cui si può discutere di tutto ha la licenza liceale e ha fatto il mozzo sulle navi da crociera. Quelli messi proprio male, a parte i fisici e gli uomini di scienza in genere, sono i linguisti: spesso hanno a che fare con persone che siccome sono "parlanti naturali " si sentono autorizzati a discettare a pieno titolo di grammatica, sintassi, morfologia, fonologia semantica ecc. senza cognizione in merito.

    Es. In alcune parole in greco il τσ iniziale si pronuncia come la z italiana di pizza., in altre come c in cialda. ( non sono linguista ma ho a che fare con l'insegnamento dell'italiano e questa cosa la faccio notare spesso per ottenere una corretta pronuncia della z che in greco non esiste appunto se non in poche parole ) ma ogni volta mi trovo di fronte a reazioni incontrollate, gli allievi si ribellano perché in entrambi i casi, mi fanno notare, si scrive τσ e non gli va giù che gli dimostro che lo pronunciano in modo diverso mentre loro, parlanti naturali, non se ne erano mai accorti , e chi sono io che glielo faccio notare..

    RispondiElimina
  41. Luca Bertagnolio14 novembre 2013 08:55

    Se non ricordo male, le unita' 1 e 2 hanno una configurazione simile ma avevano delle valvole monodirezionali per evitare blowback come e' invece successo alle unita' 3 e 4, potete confermare.


    Ovviamente la cosa migliore e' sempre di tenere i condotti separati fino alla punta del camino!


    Errori di progetto fatti 50 anni prima hanno talvolta un impatto molto lontano nel tempo, pazzesco pensarci...

    RispondiElimina
  42. Luca Bertagnolio14 novembre 2013 08:56

    Si sente gia' la tua mancanza in quel gruppo, caro JS... :-(


    E pure io sono un pochino preso con una formation in quel di Paris, la ville nucleaire... :-)

    RispondiElimina
  43. Ecco la dispensa in lingua inglese sulle perdite individuate dalla barca robot, una dal ciambellone e una da un vent pipe al reattore 1

    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/handouts/2013/images/handouts_131113_11-e.pdf

    e un articolo della Reuters sulle 3 barre danneggiate
    http://www.reuters.com/article/2013/11/14/japan-fukushima-removal-idUSL4N0IZ0TR20131114

    RispondiElimina
  44. Toc toc,
    giusto per dire che ci siamo!

    RispondiElimina
  45. AnonimaFrancese14 novembre 2013 21:12

    niente parolacce su UL Gio per cortesia :-) un vent pipe :-)

    RispondiElimina
  46. AnonimaFrancese14 novembre 2013 21:13

    manco uno stralcio di reazione !!!

    RispondiElimina
  47. sì, invece... reazione allergica!

    RispondiElimina
  48. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 07:12

    non credo proprio, o rivedono tutto il sistema imponendo uno standard e relativa lenta transizione o vanno avanti con questa ridicola rete...


    siccome non si puo' immettere energia da generatori a frequenza diversa sull stessa rete, bisogna che qualcuno imponga una graduale conversione, costruendo nuovi elettrodotti, cambiando gli alternatori delle centrali a partire dalla zona di confine e a scendere (o salire) dipendentemente dove costa meno.

    RispondiElimina
  49. Pietà di me che son la Pia...-:)
    e va bene, diciamo allora un tubo di sfiato della condensa
    P.S.
    traducendo dall'inglese all'italiano il testo è in genere più lungo del 30%.

    RispondiElimina
  50. Indagine toro/vasca di soppressione Unità 1 con barca robot: è stato aggiunto un video

    http://photo.tepco.co.jp/en/date/2013/201311-e/130313-04e.html

    RispondiElimina
  51. In effetti è un'operazione complessa, che richiede quasi di fare una rete parallela. Domanda che non mi sono mai posto prima: ma gli elettrodomestici a 60 Hz, per esempio, funzionerebbero anche a 50 Hz? In linea di principio non vedo grossi problemi, almeno non per tutti...
    Come è nata questa storia curiosa della rete divisa in due in Giappone?

    RispondiElimina
  52. reazione "sono in vacanza" :-)

    RispondiElimina
  53. Luca Bertagnolio15 novembre 2013 09:12

    SOno d'accordo con Valeriano, non bisogna dimenticarsi del costo altissimo di un cambio per i cittadini, se gli elettrodomestici attuali non sono compatibili con i due diversi standard.

    RispondiElimina
  54. Commento a caldo: L'esperto ha ragione (0.4 /pm 0.17 Bq/kg???????) e i lettori svizzeri sono idioti come nel resto del mondo. Vedere il primo commento "Radioaktiv verseuchte Fische keine Gesundheitsgefährdung??? Wo haben diese "Experten" Ihre ausbildung gemacht oder gekauft??". E lui, dove l'ha ottenuta la sua formazione?


    @toto : approfitta per cercare di leggerlo, è relativamente facile (anche se ti sembra difficile) e ci sono parecchi termini tecnici che ti saranno utili ;-)

    RispondiElimina
  55. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 09:18

    i forni a microonde li vendono versione est e ovest giappone.

    Il resto e' doppia frequenza.

    Il problma lo affronti in maniera graduale e inglobando aree a maggior consumo e produzione.

    Chiaro che ci sono costi, ma non poter trasferire carico sull'intera rete e' una inefficenza che va tolta. dato che sono un'isola e sprecano pure risorse a convertire ac-dc-ac.

    Come scrivevo qui:

    http://giappopazzie.blogspot.it/2011/03/crisi-energetica-nel-kanto-e-tohoku.html

    RispondiElimina
  56. pensavo proprio ai microonde...
    A doppia frequenza? Quindi hanno catene di produzione specifiche per prodotti giappenesi che devono andare a doppia frequenza?
    Urka, gli sprechi che si potrebbero eliminare...

    RispondiElimina
  57. Esatto, se non ricordo male neanche io si era parlato quasi subito del riflusso a causa del fatto che lo stack era in comune e soprattutto che le valvole non erano monodirezionali.
    La novità in effetti è la messa nero su bianco.

    RispondiElimina
  58. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 09:22

    nel senso che se un motore elettrico tipo lavatrice o compressore frigo/pompa calore lo alimenti a 50 o 60 cambia la vel di rotazione



    n= 60*f/p

    RispondiElimina
  59. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 09:24

    esatto, era gia' scritto in un vecchio rport non ricordo se tradotto. Non che ci volesse questa grande fantasia comunque, dato che le check valves servono proprio in casi da manuale come questo.


    Se non puoi farle con diametro 2metri, separi le torri che comunque e' buona pratica ingegneristica. Anche perche' non e' quello il costo che ti rovina

    RispondiElimina
  60. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 09:27

    A parte il micro il resto e' tutto 50/60 compatibile.

    Gli sprechi in Giappone sono l'ammasso di roba puramente resistiva che usano per scaldare le case o cucinare. Lasciamo perdere le bombolette di gpl e il kerosene per le stufe e i fornetti che pare di stare nel terzo mondo.

    Qua Delonghi si permette di vendere i caloriferi elettrici come roba avanzata...

    RispondiElimina
  61. Ah voilà, mi confermi: su buona parte degli elettrodomestici (quelli che contengono motori) la frequenza non ha impatto. La frase mi aveva ingannato.
    E gli alimentatori che raddrizzano, se li alimenti a 50Hz invece di 60Hz, potrebbero dare problemi, del genere non funzionano o danno un voltaggio più basso?

    RispondiElimina
  62. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 09:45

    quelli dei pc no anche il modem della connessione in fibra e' 50/60. L'elettronica penso sia il prob minore

    RispondiElimina
  63. Mamorino il problema non e` il costo, e` la tecnologia!
    Ci sono ancora i brevetti del Tubo Tucker!
    Oh miei dei!
    Ho appena letto che il perito del tribunale ha detto che il tubo tucker, un tubo VUOTO, porta fino ad un abbattimento del 50% degli agenti inquinanti e quindi hanno prosciolto i truffatori!
    http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/2010/09/20/387472-caso_tucker_svolta_shock.shtml

    RispondiElimina
  64. Beh, e` roba avanzata rispetto ad accendersi in camera da letto un motore diesel come fanno.

    RispondiElimina
  65. Giovannona, il problema non e` la parola ma la quantita`...

    RispondiElimina
  66. Luca Bertagnolio15 novembre 2013 11:03

    Totalmente d'accordo!! Il riscaldamento elettrico e' pulito e funziona benissimo, e io sono davvero imbestialito nel leggere che nella mia Svizzera vogliono renderlo vietato per legge tra un po' di anni, perche' e' uno "spreco" di energia... davvero pazzesco!


    Questa paranoia di non "sprecare" elettricita' ci rendera' sempre piu' schiavi di fonti da idrocarburi, che continueranno a costare sempre di piu', mentre man mano le centrali nucleari, pulite e sicure, verranno spente per anzianita' di servizio.


    Sinceramente sono terrificato dagli scenari futuri in quello che la gente pensa essere una societa' "avanzata" come quella europea...

    RispondiElimina
  67. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 12:09

    Sono d'accordo che serva una analisi, e a parte il micoonde tocca vedere cosa veramente si incasina su scala industriale.
    Tuttavia poter trasferire 2GW scarsi di potenza tra est e ovest giappone, col risultato che nel 2011 sono andati a fare i rolling black out perche' non ci stavano dentro, non e' piu' pensabile.


    La rete deve essere robusta e ridondante. Avere una batteria di raddrizzatori nei 4 snodi di interconnessione della rete jp per fare cambio frequenza e' una idiozia.



    Devono standardizzare a poco a poco, chiaro che piu' si aspetta e peggio e'. Ma non avendo risorse proprie e non avendo connessioni con altre nazioni, (a differenza della zona sincrona europea) frammentare la produzione nazionale in isole e' un non senso.

    RispondiElimina
  68. Ci sono due cose da notare:
    Il problema della dipendenza da idrocarburi ho l'impressione che sia prevalentemente europeo e dell'area anglosassone. Il resto del mondo spinge a manetta sul nucleare.
    Secondo, il problema del riscaldamento andrebbe risolto prima coibentando per bene le abitazioni. Con un buon isolamento, unito ad una progettazione intelligente(*), si può risparmiare parecchio sul consumo per riscaldamento.
    E' che le case di oggi per la maggior parte ancora irraggiano come un termosifone...



    (*) per esempio facendo passare le condutture del riscaldamento nel pavimento invece che nei muri o sfruttando il calore delle colonne di scarico...

    RispondiElimina
  69. avevo un collega molto attento al risparmio energetico e all'uso intelligente dell'energia che potrebbe parlarti per ore di come ottimizzare il riscaldamento di casa, iniziando da una centralina climatica per sostituire i termostati, riscaldamento a bassa temperatura, pompe di calore off course e ventilazione meccanica controllata per il recupero di calore.

    RispondiElimina
  70. ah ecco... qui nella mia cameretta tedesca ho solo una cucina a resistenze :)

    RispondiElimina
  71. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 12:26

    io ne faccio una questione di logica: hai un dispositivo che ti da una leva di 3x sull'energia elettrica immessa a costi ormai accessibilissimi.

    RispondiElimina
  72. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 12:26

    IH forever!!

    RispondiElimina
  73. fra un po' te la leveranno. Non converrà più :-P

    RispondiElimina
  74. heil energiewende!!!

    RispondiElimina
  75. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 12:27

    si e gli fanno cuocere il cibo col sole....

    RispondiElimina
  76. ma infatti, ci sarebbe moltissimo da fare nelle case!

    RispondiElimina
  77. mamoru_giappopazzie15 novembre 2013 12:27

    zitto tu che consumi a sbafo!

    RispondiElimina
  78. tartare tutto l'anno! :-D

    RispondiElimina
  79. SOFFIGO!!!
    2 pompe, un HI ed ora un umidificatore ad ultrasuoni meraviglioso.

    RispondiElimina
  80. Perché tropp? Non mi dire adesso che uno uguale a nessuno, da un punto di vista etico il numero non conta, tutto sta a non cominciare e a non prendere l'andazzo...
    Pia dei Tolomei, 5 canto del Purgatorio, fu uccisa o fatta uccidere dal marito in modo misterioso ( strangolata , avvelenata, gettata giù dalla finestra?) e per motivi ancora più oscuri (punita per non aver dato figli maschi? aveva un amante? fu vittima di calunnie da parte di chi non era riuscito ad averne le grazie? il marito si era invaghito di un'altra?).
    Nulla ci impedisce di pensare che in realtà quest'acqua cheta distribuisse @# Pўлэс# a destra e a manca, in numero imprecisato, mentre il consorte si trovava fuori a guerreggiare.

    RispondiElimina
  81. Bistecche ricoperte di ribes tutto l`anno...

    RispondiElimina
  82. Hai studiato il Q*bertese e non ci dici nulla?
    Complimentissimi!

    Il limite e` alla stessa persona in una giornata, soddolori!!

    RispondiElimina
  83. Hai preso almeno con te la valigia con lo spago e la fiaschetta d'olio?
    -:))

    RispondiElimina
  84. hai dimenticato: valigia DI CARTONE :)

    RispondiElimina
  85. mi sono portato la bialetti e al prossimo giro mi faccio anche il fiaschetto del chianti autografato.

    RispondiElimina
  86. D'accordo con te al 100%... la vulgata "ambientalista" recita che.... "l'elettricita' e' una forma di energia troppo nobile per usarla per scaldare le case"... che non mi e' chiaro proprio cosa significhi?... boh... a volte fanno delle assurde considerazioni sull
    energia primaria e il 50-65% che va buttato nell'efficienza di Carnot... e potrei essere d'accordo per le termoelettriche NON nucleari, ma sul nucleare... chissenefrega?... mica emette in proporzione all'energia termica...
    La cosa assurda e' che gli stessi "ambientalisti" ti dicono che bisogna utilizzare l'elettricita' di FV e eolico per scaldare le case con le pompe di calore... in quel caso la nobilta' va a farsi friggere.


    R.

    RispondiElimina
  87. ...il tuo collega non e' cassintegrato o esodato Alcoa, immagino! :-(


    R.

    RispondiElimina
  88. no, infatti i costi iniziali non sono per nulla trascurabili. Ma, potendoseli permettere, il ritorno con il tempo e la qualità della vita ne giovano.


    io per esempio in casa in Italia soffro di umidità, con i locali semi-interrati umidissimi e le camere da letto al piano superiore super secche. Esattamente il contrario di quello che dovebbero essere. Il risultato è che de-umidifico alcuni locali e umidifico altri, con un doppio spreco di energia che non avrei con un sistema meccanico di ventilazione.

    RispondiElimina
  89. " La piastra resistiva in casa l'ho vista per la prima volta in jp, in Italia solo nei campeggi..."


    Welcome to France! :-)


    R.

    RispondiElimina
  90. si, e magari tirato i fili in camera per appendere i vestiti... :-D :-D

    RispondiElimina
  91. Ihh!
    Quanto c'è da leggere oggi. Stacco un attimo e vi scatenate.
    Aggiungo 2 cents.

    Un collega esperto di normativa europea dice che dietro alle difformità di prese, adattatori, linee etc c'è un mercato ed interessi enormi che non si riesce a liquidare. Per cui io ho il mio bravo set di prese multiple a prova di vacanza anche sull'Isola di Pasqua. Forse per il Giappone è lo stesso con la menata dei 50/60 Hz.

    In compenso in Giappone si parcheggia alla grande. Ad esempio se devi comperare qualcosa in un negozio ci puoi entrare con la macchina
    http://video.corriere.it/auto-contro-negozio-giappone-clienti-salvi/9ab9e3d0-4dbf-11e3-a50b-09fe1c737ba4
    :)
    SM

    RispondiElimina
  92. Beh, non ci sono piastre resistive dai.... almeno io, ho quello elettrico, ma in vetroresina :-)
    Il punto è che il gas è parecchio più caro qua che in Italia.

    RispondiElimina
  93. "Lo strumento italiano che eliminera l'acqua radioattiva fukushima"

    http://video.corriere.it/strumento-italiano-che-eliminera-l-acqua-radioattiva-fukushima/a11eef98-4c5e-11e3-b498-cf01e116218a


    :-)

    RispondiElimina
  94. mamoru_giappopazzie16 novembre 2013 00:28

    Non ho capito come mai i video su fukushima di intermezzo erano specchiati orizzontalmente...

    RispondiElimina
  95. In genere lo si fa per evitare problemi di infrazione di copyright.

    RispondiElimina
  96. SM mi spieghi questo passaggio:

    Il metodo? Bocche cucite da parte dell’inventore, Adriano Marin: «Un processo termo-dinamico di evaporazione», si limita a dire. «Il resto è top-secret, coperto da un brevetto mondiale».



    E' una bella frase ad effetto ad uso e consumo dei giornalisti, ma si contraddice da sola. O è top-secret o è coperta da brevetto mondiale (anche sul mondiale avrei i miei dubbi). E' ancora riservato perché il brevetto è in fase di approvazione o cosa?

    RispondiElimina
  97. @valerianob adesso ti carico tutti i dati... ma ci vorrà il suo tempo vista la quantità!

    RispondiElimina
  98. Il brevetto lo fai per i paesi che vuoi e nel momento in cui lo depositi non viene mostrato subito, almeno per il tempo della valutazione rimane nascosto.
    Piu` paesi e piu` costi, ma per cose come questa conviene direi :)
    Se vuoi tempistiche piu` precise chiedo ad un amico che ha anche passato l`abilitazione e lavora sui brevetti.

    RispondiElimina
  99. ho lavorato anch'io un pochino nei brevetti, da cui la mia domanda se fosse ancora nell'iter di approvazione. ma ovviamente il giornalista non ha capito

    RispondiElimina
  100. domanda via skype inviata, prima o poi arriva la risposta :)
    e poi se anche il giornalista capisce ci deve mettere un po` di sano gonblodddismo.

    RispondiElimina
  101. In realtà io non so come funziona questa macchina se non che si controlla il trascinamento durante la distillazione. Io mi sono occupato solamente di misurare il fattore di decontaminazione, oltre ad aver suggerito come fare a farlo, aver realizzato e gestito le soluzioni di test e verificati gli aspetti di sicurezza di contorno. Vabbé, il mio mestiere insomma.

    Per me è una black-box con cannetta di acqua in ingresso e cannetta di acqua in uscita.


    Comunque, a parte presentare le cose al RemTech di Ferrara, non condivido molto l'approccio di parlare con i giornalisti creando un'aspettativa così forte. Anche perchè per le applicazioni su scale più grandi sono necessari altri test, ad esempio non solo Cesio, e ci vorrà tempo. Non so se si farà in tempo a lavorare su FD1 né se ce ne sarà l'occasione (posso solo dire che contatti ci sono), in ogni caso ci sono così tante altre realtà anche in Italia su cui si potrà intervenire che proprio la fretta non è giustificata.


    Circa il brevetto proprio non so nulla.
    SM

    RispondiElimina
  102. Una cosa e` certa: tu che garantisci cosa entra e cosa esce e` il massimo che posso chiedere per essere certo che qualcosa non sia una palla :)
    Specialmente se i risultati sono migliori di avere quella BLACKBOX piena di ziolite.
    BTW il c
    ontaminante separato esce anche lui in forma liquida o ci sono simil-cartucce da sostituire?

    RispondiElimina
  103. Guarda, misurare il Cs-137 e Cs-134 in soluzioni acquose è la cosa più facile del mondo, bisogna metterci del proprio per sbagliare :)
    Con la zeolite avresti la zeolite che è un rifiuto. Con questa macchina il contaminante è una soluzione densa che tende a sedimentare facilmente. La vedi nel barattolo. Portando a secco si riduce ancora di molto il volume e il rifiuto diventa solido (più bello che liquido). Dal filmato si vede ma non si capisce bene. Metto due foto estratte dal video per farti capire meglio.
    SM

    RispondiElimina
  104. Grazie!
    Ora fallo tornare in laboratorio a filtrare 300 litri di gamma in soluzione :)
    Il cesio da dove lo hai tirato fuori?

    RispondiElimina
  105. Nabucco Donosor18 novembre 2013 04:34

    SM,
    Sai se hanno applicato tramite il bando della IRID ?

    RispondiElimina
  106. Si, ed è anche approvato con suo codice
    SM

    RispondiElimina
  107. però promettimi che se un giorno sarai chiamato a dirigere le operazioni di decontaminazione dell'acqua di Fukushima, mi fai un permesso di ingresso, almeno come visitatore...

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...