Cerca nel blog

Loading

26 ottobre 2013

Viel Glück und viel Erfolg

Parte del kit di sopravvivenza. La storia di Fermi e del fiasco
di Chianti ve la racconto un'altra volta.
Comincia un week end strano, con i colleghi già stufi del brutto tempo lombardo che vogliono scappare in Liguria e mia moglie che insiste per andare fuori a cena di venerdì sera in un ristorante bavarese sperduto nel bosco con tanto di bruma per dare un tocco di magia. Entriamo nel ristorante e la cameriera in tenuta da Oktoberfest ci porta in una salettina dove come in un flash back mi sembra di ritrovarmi in mensa. Una quindicina di colleghi aspettava solo noi per alzare i boccali e cominciare la festa. Una festa a sorpresa e il festeggiato sorpreso ero proprio io!

La sorpresa è riuscita, così tranquillizziamo subito l'organizzatrice e la complice che a posteriori mi ha rivelato la fitta trama di messaggi segreti degni della cruna dell'ago, anche se l'evento in sé mi aveva dato qualche sospetto. Comunque molto bravi tutti a mantenere il segreto e far finta di nulla!

Gli ingredienti della festa perfetta c'erano tutti: il festeggiato, gli amici, i regali, il baccano, gli applausi, i discorsi, i ringraziamenti con gli occhi gonfi e l'occasione, ovviamente. Ecco forse è arrivato il momento di dirvi il perché di questa festa e di rivelarvi la novità, che fino ad ora avevo cercato di tenere un po' privata. Cambio lavoro, e questa per chi segue il blog da tempo, potrebbe non essere una novità (uno e due per esempio), ma questa volta cambio anche vita! Cambio lavoro e mi trasferisco in Germania, come tanti altri italiani hanno fatto ultimamente e come forse avrete, a questo punto, intuito dal titolo di questo post e dalla location della festa. Sarà come sempre una sfida nuova e avventurosa, questa volta resa un po' più complessa dalla logistica e dal fatto di ricominciare proprio tutto da capo. Le prospettive professionali sono molto interessanti, tornerò a fare lo scienziato, il che sicuramente non mi dispiace; mi dispiace invece lasciare i miei colleghi, il mitico LabEl e gli amici del ciclotrone che ieri sera mi hanno regalato il kit di sopravvivenza per l'italiano all'estero con tanto di caffè come si deve e un set di tazzine autografate e dedicate. Che belle quelle tazze, prometto che le utilizzerò tutte le mattine, insieme alle caffettiere e all'orologio per arrivare puntuale, perché si sa, in Germania non si può essere in ritardo.

Come al solito, vi lascio un po' sulle spine per i dettagli, per il momento vi dico che inizierò a lavorare solo a metà novembre, quindi c'è ancora un po' di tempo per salutarci e che sarò in uno dei più grandi centri di ricerca della Germania, se non dell'intera Europa, che si trova alla periferia della città di Karlsruhe.

E chiudo tornando al titolo. I tedeschi, che sono precisi, hanno due modi per augurare in bocca: viel Glück e viel Erfolg appunto. Il primo lo possiamo tradurre buona fortuna mentre il secondo come buon successo. La differenza sta nel contesto: si augura viel Glück quando uno compra un biglietto della lotteria, mentre il secondo è utilizzato per augurare la buona riuscita di un'impresa per la quale si è investito impegno e sacrificio. Ecco, mandatemi un bel viel Glück, che mi serve e io, cari amici e colleghi, vi rispondo con un viel Erfolg per continuare sulla strada percorsa insieme con l'impegno e la passione di sempre.

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

52 commenti:

  1. AnonimaFrancese26 ottobre 2013 14:42

    e dunque il dado è tratto toto :-) Augurissimi amico mio ---------ti metto una foto di fredda (temperatura) circostanza :-) la prendi vero la maglia di lana vero ? :-) sei pronto ad imparare al top quella austera lingua germanica ? :-) oppure lo hai gia fatto ? hai trovato casa? ma tata e i totini ? dacci tutti i dettagli ......specie alle curiose femmine ( e ai maschi che fanno finta di nulla ma leggono anche prima )

    RispondiElimina
  2. Io invece ti auguro un Viel Spaß!
    Divertirsi lavorando e lavorare divertendosi e in generale stare sempre allegri! Secondo me è una ricetta incredibile di vita e anzi commisero le persone che svolgono lavori che detestano.


    Vedrai che ti troverai bene.

    SM

    RispondiElimina
  3. calma calma una domanda alla volta... e diamo tempo al tempo! i dettagli arriveranno un po' alla volta!

    RispondiElimina
  4. Grazie @SM , speriamo proprio di divertirci!

    RispondiElimina
  5. AnonimaFrancese26 ottobre 2013 15:03

    sgrumble sgrumble :-)

    RispondiElimina
  6. NOOOOO!!! Anche tu!! Stavolta l'hai fatta grossa. Ma come, tutti ad arricchire e a far grande la Germaniaaa??? φεῦ φεῦ (ahi! ahimè) e anche αμάν αμάν (sorpresa spiacevole, dolore )

    E poi da quando ti sei messo a studiare a nostra insaputa il tedesco, eh? Sei un'acqua cheta tu...
    Dovevo capirlo dalle salsicce che ti prepari a colazione la tua tendenza teutonica...
    Va bbè, se hai deciso, mi arrendo, va in pace figliolo e viel Glück!
    sia la tua spada tagliente e la strada aperta

    :))

    RispondiElimina
  7. Tu quoque, Brute, fili mi!
    In realtà, sto solo giocando con il tedesco e spero di poterlo studiare seriamente nel seguito.


    Diciamo che mi è stata offerta un'opportunità a cui, onestamente, è difficile dire no. Una vera e propria autostrada, solo che richiede un po' di sacrifici in partenza!

    RispondiElimina
  8. Affettuosamente
    http://www.ultrazzurri.altervista.org/forum/images/smiles/martello%20in%20testa%202.gif

    RispondiElimina
  9. AnonimaFrancese26 ottobre 2013 15:32

    ma toto non è che pensi di abbandonare il figliolo UL vero ?

    RispondiElimina
  10. non si abbandona i figli... al più sono loro che lasciano i genitori quando diventano grandi!

    RispondiElimina
  11. Ma bravo! Te ne vai al KIT :)
    Benvenuto in Germania, semi-collega (stessa laurea, ma diverso lavoro ;) ).
    Saluti,
    Mauro.

    RispondiElimina
  12. Ehi! ho visto il posto, RUN!

    RispondiElimina
  13. AnonimaFrancese26 ottobre 2013 16:28

    I figli si abbandonano pure e sono pure parecchi purtroppo , ma sopravvivono lo stesso :-) (ne sono la prova vivente :-) ) ma in tutto questo raggiro di parole la risposta rimane ed è evasiva :-) sgrumf

    RispondiElimina
  14. oggi va così... mi piace fare il misterioso!

    RispondiElimina
  15. Grazie @Mvenier! Vi racconterò i dettagli a presto!

    RispondiElimina
  16. Bene, bene quindi ormai è ufficiale!

    Das Glück habst du schon, jetzt muss man sagen "Viel Erfolg!"
    Aber ich sicher, dass alles gut sein wird.
    Wer weiß, vielleicht werde ich dir folgen... ich bin es, ein große "viel Glück" braucht!


    :-)

    RispondiElimina
  17. e allora buonissima fortuna anche a te!

    RispondiElimina
  18. Sono interessato alla storia di Fermi e del fiasco di chianti. Quando vuoi raccontarcela ci fai un piacere :)
    SM

    RispondiElimina
  19. guarda non la conoscevo nemmeno io fino a venerdì sera quando Daniele l'ha raccontata proprio in occasione della festa.


    Tempo al tempo!

    RispondiElimina
  20. Eh no, ora siamo tutti curiosi!

    RispondiElimina
  21. In ogni caso non sarai lontanissimo da Strasburgo... chissà che - complice un mercatino di Natale venturo - non ci incrociamo anche da quelle parti!

    RispondiElimina
  22. Nabucco Donosor28 ottobre 2013 01:26

    KIT o ITU Karlsruhe e' interessante. Facci sapere quando passi dal "Krokodil". Viel Glück!

    RispondiElimina
  23. La seconda che hai detto.

    Ps che cosa è il Krokodil?

    RispondiElimina
  24. Nabucco Donosor28 ottobre 2013 11:01

    Il Krokodil e' uno dei locali "storici" del centro citta', sulla Ludwigplatz. Una volta (quando ero posto-doc al KfK, giusto 30 anni fa) era in assoluto il posto piu' interesante di Karlsruhe. E c'e' ancora...

    RispondiElimina
  25. che spettacolare coincidenza! Si vede che io non sono un animale notturno, comunque non mancherò di seguire il consiglio.


    Piuttosto, pensa a quanti nomi ha cambiato il centro da quando tu facevi il post-doc (non per farti pesare il tempo trascorso). KFK->FZK->KIT e magari ne sto dimenticando alcuni!

    RispondiElimina
  26. Dopo approfondimenti e studi ho trovato una storia di un fiasco di Chianti legata a Fermi e al festeggiamento per la prima criticità della pila di Fermi in America. Non so se si tratta della stessa storia che prima o dopo Toto ci racconterà, ma anche questa merita di essere ascoltata. A tempo debito ...

    SM

    RispondiElimina
  27. Bravo è proprio la stessa storia e l'usanza deve essersi tramanda nelle facoltà di ingegneria nucleare in Italia

    RispondiElimina
  28. AnonimaFrancese29 ottobre 2013 22:46

    che volete dalla mia città natia ora ? :-)

    RispondiElimina
  29. sono andato a cercare anche io, e il fiasco firmato in foto lascia proprio pensare la stessa cosa.
    Ma io non l'avevo detto per non rovinare la sorpresa a toto :-)

    RispondiElimina
  30. il famoso mercatino natalizio, no? :-P

    RispondiElimina
  31. Nabucco Donosor1 novembre 2013 03:21

    Non credo si possa dire "TEPCO e altri enti giapponesi" come se fossero un unicum (appunto, "i giapponesi"). Per esempio, la JAMSTEC, che ha fatto diverse campagne di misure di contaminazione dell'oceano, non e' certo TEPCO. Cosi' come l'Universita' di Tokyo non e' certo un'affiliata di TEPCO. E la lista potrebbe continuare con RIKEN, il Governatorato Metropolitano della citta' di Tokyo, (perche' no?) la JAEA, il NIRS e molti altri. Quindi i dati "dei giapponesi" non sono per niente dati di un'unica fonte.


    Detto questo, e' ovvio che ulteriori dati da IAEA, DOE, NRC, IRSN e altri, sono sempre utili per ampliare la base di informazioni.


    Non credo ci siano esempi significativi di discrepanze sui dati. Probabilmente sulle interpretazioni e valutazioni conseguenti si, ma sui dati di base non mi risulta.

    RispondiElimina
  32. Buongiorno! Un omaggio ad AnonimaFrancese !

    Video esplicativo della rimozione del combustibile esaurito pool reattore 4, sembra tutto molto facile
    http://photo.tepco.co.jp/en/date/2013/201310-e/131030-02e.html
    L'operazione dovrebbe iniziare l'8 novembre

    RispondiElimina
  33. Sei un geniaccio!

    RispondiElimina
  34. Bravo, hai toccato un altro punto deboluccio Discrepanze sulle interpretazioni e valutazioni conseguenti

    RispondiElimina
  35. mamoru_giappopazzie1 novembre 2013 06:51

    il problema grave e' che chi ha avuto a che fare con il Giappone ed i giapponesi in giappone, sa bene quanto riescano a fare sistema ed a volte fanno paura. Roba da unione sovietica dei tempi andati... veramente ad ogni livello sono li a promuovere il loro paese per qualunque quisquiglia, il senso e' quello di un corpo solo che si muove formato da milioni di persone sincronizzate.

    E dico che la sensazione e- di disagio quantomeno

    RispondiElimina
  36. Non ricordo se abbiamo riferito la notizia riportata da NHK il 22 ottobre sul congelamento del tunnel sotterraneo.
    All’inizio del2014, Tepco inizierà lavori di congelamento dell'acqua contaminata in un tunnel sotterraneo, nella speranza di impedire un ulteriore scorrimento di acqua radioattiva nell'Oceano Pacifico. Tokyo Electric ha affermato che l'acqua nel tunnel è la fonte primaria di
    contaminazione off- site.
    Per prepararsi a questa operazione, i tecnici TEPCO hanno condotto un test nel mese di
    agosto con un mockup del tunnel. Un muro di ghiaccio di 2 metri d’altezza e 2 metri di larghezza si è formato in un mese e mezzo, ma l'acqua non è congelata uniformemente il che significa installare tubi extra. Inoltre nel tunnel reale alti livelli di radiazione impediranno tempi lunghi di permanenza dei lavoratori.
    Video NHK
    ( i primi 2,20 minuti)
    http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=qdd34rtjuyg

    Iori riporta foto dalla dispensa in
    giapponese ( a pag. 38)
    http://fukushima-diary.com/2013/10/photo-frozen-water-wall-cant-be-frozen-even-though-40-days-have-passed-since-test-started/

    RispondiElimina
  37. Grazie Giovanna, dopo aver visto il video, per la prima volta, ho capito che l'idea non è di lasciare il muro di ghiaccio per sempre, ma solo per il tempo necessario per svuotare il resto del tunnel. Anche perché altrimenti il livello dell'acqua sarebbe salito fino a esondare da qualche altra parte a monte del muro di ghiaccio.

    RispondiElimina
  38. Infatti si tratta di una cosa completamente diversa dal muro di ghiaccio intorno ai reattori...

    http://www.engineering.com/Portals/0/BlogFiles/DesignerEdge/0813/Fuku2.jpg

    RispondiElimina
  39. Nabucco Donosor1 novembre 2013 11:00

    Io intendevo dire che non mi risultano casi importanti di discrepanze sui dati di base tra misure fatte da organizzazioni diverse, giapponesi o altro.


    Certamente interpretazioni e valutazioni possono essere differenti e non credo ci sia niente di strano o di negativo in questo.


    Facciamo un esempio: i livelli di contaminazione dell'oceano. Non mi risulta che ci siano discrepanze tra i dati forniti dalla TEPCO e quelli misurati da altri (per esempio JAMSTEC o altri). Poi si puo' discutere sulle cause, sulle implicazioni e sui possibili danni, ma i dati sulla contaminazione dell'acqua (e del pescato) sono quelli che sono.

    RispondiElimina
  40. yes, un foxxxto genio :-)

    RispondiElimina
  41. Ma "memorizzare i cask" e' un ellenismo?

    RispondiElimina
  42. No di certo, è una grande caxxata:)) intendevo immagazzinare, stoccare, stivare , conservare, probabilmente leggendo l'articolo in inglese ho fatto un pasticcio con store che significa tutte e due le cose memoria del computer e immagazzinare, c'è stata una contaminazione, insomma.
    Adesso che guardo la frase... però.... non è malaccio, vero? Ne propongo l'adozione.

    RispondiElimina
  43. AnonimaFrancese1 novembre 2013 23:35

    ahahaha ma grazie Gio :-)

    RispondiElimina
  44. ULTIMISSIME e buon fine settimana!

    Tepco confirms U.S. will help with Fukushima No. 1 dismantling, cleanup ( della serie "i russi non li vogliamo, puah!")
    http://www.japantimes.co.jp/news/2013/11/02/national/tepco-confirms-u-s-will-help-with-fukushima-no-1-dismantling-cleanup/#.UnSjmHDt_To

    Comunicato stampa Tepco
    http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/2013/1231878_5130.html

    Chi è Ernesto Muniz
    http://www.washingtonpost.com/business/economy/ernest-moniz-mit-physicist-is-to-be-nominated-as-energy-secretary/2013/03/04/e3fe68aa-808c-11e2-a350-49866afab584_story.html

    Soprannominato Crazy Hairdo per i suoi capelli e paragonato a dive anni '30 oltre che a George Washington, Javier Bardem in "Non è un paese per vecchi" e Oscar Wilde. Godibilissimo video DailyBeast, da non perdere

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=4L5GbSmFwMk

    RispondiElimina
  45. Taci taci, questo povero paese lo spruzzano dalle prime luci dell'alba, e devi vedere la sera!!! :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  46. Buon finesettimana!
    Al mio paese sono già cominciate le processioni dei parenti ai vari cimiteri di famiglia. Un'usanza che non capirò mai.
    In merito alla rimozione delle barre dalla piscina del n.4 invece sono con le orecchie alzate. Spero facciano tutto a puntino e anzi dia una scossa di positività sul sito, ne hanno bisogno.


    Mi chiedo se sposteranno anche le barre dell'ultima ricarica e se hanno fatto i conti giusti sul calore di decadimento residuo per il tempo che escono dall'acqua da una parte per rientrarci dall'altra.
    Ne leggeremo con piacere :)
    SM


    P.S. dai, non è malaccio quel taglio di capelli. Sono peggio certi riportini o plastificazioni della testa ...

    RispondiElimina
  47. Carissimi, ho messo un nuovo aggiornamento. Non spaventatevi non è tutto americano, c'è anche un po' di Italia!

    RispondiElimina
  48. ma quante tonnellate di bario hanno i greci nel sangue?

    RispondiElimina
  49. e morbidoso!

    RispondiElimina
  50. Luca Bertagnolio14 novembre 2013 07:45

    Ora mi sono spiegato tutta la tua foga su Duolingo... :-D

    Bene bene, chissa' che poi non passi anche tu qui fuori dall'Europa, ad occhio hai avuto un'oscillazione un pochino sovrasmorzata, come primo spostamento... ;-)

    Ciao!! --Luca

    RispondiElimina
  51. Visto il mio datore di lavoro... fuori dall'Europa è un po' difficile :) Cmq avendo vissuto per almeno 35 anni a 4 km dalla CH lo scavallamento della Svizzera non è stato un problema.


    Parliamo di Duolingo invece, credevo fosse una sorta di gioco, invece qualcosa si impara sai? Insomma non posso dire di sapere il tedesco e nemmeno di parlarlo, ma almeno intuisco il significato delle varie scritte.

    RispondiElimina
  52. Luca Bertagnolio14 novembre 2013 13:07

    Lascia stare, da settembre in avanti non ho piu' speso del tempo su Duolingo, e tutto quello che avevo visto su tedesco e portoghese mi sa che e' un po' finito nel dimenticatoio... tocca tornare attivi ora, magari settimana prossima mentre sono in vacanza torno a fare un po' di esercizi.

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...