Cerca nel blog

Loading

24 maggio 2012

Anche il moscerino beve per dimenticare

Due moscerini della frutta in intimità
© Solvin Zankl/Visuals Unlimited/Corbis
Quante volte si è sentito dire di qualcuno che affoga nell'alcool le delusioni amorose. Un recente studio pubblicato su Science ha dimostrato che oltre ad essere un mal costume umano, il consumo di alcool a seguito di un mancato appagamento sessuale è una conseguenza neurofisiologica, o almeno così è nel moscerino della frutta (vedi fotografia).

Per provare la loro ipotesi, Heberlein e colleghi dell'Università della California - San Francisco, hanno preso un moscerino della frutta - Drosophila - e lo hanno messo nello stesso contenitore con una femmina e del cibo diviso in due mucchietti: il primo normale mentre il secondo "addizionato" con alcool etilico. Dopo il corteggiamento rituale di una decima di minuti, il maschio si accoppia e successivamente si sfama, in genere rifornendosi equamente tra i due mucchietti. Se però, la compagna viene sostituita con una già fecondata e quindi indisposta al corteggiamento, il maschio si ciba in larghissima parte di cibo alcoolico. Il comportamento è reversibile, infatti se dopo un primo tentativo in cui è stato rifiutato, un secondo tentativo con una femmina accondiscendete va in porto, allora il maschio torna alle sue abitudini alimentari consuete.

Neuroscienza

Se state pensando ad un altro candidato per il premio Ig Nobel questa volta vi state sbagliando, perché oltre a generare sorrisini e facili battute - specialmente tra la popolazione di sesso maschile - lo studio ha una base scientifica valida e vuole identificare a livello neurofisiologico il meccanismo della compensazione su un modello molto semplice e non inquinato da ingerenze culturali.

Quello che è stato evidenziato è che il neuropeptide F sarebbe il responsabile di questo tuffo nell'alcool, infatti nei moscerini rifiutati sono stati misurati livelli di concentrazione di neuropeptide F più bassi rispetto a quelli sessualmente appagati. Per avere la prova provata, i ricercatori hanno manipolato geneticamente i moscerini in modo da mantenere sempre bassa la concentrazione di questo peptide; così facendo sia i moscerini sessualmente appagati sia gli scapoli si sono ritrovati insieme ad assumere alcool.

Il passo non è per niente breve

A questo punto la via sembra segnata. Come prima cosa bisogna individuare l'analogo del neuropeptide F nei mammiferi e nell'uomo (un buon candidato potrebbe essere il neuropeptide Y come dimostrano alcuni studi sui topi) e, per evitare di ubriacarsi e fare ricorso ad altre, ben più dannose, forme di compensazione, si potrebbe pensare di ristabilire artificialmente i livelli "normali" di questa molecola. Sembra facile, ma non lo è. A rendere tutto dannatamente più complesso c'è che i mammiferi non sono così semplici come un moscerino e che una stessa molecola può essere responsabile di più interazioni e così via... Senza sottovalutare poi l'aspetto sociale...

In conclusione un ottimo studio, che rappresenta certo un importante punto di partenza, ma, almeno per me, la chimica e il comportamento sociale nell'uomo restano ancora due mondi piuttosto lontani.

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

3 commenti:

  1. Toto, grazie, mi hai appena fornito le basi per giustificare una metà del mio periodo di vita da fine superiori/primi anni all'università. Ora mi manca solo il neuropeptide associato alle materie noiosissime, ai libri di testo soporiferi e ai professori ancor più soporiferi, così poi posso scaricare sulla neurobiologia tutta la colpa del mio tasso alcolico di quel periodo :-)

    RispondiElimina
  2. AnonimaFrancese25 maggio 2012 20:46

    ;.))) questo articolo mi farà vedere il mondo sotto una altra luce ;.)))) ahahah !!

    RispondiElimina
  3. guarda che se per gli uomini è una scusa... per le donne è un invito! 

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...