Cerca nel blog

Loading

14 aprile 2012

Mettiamo Unity alla prova

Questa mattina mi sono alzato presto per andare dal dentista, già non un buon inizio, ma a peggiorare le cose quando ho acceso il desktop è arrivato un messaggio dal sistema di aggiornamento di Ubuntu: la vostra versione del sistema operativo non è più supportata e non riceverete più aggiornamenti. Che tradotto in altre parole significa che l'Ubuntu 10.10 è arrivata alla fine del suo ciclo ed è ora di aggiornare. Il peggio doveva ancora arrivare, quando anche mio papà ha realizzato che era ora di aggiornare.

Qualche anno fa, avrei fatto subito l'aggiornamento senza alcuna remora, adesso è cambiato il mio modo di usare il Pc e più che alle novità sono interessato alla funzionalità della macchina. Ad aumentare le mie perplessità ci sono altri due scogli: il primo è la rivoluzione di Unity, da molti criticato specie per gli ambienti desktop, la seconda è mio papà. Per lui il passaggio da Windows a Linux è già stata una rivoluzione, passare da Gnome a Unity potrebbe essere altrettanto impegnativo.

Per il momento io ho fatto un doppio balzo in avanti con la procedura di aggiornamento automatico, prima sono passato alla 11.04 e poi alla 11.10, metterò alla prova l'ambiente di lavoro e poi decideremo come procedere con il pc paterno.

Voi cosa ne dite?

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

22 commenti:

  1. fra 12 giorni esce la 12.04, che sembra essere migliore delle 11, che non sono all'altezza delle versioni precedenti di ubuntu.
    Il cambiamento di desktop, sebbene anche io inizialmente fossi un po'...sgomento...ma poi in università uso la 10.10 e mi manca moltissimo il desktop della 11.10 :D

    RispondiElimina
  2. in genere salto le LTS, ma forse questa volta potrei fare un'eccezione!

    RispondiElimina
  3. Mah, apprezzo il coraggio di Canonical di trovare una propria strada con una sua interfaccia, un po' come Microsoft con Metro.
    Tuttavia temo che Ubuntu ormai sia troppo appesantita e troppo "pasticciata" per essere la scelta migliore. Ultimamente una distro che trovo abbastanza decente è Mint con Gnome, non per niente la chiamano "Ubuntu come dovrebbe essere".

    RispondiElimina
  4. Anche Roberto, che sicuramente passerà di qui a lasciare la sua firma, ha elogiato e continua a farlo Mint, più la 11 che la 12. Non escludo che proverà un po' di menta prima di dare il verdetto definitivo!

    RispondiElimina
  5. sto scrivendo dal notebook con Mint 11 :-))
    Unity non è affatto intuitivo e poco "customizzabile" ma anche Mint 12 è quasi indecente...sul notebook resto all'11 finchè sarà possibile invece nel vecchio computer che uso per sperimentare ho installato Debian che è una classica distro Linux senza troppi fronzoli e molto leggera e soprattutto ampiamente modificabile. Qualche dato di memoria Ubuntu consuma circa 310 mega di ram, Mint circa 240 e Debian 150...

    RispondiElimina
  6.  certamente la 12.04 sarà da provare!!

    RispondiElimina
  7. mamoru_giappopazzie15 aprile 2012 06:19

    ho qui un arcaico eeepc 4G (ram upgradata a 2Gb) che ogni tanto uso con un proiettore per riprodurre qualche filmato per eventi no profit: non e' che mi consigliate qualche distro ulta leggera da installare sul SSD (settandolo read only durante l'utilizzo normale magari)?

    Ho provato pure android 4.0 x86, peccato che non abbia ufficialmente il supporto ethernet perche' non sarebbe male nonostante l'interfaccia per tablet/telefoni.

    RispondiElimina
  8. di distribuzione ultra leggere o supposte tali ce ne sono parecchie. ne ho visto un lungo elenco facendo una semplice ricerca sul web perché volevo provare a mettere linux su un vecchio pc di mia sorella. Poi però l'ipotesi è tramontata e quindi non ho provato con mano e non posso darti un consiglio.

    RispondiElimina
  9. qual è il problema di Mint12?

    sto diventando vecchio, ma non troppo. Mi piace cambiare, ma non troppo velocemente e nemmeno così lentamente da accontentarmi di una LTS. Qualche anno fa non mi perdevo un rilascio di fedora, ora mi sta bene tenere il pc identico anche per un anno e mezzo, specie se poi il rilascio successivo ha grandi salti.

    RispondiElimina
  10. http://www.puppylinux.com/index.html

    assolutamente la più leggera e funzionale è puppy linux io la montai su un pallottoliere 800mhz 256 mega di ram e funzionava perfettamente veloce e completo di tutti i driver.

    RispondiElimina
  11. sono come te! per questo ho un desktop che uso come laboratorio linux...Mint 12 non è male somiglia molto a ubuntu con Unity ma crasha molto meno, però non è molto modificabile e il bello di linux è quello!

    ora quando uscirà ubuntu 12.04 lo provo per dargli un'altra chance e vediamo come va...semmai ti faccio un resoconto! Comunque le distro le ho provate quasi tutte a mio avviso direi di tenervi le vecchie distro che avete oppure provare debian che è come un ubunto 9 o 10 più o meno

    RispondiElimina
  12. mamoru_giappopazzie15 aprile 2012 10:53

    Grazie, la stavo giusto scaricando per fare una prova live! =)

    RispondiElimina
  13. vedrai è sorprendente per la sua semplicità, velocità, e ricchezza di driver

    RispondiElimina
  14. Prendi nota di tutto che poi facciamo una review!

    RispondiElimina
  15. certo che facciamo un bel resoconto...

    io non sono un gran customizzatore. Mi capita a volte di non cambiare lo sfondo del desktop! però sono attaccato alle vecchie abitudini che mi dispiace perdere.

    per esempio. quando sono passato da Fedora KDE a Ubuntu Gnome, non sopportavo proprio Brasero e così mi sono installto k3d che secondo è e resta il miglior cd/dvd-burner. viceversa, non riuscirei ad usare konqueror su KDE e installerei subito FF e Chrome.

    RispondiElimina
  16. Il consumo di ram non è necessariamente un buon parametro per valutare una distro.
    Se io ho installati 4GB di ram è la distro pincopallo me ne occupa 1GB intero, ma è super reattiva e velocissima nel compiere i vari task non mi posso lamentare.
    Se la distro tiziocaio occupa 200MB di ram, ma poi è più scattosa, meno reattiva, più lenta allora è un problema.

    In altre parole, la ram sta messa li per essere sfruttata, il problema al massimo è il come. Per esempio quando altre app richiedono più ram, l'os sottostante deve essere pronto a rilasciare quella che aveva prenotato ma che poi in effetti non stava usando.

    RispondiElimina
  17. Android? L'avevo sentito ma non ho mai avuto voglia di fare prove (ormai sono vecchio anch'io, il PC lo "uso", non ci "gioco" come ai buon vecchi tempi, anche se ho ancora 3 o 4 desktop vecchi buttati lì con sopra Suse e Ubuntu pronti per fare da cavie :-). Il tuo giudizio su Android x86? Avrà un futuro e si svilupperà, oppure è destinato a rimanere un semplice giochino carino ma senza scopo?

    RispondiElimina
  18. è il "problema" delle risorse a basso costo. quando ero piccolino la RAM era preziosissima in termini economici e mi ricordo quali magie si facevano per mandare il DOS nella "memoria alta" in modo da liberare qualche kB per le applicazioni.

    il tempo è passato e una stecchetta di ram costa quasi nulla quindi per un certo periodo nessun sviluppatore ha più badato alle risorse (tra i fisici "programmatori" l'atteggiamento era ed è elevato alla massima potenza). Piuttosto che ottimizzare il codice si è sempre presa la scorciatoia di aumentare le risorse, tanto costano poco.

    oggi la vera sfida sono i dispositivi mobili in cui le risorse tornano ad essere limitate e questo potrebbe portare ad una razionalizzazione.

    RispondiElimina
  19. Sono d'accordo, ma io mi riferivo all'uso di molta ram di proposito per velocizzare le operazioni.
    Comunque tieni anche conto che attualmente molto lavoro di ottimizzazione lo fanno i compilatori, è ovvio che comunque se in partenza il codice fa schifo non possono fare miracoli...

    RispondiElimina
  20. ho visto cose...

    non mi riferisco certo ai programmatori professionisti, ma c'è tutta una vasta fascia di fisici che si ritrovano a dover scrivere codice per fare analisi dati. per loro la cosa fondamentale è ottenere i grafici a cui sono interessati nel minor tempo possibile. dal punto di vista del codice, l'unica cosa a cui sono interessati è che non ci siano errori di fisica, ovvero che i grafici contengano effettivamente le grandezze che volevano vedere e non qualcosa d'altro. E devi vedere le facce sbigottite e incredule quando suggerisci qualche tecnica semplice per ottimizzare (esempio non tutte le variabili sono necessariamente double!!!)

    i compilatori fanno un ottimo lavoro, ricordo differenze importanti per il codice di tracking a cui avevo collaborato.

    RispondiElimina
  21. hai ragione ma io ragiono sempre con il pargane del mio vecchio computer da laboratorio e ho notato che se il s.o. mi prende meno ram in genere poi è tutto più fluido...comunque in linea di massima hai ragione certo.

    RispondiElimina
  22. Luca Mastrobuono28 agosto 2013 10:26

    Unity si sta evolvendo e, alla fine, l'aspetto più interessante dove mettere le mani e la dimensione delle icone che appaiono sul desktop che, certe volte, hanno proporzioni imbarazzanti. A parte tutto, a mio giudizio, Unity ha un suo perché a differenza di un Windows 8 che sembra solo una brutta copia di un sistema operativo per smartphone... La fornitura e i programmi che ne fanno parte, ne fanno certamente un prodotto di interesse con tutto rispetto per Kde o Lxde. Buona sperimentazione!

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...