Cerca nel blog

Loading

25 marzo 2012

Ho ridato vita al mio pc!

Ero piuttosto preoccupato. Il mio PC di casa, quello che amichevolmente chiamo l'ammiraglia, stava dando segni di cedimento. Nonostante la sua stazza e la sua non più giovane età non mi aveva mai dato grossi problemi, ma nell'ultimo periodo si comportava stranamente. In particolare era la ventola della CPU a darmi ansia, o meglio noia, perché faceva un rumore insopportabile girando a tutta velocità anche quando la CPU stando al monitor di sistema era totalmente scarica. Ero quasi sicuro che si trattasse di un problema hardware, perché il sistema operativo (linux) è abbastanza stabile da non mandare in orbita la CPU e sufficientemente primitivo da gestire la velocità di rotazione della ventola.

Da preoccupato sono diventato ansioso quando il computer ha iniziato a spegnersi per surriscaldamento CPU nonostante la ventola stesse quasi per decollare. Sono sul punto di fare un preventivo per un nuovo pc, quando mi viene l'ispirazione e smonto il dissipatore con ventola piazzato sopra la CPU. La ventola gira bene, libera senza problemi. Il dissipatore mi sembra in buone condizioni e il residuo di pasta termica sul fondo è nella norma. E' a quel punto che noto che sotto la ventola non si vedono le alette del dissipatore. Non senza fatica, tolgo la ventola dal dissipatore e con grande meraviglia trovo un tappetino fittissimo di polvere, della stessa consistenza di un tessuto, steso a coprire l'intera superficie del dissipatore.

Rimuovo la polvere, do una spruzzata di aria compressa, una lucidata al cuore di rame, due gocce di pasta siliconica e rimonto il tutto sulla motherboard. Adesso non solo il pc è tornato a funzionare come nuovo, ma la temperatura della CPU è di 39 gradi e la ventola talmente silenziosa che non si capisce che sta girando.

Evviva la primavera, e le pulizie di primavera!

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

12 commenti:

  1. AnonimaFrancese25 marzo 2012 11:39

    ho lo stesso problema con il mio pc portatile Toshiba ....e un mio amico me lo ha aperto in 10 minuti ..smontato tutto , rimesso la pasta , spolverato e via...come nuovo..ora ricomincia a surriscaldarsi...ma senza smontare tutto non ottengo nulla vero toto? ;.) non e che dalle fessure posso inviare aria ..rovinerei ogni cosa immagino...??? 

    RispondiElimina
  2. il tuo amico è quello che conosco pure io? 

    un conto è surriscaldarsi, un conto è avere la ventola che gira a palla tutto il tempo. i portatili sono un po' più critici perché la ventolina raffredda un pezzo di rame che gira intorno alle parte critiche del pc e non direttamente sulla CPU come in un desktop dove c'è abbondanza di spazio. 

    se vuoi provare con l'aria compressa sparata dal fuori, allora blocca la ventola (non deve girare mentre spari l'aria) altrimenti rischi di bruciare il circuito che controlla la ventola a causa della forza contro-elettromotrice generata. spruzzare aria dal fuori al dentro vuol dire spostare la polvere da una parte all'altra, non eliminarla! se si può rimuovi il lettore DVD prima di farlo, perché se la polvere finisce sulla lente, allora lo puoi buttare via. se usi una bomboletta di aria compressa tienila a testa in su (a meno che ci sia scritto che può essere usata anche a testa in giù) altrimenti esce liquido. 

    RispondiElimina
  3. AnonimaFrancese25 marzo 2012 11:55

    grazie toto .........credo che lo iriporterò al mio amico...che non è quello che conosci tu..........teh è vero non avevo pensato a dargli fastidio al nostro comune ................Vantyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyy ;.)))) hihiihih @Vantaggista  e un pezzo che nn viene piu da queste parti!!!

    RispondiElimina
  4.  Visto che sei così bravo anche con i portatili, vuoi mica occuparti del mio? :-))
    Ho un problema al connettore dell'alimentazione e per accederci bisogna smontarlo TUTTO (sono sicuro, ho consultato il manuare di smontaggio)

    RispondiElimina
  5. e anche il mio è fatto!

    RispondiElimina
  6. ma tu non hai visto la nostra operazione laptop con la coda?
    http://unico-lab.blogspot.com/2011/09/il-laptop-con-la-coda.html 

    RispondiElimina
  7. Posso portarti il mio computer da pulire? ;)

    Saluti,

    Mauro.

    RispondiElimina
  8. porta porta.... che ormai ho preso una manina... oggi quello di mio cognato!

    RispondiElimina
  9.  L'idea non è scema. Quello che mi spaventa è la procedura di smontaggio che per il mio Acer è apocalittica e per arrivare là bisogna veramente smontare tutto.
    Fra l'altro, dalle foto sembra di vedere che all'interno del portatile il connettore non sia saldato direttamente alla scheda madre, ma sia collegato con dei fili.

    RispondiElimina
  10. se ti riferisci al connettore del pc che abbiamo smontato noi, era saldato sulla motherboard, ma visto che non abbiamo trovato un connettore con lo stesso footprint, ho fatto una saldatura volante e portato fuori un connettore comodo comodo. 

    RispondiElimina
  11. Gianluca Tresoldi28 marzo 2012 12:59

    Già, la polvere è uno dei principali nemici dei computer che non siano in ambiente con aria filtrata (tipo i data-center).
    Io mi trovo benissimo con i portatili Dell (giuro non mi hanno pagato per fargli pubblicità :)
    ) perchè sono facilissimi da disassemblare per pulirli o fare manutenzione....

    RispondiElimina
  12. ho visto smontarne un paio e devo dire che il tecnico procedeva spedito, ma lui sapeva come fare ed era piuttosto allenato!

    :)

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...