Cerca nel blog

Loading

30 luglio 2013

Fusione Fredda o no?

Nota: ringrazio il padrone di casa toto per le lunghe discussioni che hanno dato origine a questo articolo e peakoil per avere apportato la revisione finale al tutto.

Introduzione

Il 7 giugno è uscito un articolo sulla fusione fredda di Rossi-Focardi che sta facendo molto parlare su internet.[1] Questo articolo si presenta come uno studio indipendente, presi da curiosità  abbiamo quindi finalmente deciso di analizzare la questione personalmente.


L'articolo in questione riassume i risultati di due studi effettuati nel dicembre 2012 e nel marzo 2013 volti a misurare l'energia in uscita del dispositivo fornito da Andrea Rossi, denominato E-Cat HT. Non entreremo in fin dei conti nei dettagli tecnici di questo articolo, già  ben trattati altrove [8][9][13], ma ci limiteremo ad evidenziare che l'articolo pubblicato su Arxiv (che è in realtà  una piattaforma di pubblicazione relativamente libera senza un vero peer-review) non presenta i caratteri che dovrebbe avere un articolo scientifico, tantomeno indipendente.
Il primo esperimento riportato (nel dicembre 2012) è stato effettuato dai soli Levi e Foschini.[1] Per il secondo esperimento (nel marzo 2012), "Essén ha già  detto che strumenti e dati sono stati procurati dal prof. Levi e che nel secondo test quelli di Uppsala hanno fornito solo "input""[9]. Entrambi gli esperimenti sono stati effettuati nei locali della società  di Rossi (la EFA di Ferrara), con materiale scelto da Levi e seguendo le procedure stabilite da Rossi stesso.[1][13]
Inoltre, Levi, Foschi e altri sono già  stati coinvolti da Rossi in dimostrazioni precedenti del dispositivo,[13] ad esempio in quella riportata in [14] diffusa da loro stessi.
Un articolo che sia indipendente deve essere scritto da autori che non hanno alcun legame né interessi comuni con colui che presenta il dispositivo, deve essere condotto nelle condizioni e con gli strumenti che il ricercatore sceglie liberamente, deve essere liberamente ripetibile da qualunque altro ricercatore voglia farlo e soprattutto il ricercatore deve avere la libertà  di sapere (o vedere) cosa c'è nel dispositivo. Il dispositivo dovrebbe essere aperto per permettere alla comunità  scientifica di poterlo ricostruire e testarlo in proprio.
Nessuna di queste condizioni è soddisfatta dall'articolo pubblicato. E' legittimo quindi ritenere che questo studio non presenta le caratteristiche per essere definito indipendente.

Dal punto di vista tecnico, vogliamo evidenziare in particolare quello che ci sembra comunque un grossolano errore di interpretazione, condividendo quanto riportato in [8]. Qui di seguito riportiamo il grafico 8 dell'articolo.[1]
Le conclusioni dell'articolo sono che il dispositivo E-Cat HT2 presenta una reazione autosostenuta, ma questo grafico sembra raccontare tutta un'altra storia. La cosa fondamentale da considerare è che la potenza in ingresso è una potenza elettrica, mentre quella in uscita è sostanzialmente una potenza termica in quanto basata sulle misure di temperatura della superficie del dispositivo.
Se una reazione è autosostenuta, siccome la generazione del calore viene dalla parte interna del dispositivo e non dall'alimentazione esterna, possono accadere due cose: 1) la quantità  di calore prodotta cresce fino a fondere il dispositivo; 2) la quantità  di calore prodotta raggiunge un livello di saturazione rimanendo costante.
Ora, nel grafico prodotto si vede un andamento oscillante. Se si prende in conto la considerazione fatta sopra sulla potenza in ingresso e la potenza in uscita, ci si deve aspettare una certa inerzia del dispositivo a riscaldarsi che si traduce in un "ritardo" fra la potenza in ingresso e quella in uscita. Se si tiene conto di questa inerzia, si vede nel grafico che la temperatura (potenza in uscita) comincia a diminuire proprio quando la potenza in ingresso si annulla. Si può anche notare che la potenza in uscita interseca la potenza elettrica circa a metà , e lo stesso vale per la potenza elettrica (che interseca la potenza in uscita circa a metà  della rampa). In pratica, questo significa che la salita e discesa della potenza in uscita è proprio determinata dalla potenza elettrica in ingresso. Se la potenza in ingresso si annulla, la potenza in uscita ritorna a zero dopo un certo tempo. Dov'è allora la reazione autosostenuta?
L'articolo esclude la possibilità  che l'uscita sia dettata dalla potenza in ingresso perché in questo caso la curva di uscita sarebbe composta da rami di esponenziale (in quanto chiuderebbe su un carico prevalentemente resistivo). Ma questo è corretto solo se si considera una tensione elettrica applicata ai capi di una resistenza. L'uscita, però, misura una potenza termica (e non elettrica) e quindi la forma d'onda non è più esponenziale, ma una forma gradualmente variabile che ricorda una sinusoide.
I link ad alcune delle critiche più veementi all'articolo sono riportati in [8][9][13].
Nel blog riportato in [16] sono invece riportate diverse discussioni tecniche interessanti riguardo il dispositivo anche da parte di persone che hanno contattato Rossi personalmente.

 

Fusione fredda?

Secondo le dichiarazioni dello stesso Rossi, la reazione di fusione si basa sul Nichel in composizione naturale caricato con idrogeno, quindi senza usare isotopi artificiali.[2] Inoltre, dopo l'esperimento si ritrovano campioni di altri elementi (Cu e Fe) nella loro forma isotopica naturale.[18]
Gli isotopi più abbondanti in natura sono il Ni-58 e il Cu-63, quindi la reazione ipotizzata da Rossi implicherebbe l'inserzione nel nucleo di ben 5 protoni e/o neutroni per far salire il peso atomico di 5.
L'inserzione di un protone nel nucleo è una reazione che richiede parecchia energia per vincere la barriera coulombiana (circa 1200 MeV) e l'inserzione di più protoni è ancora più esosa in termini di energia. Questo è un aspetto che qualunque teoria deve mettere in conto. Se si prendono in considerazione invece i neutroni, allora certamente il problema della barriera coulombiana non esiste, esiste tuttavia un altro aspetto della questione che non viene mai messo in evidenza.
Supponiamo pure, per amore di discussione, di riuscire a infilare 5 corpi in un nucleo. Possiamo supporre pure che possa essere un processo in più fasi, in modo da non avere a che fare con un solo processo multicorpi ma con diversi processi a due corpi.
Il problema è comunque che il nichel si posiziona nella zona più sfavorevole della tavola periodica per produrre energia. Siamo infatti nella regione di massima energia di legame per nucleone,[4][5] in parole povere nella regione in cui i nucleoni sono più strettamente legati fra loro e qualunque variazione (fusione o fissione che sia) costa energia.
Curva delle energie di legame (da [4])

E' per questo che le ricerche sulla fusione si concentrano sugli elementi leggeri mentre la fissione utilizza gli elementi pesanti, nelle zone dove c'è il maggior guadagno di energia.
Si può ugualmente escludere la possibilità  di effetto tunnel alle distanze consentite dalle basse energie in gioco, che non apporterebbe in ogni caso le rese dichiarate da Rossi, proprio in quanto fenomeno estremamente raro.
E' da notare che questo argomento non richiede la conoscenza di dettagli sulla fisica della reazione, sui catalizzatori segreti, di ipotizzare nuove leggi fisiche finora sconosciute o quant'altro. L'energia di legame di un nucleo è una quantità  misurata e ben conosciuta con cui bisogna sempre confrontarsi in un modo o nell'altro quando si parla di fusione. La resa energetica di una reazione di fusione che parta dal nichel e arrivi al rame è riportata nella tabella seguente, ed è del tutto indipendente dal modo con cui si ottenga fusione. Dipende solo dal nucleo di partenza e di arrivo (energie di legame da [17]).
Differenza di energia di legame fra i nuclei di Ni e Cu
In altri termini, non solo una reazione di fusione nucleare nelle condizioni dell'E-Cat è estremamente improbabile per ragioni statistiche, ma resta il problema principale: ovvero che una reazione di fusione in quella zona della curva di legame semplicemente non produce le rese riportate da Rossi.
L'unica reazione di "fusione" che si potrebbe prendere in considerazione (perché un processo a due corpi e in una fase, quindi il più probabile) chiamerebbe in causa l'isotopo Cu-59 come proposto da Rossi stesso in un altro contesto.[3]
Il Cu-59 é altamente instabile e fortemente radioattivo, decade velocemente (vita media 1.3 minuti circa) per decadimento beta+ in Ni-59 emettendo un gamma da circa 3.7 MeV per terminare infine nel Co-59 (vita media 100 000 anni) emettendo ancora un fotone da 50 keV.[19] Questa radiazione sarebbe abbastanza intensa da essere facilmente rivelabile all'esterno del contenitore[15] anche se schermato compatibilmente con il peso e le dimensioni dell'apparato.[10] Tuttavia nessuna radiazione è stata rivelata, come ammesso dallo stesso Rossi.[2][15] In effetti, Rossi si preoccupa attivamente di assicurare la comunità  del fatto che il suo apparato non emette alcun tipo di radiazione. Rossi dichiara si che i raggi gamma sono essenziali per il funzionamento, ma che essi sono termalizzati [sic!] e quindi non escono all'esterno.[2]
Ma se pure volessimo chiudere ancora per una volta per un attimo gli occhi e considerare la reazione di fusione, questa ancora una volta presenta un rendimento estremamente basso (energia di soglia considerata: 1220 MeV, energie di legame da [17]):
Resa energetica per la creazione di Cu-59 a partire dal Ni-58
Se si riflette più approfonditamente, risulta invece curioso che fra i prodotti della cosiddetta fusione si ritrovino solo Cu (11%) e Fe (10%) (e poche tracce di altri elementi[7]) in composizione naturale.[18] Per ottenere ferro, che ha numero atomico 26, occorre rimuovere due protoni dal nucleo di nichel, operazione che costa parecchia energia. Il rame e il ferro in composizione naturale potrebbe semplicemente derivare da una contaminazione del cilindro di rame e acciao contenuto nel dispositivo, ma in questo caso sparisce ogni evidenza della reazione di Rossi.[15]
Una prova concreta di una qualche reazione potrebbe provenire dalla ricerca di particelle e fotoni caratteristici emessi nel processo. Ma ancora una volta, Rossi stesso in un brevetto da lui depositato riporta che "the inventor has not tried to demonstrate an emission of elementary particles supporting a validity of a theory, but he has exclusively tried to provide an amount of energy larger than the consumed energy amount".[3] Riteniamo questa giustificazione per non produrre prove della teoria assolutamente non accettabile, a maggior ragione perché nessuno sembra di fatto autorizzato a fare degli esami approfonditi del dispositivo.

Vale forse la pena di notare che non è la fusione nucleare in sé ad essere complessa. La fusione si fa correntemente dagli anni '50 circa ed è commercializzata ampiamente. Si tratta dei cosiddetti fusori che sono utilizzati attualmente per produrre neutroni e che non utilizzano, fra l'altro, alte temperature per funzionare. Inizialmente considerati come la strada per produrre energia per fusione, ci si è resi conto che la difficoltà  non è la fusione stessa, ma ottenere energia utilizzabile. Perdite, bassa resa, poco calore rendono impossibile produrre elettricità  da questi dispositivi.[6] E' stato infatti dimostrato che in qualunque sistema basato sul principio del confinamento inerziale-elettrostatico si possono solo ottenere potenze limitate.[20][21]

Un quadro più generale sulla questione della fusione fredda

Non è nello scopo di questo articolo discutere approfonditamente degli esperimenti del solo Focardi in cui ha rivelato un eccesso di calore, né delle teorie fisiche proposte per spiegare questi fenomeni perché sarebbe un discorso troppo vasto e complesso, pero' è opportuno mettere in chiaro alcuni punti sulla questione.
In alcune prime pubblicazioni di Focardi, effettivamente si dichiara una produzione anomala di calore dell'ordine di una decina di Watt[7][12]. Quest'ordine di grandezza è lontano da quello dichiarato da Rossi, eppure nel 1996 Zichichi & al. hanno pubblicato un articolo in cui si mostra che l'aumento di calore dichiarato da Focardi nel precedente articolo del 1994 è in realtà solo un aumento di temperatura.[23] La differenza non è di poco conto, perché l'esperimento effettuato dall'equipe di Zichichi ha riprodotto esattamente il comportamento riportato da Focardi, ma conduce a conclusioni diverse. L'equipe ha misurato anche la temperatura del cilindro esterno oltre a quella della barretta di Nichel, e mentre ha riscontrato effettivamente un aumento di temperatura del Nichel quando questo viene caricato con idrogeno, non ne ha riscontrato alcuno per il rivestimento esterno. La conclusione, riportata dettagliatamente nell'articolo, è che non c'è una sorgente di calore aggiuntiva, piuttosto una sorta di redistribuzione della temperatura in seguito al cambio delle proprietà termiche del nichel una volta caricato con l'idrogeno.
Focardi riportava anche una notevole alterazione della superficie del nichel dopo la "reazione", citando le sue parole "We found F, Na, Mg, Al, Si, P, S, Cl, K, Ca, Cr, Mn, Fe, Cu and Zn. Apart from light elements, which are not detectable by SEM, we found all the elements lighter than Ni plus Cu and Zn, except for Sc Ti, V and Co.[7] Se questi elementi derivassero da una reale reazione nucleare, qualunque fosse, tutti questi elementi dovrebbero essere molto radioattivi perché la frazione di isotopi stabili è molto piccola rispetto a tutti gli altri. Questo non è quanto si rileva dall'articolo, facendoci propendere per una serie di impurezze contenute nella cella (chi deve lavorare con metalli estremamente puri sa quanto sia difficile eliminare tutte le impurezze). Questi risultati sono stati ottenuti inoltre tramite una spettrografia X e non una spettrometria di massa che avrebbe permesso anche di avere la distribuzione delle impurezze in superficie e in profondità.
Non vogliamo certamente pensare alla malafede dell'equipe di Focardi, ma è almeno curioso notare che questi due articoli sono comparsi su una rivista di tutto rispetto (Il Nuovo Cimento), mentre tutti i successivi risultati sono stati riportati in conferenze, proceeding o su arviv.org.
Allo stato attuale, probabilmente la posizione più onesta su questi fenomeni è di dire che non c'è una letteratura sufficientemente solida e che spesso i risultati delle esperienze non sono riportati con abbastanza abbondanza di particolari da permettere sufficiente riproducibilità e controllo di tutti i fattori in gioco.

 

Conclusioni

Non riteniamo la posizione di Rossi, così come presentata attualmente, credibile.
Le sole affermazioni sulle potenzialità  del dispositivo provengono in un modo o nell'altro da Rossi stesso, e lo studio "indipendente" di cui parliamo in queste pagine ci lascia piuttosto l'impressione opposta. Rossi ha imposto le sue condizioni e i suoi locali e le due persone che hanno organizzato l'esperimento hanno relazioni antecedenti con Rossi stesso. Il team svedese ha in fin dei conti avuto un ruolo marginale. Non basta che il nome di Rossi sia assente dalla pubblicazione per renderla "indipendente".
Il dispositivo di Rossi è sempre coperto da segreto industriale e le direttive e le procedure delle dimostrazioni sono sempre dettate dallo stesso Rossi. In questo modo ha potuto rifiutare ogni spiegazione su cosa ci fosse realmente all'interno del suo dispositivo. Né ha mai dato spiegazioni relative alla sua costruzione, se non che al Ni caricato è aggiunto un "catalizzatore", anch'esso coperto da segreto industriale. Rossi potrebbe semplicemente brevettare il dispositivo e aprirlo alla comunità  scientifica se temesse che qualcuno rubi la sua idea. Una volta brevettato il dispositivo aperto, i diritti della sua idea sarebbero assicurati. E una volta aperto il dispositivo, chiunque sarebbe in grado di riprodurlo e nessuno potrebbe ostacolarne più la diffusione (ammesso che questo funzioni davvero).
L'impressione di una operazione non chiara sembra confermata dal fatto che esistono apparentemente solo alcuni prototipi utilizzati in dimostrazioni controllate da Rossi, nonostante questi abbia dichiarato ripetutamente dal 2010 che avrebbe iniziato la commercializzazione del suo dispositivo. Nessun dispositivo appare invece ufficialmente commercializzato, l'unica notizia di vendita è data dallo stesso Rossi sul suo blog, dicendo testualmente "Today we sold in the USA a 1 MW plant which will go to a normal Customer. This installation will be visitable by the qualified public.".[11] L'uso di questa parola, qualified, lascia intendere che Rossi voglia visionare personalmente il "pubblico" che chieda di visitare la sua installazione, instaurando ancora una volta una procedura non trasparente e totalmente sotto il suo controllo. E non si ha notizia di nessuno che abbia effettivamente visitato la sua installazione.
In effetti, nel 2011 Rossi sembrava pronto a lanciare la vendita del suo dispositivo in Europa in collaborazione con la Defkalion Green Technologies, ma improvvisamente in agosto l'accordo è stato sciolto, apparentemente per problemi di carattere finanziario.[22]

Quello che ci sentiamo di concludere con certezza, basandosi sulle informazioni rilasciate da Rossi stesso, è che il meccanismo di fusione nucleare da lui ipotizzato non è possibile e non produrrebbe comunque la resa energetica da lui dichiarata.
E' curioso invece constatare che Focardi, prima di incontrare Rossi, aveva effettivamente rivelato una produzione anomala di calore, il cui rendimento tuttavia era molto lontano da quello dichiarato successivamente da Rossi. Appena iniziata la collaborazione con quest'ultimo, il rendimento dichiarato è aumentato di parecchio senza apparente spiegazione.
Siamo certamente aperti alla possibilità  che esistano altri fenomeni in gioco, che le esperienze originarie di Focardi potrebbero comunque fare intravedere. In questo caso si tratterebbe di una serie di reazioni sicuramente complesse che rimangono quasi sicuramente nell'ambito dei decadimenti radioattivi o di fenomeni associati alle nanoparticelle. Non si tratterebbe di leggi fisiche sconosciute, ma applicazioni sconosciute di leggi note. Ma queste reazioni, anche se indubbiamente interessanti dal punto di vista fisico, non sono fusione nucleare e forse non sono neanche sfruttabili commercialmente su larga scala.
Forse, proprio quest'ultimo aspetto è la chiave della vicenda. Perché altrimenti davvero non riusciamo a capire la necessità  di insistere con tanto accanimento sul termine "fusione fredda" con rese eccezionali senza portare prove scientifiche tangibili attraverso un procedimento trasparente.


Fonti

[1] http://arxiv.org/abs/1305.3913
[2] http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=53
[3] http://www.google.com/patents?id=84vwAAAAEBAJ&printsec=abstract&zoom=4&source=gbs_overview_r&cad=0#v=onepage&q&f=false
[4] http://it.wikipedia.org/wiki/Energia_di_legame
[5] http://adsabs.harvard.edu/abs/1995AmJPh..63..653F
[6] http://en.wikipedia.org/wiki/Fusor
[7] http://www.lenr-canr.org/acrobat/CampariEGoverviewof.pdf
[8] http://shutdownrossi.com/e-cat-science/thoughts-on-the-latest-andrea-rossi-giuseppe-levi-and-hanno-essen-paper/
[9] http://oggiscienza.wordpress.com/tag/giuseppe-levi/
[10] http://rnbe.blogspot.fr/2012/12/la-termalizzazione-delle-radiazioni.html
[11] http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=510&cpage=35#comment-133743
[12] http://newenergytimes.com/v2/library/2004/2004Focardi-EvidenceOfElectromagneticRadiation.pdf
[13] http://news.newenergytimes.net/2013/05/21/rossi-manipulates-academics-to-create-illusion-of-independent-test/
[14] http://www.nyteknik.se/incoming/article3144955.ece/BINARY/Ladda+ner+Kullanders+och+Ess%C3%A9ns+rapport+%28pdf%29
[15] http://archive.wikiwix.com/cache/?url=http://www.fysik.org/WebSite/fragelada/resurser/cold_fusion.pdf&title=Kall%20Fusion%20p%C3%A5%20italienska%20%28Cold%20fusion%20%E2%80%93%20Italian%20style%29, articolo originale qui: http://fragelada.fysik.org/index.asp
[16] http://22passi.blogspot.fr/2012/09/e-cat-le-5-domande-dellhomus-scetticus.html?showComment=1347457109697#c2180288736181289259
[17] http://www.kcvs.ca/site/projects/physics_files/nucleus/decays.swf
[18] http://www.nyteknik.se/nyheter/energi_miljo/energi/article3144827.ece
[19] http://periodictable.com/Isotopes/029.59/index.p.full.dm.prod.html
[20] https://dspace.mit.edu/handle/1721.1/29869
[21] http://dspace.mit.edu/handle/1721.1/11412
[22] http://fusion-froide.fr/la-fusion-froide-verite-ou-mensonge
[23] http://www.lenr-canr.org/acrobat/CerronZebainvestigat.pd

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

43 commenti:

  1. Marco Casolino30 luglio 2013 10:01

    bellissimo, complimenti. Ottima analisi su principri primi per smontare la "barriera fuffosa"

    RispondiElimina
  2. Finalmente un'analisi approfondita e chiara su questa intricata vicenda che sto seguendo appassionatamente da tempo. Grazie. Sarebbe utile un ulterioriore commento sul test eseguito dalla concorrente Defkalion il 23 luglio.

    RispondiElimina
  3. http://www.blacklightpower.com/
    Una decina di anni fa fui contattato da un emissario di una fondazione svizzera (avente per scopo la promozione delle energie alternative) legata in qualche modo alla Blacklightpower Inc..
    L'offerta dell'emissario fu quella di replicare (con delle celle speciali loro fornitura, del costo di alcune migliaia di Euro) alcuni dei loro esperimenti in cui, a suo dire, sulla base di opportune misure spettroscopiche, ci si poteva convincere della realta' fisica dell' "hydrino".
    L'idea di base della teoria sottostante (una sorta di anti-teoria-quantistica chiamata dal promotore 'grand unified theory of classical physics" e' quella che l'idrogeno, in presenza di opportuni catalizzatori, possa decadere in stati a piu' bassa energia (di quello oggi considerato fondamentale), trasformandosi in 'hydrino', quindi cedendo energia.
    Nel loro modello questo tipo di reazioni di 'riduzione dell'idrogeno' si posizionerebbero a meta' strada tra le piu' energetiche reazioni chimiche oggi conosciute e le reazioni nucleari.

    La cosa all'epoca non rientrava negli interessi strategici della societa' per cui lavoro e non se ne fece nulla, ma alcuni Istituti Italiani mi sembra che abbiano effettivamente replicato gli esperimenti proposti e pubblicato risultati positivi.
    Il CV del dott. Mills (il fondatore della Blacklightpower, che e' anche il promotore della teoria) appare 'poco credibile' ma gli scritti (che si possono scaricare liberamente dal sito) mi sembrano molto ben fatti.
    Personalmente ho molto apprezzato il capitolo del libro di fisica generale in cui si tratta della presunta natura oscillatoria dell'Universo e la riscoperta (in chiave moderna) del concetto di 'tempo assoluto'.

    RispondiElimina
  4. Ho tutto il suo "The Great Unified Theory of Clasical Quantum Mechanics", ma confesso che non sono riuscito a leggerlo. Magari mi leggo il capitolo di cui parli.

    La questione dell'hydrino a suo tempo mi interesso', e ho un paio di articoli che invalidano sia l'esistenza degli stati (Physics Letters A) che le misure spettroscopiche (Journal of Physics D). Te li mando per mail.



    Detto cio', la società è la e so che esiste. Cosa facciano, mi rimane un mistero.

    RispondiElimina
  5. Grazie, ti ho mandato in risposta delle note personali che preparai ai tempi in cui mi lessi il libro. Potrebbero servire per orientarsi tra i molti argomenti senza perdere troppo tempo su quelli di minore interesse.

    RispondiElimina
  6. Ricevuto, ora devo trovare un po' di tempo... sei tu che hai fatto le 168 diapo?

    RispondiElimina
  7. Permettetemi di fare un grosso plauso a @ValerianoB per l'impegno e la cura che ha messo in questo articolo. Voi non sapete quanto lavoro c'è dietro a questo post, quante revisioni, limature, aggiustamenti nel tentativo di essere chiari e al momento stesso completi.


    Molto, molto bene e ancora tante grazie per l'impegno!

    RispondiElimina
  8. E' più di un mese che ci stiamo dietro, e devo dire che grazie a @toto , che aveva già studiato la cosa più approfonditamente, ho potuto evitare diversi vicoli ciechi.
    Ma il lavoro di ricerca è stato notevole.

    RispondiElimina
  9. E' sempre cosi'.
    Prima di perdersi nei dettagli bisogna sempre chiedersi se quello di cui parliamo è ragionevole in base a principi generali indiscutibili e che non dipendono dai dettagli pratici.
    Solo se si passa questo esame, si puo' andare avanti.

    RispondiElimina
  10. Mi permettete un po` di "fisica per dummies"?


    Tratto dalla mia pubblicazione, certificata da mio fratello e come third party da Teppa Teppei [alias l`angioletto di LucaDaOsaka che ha spupazzato zio Kuma all`Ikea sabato scorso].


    Titolo: "come fare la fusione fredda e chiedere milioni di Euro per il diritto di venderla con una resistenza da forno [1kW], una pentola col fondo spesso ed acqua".
    1- prendete una resistenza da forno ed appoggiatevi sopra un pentola dal fondo spesso [viene meglio con la resistenza affogata nel fondo della pentola].
    2- riempite la pentola per 2/3 di acqua.
    3- fornite 1kW di potenza alla frequenza segretissima [di 50Hz per reti a 50Hz e 60Hz per reti a 60Hz] per 1 minuto e 0kW per 19 minuti.
    4- vendete i diritti di vendita a milioni di euro.



    Cosa noterete?
    Che, mentre fornisco energia, l`acqua [diciamo a 20 gradi con 10 gradi di temperatura ambiente] sale gradualmente fino a 30 gradi mentre la resistenza e` accesa e poi, grazie alla segretissima fusione fredda che fa interagire il selenio/bismuto/stronzio della lega della pentola con gli ioni di idrogeno dell`acqua la temperatura dell`acqua continua a salire in modalita` autosostenuta per 3 minuti fino a 35 gradi ed in 16 minuti torna a 20 gradi facendo poi ripetere il ciclo.


    Sono andato con numeri a senso visto che dipende dalle capacita` termiche, masse, superfici di contatto/irraggiamento etc. etc., non pretendete che faccia queste stupidate in un laboratorio :)


    Abbiamo una fusione fredda oppure semplicemente quando spengo la corrente mi ritrovo con l`acqua a 30 gradi ed il fondo termico della pentola a 180 gradi che quindi continua a cedere calore all`acqua [ed all`ambiente] continuando a scaldarla?

    RispondiElimina
  11. Complimenti ad entrambi!

    RispondiElimina
  12. Marco Casolino31 luglio 2013 08:02

    bravo, veramente bravo!

    RispondiElimina
  13. Marco Casolino31 luglio 2013 08:03

    indiscutibili.. magari fosse così per tutti

    RispondiElimina
  14. Chapeau, Kumachan san.

    E infatti, proprio per quello bisogna fare la distinzione fra potenza elettrica e termica. C'è di mezzo (almeno) la capacità termica.

    RispondiElimina
  15. beh, alcune cose sono indiscutibili, senno' andiamo tutti a casa e torniamo all'era pre-fuoco :-)
    Nella fattispecie, sulle energie di legame c'è poco da discutere. Puoi mettere quello che vuoi in mezzo, ma tanto c'è all'inizio e tanto c'è alla fine.

    RispondiElimina
  16. Giunti a questo punto (per completezza) penso non dobbiamo farci mancare neppure il sito di Jean Louis Naudin, tutto concentrato da 10 anni sulla ricerca del sacro Graal della 'super-unity'.


    A suo tempo costruii anche io due modelli di 'lifter' (che ancora conservo, uno ha volato, l'altro oscillava appena quando lo alimentavo sospeso ad un filo); un giorno rimasi mezzo fulminato quando toccai inavvertitamente col gomito il sottile filo di rame con l'alimentazione ad alta tensione presa dal monitor a defelessione magnetica del computer - da allora rischio solo con l'alta tensione degli amplificatori a valvole, che almeno ci sento la musica.



    C'e' una comunita' mondiale di sperimentatori che replica questi altri esperimenti (modello 'Kumachan Tokyo'):

    http://jlnlabs.online.fr/cfr/index.htm

    RispondiElimina
  17. kumachanTokyo1 agosto 2013 07:43

    Infatti, miliardi di persone ogni giorno replicano/verificano l`autosostentamento della reazione mentre cucinano pasta, riso o carne alla piastra.
    O intendevi altro?


    Cio` che sto dicendo e` che l`autosostentamento della cuoca non e` una prova "scientifica" dell`avvenuta fusione fredda all`interno della pentola come si fa nel documento di "parti terze" qui discusso.
    Ne` e` la prova che il filosofo Rossi abbia quel macchinario che LUI dice di avere pronto alla vendita sin da aprile 2011 e con rendimento del 10mila%.


    Quando vedro` prove serie ripetute gli faro` i miei complimenti.



    Infine cio` che mi stupisce e` vedere come i fusori freddi si bevano allegramente la balla del "Non posso mostrare l`interno o far provare a terzi la macchina sigillata perche` altrimenti me lo copiano"!
    E` una frase senza senso ma gli adoratori di Rossi se la bevono.

    Beh, lo ha brevettato, ed avendolo brevettato ed ipotizzandolo che funzioni e non sia una truffa gli conviene aprirlo e dimostrare che e` una cosa seria e venderla subito!
    Perche` dal momento in cui ha presentato il brevetto e` partito l`orologio dei 20 anni, quindi ogni anno che aspetta e` un anno di vendite per miliardi di euro che lui non percepira`.
    Il brevetto e` di gennaio 2011, quindi 2 anni e mezzo sono gia` volati via.

    Naturalmente se Rossi sa che e` una truffa gli conviene non aprirlo mai e continuare a vendere le "licenze di vendita in esclusiva per il territorio".


    In realta` mi andrebbe bene anche un primo esperimento "senza aprirlo", ma almeno uno fatto da uomini non suoi mettendo in due grossi contenitori pieni d`acqua con da una parte il micio e da una parte una resistenza di pari potenza e vediamo cosa succede con rendimenti di 10/100/1000 ad 1 dovremmo vederne delle belle, con un rendimento 1 ad 1 almeno smettera` di vendere licenze per cose che non vendera` mai.

    RispondiElimina
  18. kumachanTokyo1 agosto 2013 07:50

    Lezione giappo :)
    Chan e` gia` "san", solo che SAN e SAMA sono le forme "per adulti".
    CHAN e` per bambine e KUN per bambini [ufficialmente] ma in realta` come vezzeggiativo CHAN lo appioppano anche ai maschi.
    Poi Mamorino ci ha detto che a volte anche le fanciulle usano KUN, cosa che mi era nuova, ma cosi` va il mondo.


    Altra nota SAN e SAMA li usi chiamando gli altri, quando ti presenti non lo aggiungi al tuo cognome.
    Dici "Rossi desu" [sono Rossi] e non "Rossi san desu".

    RispondiElimina
  19. kumachanTokyo1 agosto 2013 07:53

    E poi i complimenti li faccio io a te!
    Avevo iniziato ad analizzare il documento, ma piu` andavo avanti e piu` la pressione sanguigna saliva, quindi ho desistito :)
    Semplicemente volevo fare un esempio facilmente capibile dalle massaie, ma non so se sia capibile dai drogatiquotidiani.

    RispondiElimina
  20. Io semplicemente non ho abbaglianti certezze cartesiane al riguardo dei vari tentativi di trovare una via verso la 'super-unity'.
    Non so se Rossi e' un millantatore o meno, ma gli concedo volentieri il beneficio del dubbio.

    Osservo inoltre che i (pochi) finanziamenti ancora disponibili in Italia sembrano tutti incanalati in filoni di ricerca prettamente teorica (vedi CERN) piuttosto che su filoni piu' prosaici dalle possibili ricadute pratiche.


    http://www.overunity.it/indexFFVolta.htm

    RispondiElimina
  21. Ci sono due aspetti da tenere presente.
    - Rossi è un millantatore riconosciuto (http://it.wikipedia.org/wiki/Petroldragon). Quindi ogni cosa che dice a priori non è credibile. Deve fornire prove, e prove solide. Ovvero, lasciasse lavorare altro a dispositivo aperto. Facile.
    - In zona nichel, con la fusione (fredda o calda che sia), non ci escono le energie dichiarate da Rossi, punto. Quindi, se pure vogliamo ammettere la fusione, puo' essere scientificamente interessante, ma commercialmente inutile.
    Cioé, parliamo di tutto (anche della Widom-Larsen che a @toto non piace), ma la fusione nucleare non sta in piedi.

    RispondiElimina
  22. vendere le "licenze di vendita in esclusiva per il territorio".
    Lui dice che vende, ma prove terze di acquirenti sono dure a trovare... ho trovato solo riferimenti a società che hanno cambiato idea dopo la dimostrazione.

    RispondiElimina
  23. Io ho smazzato tutto quello che vedi in bibliografia e anche di più. Mi dovevo fare un'idea precisa.

    RispondiElimina
  24. Hai, Kuma san! :-)

    RispondiElimina
  25. Wow, @kumachanTokyo incazzato!!

    RispondiElimina
  26. "Infine ho la certezza che tu sia un complottista."
    A Rome si dice "A chi 'a sera va a dormi' che je rode er culo, a mattina er dito je puzza".

    RispondiElimina
  27. kumachanTokyo2 agosto 2013 16:52

    Devo chiederti scusa, non avevo idea che tua madre non permettesse l`uso del bidet a casa tua, e proprio non riesco ad immaginare le perversioni psicotiche che possano averti creato anche se alcune sono palesi.
    Per fortuna il fatto che i tuoi figli trovino evidenti le tue stranezze mi fa ipotizzare che almeno loro si siano salvati.

    Comunque mi ero limitato ad una analisi della tua autoillusione e trasformazione dei fatti e del tuo bias nel cercare le fonti delle informazioni a seconda che si accordino con le tue leggende o meno, poi ho fatto un l`elenco dei primi esempi che mi sono venuti in mente.

    E non ho problemi a confermare che "ho la certezza che tu sia un complottista" date le tue affermazioni, gli esempi citati e quelli che si possono andare a cercare sul drogatoquotidiano o anche qui.

    Pero` le curiosita` rimangono, ad esempio:
    credi ancora che ci siano state esplosioni nucleari dentro ad uno qualsiasi dei RPV integri sulla sommita`?
    Gundy e` ancora il tuo profeta?
    C`e` una sola cosa che io ho scritto nella mia qualita` di servo assoldato alla lobby nucleare che dopo ben 2 anni e mezzo sia risultata falsa?
    E per complemento [a uno], vi e` stato qualcosa di cio` che tu ed i tuoi profeti, Gundy e Busby, avete tirato fuori che sia risultata vera?

    RispondiElimina
  28. Scuse accettate senz'altro e per il resto non mi offendo.
    Ogni forma di comunicazione tra due soggetti umani A e B sembra che in realta' sia sempre una comunicazione tra 4 entita'.
    Due entita' per ognuno, anche se a noi sembra di essere una sola persona (almeno finche' funziona bene l'ipotalamo).
    Chiamiamo per semplicita' queste due entita' emisfero destro ed emisfero sinistro (dei cervelli del soggetto A e del soggetto B).
    L'emisfero destro e' quello primitivo, quello che quando percepisce un pericolo (reale o immaginario) scatta, prende il controllo ed attacca (a lui non frega niente se a torto a a ragione, nel mondo primitivo in cui si e' evoluto chi attacca per primo sopravvive).
    L'emisfero sinistro e' invece quello razionale, educato e civile.
    Anche in me prevale di volta in volta l'emisfero destro piuttosto che il sinistro (accade quando 'me rode er culo').
    Oggi invece mi sento in pace, e' venerdi', le vacanze sono vicine e mi compiaccio che l'attacco sia rivolto piu' verso la mia persona che verso le opinioni che espongo: vuol dire che chi ha scritto gli ultimi due post e' in realta' l'emisfero destro di kumachan Tokyo e che l'emisfero sinistro di kumachan Tokyo e' invece vigile ed attivo.

    RispondiElimina
  29. Bravo Vale!
    L'impressione di una operazione non chiara dopo il tuo articolo, è una CERTEZZA

    http://blog.scuolaer.it/ImmaginiBlog/2920/smile/APPLAUSI%20super.gif

    RispondiElimina
  30. kumachanTokyo3 agosto 2013 08:32

    Perche` continui ad invertire i fatti?
    LO CHIEDO SERIAMENTE!
    Per la mia mente estremamente illogica ed animale tu sei piu` illogico di cio` che ritenessi e quindi riesci ancora sorpendermi, o forse sei sufficientemente e perversamente logico da preferire il continuare questa inversione anziche` ammettere oltre 2 anni di anni di offese gratuite, mancate svaporizzazioni di piscine, una serie inenarrabile di citazioni dalla santa trinita` Caldy, Gundy e Busby e di tutto cio` che ti passava il motore di ricerca cercando "sterminio di Giapponesi per radioattivita`"?
    TUTTO risultato oggi [e da un pezzo] assolutamente falso.

    Pensavi che il gioco di interrompre banali verita` o domande con le tue frasi offensive ed accusare me di attacchi al tuo dialogo de "er culo" potesse funzionare?

    Vedi, io ho semplicemente detto che l`autosotentamento della cuoca non e` di per se`una prova di fusione fredda come e` scritto nella prova suprema davanti alla quale dovremmo inginocchiarci.
    E, perdindirindina, te lo ho pure RIspiegato!
    O le spiegazioni per te sono offese essendoti abituato al "Gundy dixit" senza ragionarci su?
    La tua risposta non e` stata un dialogo come dici di cercare, magari dicendo: "Guarda Kuma, ho papiri degli illuminati e della sacra corona unita che dicono che fenomeni di fusione fredda erano gia` conosciuti sin dai tempi della cottura del coniglio in pentole di terracotta" e magari avremmo continuato da li`.
    Invece il tuo dialogo e` stato "Io semplicemente non ho abbaglianti certezze cartesiane".
    Che di solito si traduce: "tu hai preconcetti e non vedi la realta` nemmeno quando ti ci schianti contro", del resto un abbagliato si ferma solo scontrandosi o cadendo in un dirupo.
    Secondo me [ma e` la mia mente istintivo-animale a scrivere] chi si e` schiantato su piscine non svaporate non sono stato io ne` lo e` stato chi avesse voglia di "sfogliare" due numeri senza preconcetti.
    Casualmente Gundy ed i suoi credenti si sono schiantati con un bel botto, questo si` nucleare da qualche gigatone visto fino ad Achernar.

    Toglimi una curiosita`, se io ho risposto solo con l`emisfero istintivo-destro facendo un elenco di tue azioni, posso ritenermi corretto che, secondo te, tu hai scritto con l`emisfero logico-sinistro i tuoi "Io semplicemente non ho abbaglianti certezze cartesiane" ed "A chi 'a sera va a dormi' che je rode er culo..."?
    Se si`, e` meglio che tu controlli il significato di destra/sinistra, e se hai dx/sx corretti dobbiamo desumere che queste tue risposte siano l`apice delle tue "capacita` logico-matematiche".
    Ritiro la domanda vostro onore, date le capacita` logiche mostrate nei due anni e mezzo precedenti, queste concordano perfettamente con la logica de "er culo".

    Ti chiedo per la terza volta supplicandoti una risposta [e chiedo scusa agli altri della ripetizione, ma lo reputo un dato di notevole importanza qualora ci verra` mai fornito]:
    1- Credi ancora che ci siano state esplosioni nucleari dentro ad uno qualsiasi dei RPV integri sulla sommita`?
    2- Gundy e` ancora il tuo profeta?
    3- C`e`
    una sola cosa che io ho scritto nella mia qualita` di servo assoldato
    alla lobby nucleare che dopo ben 2 anni e mezzo sia risultata falsa?
    4- E
    per complemento [a uno], vi e` stato qualcosa di cio` che tu ed i tuoi
    profeti, Gundy e Busby, avete tirato fuori che sia risultata vera?

    Ed ancora [sorry, ma chiedo delucidazioni del/dal tuo emisfero logico], data la tua frase "l'attacco sia rivolto piu' verso la mia persona che verso le opinioni che espongo", tu ritieni che quando rispondo al tuo italiano aulico "je rode er culo", io stia "attaccando" la tua PERSONA o la tua OPINIONE?

    RispondiElimina
  31. kumachanTokyo3 agosto 2013 08:52

    Un altro passettino,

    Una parte di Miyakoji-Tamura [la parte piu` ad est di Tamura che confina con Futaba, quindi a 15-20km dal cancello della centrale e` passata dal poter andare a casa solo nelle ore diurne a passarci tutta la giornata per almeno i prossimi 3 mesi :)

    Fukushima evacuees allowed to stay home overnight
    Residents of a zone evacuated after the Fukushima nuclear accident have been allowed to stay at their homes overnight for the first time since the disaster.
    The government is allowing 120 households in the Miyakoji district of Tamura City to stay at their homes for 3 months from Thursday. The move is aimed at having them prepare to return home when the evacuation order is lifted. The residents are expected to clean their houses or do farm work.
    The district is the first among those affected by the accident where decontamination work is complete.
    On Thursday, 51-year-old Fukiko Konnai and her family brought food from a temporary house in a nearby town to their home.
    Konnai said she's relieved to be allowed to sleep at home. She said it's a step toward the community's full recovery.
    But she expressed concern about staying near the plant, which is still plagued by various problems.
    Aug. 1, 2013 - Updated 09:18 UTC

    RispondiElimina
  32. Orsetto, hai fatto un po' di confusione, non ti sembra un po' OT con la fusione fredda?
    Postalo al nuovo sviluppi tecnici che ti devo rispondere

    RispondiElimina
  33. Aripjiate! Pari matto!

    RispondiElimina
  34. kumachanTokyo5 agosto 2013 11:23

    Avevo trovato un sito italiano che ti vendeva il pacco famiglia "vaporella 2000" da 1MW di vapore, se ritrovo il sito te lo do.
    E poi i soldi da qualche parte arriveranno presumo :)

    RispondiElimina
  35. kumachanTokyo5 agosto 2013 11:27

    Lo dice sempre anche la mia mammina: "Piccino, se parli con quelli che vogliono denunciare la protezione civile perche` in Italia superiamo 1 mSv/anno poi passi per pazzo".

    RispondiElimina
  36. Potenza delle provocazioni....

    RispondiElimina
  37. Cercando di tornare su un terreno più serio :-)
    Io Rossi che cavalca l'onda per fare soldi lo capisco pure, invece quello che non riesco a capire è Focardi...

    RispondiElimina
  38. kumachanTokyo6 agosto 2013 06:18

    E non e` una provocazione da poco prendersi dell`assassino contaballe da un contaballe.


    Ma prima o poi risponderai riguardo alla tua divinita` Gundy?

    RispondiElimina
  39. A parte che la provocazione ebbe successo, eccome!
    Che fretta a a chiarire ed a ridimensionare.... quando si nomina la benemerita.... tutti si cacano in mano.

    Comunque quella partita e' chiusa da tempo e solo i pazzi insistono sugli stessi argomenti in maniera maniacale.

    Per il resto, anche tu amante dei fumetti?
    http://www.marvunapp.com/Appendix/crtmss.htm

    Il livore verso di me, come dicevo in altro post, non mi tocca.
    Possiamo andare avanti al''infinito, le mie risorse sono molto grandi e non ho bisogno di attaccare personalmente (come invece fai tu).

    E non solo, ti assicuro che continuero' a scrivere su questo blog come e quando meglio mi aggrada (sempre che abbia qualcosa da dire).

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...