Cerca nel blog

Loading

2 marzo 2013

Dalla sala TIP all'interno del reattore 2 di Fukushima


Dal punto di vista tecnico, la settimana appena trascorsa all'interno della centrale di Fukushima Daiichi è stata tutto sommato tranquilla, caratterizzata da una serie di lavori già programmati e portati a termine, relativamente pochi inceppi e una grossa attività che riguarda il reattore 2 e la possibilità di inserire termometri e endoscopi attraverso le linee guida TIP.

Vediamo di entrare un po' più in dettaglio in questa attività. Delle sale TIP abbiamo già più volte parlato in passato; si tratta di una sala all'interno degli edifici reattori e da cui è possibile inserire dei sensori all'interno del nocciolo. Durante la normale operatività del reattore, questi sensori sono utilizzati per ottenere informazioni sul flusso e l'energia dei neutroni in modo da valutare lo stato del combustibile, non tanto dal punto di vista dell'integrità strutturale, ma piuttosto come questo si stia consumando. Dalla sala TIP ci sono quattro guide che attraversano lo spesso muro del contenimento primario (PCV) e prima di arrivare alla base dell'RPV devono passare attraverso un blocco (punto 4 nello schema) dove è possibile selezionare quale regione del nocciolo esplorare.
Lo scopo di questo lavoro è quello di verificare come siano ridotte queste guide due anni dopo l'inizio dell'incidente e valutare la possibilità di installare termometri addizionali e ispezionare lo stato della parte bassa del vessel di pressione, all'interno del piedistallo (la struttura marrone nello schema) cosa che non è stato possibile fare nelle precedenti ispezioni endoscopiche.  L'impresa è piuttosto ardua perché, se è vero che il corio ha bucato la parte bassa del vessel di pressione, tutti quei tubi guida si sono danneggiati.

La scorsa settimana si è proceduto all'installazione di tutte le strutture necessarie incluso il nuovo avvolgitore per il cavo in fibra ottica da inserire che vedete nella foto di sinistra, mentre nella foto di destra vedete la testa della guida con l'illuminazione e la video camera per la ripresa.


I primi risultati dell'indagine sono disponibili per il momento solo in giapponese e li potete trovare in questo documento e che abbiamo cercato di interpretare in attesa di una traduzione più accurata da parte di voi lettori. Stando a quanto riportato, solo attraverso una delle quattro penetrazioni si è riusciti ad arrivare al  punto 4, dove la strada era sbarrata dal blocco di selezione. Nelle altre penetrazioni, la corsa si è fermata prima, come vedete nell'immagine colorata a pagina 5 del documento. Come previsto non era certo un lavoro dall'esito scontato e forse è più facile arrivare al nocciolo passando dall'alto, utilizzando temporaneamente le tubazioni attualmente usate per il raffreddamento.

Si parla di trizio

TEPCO, all'interno di una conferenza stampa ha presentato la situazione del trizio presente sul territorio della centrale e lo fa confrontandosi con le quantità di trizio presente naturalmente nella biosfera. In passato, in base alla formula di scarico, la centrale di Fukushima Daiichi rilasciava in ambiente 22 TBq all'anno tra trizio e altri radioisotopi (1 TBq =  1000 miliardi di Bq) corrispondenti ad una dose annua sul bordo della centrale ben al di sotto del milliSv previsto. Il limite di concentrazione per il trizio in acqua da scaricare è di 60 mila Bq al litro (è solo di 90 Bq/litro per il cesio-137), mentre l'acqua contaminata presente sul sito è caratterizzata da una concentrazione compresa tra 1 e 5 milioni di Bq per litro. Questo significa che per essere scaricata in base alla precedente formula di scarico è necessario diluire da 17 a 84 volte. In altre parole, ad ogni litro d'acqua contaminata ora presente sul sito devono essere aggiunti fino a 84 litri di acqua pulita per scendere sotto il limite. Reperire quest'acqua pulita non sarà un problema, perché nel momento che entrerà in funzione il sistema di emungimento dell'acqua di falda da ogni pozzo verranno pompati quotidianamente 40 mila litri di acqua da scaricare in mare.

Se si volesse rispettare il limite precedente di emissioni totali (22 TBq annui) allora si potrebbero scaricare solo 4.4 mila tonnellate di acqua contaminata in un anno, che sono un'inezia comparata con le quantità stoccate sul sito (attualmente dell'ordine di 300 mila tonnellate)

Bisogna tenere conto, che nessuno dei sistemi attualmente utilizzati per la decontaminazione dell'acqua è in grado di rimuovere il trizio e che altre tecniche in uso presso i reattori che usano acqua pesante dove ne viene prodotto molto devono essere adottate. In questo modo sarebbe plausibile stoccare grandi quantità di trizio in volumi ridotti, e visto che il tempo di dimezzamento è di 12 anni, rilasciarli tra un centinaio di anni.

Queste stime, sono effettuate utilizzando i parametri della formula di scarico ante-incidente e che, visto l'impatto decisamente trascurabile del trizio, si potrebbero mettere delle proroghe.

Cask in arrivo

E' iniziato il trasporto dei contenitori (cask) per stoccare il combustibile esausto dopo che è rimasto a sufficienza all'interno delle piscine. Il piano è quello di fare spazio nella piscina comune per ospitare gli elementi di combustibile ora presenti nelle piscine delle varie unità. Gli elementi più freddi (vecchi) della piscina comune e che non necessitano più raffreddamento attivo con acqua verranno trasferiti all'interno dei cosiddetti dry-cask, ovvero dei contenitori che non necessitano di raffreddamento attivo con acqua, ma solo con aria. Il numero di elementi di combustibile che è possibile stoccare all'interno di questi contenitori è piuttosto limitato, dipende dalla tipologia di combustibile e da quanto è stato utilizzato (burn-up). In totale sono in arrivo 11 dry-cask dove potranno essere stoccati circa 1000 elementi di combustibile.

Il trasporto dei cask è reso difficoltoso dal fatto che nel porto della centrale non sono ammessi cargo e quindi verranno impiegate chiatte con una base di appoggio nella vicina centrale di Hirono (a sud della centrale di Fukushima Daini). A partire dal prossimo anno fiscale (mese di aprile), cominceranno ad arrivare anche un secondo tipo di cask, non asciutti, e che possono essere utilizzati sia per lo stoccaggio sia per il trasporto. Di questo secondo tipo ne sono attese 45 unità per 69 elementi di combustibile ciascuna (3105 elementi in totale). Vale la pena di ricordare l'inventario complessivo di elementi di combustibile presenti sul sito e che trovate nella tabella qui a lato.

La situazione dell'acqua

Chiudiamo questo post con il consueto aggiornamento della situazione dell'acqua contaminata come è stato fotografato dal più recente bollettino del 27 febbraio 2013.


Settimana precedentePrevisione per questa settimanaSettimana presentePrevisione per la settimana successiva
Acqua nei reattori + turbine77 70076 50075 60076 000
Acqua nello stoccaggio18 85019 16019 16019 070
Totale 95 95095 66094 76095 070

Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

118 commenti:

  1. Sono d'accordo che non ci saranno grosse difficoltà nella gestione del Trizio. I fattori di diluizione saranno 1:100, salvo la NRA non dia una autorizzazione speciale una-tantum per aumentare lo scaricabile/anno, ma non credo. Il Trizio decade abbastanza rapidamente.



    Viceversa è chiaro che se il Giappone non decide cosa fare sul ciclo del combustibile, in particolare in merito al riprocessamento, la vedo dura con tutte quelle barre stoccate. La situazione sugli altri impianti giapponesi non è molto diversa.
    SM

    RispondiElimina
  2. Diciamoci la verità, il ciclo del combustibile resta una strada aperta in tutto il mondo e non ci saranno molti sviluppi fin tanto che una buona frazione della flotta dei reattori non funzioni a reattori veloci. Ho appena studiato un documento dell'iaea su partitioning e transmutation e il messaggio era chiaro.

    Tanti più neutroni, tanta più ricerca e investimenti a carattere industriale.

    RispondiElimina
  3. http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201303020041
    Ma non si parlava di mezzo Giappone inabitabile per generazioni?
    Probabilmente il riferimento era alle generazioni di criceti ...
    SM

    RispondiElimina
  4. Hanno nuovamente rispostato tutto il raffreddamento del reattore 3 sul CS (grafico). Credevo proprio che i lavori fossero finiti, quindi resto un po' perplesso

    RispondiElimina
  5. Avranno avuto qualche piccola perdita sulle nuove giunzioni. Mi aspetto lo stesso lavoro anche sul n.1 a questo punto

    RispondiElimina
  6. http://www.corriere.it/cronache/13_marzo_03/parma-parte-inceneritore_800558ba-83d2-11e2-9582-bc92fde137a8.shtml
    Ragazzi, se la politica entra a gamba tesa su scelte di questo tipo vuol dire che le cose si complicano.

    RispondiElimina
  7. kumachanTokyo3 marzo 2013 15:58

    No, si parlava dell`emistero boreale ormai perduto...

    RispondiElimina
  8. grazie per il puntuale update :D

    RispondiElimina
  9. Certo che sei arcaico. antico @toto_unicolab:disqus :-) loro mettono direttamente il video :-) mica cotica ;-) ciao ragazzacci belli :-) http://www.youtube.com/watch?v=puZLkFmsoz4&feature=youtu.be

    RispondiElimina
  10. https://fukushima.inl.gov/PDF/MELTSPREAD%20CORQUENCH%20Analysis%201F1%20ORNL_ANL%20Feb2013.pdf

    RispondiElimina
  11. Diciamo che sabato non c'era ancora. Lo aggiungo al nostro canale

    RispondiElimina
  12. macché aggiungi @toto_unicolab:disqus ahahaha ascoltali prima :-) mh mh :.-)

    RispondiElimina
  13. Ma non quello. Piuttosto l'originale

    RispondiElimina
  14. ufff.... hanno cambiato la lista dei termometri per i reattori, quindi niente grafici aggiornati questa mattina. dovrete attendere il mio primo break pubblicitario :)

    RispondiElimina
  15. Coraggio, non te la prendere. Da qui al 2051 sai quante volte ti cambieranno il database dei dati?
    Ricordati: potrebbe anche piovere :)
    SM

    RispondiElimina
  16. ?
    http://blog.ted.com/2013/02/27/good-energy-comes-in-small-packages-taylor-wilson-at-ted2013/

    RispondiElimina
  17. Mah! A me non sembra niente di eccezionale...

    http://phys.org/news/2013-03-boston-dynamics-bigdog-toss-video.html

    RispondiElimina
  18. Meglio (peggio!) ancora... si parlava di MILIARDI DI MORTI nei prossimi 70 anni!... dr.Busby docet!...


    R.

    RispondiElimina
  19. Ah, prima che me ne dimentichi, SM,hai mica dato uno'occhiata alla "controanalisi" del rapporto WHO su Fukushima fatto dall'"esperto nucleare" di GreenPiss?... tale Ode Becker?... sono 5 paginette (o 6?) si trovano sul sito di GreenPeace international... la tizia ottiene dei valori di quasi 1000 mSv/persona a partire dai dati corretti di Sv/Bq e applicando un codice di calcolo di Livermore... adesso devo partire ad una riunione, se non lo trovi facilmente ti passo il link piu' tardi... penso che per noi unico-labbisti la tua (o di altri) opinione sui risultati ottenuti dall'esperto nucleare di GP sarebbe interessante.

    Ah!... eccolo qui...link alla contro-analisi in fondo alla pagina:

    http://www.greenpeace.org/international/en/press/releases/World-Health-Organisation-downplays-health-impacts-of-Fukushima-nuclear-disaster/

    Grazie, e ciao.

    R.

    RispondiElimina
  20. L'idea non è nuova (e mi pare sia già commercializzato qualcosa del genere, ma non ho i link sottomano).
    Come dissi allora, l'idea di reattori a "dimensione frabbrica" sotterrati e lontano dagli occhi di tutti non mi piace troppo.

    RispondiElimina
  21. No, la cosa ha il suo fascino, ma:
    1) Mi ricorda tanto Farenheit 451.
    2) perché diamine non puntano sugli esapodi, molto più stabili e veloci. Anche se poi mi ricorderebbero Runaway...

    RispondiElimina
  22. La Germania ripensa gli investimenti nelle energie alternative. Le considera poco efficienti e economiche attualmente (perfino rispetto alla "nucleare Francia" dicono) e lo stato vuole ripensare le leggi di finanziamento retroattivamente, il che tende a bloccare tutti i progetti in corso per mancanza di stabilità normativa.

    Il tizio dell'articolo (Florian Bieberbach) pensa che gli investimenti andranno fuori, ma a domanda dell'intervistatore esclude la Spagna (dove la legge si muove nella stessa direzione della Germania) e parla piuttosto di Scandinavia e Francia, dove hanno un progetto di parco eolico.

    L'articolo

    RispondiElimina
  23. Infatti , sono quelle zampette che danno da pensare, non so come se la cavano su terreno accidentato e abbinando la torsione ...

    RispondiElimina
  24. vai giù pesante :-)

    MELTSPREAD: codice per l'analisi dei transienti di diffusione dei detriti di nucleo fuso (Argonne National Laboratories)
    CORQUENCH: modellizzazione del colamento fuori dal vessel di nucleo fuso (Oak ridge)

    RispondiElimina
  25. La tizia arriva tranquillamente a 1.5 Sv come dose effettiva per i bambini...
    A quelle dosi entro i 10 km dovremmo già vedere nausea, vomito e abbassamento di piastrine e globuli rossi, e questo entro 3-6 ore dall'esposizione.
    E negli altri casi gli effetti si vederebbero chiaramente negli esami del sangue classici e delle ghiandole linfatiche.
    Dove sono le prove di queste dosi?

    Non conosco il codice di calcolo in questione, ma come in ogni caso, il codice puo' essere corretto, ma l'uso che se ne fa scorretto...

    RispondiElimina
  26. pero' da quello che si vede sembra abbastanza agile. Lanciare un mattone pesante cosi' richiede una buona padronanza dell'equilibrio ed è fluido nel movimento.

    Ma hai visto che gioco è costretto a fare in continuazione con le gambe per ricalcolare l'equilibrio?

    RispondiElimina
  27. Ma lei , Anonima, mica è qui ad incartar le uova con i giornali online...:)
    Leggendo le conclusioni, mi è chiaro solo questo The best-estimate results of the long-term debris coolability analysis with CORQUENCH assumed sufficient water was injected into containment to cover the debris starting 15 hours after shutdown. Under this condition the simulations indicate that the melt was coolable over the long term.

    Faccio confusione con l'erosione del calcestruzzo.

    RispondiElimina
  28. Già, un calpestio unico...

    RispondiElimina
  29. :-) un bersanismo!

    Non capisco bene cosa intendono per "liner" (any help out there??), ma la conclusione sembre essere che in ogni caso il nucleo fuso è colato fuori l'RPV verso il DW ed è a contatto con il "liner". La differenza è se l'RPV ha schiantato dopo la depressurizzazione (in questo caso il "liner" rimane intatto), o se ha schiantato prima (in questo caso si aspettano che ceda per erosione). Piedistallo e pavimento del DW dovrebbero essere relativamente intatti.

    Il corium dovrebbe essere stabile, non dovrebbe essere arrivato nel toro (almeno la maggior parte) ed avere una struttura monolitica.

    RispondiElimina
  30. da noi con liner si intende in genere uno strato di protezione. ovviamente va contestualizzato caso per caso

    RispondiElimina
  31. Ciao Rob,
    con le simulazioni puoi far uscire i numeri che vuoi. Poi noto che i coefficienti di Tab2 sono relativi a Iodio-vapore, caso pessimistico. CTBTO ci ha detto Gas-Vapore 4:1 e non 0:1 come dice Greenpeace. Basta questo a tirar giù di un fattore 10 le dosi.
    Comunque è la modellistica che conta. Se lasci una persona sotto nube a fare inalazioni alle dosi loro ci arrivi anche. In fin dei conti, chi sono quelli della WHO? Vorrai mica mettere col loro esperto, eh?


    Secondo me questi di greenpeace sono disperati. Non riescono a trovare effetti sanitari (a parte che è troppo presto) e stanno rumoreggiando nervosamente.

    SM

    RispondiElimina
  32. Il liner è un contenitore di acciaio (1-2 cm?) affogato nella struttura di calcestruzzo del PCV. In genere liner è riferito ad un contenitore metallico

    RispondiElimina
  33. sai che da noi l'uso più comune di liner è per rappresentare la protezione in plastica spessa che si mette dentro ai fusti per i rifiuti?

    RispondiElimina
  34. ho appena caricato i nuovi dati. nulla di nuovo, ma ogni tanto devono rifare le stesse cose diversamente per il mio divertimento.


    confermo che per l'unità 3 sono ancora in azione gli operai per le operazioni di manutenzione.

    RispondiElimina
  35. Siamo prossimi ad un nuovo giretto dentro a R2.

    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/handouts/2013/images/handouts_130301_02-e.pdf

    RispondiElimina
  36. In effetti, Valeriano e Sergio (e altri), si trova facilmente un documento di GP,co-autorato(autorato???) dall'espertona tedesca e da altri super-esperti-nucleari-col-turbo di GP (fra i quali il sempreverde Mycle Schneider,uno dei favoriti di zio Arnie Gundersen), del 2005,che riporta un succinto CV della Becker: esperto nucleare indipendente, free-lance, fino ad allora aveva realizzato uno studio sul nucleare per il governo Austriaco (paese noto per NON avere neanche un reattore!) e "per altre organizzazioni 'ambientaliste'"... piu' prestigiosamente esperta di cosi' si muore... dalle risate.

    Non c'e' niente da fare... sono forti, finche' trovano milioni di gonzi che gli credono... perche' cambiare strategia? E poi mi dicono che sono cattivo con quelli di GreenPiss... sono troppo buono, altroche'!... addaveni' Robespierre per questi! :-)

    R.

    RispondiElimina
  37. Warning, OT!

    "Ma hai visto che gioco è costretto a fare in continuazione con le gambe per ricalcolare l'equilibrio?"

    Il mio cane a ora di pranzo faceva la stessa cosa... tiptap sul posto con la frequenza di una telescrivente, il parquet martoriato dalle unghie... un supplizio (per me e per il parquet)... pace all'anima sua, tobi, cane unico e irrimpiazzabile.

    Snif! (e poi dicono che non ho un quore)

    R.

    RispondiElimina
  38. "“Imagine having a compact reactor in a rocket that produces 50-100 megawatts. That’s the rocket designer’s dream,” says Wilson."

    Been there done that!... NASA negli anni 60-70... ne hanno sicuramente testato uno o piu' in qualche laboratorio perduto, ma non credo l'abbiano mai testato nello spazio... come motore intendo,non produzione di energia elettrica, per quello ci sono stati i russi che ne hanno anche perso uno durante un lancio, con tanto di pezzi di reattore sparsi in giro per il mondo. Dicono anche che gli oceani contengano parecchi reattorini simili montati su satelliti fatti rientrare apposta sugli oceani, per toglierli dalla vista e dalla curiosita' del nemico della Guerra Fredda.

    E, nonostante tutto questo... siamo ancora vivi! Yupppiiiiiiii!!!!


    < fine giornata all'insegna del cazzeggio, scusate >

    RispondiElimina
  39. Il "liner" e' anche quella pellicola blu della piscina... ne dovresti vedere spesso dalle tue parti! :-)


    Come scritto sotto, il liner di acciaio inox serve a "garantire" la tenuta alle fughe, ed e' piazzato all'interno dell'edificio che contiene l'RPV (negli EPR, altri reattori non so, probabilmente tutti i PWR?).


    R.

    RispondiElimina
  40. "Ma lei , Anonima, mica è qui ad incartar le uova con i giornali online...:)"

    :-)

    RispondiElimina
  41. ma tu non hai un cuore infatti ! :-)

    RispondiElimina
  42. Martedi su Arte :
    Mardi 22:30 Le monde après Fukushima sur Arte

    RispondiElimina
  43. @twitter-309002837:disqus Senti, ma che è questo nuovo avatar?

    RispondiElimina
  44. @peakoil2010:disqus @SergioManera:disqus @toto_unicolab:disqus

    Mai sentito con quel nome. Ok, ho riservato un neurone per l'informazione :-)

    RispondiElimina
  45. Se ho tempo lo faccio girare coi loro numeri, giusto per curiosità
    Ecco, sarebbe interessante

    RispondiElimina
  46. Ti ci vedo perfettamente... potrebbe essere una foto :-))

    RispondiElimina
  47. Ma sarebbe davvero necessario avere un motore a reattore nucleare invece che uno convenzionale nello spazio (quello vero, suppongo)?

    La maggior parte del viaggio si fa in base al pricipio di inerzia e alle fionde gravitazionali, quindi senza propulsione (continua), solo piccoli colpetti correttivi.

    Le sonde Voyager lanciate nel 1977 ancora viaggiano e mandano dati...

    http://www.nasa.gov/vision/universe/solarsystem/voyager_agu.html
    http://www.nasa.gov/mission_pages/voyager/termination_shock.html

    RispondiElimina
  48. Parola di...?

    RispondiElimina
  49. L'idea era di avere una accelerazione costante per lunghi periodi, per viaggi interstellari... credo di avere un pdf da qualche parte...appena e se lo trovo lo posto.


    R.

    RispondiElimina
  50. Ah, quindi abbiamo (noi generico) in mente non tanto razzi o sonde, ma colonie spaziali....


    Ma poi considerando che nello spazio puoi solo usare il principio di azione-reazione per muoverti, sei costretto sempre ad espellere qualcosa. Come ti aiuta nell'autonomia una sorgente nucleare piuttosto che un'altra?



    Manda, manda il pdf.

    RispondiElimina
  51. Preparo le uova marce! :-)


    R.

    RispondiElimina
  52. Lo sport preferito ultimamente sembra quello di voler per forza calcolare l'incalcolabile.
    http://japandailypress.com/study-shows-radiation-risk-higher-in-one-evacuation-route-after-fukushima-disaster-0524573
    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201303040085


    Le mie perplessità a proposito, al di là del fatto che mancano totalmente i numeri sulla cui base sono state fatte queste valutazioni di dose sono i seguenti:
    - che coefficienti di dose hanno usato per lo Iodio. Iodio gas e Iodio vapore hanno coefficienti di dose da inalazione diversi per un fattore 10. E' un aspetto fondamentale da chiarire
    - La composizione Iodio/Cesio nei rilasci non è stata costante. La molto maggiore mobilità dello Iodio ha fatto si che i rapporti Iodio/Cesio fossero alti nei primi rilasci e via via più bassi con le ventilazioni dei giorni successivi. Qui sembra siano in gioco valutazioni su rilasci attorno al 22-23 marzo 2011. A quel punto Iodio ne usciva ben poco. Non solo I-132 e I-133 erano già fuori gioco, le dosi non possono essere così alte sulle tiroidi da quei rilasci
    - Questa gente che ha "vagato" cercando di evacquare dai 30-40 km si è presa sulla testa un sacco di Cesio, non Iodio. Molto meno grave, specie per la tiroide


    La WHO, nei suoi 2 rapporti specifici, ha fatto un atto di eleganza dicendo che singoli casi di esposizione come quelli riportati da questi articoli non possono essere effettivamente "assessed" a causa delle troppe variabili in gioco. Ha preferito applicare un approccio del tipo "ordine di grandezza dell'esposizione". Quei numeri 1-10, 3-30 che vedete nei rapporti WHO. Tale approccio a mio avviso non solo è corretto, ma cautelativo.


    SM

    RispondiElimina
  53. kumachanTokyo5 marzo 2013 19:27

    E` il suo modo di ricordarsi di pulire la lente alla fotocamera del cellulare.

    RispondiElimina
  54. kumachanTokyo5 marzo 2013 22:29

    BTW, quanto ci inviti a pranzo?

    RispondiElimina
  55. kumachanTokyo5 marzo 2013 22:35

    Dai, il prossimo WE se piove e non sai cosa fare ci posti i risultati.
    Anzi, domani al lavoro, che non saprai cosa fare, ci fai i calcoli :)

    RispondiElimina
  56. Notizia in topic:

    nel reattore 2 hanno controllato la seconda (di otto) delle condotte che dal congiungono il contenimento asciutto a quello umido alla ricerca di perdite. E anche in questa nessuna perdita evidente rilevata. Ricordiamo che le perdite sono robe importanti quindi si dovrebbe vedere un piccolo fiume d'acqua e non goccioline.

    Adesso ne mancano altre 6, ma apparentemente erano soddisfatti del modo in cui è andata questa operazione usando il tetrapode, quindi magari faranno velocemente anche le altre.

    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/handouts/2013/images/handouts_130305_01-e.pdf

    RispondiElimina
  57. Aggiungo al video: http://youtu.be/nQIeK8YqvTw

    RispondiElimina
  58. ma vorrei saperlo anche io !!!!!!!!!1 ce l'avevo 2 anni fa mi dovrebbero spiegare come mai è riccicciato fuori .............! ;.(

    RispondiElimina
  59. ahahahah che immagine devastante che hai di me ;.)

    RispondiElimina
  60. non l'avevo mai visto cosi .......secondo me a quel punto il "dolce" Peakoil è pronto al vacillamento ;.) http://www.greenpeace.fr/nucleaire/ppi/?__utma=1.772702354.1346946434.1346946434.1362076804.2&__utmb=1.1.10.1362077545&__utmc=1&__utmx=-&__utmz=1.1346946434.1.1.utmcsr%3Dterraeco.net%7Cutmccn%3D%28referral%29%7Cutmcmd%3Dreferral%7Cutmcct%3D%2FEt-vous-ou-etes-vous-sur-la-carte%2C40096.html&__utmv=-&__utmk=85176985

    RispondiElimina
  61. La grafica mi piace.
    Di' la verità, è per questo che sei scappata dai galli e sei andata fra i galletti? :-)

    RispondiElimina
  62. Non ho visto il filmato ma leggere attentamente il tuo racconto mi ha soddisfato molto di più.
    Carine le minchiate delle radiazioni dal tetto e delle bottiglie d'acqua alle finestre. Credo le userò a lezione nella categoria "panzanate e nonsensi".
    Sulla faccenda dei morti non nati di Chernobyl mi documento e poi commento, non è la prima volta che la sento anche io e vorrei capire la fonte.
    Grazie per il racconto :))
    SM

    RispondiElimina
  63. Imperdibile. Lo dicevo io che i cinghiali sono animali interessanti.
    http://www.corriere.it/cronache/13_marzo_07/cinghiali-radioattivi-intervengono-nas_f9ba913e-874c-11e2-82ae-71d5d7252090.shtml

    NdT: Cs-tot > 600 Bq/kg da 733/2008.

    P.S. l'esperto di Legambiente parla di contagio "radioattivo". Quale antibiotico si deve usare per il Cesio?

    SM

    RispondiElimina
  64. "P.S. l'esperto di Legambiente parla di contagio "radioattivo". Quale antibiotico si deve usare per il Cesio?"


    Non c'e' antibiotico che tenga... colpo di carabina, unica soluzione... ma non parlo del cinghiale...


    R.

    RispondiElimina
  65. Ottimo, grazie delle info, registro tutto.


    Ciao, e grazie.



    R.

    RispondiElimina
  66. http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/03/07/Tracce-cesio-cinghiali-allarme-Piemonte_8363753.html ops ved ora che @SM lo ha messo .:-) pazienza ........scusate

    RispondiElimina
  67. urka hai dato fondo al magico e fantasioso inchiostro ? :-)

    RispondiElimina
  68. AnonimaFrancese7 marzo 2013 23:08

    eccomi sotto disqus...........:-) ora ho capito :-)

    RispondiElimina
  69. Ma che perverso! Ti sottoponi a queste pratiche autoflagellanti (masochismo) per poter usare la frusta ( sadismo) , n'est- ce - pas? Ok, fa pure, ti ascolteremo e ti aiuteremo a trovare la tua catarsi...-:)

    PS
    Sei terribilmente bravo a raccontare, impressionante la dovizia di dettagli ! ( ma tenevi appunti o hai una memoria mostruosa? )

    RispondiElimina
  70. "Il cinghiale SUS SCROFA è un animale dalla vita prevalentemente notturna, durante il giorno, il cinghiale preferisce maggiormente riposare in grosse buche nel terreno che scava grazie alle zanne e gli zoccoli. Potrebbe essere definito onnivoro in quanto non disdegna di mangiare, oltre alla verdura, alle ghiande, funghi, tuberi e radici, anche insetti, invertebrati, uova, piccoli mammiferi, carcasse di altri animali ed altri mammiferi di grandi dimensioni che, feriti o malati, si rivelino essere facili prede da cacciare in branco"

    Insomma è un porco e se la va cercando

    RispondiElimina
  71. Faccio mie queste due frasi estrapolate da un articolo del Fatto q.

    Di cosa ha bisogno la donna, oggi? Di una giornata preconfezionata, disseminata di orrenda e maleodorante mimosa e condita da maratone tv di film “rosa”? O piuttosto della parità di opportunità per giocarsela viso a viso con l’uomo di turno in ogni campo della vita quotidiana?

    Non so se sono più stufa dell'otto marzo o degli articoli che ogni cavolo di otto marzo spuntano fuori contro l'otto marzo

    Perciò cambio fiore, profumatissimi giacinti alla nostra Anonima

    http://wl.static.fotolia.com/jpg/00/19/97/71/400_F_19977116_3y3lPkqmXHaY43xFYFEdFr3opsnmmczf.jpg

    RispondiElimina
  72. Altro giorno e altra connessione nella sala toro del reattore 2. E con questa siamo a quattro tubazioni ispezionate su 8 e anche qui nessuna perdita. Sono state controllate tutte le condotte del lato est che in base ai conti dei Giapponesi dovevano essere quelle che perdevano. Evidentemente si sbagliavano.
    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/handouts/2013/images/handouts_130306_03-e.pdf

    Comunque dicevamo, 4 su 8 e nessuna di queste perde. Ne restano altre 4 di cui almeno 1 potrebbe essere difficilmente raggiungibile causa ostacoli che però potrebbero essere superati usando il tetrapode. Speriamo lo facciano presto in modo da poter subito intervenire. Ricordiamo che il prossimo punto sulla checklist è "toppare" le perdite, altrimenti non si va avanti!

    RispondiElimina
  73. @ValerianoB:disqus mi sa che dovremo accennare qualcosa nella contaminazione alimentare :)



    Piuttosto, non sarà mica l'effetto dell'abbassamento dei limiti? 600 Bq/kg è inferiore al codex, come lo erano i 733 del 2008, ma non inferiori ai limiti post-Fukushima.


    Cmq, se proprio gli fanno schifo, che li mandassero tutti al mio indirizzo di casa che ci penso io a dargli degna sepoltura, insieme ai ravioli con l'1% di carne di cavallo.

    RispondiElimina
  74. Secondo me 600 Bq/kg sono un po' altini per essere Cesio di Chernobyl, ancorché riconcentrato da vegetali, funghi e razzolato dai cinghiali. Stiamo a vedere ulteriori notizie.
    SM

    RispondiElimina
  75. @ValerianoB:disqus
    Oltre i tepchiani, anche Umberto Eco legge Unicolab
    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/errata-scorrige/2198986/18

    RispondiElimina
  76. Detesto la logica del "cos'altro puo' essere", molto antiscientifica.

    Cioé, se sei Dio onnisciente puo' anche funzionare, ma negli altri casi la sorpresa è sempre dietro l'angolo.

    Ho l'impressione che si siano messi a fare i test ai cinghiali in seguito a Fukushima, hanno scoperto solo ora la contaminazione e siccome hanno solo Černobyl' in testa eccoli là.
    @SergioManera:disqus : tu che pensi, magari una discarica di rifiuti radioattivi in zona?

    RispondiElimina
  77. ma anche il cinghiale :-)

    RispondiElimina
  78. @toto_unicolab:disqus
    che li mandassero tutti al mio indirizzo di casa
    ma poi ti serve una mano per smaltirli :-)

    RispondiElimina
  79. I casi sono due: o hanno sbagliato a fare le misure oppure c'è un superhotspot che nessuno ha mai visto in 25 anni (dubito) e i cinghiali ci hannno razzolato. Te la do 50 a 50

    RispondiElimina
  80. @peakoil2010:disqus
    "non capisco proprio come i giapponesi, unico popolo toccato dalle
    esplosioni nucleari, si siano potuti buttare sul nucleare civile"...


    Come sociologo non deve andare molto bene... sarei curioso di chiedergli come spiegherebbe allora che buona parte dei russi e ukraini dopo Chernobyl siano ancora a favore del nucleare.
    Ah già, il sociologo tedesco dimentica al calduccio col suo computerino a rilasciare interviste dimentica di chiedersi da dove viene la sua corrente.

    RispondiElimina
  81. Con la loro fortuna sarà la ottava che controllano, indipendentemente dall'ordine che scelgono :)

    RispondiElimina
  82. Si ma dico, hai presente quanto è buono il salame di cinghiale o lo stufato di cinghiale o il brasato di cinghiale ...
    E' un animale da premio Nobel

    RispondiElimina
  83. Sarà di sicuro la condotta difficilmente raggiungibile...

    RispondiElimina
  84. mieux vaut tard que jamais.
    Anzi, per la nostra alsaziana, besser spät als nie :-)

    e nella linea tracciata da Egiovanna , niente auguri :-) Pero' è giusto ricordare le cose.

    Perché l'8 marzo?

    C'è una leggenda in merito e racconta che la data fosse stata scelta per ricordare le centinaia di donne morte durante un incendio scoppiato in una fabbrica di camicie, a New York, proprio l’8 marzo del 1908. In realtà l'origine è un'altra: la Giornata della donna cominciò a essere festeggiata all’inizio del XX secolo e, ogni nazione, aveva fissato una sua data.

    Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale le celebrazioni furono interrotte fino al 23 febbraio 1917 del calendario giuliano vigente in Russia (8 marzo secondo il calendario occidentale gregoriano) fino a quando le donne di San Pietroburgo guidarono una grande manifestazione per rivendicare la fine della guerra. Quella presa di posizione mutò la storia, determinando anche l’inizio della Rivoluzione Russa di febbraio, che portò al crollo dello zarismo.

    Donne, madri, operaie, mogli di soldati tutte chiedevano la fine della guerra e pane per i propri figli, e scesero in strada quel giorno.

    Nel 1977, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite stabilì ufficialmente che l’8 marzo fosse istituita, nel mondo, la giornata dedicata ai diritti della donna.

    RispondiElimina
  85. occhei, va bene... poi ve ne mando uno o due tagli

    RispondiElimina
  86. io quando penso al cinghiale... mi commuovo :)

    RispondiElimina
  87. AnonimaFrancese8 marzo 2013 09:42

    Grazie cara Gio:-) ricambio con il mio Rubus idaeus raccolto in una mni serra sul terrazzo e che ieri è mi ha regalato le prime foglie nascenti :-) piccolissime e vispissime :-)

    RispondiElimina
  88. AnonimaFrancese8 marzo 2013 09:53

    Ecco Rubus idaeus

    RispondiElimina
  89. AnonimaFrancese8 marzo 2013 09:54

    Grazie Vale :-) ricordo benissimo quella storia agghiacciante delle donn e chiuse in trappola nella fabbrica di camicie :-( ne fecero un documentario :-(

    RispondiElimina
  90. Il punto era anche notare che non è quella la storia che ha dato origine alla festa... Anzi, l'incendio dell'8 marzo alla fabbrica "Cotton" di NY è una bufala mediatica messa in piedi nel dopoguerra per eliminare ogni connotazione politica (comunista) dalla commemorazione. Un esempio di propaganda all'americana.
    Resta vero l'incendio del 25 marzo alla fabbrica "Triangle", dove morirono 146 persone in prevalenza donne, chiuse a chiave dai padroni per paura di furti.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Incendio_della_fabbrica_Triangle

    RispondiElimina
  91. no, non hai capito...
    Tutti a casa tua a arrostire un cinghiale in giardino :-)



    @SergioManera:disqus sarà il primo ad arrivare, almeno per motivi geografici...

    RispondiElimina
  92. Eco è generalmente un po' pretenzioso, ma là sono d'accordo al 100%. Anzi, è andato leggero.

    Su "Deutsche", c'è da dire pero' che mangiare le "e" in fine di parola è uno sport internazionale molto diffuso... :-) basta vedere come pronunciano "der, die, das"

    RispondiElimina
  93. ...scusa..dov'e' che sarebbe il fiore????? Boh...


    P.S.:auguri a tutte le donne, godetevi il giorno di festa, potete lasciare la macchina piccola a casa e prendere quella grossa, del "capo"!:-)


    eh... eh... eh... (ovviamente scherzo)

    RispondiElimina
  94. AnonimaFrancese8 marzo 2013 12:00

    non c'e un cavolo da fare peakoil :-) c'hai la sensibilità di un carro attrezzi !!

    RispondiElimina
  95. http://www.ippnw.de/commonFiles/pdfs/Atomenergie/Fukushima/Health_consequences_Fukushima_en.pdf

    preso da qui

    RispondiElimina
  96. Media in visita a Fukushima il 6 Marzo 2013

    http://www.reuters.com/news/pictures/slideshow?articleId=USRTR3EP3M#a=6

    RispondiElimina
  97. Articolo patetico, veramente. Ma perchè dico io un'associazione di medici debba mettersi a fare (e sbagliare come al solito applicando male il LNT) calcoli di dose??
    Non sanno neppure come utilizzare l'enorme database di analisi di generi alimentari e già passano ai casi di potenziale cancro.


    Patetici
    SM

    RispondiElimina
  98. "c'hai la sensibilità di un carro attrezzi !!"


    Chiamatemi pure Rottamator Maximus! :-)

    RispondiElimina
  99. piombo su di voi perché volevo che leggeste un articolo. Da verificare, magari, ma a naso... persino per un santommaso come me.
    http://www.japantimes.co.jp/news/2013/02/03/national/japans-suicide-statistics-dont-tell-the-real-story/#.UTnQ9Hx5xrR

    RispondiElimina
  100. Poche immagini sono così chiare e semplici da capire come questa che allego. Praticamente l'effetto "certo", addirittura "irreversibile in 6 ore di esposizione" di una ingestione/inalazione è il cancro. Peraltro indicati in modo non corretto.

    Un esempio di disinformazione.
    SM

    RispondiElimina
  101. ma l'hanno pubblicato a seguito dei cinghiali? Ci sarebbe da fare una causa, ma contro la stampa è una guerra persa

    RispondiElimina
  102. bravo, hai fatto bene a ricordarlo. ho appena letto un altro articolo a riguardo.

    RispondiElimina
  103. va bene... ma per il BBQ conviene aspettare anche qualche raggio di sole, visto che è una settimana che butta giù solo acqua.

    RispondiElimina
  104. Avevamo già visto questo bel video francese? http://t.co/bvDMmpVbIL

    RispondiElimina
  105. Anche in versione inglese per chi lo preferiscehttp://t.co/3zOlRqAQJh

    RispondiElimina
  106. Noto una sottile e raffinatissima distinzione tra "si accumula nelle ossa" e "si deposita nelle ossa".

    RispondiElimina
  107. Manco a dire che ci si rivolge ai grillini, per mettere spalle al muro la stampa, visto l'argomento... comunque ci si muova, frustrazione dietro l'angolo.

    RispondiElimina
  108. Già pronto l'aggiornamento tecnico http://unico-lab.blogspot.it/2013/03/avanti-con-la-ricerca-di-perdite-nel.html mentre quello alimentare è in arrivo!

    RispondiElimina
  109. Questo video è fatto in modo meraviglioso, da tenere nei preferiti :)

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...