Cerca nel blog

Loading

8 gennaio 2013

Diciamo NO a Voyager

Natale è passato e l'Epifania tutte le feste si è portata via, ma vi prego, fatemi un altro regalo, l'ultimo ve lo prometto. Cliccate questo link e firmate la petizione per chiedere alla presidenza Rai di non trasmettere più Voyager. Se la pensate come me circa questa boiata televisiva probabilmente avrete già cliccato sulla petizione e abbandonato la lettura di queste righe. Se state continuando a leggere è perché vi serve qualche motivazione in più per cliccare e firmare la petizione.

Sì, Voyager è quella trasmissione in onda sui canali di mamma Rai e condotta da Roberto Giacobbo di cui ho già espresso la mia opinione in parecchi post in passato (ecco la lista), ma una volta in più non guasta di certo. Voyager vorrebbe parlare di scienza, ma racconta solo panzane e lo fa avvolgendo tutto di mistero solo per accaparrarsi il maggior numero di spettatori ipnotizzati dalla musica ad effetto e quell'aura di complotto che avvolge qualsiasi argomento trattato. Giacobbo e la sua crew non hanno capito che la scienza è già bella (e misteriosa) di per sé senza inventarsi frottole e la cosa è dimostrata da quanti apprezzano le trasmissioni di divulgazione come Passaggio a Nord Ovest che guardo tutte le settimane con mio figlio.

Fate un regalo a me e fatelo anche a tutti gli italiani, chiediamo una televisione di maggior qualità, chiediamo che Voyager non compaia più sui nostri teleschermi. Cliccate su questo link e firmate la petizione e dopo che lo avete fatto diffondete questo indirizzo a tutti i vostri amici chiedendo di fare altrettanto. Per la prima ed ultima volta vi chiedo di non spezzare questa catena!

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

24 commenti:

  1. Approvo e sottoscrivo l'invito: combattiamo la pessima divulgazione scientifica (o meglio: pseudoscientifica), combattiamo trasmissioni come Voyager o Mistero.
    Saluti,
    Mauro.

    RispondiElimina
  2. bravo Mauro, firma e fai firmare!

    RispondiElimina
  3. Già firmato e postato ieri su Twitter. :)

    RispondiElimina
  4. Vado contro tendenza, lo so, ma voglio spezzare una lancia a favore di Giacobbo (ma non della trasmissione in sé cosi' com'è).

    Tempo fa vidi un'intervista fatta a Roberto Giacobbo e alcune domande vertevano proprio sui temi della trasmissione Voyager. L'impressione netta che ne ho ricevuto è quella di un Giacobbo che fa una trasmissione come tante altre, perché evidentemente tira, ma di non essere uno sprovveduto convinto di quello che passa in trasmissione. Lui stesso era scettico e quasi ironico su quello che passavano.

    Ho visto spesso la trasmissione (con un certo piacere di divertimento, aggiungo), e con il tempo ho trovato che prendono le cose con un certo piglio ironico - a partire dal tono di Giacobbo in trasmissione. In parecchie occasioni i "casi" presentati si concludono con una analisi corretta che ne smonta le premesse. E' vero anche che spesso questo è relegato a poche frasi alla fine e lasciando sempre aperto il "dubbio".

    Con questo non voglio dire che una certa fascia di persone non possa prendere per oro colato gli argomenti esposti nella trasmissione e soprattutto che è meglio avere più tempo dedicato a trasmissioni di cultura che di pseudo-cultura.

    D'altra parte, Voyager non inventa niente. Nel senso che tutto quello di cui parla sono cose che realmente girano in ambienti para-scientifici. Quello di cui parla sono cose che realmente si trovano in giro a prescindere da Voyager.

    Quindi proporrei di vedere la cosa in un altro modo. Invece di sopprimere Voyager (e lasciare che le stesse persone che si bevono a occhi chiusi i suoi servizi se li vadano poi a cercare in rete invece di guardare trasmissioni più serie(*) ), se ne potrebbe cambiare il tono. Dare man mano sempre più risalto ad ogni puntata alle analisi che smontano la tesi mostrata all'inizio dei servizi. Dargli un taglio "questo si dice in giro, ecco perché è falso". Secondo me, con poco diventerebbe un servizio molto più utile e di cui non esiste equivalente altrove.

    (*) Non esistono più le trasmissioni di una volta. Quark è ormai l'ombra di sé stesso, negli anni '80 ho fatto la conoscenza della meccanica quantistica grazie a Piero Angela, oggi dove sono quelle trasmissioni? Passaggio a Nord-Ovest e simili non sono per niente comparabili, limitarsi a mostare animali e natura non fa (o non esaurisce la) scienza. Il problema è che manca nel panorama televisivo italiano qualcosa di veramente solido, e sarebbe il caso di aggiungerlo.

    RispondiElimina
  5. Bell'analisi Vale, ma alla fine quello che rimane di questa trasmissione è appunto l'aura di complotto e la sensazione di essere presi per fessi, ragion per cui ho smesso da tempo di seguirla.

    RispondiElimina
  6. la sensazione di essere presi per fessi
    In questo hai ragione, non c'è che dire.
    Pero' diciamo che il format puo' essere modificato (e neanche molto) in modo da renderla utile e unica.


    Poi, diciamoci la verità: se la RAI la mantiene, vuol dire che ha abbastanza seguito e quindi vuol dire che ci sono carenze di base altrove che non sono create da Voyager, ma semmai sfruttate. Costruttivamente, prendiamolo come un segnale per agire alla base del problema: la cultura generale.



    Mi premeva pero' più che altro rivalutare Giacobbo come persona, anche se capisco che ormai Giacobbo=Voyager nella mente di molti.

    RispondiElimina
  7. non sono d'accordo ValerianoB. Uno potrebbe pensare che Giacobbo è messo lì a fare un lavoro e a recitare una parte all'interno di uno show che tira (un po' come la coppia Bonolis-Laurentis nei vari spettacoli a cui partecipa), ma poi tra gli scaffali delle librerie trovi capolavori come "2012. La fine del mondo?" con autore Giacobbo. Non dirmi che l'ha scritto per questioni di palinsesto o che l'hanno obbligato a farlo.


    E allora smetto di credere alla recita e, se prima lo potevo classificare pessimo attore, ora cambio giudizio e lo metto tra i disinformatori e quelli che addirittura traggono profitti nel tenere la gente nella sub-cultura.

    E la cosa è ancora - se possibile - peggiore perché il personaggio in questione non solo lavora sulla tv pubblica, ma ne è anche uno dei dirigenti visto che è tra i vice-direttori di rai2.

    Non è nemmeno vero che Passaggio a Nord-Ovest sia solo naturalistico, io lo guardo con molto interesse e lo trovo parecchio ben fatto, anche se non escludo si possa fare meglio.

    RispondiElimina
  8. Magari è intrappolato nel personaggio, è successo a molti altri. Non saprei, dico l'impressione che ne ebbi a suo tempo. E che "Voyager" potrebbe prendere una piega più utile e interessante.

    Ma mo' non mi prendere per un difensore a spada tratta del programma :-) Personalmente lo considero "entertainment" e cosi' dovrebbero fare tutti.

    Convieni con me che il panorama scientifico televisivo italiano è a livelli indecenti. Trasmissioni come "Passaggio a NW" sono certo interessanti, ma molto limitate. Seriamente, che visione hai della scienza guardando la TV? Nulla.

    Posso fortunatamente fare il confronto con qui, dove passano documentari di tutti i tipi, da quelli stile "Passaggio a NW" a quelli che ti spiegano "the Fabric of Cosmos" da parte dello stesso Brian Greene (e non è poco). Magari è il caso di spingere in questa direzione, ma occorre che le persone abbiano già una forma mentis recettiva.

    BTW, ti farà piacere leggere questa recensione:
    2012-la-fine-del-mondo

    RispondiElimina
  9. convengo assolutamente con the circa la situazione direi quasi penosa della televisione in italia. ma questo rinforza la mia opinione negativa su voyager e mi convince ancora di più a firmare la petizione. Con i soldi risparmiati si può cercare di fare qualcosa di meglio.

    RispondiElimina
  10. Concordo con l'articolo, anche Paolo Attivissimo ha menzionato la petizione, sono già andato a firmare.....

    RispondiElimina
  11. @toto_unicolab:disqus

    Beh, io la trasmissione la prendo come entertainement e come tale me la gusto, ma mi rendo conto che non è cosi' per tutti e troppe persone potrebbero prendere sul serio quanto di peggio propone.

    Quindi ho firmato con la motivazione:
    "Perché soldi e tempo dovrebbero invece essere spesi per fare trasmissioni di seria divulgazione scientifica, che mancano quasi del tutto nel panorama televisivo italiano."

    RispondiElimina
  12. direi che la motivazione è eccellente. da scrivere nella pietra e incorniciare!

    RispondiElimina
  13. Hei, non lo sapevo che si poteva firmare più volte! Ho ricevuto una e-mail da Change. org alle 11,37 che mi ringraziava di aver votato. Adesso aprendo di nuovo il link per vedere a che punto siamo mi si dice di nuovo FIRMA!

    RispondiElimina
  14. questa è la ca..ta delle petizioni online :(

    RispondiElimina
  15. a me fa inca??are che la mail la manda una non meglio definita "Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti".

    Cioé, che c'entra con questioni religiose?

    RispondiElimina
  16. nulla... è solo il gruppo promotore della petizione. anch'io mi sono stupito, poi visto che il fine era quello, ho firmato senza pensare né agli atei né ai religiosi.

    RispondiElimina
  17. Hai capito qual'è il problema del voto elettronico, vero? ;-)

    RispondiElimina
  18. @ValerianoB:disqus @toto_unicolab:disqus

    Allora, ad onor del vero le cose stanno così:
    da ieri ho firmato altre 2 volte , l'ultima mezz'ora fa, inserendo di nuovo i miei dati, è comparsa la dicitura firmato, ma il mio nome non appare nella colonna "ultime firme", e non è cambiato il numero dei firmatari, non ho ricevuto nessun'altra e-mail , in compenso è stato pubblicato il mio commento su "i motivi per firmare".

    Direi che tutto sommato possiamo rivalutare la piattaforma.
    PS
    Anche a me ha dato fastidio Il nome settario " Unione atei agnostici e razionalisti" , poi ho pensato che forse mi riconosco nella prima categoria.

    RispondiElimina
  19. vabbé anche io (con decise inflessioni positiviste), che c'entra :-)

    Il punto è che quelle categorie non c'entrano con la petizione e avrebbero dovuto tenerle fuori, anche se si sono chiamati cosi'.
    Nel pieno rispetto delle idee altrui, come si sentirebbe un cristiano credente che vuole partecipare alla petizione contro Voyager?


    (tra parentesi: praticamente risulti iscritto e ho già ricevuto un altro paio di mail...)

    RispondiElimina
  20. Sì, anch'io ho ricevuto una email di benvenuto, nonostante avessi curato di togliere il segno di spunta dalla casella "Tienimi aggiornato su questa campagna e su altre da Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti" quando ho firmato.
    Adesso ho impostato come spam le notifiche da change.org, di più non so fare

    RispondiElimina
  21. Io non mi ritrovo in nessuna delle due, ma nella petizione. :)

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...