Cerca nel blog

Loading

23 ottobre 2012

Non si è mai pronti per la pensione

Oggi al lavoro ho vissuto una scena davvero commovente. Uno dei nostri colleghi venerdì andrà in pensione e visto che domani sarà impegnato in altre faccende, oggi è stato il suo ultimo vero e proprio giorno operativo. Questa mattina è passato dal laboratorio per ritirare i suoi strumenti e questa sera li ha riconsegnati per l'ultima volta.

Quando ha firmato il registro era veramente commosso e io ero davvero senza parole. Spesso immagino la mia pensione come un miraggio irraggiungibile, ma temo che non si sia mai pronti a passare dai ritmi del lavoro a quelli senz'altro differenti della pensione.

A lui vanno i miei più sinceri auguri per una splendida e serena continuazione!

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

7 commenti:

  1. AnonimaFrancese23 ottobre 2012 21:12

    hai ragione........non deve essere un momento semplice da gestire ..specie se ciò che fai ti piace ! un mio saluto a questo tuo collega !

    RispondiElimina
  2. gli farà piacere, visto che per metà è tuo connazionale!

    RispondiElimina
  3. AnonimaFrancese23 ottobre 2012 21:17

    speriamo abbia tenuto la nazionalità .) e che possa andare a gozzovigliare in qualche dom-tom........... perché no? :.= )))

    RispondiElimina
  4. Io non vedo l'ora, magari!
    Ma la differenza è tutta se nel fai un lavoro che ti piace o no, per me in questo momento il lavoro è tempo sprecato...

    RispondiElimina
  5. È un triste mondo quello in cui si vive per lavorare e quello che più si rimpiange della gioventù è essere schiavi!

    RispondiElimina
  6. Toto basta guardare il Carluccio...salvato dall'apatia grazie ai suoi due super nipotini, nonché tuoi figli!!!

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...