Cerca nel blog

Loading

11 agosto 2012

Il pallone esploratore, i nuovi tubi e altre news da Fukushima


Pallone aerostatico utilizzato all'interno dell'edificio 1 per ispezione
Era stato annuncianto già da qualche settimana, ma si è dovuto attendere lo scorso mercoledì 8 agosto per vedere per la prima volta in una centrale nucleare un pallone aerostatico viaggiare all'interno dell'edificio del reattore per scattare fotografie e recuperare informazioni. Il reattore in oggetto è il numero 1, quello che attualmente è completamente rinchiuso nella sua copertura protettiva e lo scopo principale dell'indagine è quello di recuperare informazioni relative al quinto piano dell'edificio, quello da cui si accede alla piscina del combustibile esausto e all'apertura superiore del contenimento primario (PCV). Per poter far salire il pallone, si è utilizzato il vano per la movimentazione degli equipaggiamenti pesanti,  in pratica un passaggio verticale di sezione rettangolare che attraversa tutti i piani e permette appunti di poter trasportare tramite il carroponte posizionato sopra il quinto piano oggetti ingombranti.


Dicevamo che lo scopo principale era reperire informazioni circa il quinto piano, scopo che non è stato possibile raggiungere perché il pallone non è riuscito ad arrivare così in alto a causa di un ostacolo, verosimilmente un cavo che ne ostruiva il passaggio. Probabilmente sarebbe stato più efficace un sistema meno voluminoso come i piccoli droni, già utilizzati durante l'emergenza, o anche alcuni robot volanti più piccoli che sicuramente possono essere più maneggevoli.

Durante la salita, le fotocamere montate sui lati del pallone hanno scattato diverse immagini, che mostrano una grande quantità di detriti causati dall'esplosione di idrogeno avvenuta alle 15:36 di sabato 12 marzo 2011. In particolare sono state riprese le due cisterne che contengono l'acqua utilizzata dal cosiddetto IC - condensatore di isolamento - uno dei sistemi di raffreddamento di emergenza. La qualità di queste immagini, la quantità di detriti e la distanza da cui sono state riprese non permettono di giudicare se abbiano o meno subito danni.

Ci piacerebbe sapere se hanno intenzione di ripetere questa indagine con altri mezzi e il motivo per cui non inviano un robot a fare le stesse indagini che sono state eseguite all'interno del reattore 2. E' possibile che abbiano già visto che le scale sono danneggiate e impercorribili. A questo punto sorge anche la domanda del perché non abbiano scattato queste fotografie, magari in alta risoluzione durante le fasi di installazione della struttura portante della copertura, anzi avrebbero potuto montare all'interno della copertura video-camere per sorveglianza montate su assi controllabili da remoto.

Rimossa la chiusura del PCV del reattore 4

Faceva capolino in tutte le immagini del reattore 4, specialmente quelle scattate durante le ultime settimane quando dal piano operativo sono stati rimossi tutti i detriti. Praticamente era rimasto solo lui, il grosso "tappo" giallo utilizzato per sigillare la parte superiore del contenimento primario con all'interno, a sua volta sigillato, il contenitore di pressione. E' opportuno ricordare che il reattore 4, non solo non era in funzione il giorno del terremoto, ma il suo carico di combustibile nucleare era stato tutto trasferito temporaneamente nella piscina per poter effettuare le operazioni di manutenzione straordinaria in corso.

Il 10 agosto il tappo giallo è stato rimosso, come vedete dalla foto qui a lato e dalle altre nell'allegato tecnico. Le sue 52 tonnellate non solo erano inutili sul piano operativo, ma anche di ingombro in quanto ben presto si dovrà costruire una struttura protettiva, tipo quella del reattore 1, per poter procedere in sicurezza alla rimozione degli elementi dalla piscina e servirà tutto lo spazio disponibile senza ingombri inutili. In questo video si possono vedere le fasi dell'operazione riprese da molto vicino.

Nuove tubazioni per SARRY

Più volte ci siamo lamentati della mancanza di affidabilità delle tubazioni che collegano i vari sistemi di rimozione di contaminati presenti a Fukushima Daiichi. Da più parti era arrivato il suggerimento di sostituire queste tubazioni, frutto di un lavoro fatto in fretta e per evidenti necessità contingenti con tubazioni più resistenti e fatte per durare, come è stato fatto per quelle che portano l'acqua di raffreddamento ai reattori. Almeno per un certo numero di tubature, questo lavoro di sostituzione è stato effettuato durante quest'ultima settimana, quando SARRY, uno dei due sistemi di rimozione del cesio, era in arresto. Restano ancora parecchi tubi flessibili che andrebbero sostituiti e che non ci resta che sperare non daranno problemi in futuro.

Diamo anche uno sguardo alla situazione dell'acqua contenuta in questo rapporto settimanale.


Settimana precedentePrevisione per questa settimanaSettimana presentePrevisione per la settimana successiva
Acqua nei reattori + turbine83 70082 60082 00084 100
Acqua nello stoccaggio20 88022 16021 87018 660
Totale 104 580104 760103 870102 760

La previsione per questa settimana non è stata rispettata, ma a differenza delle altre volte, questa volta il mancato rispetto è dovuto ad una inattesa diminuzione dei volumi e non di un aumento. Il volume era dato in crescita rispetto alla precedente rilevazione, invece è diminuito di oltre 700 metri cubi e per la prossima settimana è prevista una diminuzione di oltre 1000 tonnellate.

Non ci stancheremo mai di ricordare che quella riassunta nella tabella è solo la situazione per l'acqua altamente contaminata, continua inevitabilmente a crescere il volume di quella a cui è stato rimosso il cesio, ma non tutti gli altri isotopi e che chiaramente non può essere rilasciata.

Contromisure per i dosimetri schermati

Anche se non propriamente un aspetto tecnico, ma visto il grande clamore mediatico suscitato dalla notizia iniziale e dal dispiegamento di uomini investito da TEPCO, vi consigliamo di sfogliare questi documenti (uno e due) dove si descrivono le contromisure adottate per evitare che si ripeta che qualcuno possa modificare la lettura di dose ricevuta. In pratica, gli operatori dovranno vestire delle tute trasparenti in modo da avere sempre ben visibile il dosimetro e verrà controllata la presenza dello stesso a tutti i punti di ingressi.

Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

80 commenti:

  1. Qualche commento in ordine sparso:
    - l'idea dei palloni non è pratica bisogna ammetterlo, speriamo si inventino qualcosa di più maneggevole. Da parte mia posso dire che ho sperimentato il lancio di areoplanini di carta in sala reattore, ma effettivamente una mongolfiera nucleare mi manca :)
    - se sapessero fare bene il marketing quelli della TEPCO dovrebbero mettere all'asta per 1 mln di $$ il coperchio del PCV. Sai quante città del mondo farebbero a gara per metterlo in una piazza come monumento di arte moderna? Ovvio, dopo decontaminazione.
    - se hanno meno acqua in giro che raffreddino meglio!
    - leggevo che coprire i dosimetri con quei contenitori in piombo ha causato una diminuzione di dose letta dal dosimetro di circa il 30% (leggi 70 al posto che 100). Al di là dei risvolti morali e penali, ma ne valeva veramente la pena di fare questa sciocchezza? Per fare un paragone è come se un dipendente di banca scappasse con 1000 euro, sai che furbata! Adesso per colpa di questi imbecilli ci sarà extralavoro per tutti i sorveglianti dei dosimetri ... Mi ricorda il timbratore elettronico per le presenze in ufficio. Una volta si firmava l'arrivo in coscienza, poi causa pochissimi furbi si è dovuto ricorrere a timbri elettronici e tornelli.
    :/
    SM

    RispondiElimina
  2. totale: onore a Tanii, il maratoneta giapponese che sta corrento in questo momento, che anche visibilmente con problemi, che rifiuta di abbandonare.

    RispondiElimina
  3. pare che alla fine si sia dovuto ritirare per forza, a circa 35 km.

    RispondiElimina
  4. Salve παλικάρια! λεβέντες!*
    Ve lo ricordate Masao Yosida? In un video di 30 minuti mostrato a un simposio a Fukushima l'11 agosto, ha sostenuto di non aver mai pensato di abbandonare la centrale.
    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201208120042

    Recentemente Yosida ha subito un intervento in seguito ad un'emorragia cerebrale
    http://www.japantimes.co.jp/text/nn20120731b5.html



    Il fallout radioattivo ha causato anomalie nel patrimonio genetico delle farfalle
    http://www.japantimes.co.jp/text/nn20120812a2.html *
    παλικάρι ( palikàri, sing - palikària, plur.) giovane uomo, bello , robusto, che affronta con coraggio difficoltà e pericoliSINONIMO λεβέντης ( levèntis, levèntes)
    ( non montatevi la testa, però...)

    RispondiElimina
  5. ah ah ah! Anche i colori alternati a spicchi rimandano alla mongolfiera!

    RispondiElimina
  6. E per la gioia dei no-nuke si`-gas-petrolio: Il Giappone ha aumentato di 73milioni di tonnellate (risparmio compreso e conteggiando giugno 2011 su giugno 2012) di CO2 per un totale di 430 milioni di tonnellate.

    La bella notizia e` che in Italia si chiude l`ILVA ed avremo una decrescita gioiosa.
    Almeno per il momento qui non vogliono chiudere Fuji HI e Hitachi HI.

    RispondiElimina
  7. (ps. pensavamo che fossi sparito)

    RispondiElimina
  8. Ulteriore diminuzione della portata dell'acqua per i reattori 2 e 3. Almeno questo è quello che sembra guardando i grafici, però stiamo a vedere se le letture sono confermate anche domani e magari accompagnate da una o due righe ufficiali. Stanno facendo di tutto per risparmiare sull'acqua e questa non è una cosa buona, almeno secondo il mio parere.
    http://unico-short.tk/5

    RispondiElimina
  9. Sai come si dice... "Vedi il JRC e poi muori".

    Ma ho visto che sono stato degnamente sostituito da goccia di fiele.
    Le hai dato diversi link delle precedenti discussioni ma non il primo che era stato 22 giorni fa!
    E per la precisione poche ore dopo la prima mininota NHK.
    Alla tua frase io ho risposto che stavo aspettando il primo articolo con un minimo di fatti prima di commentare ed il giorno dopo ho dato il link dell`Asahi:
    http://unico-lab.blogspot.jp/2012/07/rimozione-di-combustibile-non.html#comment-594743436
    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201207230087

    Ma non c`e` piu` dislessico di chi non vuole leggere :)

    Piccolo OT del tempo: oggi a Tokyo e` meno nuvoloso degli ultimi giorni, ma che Alessandro C. ci creda o no le ultime due settimane in Italia erano peggiori sebbene di uno 0.5% meno umido.

    RispondiElimina
  10. mamoru_giappopazzie13 agosto 2012 09:50

    Sai come si dice... "Vedi il JRC e poi muori".




    si, ma solo dopo aver subito orribili mutazioni a causa delle radiazioni ionizzanti...

    RispondiElimina
  11. x toto
    Ho risolto il disguido di disqus con il login. Adesso cliccando su login entro nel profilo. Non chiedermi cosa ho fatto, ho schiacciato tanti tasti a caso ...
    ;)
    SM

    RispondiElimina
  12. Quel lavoro sulle farfalle mi fa storcere il naso un po' il becco ma da quello che leggo non vedo incongruenze palesi, salvo barre di errore un po' larghine.
    Ottima segnalazione, da monitorare gli sviluppi e si spera il parere di qualche esperto di farfalle.
    SM

    RispondiElimina
  13. E' stato pubblicato un video decisamente migliore delle operazioni di rimozione del tappone.
    http://youtu.be/1RtP4B7Sfdo

    RispondiElimina
  14. sulle farfalle, aggiungo una segnalazione da una amica via facebook dell'articolo equivalente pubblicato dalla BBC. Lo trovate qui: http://www.bbc.co.uk/news/science-environment-19245818


    Partiamo dal presupposto che secondo me, il fenomeno potrebbe tranquillamente essere vero. O meglio, il fatto che le radiazioni inducano mutazioni genetiche è qualcosa di noto. Qualcosa però non mi torna: inizia dicendo che gli insetti sono ritenuti essere resistenti alla radiazioni e quindi il loro risultato è sorprendente, e poi verso la fine aggiungono che studiano queste farfalle da 10 anni e che vorrebbero usarle come indicatore dello stato di salute ambientale e che anche piccole variazioni "ambientali" hanno grossi riscontri.


    Insomma, a parte le radiazioni, l'ambiente intorno a Fukushima ha subito nell'ultimo anno e mezzo uno stravolgimento piuttosto importante. Come si pongono gli altri fattori, tipo distruzione dell'habitat dovuto all'onda di tsunami, nello sviluppo di queste anomalie?

    RispondiElimina
  15. confermata diminuzione della portata ai reattori 2 e 3. http://unico-short.tk/5
    Per il momento si osserva un aumento della temperatura solo sul numero 2, il reattore 3 è sempre un po' più lento nel reagire.

    RispondiElimina
  16. Ero fortemente tentato di scriverlo :)
    Visto anche che abbiamo raggiunto i 26uSv/h... ma non diciamolo in giro o grinpiss chiedera` al governo nippo di mettermi in un cask di acciaio e seppellirmi a 3000metri sottoterra.

    RispondiElimina
  17. Pronto ad essere smentito da un esperto di insetti ma escluderei effetti genetici e mutazioni. Tirerei in ballo vicecersa reazioni fisiologiche e morfologiche come molto più convincenti. Per capirci si avrebbero effetti simili con mutamenti significativi e durevoli delle condizioni climatiche e qualcosa di simile si è visto anche a Chernobyl.
    Ripeto però, in questo campo sono un pesce fuor d'acqua.
    SM

    RispondiElimina
  18. essere lento a reagire non è un buon segno :)
    SM

    RispondiElimina
  19. http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20120814_15.html
    L'ideale per pulire bene il suolo dal Cesio di Fukushima ....

    http://www.japantoday.com/category/national/view/m-7-3-quake-hits-eastern-russia-jolting-hokkaido
    Si balla da quelle parti. 7.7(si suppone Richter) di intensità e ne fanno appena un trafiletto.
    SM

    RispondiElimina
  20. concordo pienamente con te.

    RispondiElimina
  21. Sono rimasto sorpreso di un sondaggio NHK (su poco oltre 1000 persone).
    Persone che vogliono:
    0% nucleare entro il 2030 - 36%
    15% nucleare entro il 2030 - 39%
    20-25% nucleare entro il 2030 - 15%
    indecisi - 10%

    Cosa sorprendente leggiucchiando in giro che il governo fa ben poco per spiegare quante decine di miliardi di euro si stiano buttando con l`energia dal gas e quanto, sempre le emissioni di gas e petrolio, nuocciano alla salute.

    Da notare che mentre il 54% vuole il nucleare, il 69% non crede al governo quando garantisce la sicurezza dell`Osprey.
    Osprey che sta per sostituire gli elicotteri USA di cui peraltro oggi e` l`anniversario, dell`elicottero e non dell`Osprey, che si e` schiantato nel campus dell`universita` di Okinawa (con zero morti/feriti).
    http://www.youtube.com/watch?v=QB4pgsPUkHw

    RispondiElimina
  22. http://www.corriere.it/ambiente/12_agosto_14/mutazione-farfalle-dopo-fukushima_2afc08ae-e5ef-11e1-aa1f-b3596ab6a873.shtml
    La versione italiana dove come al solito i giornalisti capiscono quello che vogliono.
    SM

    RispondiElimina
  23. e ci credo che non li vogliono gli Osprey, sono brutti da far paura :)
    preferisco questo video http://youtu.be/9dtdoiR-NRA che mostra la geometria variabile delle eliche in modo da volare come un aereo e atterrare come un elicottero.

    RispondiElimina
  24. Ancora sui dosimetri al piombo. TEPCO se l'è presa proprio di brutto e non solo sta implementando misure per evitare che situazioni simili si ripetano, ma ha anche fatto una retrospettiva di dose "non dichiarata" in modo molto serio.


    Il documentoa è tutto in Giapponese e magari qualcuno riuscirà a darci una mano nella lettura, ma dalla pagina 10 in poi dove ci sono immagini riesco ad intuire cosa hanno fatto. Prima hanno ricostruito la schermatura come quella dei truffaldini (spessore 3 mm di piombo per un totale di 320 grammi). Hanno preso 6 dosimetri, 3 schermati e 3 no, e li hanno "appesi" a tre bidoni d'acqua per simulare il backscattering e la schermatura del corpo proprio come nel caso del personale. E quindi hanno lasciato esposti i dosimetri. Risultato quello normale ha letto 0.66 milliSv, quello schermato 0.50 milliSv.


    Seguono alcune tabelle dove vengono mostrati dei numeri. Non mi sono molto chiari, ma credo servano a dimostrare la variabilità delle dosi ricevute dalle varie persone impegnate e che è di gran lunga superiore a quel 25%.


    Se qualcuno riesce a tradurre, anche sommariamente, ci farebbe un grosso piacere!

    RispondiElimina
  25. Non facciamo nemmeno in tempo a dirlo e altri tubi dell'acqua, ancora di quelli vecchio stile, perdono. La perdita è stata localizzata all'interno del locale turbine dell'unità 4 e dalle foto si vede un fascio di tubi di plastica che necessitano di essere al più presto sostituiti con qualcosa di stabile e affidabile. Forza, diamoci una mossa con questi lavori.
    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_120814_02-e.pdf



    Si è guastata una pompa con conseguente fuoriuscita di fumo bianco, nel deposito temporaneo dei fusti / torri utilizzati dal sistema di rimozione del cesio. Non un grosso problema, ma giusto per non far gridare all'incendio.
    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_120814_01-e.pdf

    RispondiElimina
  26. Alessandro Clementi14 agosto 2012 14:21

    Eccole qua!
    http://j.mp/Phb609
    e qua
    http://j.mp/PhbbAV

    RispondiElimina
  27. Alessandro Clementi14 agosto 2012 14:34

    Mo' ci do un'occhiata.

    RispondiElimina
  28. Attenzione Toto che "truffaldini" è una parola negativa che però mantiene una certa bonarietà nel giudizio, potresti essere accusato di minimizzare dalla nostra amica Goccia (che spero ci continui a leggere) :))

    Credo stiano riassegnando le dosi ai lavoratori sulla base dei valori ambientali ottenuti con quel piccolo test che descrivi tu. Le tabelle finali sono un confronto tra i valori max e medi e le variazioni percentuali rispetto alle letture singole.
    SM

    RispondiElimina
  29. Alessandro Clementi14 agosto 2012 14:36

    Perché?

    RispondiElimina
  30. grazie, correggo in truffatori. :)

    RispondiElimina
  31. non è una cosa buona per due motivi: primo è perché la priorità deve essere il raffreddamento. Più bassa è la temperatura, minore saranno le emissioni sotto forma di vapori. Non serve arrivare a 10 gradi, ma starei più tranquillo se fossimo a 30 gradi come nel caso del numero 1.


    Secondo: il fatto che stiano in un intorno di 50 gradi significa che il sistema di decontaminazione dell'acqua arranca. E questo è un aspetto che faccio fatica a capire. Negli scantinati dei reattori tengono un livello fisso per evitare che l'acqua di falda entri, mentre nei locali di stoccaggio c'è spazio. Tra SARRY e KURION il volume trattato è di circa 60 m3/h (40 + 20) che è di gran lunga superiore a quello iniettato nei reattori (attualmente 5 + 7 + 7 = 19), quindi il collo di bottiglia sta da qualche altra parte. Dove? Nei passaggi successivi! Che richiedono quindi grandi volumi di stoccaggio temporaneo.


    Proprio ieri pubblicavano i risultati delle analisi sull'acqua presa direttamente dalle cantine dei locali turbine 3 e 4. I valori sono da qualche centinaio a qualche migliaio di volte più piccoli di quando si è iniziato il processo di decontaminazione. A questo punto, dopo aver fatto fare un giro dentro SARRY o KURION butterei direttamente nei reattori (ammesso che non ci siano troppi cloruri), così in un colpo solo eviti stoccaggi temporanei e puoi usare tutta l'acqua che ti serve.

    RispondiElimina
  32. Non bisogna dimenticare che X giorni di funzionamento dei due sistemi di purificazione dell'acqua producono Y ton di filtri radioattivi da gestire con stoccagio sul sito.
    SM

    RispondiElimina
  33. Puoi riassumere dicendo che con l'acqua sono alla frutta :)

    RispondiElimina
  34. BRAVISSIMO e tante tante grazie! Adesso condivido il tuo commento sulla pagina FB del blog così che gli possiamo dare il risalto meritato. Il giapponese non lo capisco affatto, ma guardando i numeri e con l'aiuto di google translator ero riuscito ad intuire qualcosa.


    (io personalmente non ho capito cosa indichi la colonna 134/137 di destra).
    Indica il rapporto tra il cesio 134 e il 137. Questa è una caratteristica dell'origine della contaminazione perché facendola molto semplice (poi @SergioManera:disqus ci farà la versione precisa) dipende da quanto è stato usato il combustibile. 1, sembra essere un buon numero per l'incidente di Fukushima.


    Non ho capito però come verrebbe definito il fatto di aver superato i 5mSv... forse con l'APD, prima cioè della valutazione personale della ditta.
    Per ogni attività che richieda un'esposizione alle radiazioni viene fatta una stima di massima a priori. In base alle cartografie (valori di dose nei cari punti) e al tempo stimato necessario per il lavoro si stima il valore di dose ai lavoratori. Questo in generale è sempre sopra-stimato, come da buona pratica di radioprotezione e in base a questo numero si giudica se l'esposizione è giustifica in funzione dell'importanza del lavoro e se si possono applicare misure di riduzione di dose. Quindi per tutti i lavoratori che hanno partecipato in attività con valori di dose stimati superiori a 5 mSv viene fatto il confronto tra le varie letture e indagini più approfondite.


    Non so come è in Giappone, ma in Italia, per le ditte esterne non è obbligatorio usare i doppi dosimetri (quelli del datore di lavoro e quelli della ditta che ti ospita). Conosco alcune ditte che hanno la loro dosimetria e vogliono i dati dell'ospite per confronto e conferma, e altre in cui ci si affida totalmente a chi ospite anche se è sempre compito dell'esperto qualificato appuntato dal datore di lavoro registrare le dosi.


    ps. Disqus è da ieri sera che sta facendo scherzi di ogni tipo e genere, ormai non mi stupisce più. Comunque adesso che hai un doppio account, puoi sempre fare un merge di tutti i tuoi commenti, appena sarai nuovamente in grado di loggarti attraverso Google.

    RispondiElimina
  35. Ragazzi siete tosti come traduttori e investigatori.
    A onor del vero in tabella dimenticano la riga da 0.569MeV del Cs-14 che sappiamo essere importante, chissà perché se la dimenticano tutti mentre ha una sua dignità.
    Si, i rapporti sono quelli aggiornati alla data attuale. Mancano un po' di incertezze di misura qua e là ma sappiamo che ai giapponesi le incertezze non piacciono.
    Sulla domanda di Alessandro a pag 8, per quello che capisco dal suo discorso confermo che avrebbe senso andare a sgamare le risultanze dosimetriche inferiori rispetto a quanto progettato da tepco e riassegnarle maggiorate.
    In ogni caso, fin che sono valori sotto i limiti sono solo numerelli scritti in una scheda dosimetrica. Se con le rivalutazioni salta fuori anche solo 1 superamento di limiti per 1 lavoratore la cosa si complica molto di più perchè scatta la procedura di infortunio sul lavoratore con conseguente mascheramento, omissione di comunicazione, mancata visita medica eccezionale, etc ...
    Ancora complimenti :)
    SM

    RispondiElimina
  36. Buongiorno a tutti i vacanzieri!


    Vi riporto due notizie da leggere nella giornata. La prima è buona e parla del risultato di 10mila esami WBC (durata 2 minuti ciascuna, che a me sembra un po' corta) sugli abitanti di Minamisoma (20 km circa dalla centrale). I livelli di cesio misurati sono molto bassi, con conseguente dose impegnata inferiore al milliSv. In realtà Minamisoma potrebbe essere fin troppo vicino alla centrale, ovvero se tutti gli abitanti sono stati evacuati è ovvio che abbiano poco cesio. Comunque, meglio poco che tanto.
    http://www.japantimes.co.jp/text/nn20120816a6.html



    Da un questionario fatto circolare lo scorso anno tra maggio e giugno, risulta evidente che i lavoratori della centrale siano estremamente sotto stress e possano soffrire di stress post traumatico. In parte ovviamente legate al lavoro altamente stressante a cui sono sottoposti, ma in parte anche alla discriminazione o alla paura di essere discriminati come "i radioattivi". E' proprio una questione di punti di vista. Questa gente sta mettendo anima e corpo nel contenere il disastro e anziché vederli come figure positive (quasi al livello di eroi), sono discriminati. Mah...
    http://www.japantimes.co.jp/text/nn20120816a5.html



    L'ultima non è una notizia, ma una pubblicità interna. Se qualcuno fosse dalle parti di Varese il prossimo 13 - 14 è caldamente invitato a L'incidente alla centrale nucleare di FUKUSHIMA: aspetti di protezione dalle radiazioni. L'incontro pubblico del 13 sera è aperto a tutti e con stile divulgativo, invece per gli addetti ai lavori l'intera giornata del 14.

    RispondiElimina
  37. Le anomalie genetiche sono comuni, anche senza fall-out radioattivo, basta confrontare il DNA di due gemelli omozigoti, uno fumatore ed uno no...piu' che di "anomalie" bisognerebbe parlare di cambiamenti, il DNA si adatta continuamente all'ambiente, il termine "anomalia" suggerisce un effetto nefasto, che e' tutto meno che appurato per le radiazioni. Le radiazioni, checche' ne dicano i male-poco-informati, sono carcinogene su scala molto blanda, ci sono composti chimici mille volte piu' carcinogeni, per esempio il benzene di cui e' piena l'aria delle citta' italiane... ed infatti i tassi di tumori in certe citta' sono ben piu' alti di quelli di Hiroshima post-esplosione...

    Questa e' una non-notizia, che ovviamente trova ampio risalto nella stampa '"ambientalista", per definizione.

    Roberto

    RispondiElimina
  38. ... fantastico il commento...

    "all'epoca dell'esplosione nucleare "

    ... !!! l'ESPLOSIONE NUCLEARE!!!!

    Da rinchiudere e buttare via la chiave.

    Roberto

    P.S.: SM... hai gia' letto la referenza 44, pubblicata sulla stessa rivista, sul rilascio di isotopi di Pu?... la citano nell'ultima frase dell'articolo... "in view of the detection of plutonium released from the Fukushima Dai-ichi NPP, the possible risk of internal exposure from ingestion should be investigated more accurately in the future".

    RispondiElimina
  39. Se interessa, su Itarians la prode Severini, giovane ma ardente come poche, ha dato una lettura più approfondita, sicuramente più di quella che potrei dare io.
    http://j.mp/PsvY4t

    RispondiElimina
  40. Si l'avevo letto e commentato quando era uscito. Niente di ché. Non si riesce ad essere certi che Pu sia uscito che già si parla di possibili effetti sulla salute. Ci sarà tempo tra qualche anno per togliersi il dubbio definitivamente. Ad ogni modo non è Pu di Fukushima per molte ragioni che dirò al convegno del 13-14 settembre. In soldoni, prima di vedere uscire mattoni come il Plutonio sulle ventilazioni si vede in giro così tanta altra roba che il discorso non sta assolutamente in piedi.
    SM

    RispondiElimina
  41. Mitica Roberta! Adesso mi leggo il dettaglio della sua risposta... poi magari le chiediamo una specie di intervista da pubblicare anche qui. Cosa dici?

    RispondiElimina
  42. @disqus_Ah1dbfX4AC:disqus ho letto e mi piace davvero tanto. lei è decisamente più esperta di tutti noi in fatto di farfalle e simili. vale davvero la pena di chiederle un commento da pubblicare anche qui, glielo chiedi tu?



    io non sono membro del gruppo, forse potresti aggiungere tu questo mio commento, perché verso la fine si parla di pubblicare su nature. Attenzione che Scientific Report non è esattamente Nature, hanno in comune lo stesso publisher, ma le regole di pubblicazione sono totalmente differenti. Giusto per dirne una, Sci. Rep. ancora non ha impact factor, mentre è un numero a due cifre (!!!) quello di Nature e molto spesso c'è un solo referee.

    RispondiElimina
  43. Sarà fatto. Penso che sarà molto contenta.

    RispondiElimina
  44. Questo il Nikkei di stamattina sulla riapertura delle centrali


    TOKYO (Nikkei)--A just-restarted reactor at a nuclear plant in Fukui Prefecture will likely be the last one in Japan to resume commercial operations this year.The No. 4 reactor at Kansai Electric Power Co.'s (9503) Oi plant went back online Thursday. That unit and the No. 3 reactor there are now back in service.The No. 1 and No. 2 reactors at Hokkaido Electric Power Co.'s (9509) Tomari power plant, and the No. 1 and No. 2 reactors at Kyushu Electric Power Co.'s (9508) Sendai power plant, are seen as most likely to return to normal next. They have passed the Nuclear and Industrial Safety Agency's stress tests, a prerequisite for resuming commercial operations.But "there is little hope" of their going back online by the end of the year, according to a high-ranking official at the Ministry of Economy, Trade and Industry.This is because a new nuclear safety watchdog will not be launched until next month, and new safety standards are not likely to be finalized until next July.It is possible to apply provisional standards, just as the authorities did with Oi. But if the new watchdog goes down that road, it could undermine its reason for existing. As a result, the safety assessment process for the next reactor to resume commercial operations will likely be carried out very carefully.The watchdog is also expected to evaluate nuclear plants' measures against earthquakes and tsunamis, while municipalities hosting the plants must draw up new disaster response and evacuation plans."It will probably take one year or so to complete everything," a high-ranking official at the nuclear agency says.(The Nikkei, Aug. 17 morning edition)

    RispondiElimina
  45. Mentre la Kyodo, nll'annunciare che sono state decise le linee guida che serviranno a determinare il bilancio per l'anno finanziario 2013, sottolinea che "
    The government offices can ask for a bigger amount of funds for growth policies, depending on how much they cut other spending. One of the top priorities under the new budget is to help develop wind, solar and other renewable energy resources to replace nuclear power. "

    RispondiElimina
  46. il dado è tratto! vedremo se queste voci saranno confermate, intanto mi domando come faranno con Ohi. li spegneranno alla prossima manutenzione?

    RispondiElimina
  47. forse dovrebbero fare un po' di conti, come in questo articolo, prima di prendere decisioni avventate. http://www.forbes.com/sites/jamesconca/2012/06/15/the-naked-cost-of-energy-stripping-away-financing-and-subsidies/

    RispondiElimina
  48. sembra che TEPCO abbia preso davvero sul serio il controllo dei dosimetri.

    On August 16, a worker of a cooperative company who was operating a crane in the multi-nuclide removal equipment installation was taking a break (after finishing work and changing) in the rest area of the Cooperative Operation Company Center Welfare Building with his belongings (worker's ID, a dosimeter and a pocket dosimeter (PD)) left behind. Though another worker who found the belongings handed them back to the worker, the PD was missing. According to the PD lending record, the PD was lent to the worker and it was confirmed that he had the PD on during operation. Since the worker also had the dosimeter on during operation, the radiation exposure dose can still be evaluated. Other details are currently being investigated.
    ieri qualcuno ha lasciato in giro il suo tesserino, il dosimetro e il radiametro personale, qualcuno ha fatto sparire il radiametro, magari per usarlo in giro o rivenderlo. non credo che in generale usino il radiametro per la stima di dose agli operatori (per questo c'è il dosimetro), ma hanno tenuto a sottolinearlo visto i precedenti.


    nulla di nuovo, il fatto che spariscano misteriosamente gli strumenti è purtroppo abbastanza comune.


    ps. non dicono nulla circa il modello del radiametro, però se vi state domandando cosa sia, questo è un esempio di uno personale. http://www.radtronics.com.au/radtronics_017.htm

    RispondiElimina
  49. Beh, ma questo è il domandone. La mia idea è che entrambi i fronti siano paralizzati su questo dilemma antitetico: da una parte si pensa "intanto riavviamoli, poi si vedrà. Il tempo aiuterà a calmare i bollenti spiriti" (lo sfortunato tentativo di Berlusconi docet), dall'altra "Se li riaccendono, non li spegneranno più", quindi resistenza a oltranza. Personalmente, da utopista, ritengo che una volta accesi, per rispegnerli sarebbero necessarie ragioni assai più solide delle attuali "paure e timori", che altro non sono che la faccia momentanea del sempre lunatico orientamento dell'opinione pubblica (e quindi meglio riaccenderli, se e dove possibile). E' vero anche però che l'opzione non mette al riparo da scelte dettate dagli appetiti delle aziende.

    Tra l'altro, l'articolo in inglese non lo riporta, ma la versione giapponese dice che una delle ragioni per il ritardo nella creazione del nuovo organismo è che il Parlamento non si decide a ratificare la scelta del direttore del nuovo organismo e dei 4 altri componenti principali. La colpa del designato direttore Tanaka Shun'ichi (il nome dopo il cognome) è quella appunto di aver fato parte del JAERI, L'istituto di ricerca per l'energia atomica, e di conseguenza in "odore" di far parte dell'Atomic-village, cioè la Gilda economico-politica dell'energia atomica giapponese che tante critiche ha raccolto in passato. Tenendo conto che la legge IMPONE il varo del nuovo organismo entro il 26 settembre, ma che da quando saranno ratificati i membri del consiglio principale, i 5 di cui sopra, servirà un mesetto per rendere operativa la macchina, si capisce che sono già in zona cesarini. Sì, c'è l'opzione della nomina per decreto del primo ministro (sempre poi da ratificare in seguito), ma non si sente nell'aria l'intenzione di ricorrere a estremi rimedi.

    RispondiElimina
  50. mamoru_giappopazzie17 agosto 2012 08:09

    da una classe politica che si inventò la procedura di urgenza per approvare a tempo di record la commercializzazione del viagra in Giappone, non credo che possiamo aspettarci una gestione sensata delle priorità nazionali...

    RispondiElimina
  51. ahahah! questa non la sapevo!

    RispondiElimina
  52. ci sono priorità e priorità. il viagra ha la priorità su tutto. non dimentichiamoci che gli uomini hanno due cervelli...

    RispondiElimina
  53. La colpa del designato direttore Tanaka Shun'ichi (il nome dopo il cognome) è quella appunto di aver fato parte del JAERI, L'istituto di ricerca per l'energia atomica, e di conseguenza in "odore" di far parte dell'Atomic-village, cioè la Gilda economico-politica dell'energia atomica giapponese che tante critiche ha raccolto in passato.


    Questa cosa mi da ai nervi. E' chiaro che il comitato per la sicurezza del nucleare debba avere tra le sue schiere qualcuno che ci capisca di nucleare e questo significa che nel passato (recente o remoto) abbia avuto contatti con gente che lavora nel campo. Oppure possiamo assegnare il compito della sicurezza nucleare al presidente dell'associazione dei fioristi, così saremo sicuri della sua imparzialità, meno della sua preparazione.

    RispondiElimina
  54. Un ministro dell'agricoltura ideale sarebbe un coltivatore/allevatore diretto. Per io ministero della giustizia tutti applaudirebbero un magistrato. Chi meglio di un insegnante scuole superiori come ministro dell'istruzione.
    Però un esperto di energia nucleare per la nuova agenzia di controllo dell'energia nucleare non va bene perchè è in odore di atomic-village e quindi non farebbe bene il controllore. Allora facciamo così: un ambientalista come watchdog per il nucleare e un nuclearista come watchdog per le rinnovabili. Così si blocca tutto e chi vende petrolio ride come un matto.
    SM

    RispondiElimina
  55. No scusa toto,
    da me non è mai sparito un singolo monitor in 20 anni, se capitasse mi trasformerei in agente della stasi sino a ritrovarlo.

    RispondiElimina
  56. allora ti assumo subito io! abbiamo una "schindler list" di strumenti desaparecidos.

    RispondiElimina
  57. Articolo strepitoso!
    Tuttavia io comincio ad essere scettico sul misurare i costi a mezzo del denaro (euro/dollaro/yen), anche a causa di queste crisi finanziarie.

    Vorrei magari vedere i prezzi rapportati ai kg-equivalenti di oro o meglio ancora alla tonnellata equivalente di grano. Un po' come un calcoletto che ci siamo fatti in ufficio, rapportare il nostro stipendio negli anni a litri-equivalenti di benzina. Meglio che non vi dica cosa è uscito altrimenti vi spaventate ...
    SM

    RispondiElimina
  58. Non ci batte nessuno!
    Il nostro parlamento ha certificato che Ruby era la nipote di Mubarak.

    RispondiElimina
  59. In realtà il sangue si concentra in 3 organi diversi dell'uomo e la regola vorrebbe che fosse il cervello l'organo da preferire per le decisioni. Si sa però che stomaco e ... spesso prevalgono.
    SM

    RispondiElimina
  60. Dovrebbe essere a luglio 2013. Se non riescono a farne ripartire altri la vedo dura. Inoltre, comunque vada, la previsione long-term di Roberto è quella che vedo sempre più affidabile.
    SM

    RispondiElimina
  61. Ça va sans dire...

    RispondiElimina
  62. Concordo sul fatto che 2min per il conteggio Total Body è pochino. In condizione di bassofondo noi di solito facciamo 20min. Però siamo 15 e non 10000.

    Valutare la dose a queste persone oggi a causa dell'intake cronico di radiocesio per via alimentare/risospensione è una boiata. E' abbastanza assodato che questa gente ha assorbito il 99.99% della dose nei primi giorni dell'emergenza causa radioiodio in aria.
    Questa misura di oggi ha solo senso per dimostrare che il sistema dei controlli/blocchi degli alimenti sta funzionando e la popolazione è protetta. Protetta da cosa non mi è chiaro, visti i dati che settimanalmente ci passa Valeriano. Ad ogni modo lo stanno facendo.
    SM

    RispondiElimina
  63. le misure WBC sono state fatte lo scorso anno tra maggio e giugno, quindi lo iodio è sì perso però c'era ancora l'effetto dell'inalazione del cesio, oltre che all'uptake alimentare.

    RispondiElimina
  64. adesso non ci puoi lasciare così in sospeso... dacci un paio di numeri :)

    RispondiElimina
  65. e manco è detto. Siamo sicuri solo della "preparazione", perché niente vieta a un fiorista di essere comunque pro/contro a priori, e quindi parziale in ogni caso.
    Che è pure peggio, se guardiamo bene.

    RispondiElimina
  66. Penso che non potevi esprimere meglio l'idea.
    Anche questa andrebbe stampata e incorniciata.

    RispondiElimina
  67. Sentivo oggi che a Capri hanno abbattutto il tabù dei 2€/litro per la verde.

    RispondiElimina
  68. Salve Toto: sull'incontro pubblico di Varese... ci scriverai un messaggio per dirci come e' andato?... Grazie.

    Roberto

    RispondiElimina
  69. Non so se tu abbia letto l'articolo, io l'ho fatto ieri sera, ed ho letto/dato un'occhiata anche ad un paio delle referenze bibliografiche... quella sulla pericolosita' per le stesse farfalle del polline del mais transgenico Bt e' una "must read"... fa cadere il castello di carte farlocche degli anti-OGM... comunque, a parte quello, da quel che ho capito io le mutazioni genetiche le hanno ottenute in laboratorio incrociando "a forza" le farfalle irradiate... in altri studi su mutazioni genetiche in specie animali a seguito di Chernobyl, mostrano come eventuali mutazioni producano spesso l'effetto di impedire, o limitare fortemente, la riproducibilita' dei soggetti mutati... una macchia nel posto sbagliato delle ali di una farfalla e questa non trova un partner disposto a prendersela... le farfalle che non sviluppano le ali SICURAMENTE non si riprodurranno... se le riproduci a forza in laboratorio anche se non possono volare allora non ho difficolta' a credere che le mutazioni possano trasmettersi.
    Ci sarebbero molte altre cose da dire, sull'articolo, per esempio la frase finale, sul rilevamento di Pu nei dintorni di Fukushima... che "garantirebbe" la necessita' di ulteriori studi sui possibili effetti sulla popolazione... se vai a leggere la referenza, stessa rivista Sci Reports di Nature, vedi che si tratta di concentrazioni di Pu dello stesso ordine di grandezza di quelle che caddero sul Giappone ai tempi delle esplosioni in atmosfera e nel dopo-Chernobyl... quello che varia e' il rapporto fra i vari isotopi, ovviamente, dato che nel caso di detonazioni nucleari e di incidenti a reattori i rapporti sono diversi... bella scoperta!

    Saluti,

    Roberto

    RispondiElimina
  70. Secondo me li fermano a fine estate, quando l'emergenza elettrica, il rischio di rolling black-outs, sara' finita. Accetto scommesse.

    R.

    RispondiElimina
  71. ragazzi... con queste scommesse mi state mandando in rovina :)

    RispondiElimina
  72. halving time 8-10anni dipende dal combustibile che usi. Il diesel è più penalizzato. Il gpl molto meno penalizzato (io vado a gpl).
    Benzina dai circa 1.05euro del 2000-2004 ai circa 1.9 del 2012. Il diesel stesso periodo partiva da 0.8-0.9 adesso è a poche incollature dalla benzina. Il gpl è passato da 0.5 del 2001 ai 0.75 del 2012, ma qui conta l'andamento stagionale (estate economico, inverno più caro con oscillazioni 20%).
    Considera che lo stipendio base nostro è rimasto quasi immutato sullo stesso periodo per non dire diminuito per aumento della pressione fiscale ... :(
    SM

    RispondiElimina
  73. Giustissimo. Ad esempio nessuno parla (in italia) dei problemi di stabilità della griglia elettrica, introdotti dall'uso crescente delle rinnovabili.
    Se ne stanno accorgendo le industrie tedesche:
    http://www.spiegel.de/international/germany/instability-in-power-grid-comes-at-high-cost-for-german-industry-a-850419.html
    Questo articolo dello Spiegel è impressionante, almeno dovrebbe esserlo per i paesi con una significativa presenza industriale (il giappone per es...). Notate che si parla anche dell'industria TESSILE...non solo industria pesante... UPS per tutti??

    Drugo

    RispondiElimina
  74. L'articolo non e' male, ma io ho difficolta', molte, a capire la prima figura "total life cycle costs... for each primary energy source over 60 years normalized to 0.5 trillion kWhrs"... o si normalizza su 60anni di produzione, col fattore di capacita' appropriato, oppure su una quantita' di energia data... per esempio il mezzo trilione di kWh... che va bene per tutte le tecnologie proposte MENO che per il FV!... equivale alla produzione di un anno di 57 GW continui, tenendo conto del fattore di capacita' del 10-15% (Germania 10%, Italia 15%) direi che equivalgono a la produzione di 380-570 GWp... che non sono neanche installati... giuro che non capisco... ad ogni modo il valore di 7,7 c$/kWh FV NON STA NE' IN CIELO NE' IN TERRA... e' un'invenzione sia il 20% di fattore di capacita' che gli hanno attribuito sia il costo LCOE del kWh prodotto... non si capisce perche' abbiano fatto un calcolo cosi' sballato... o, meglio... lo si capisce benissimo.

    http://www.nrel.gov/analysis/tech_lcoe.html

    Quale costo capitale hanno preso? Quale costo del denaro? Ammortizzato su quanti anni? Boh...

    Roberto

    RispondiElimina
  75. Premesso che i nippo sono liberi di essere masochisti, Ohi ha avuto la certificazione fino alla prossima manutenzione e il buon Robert deve dirmi cosa sia il premio della scommessa perche` io vado per il "lo tengono acceso oltre il primo ottobre".
    Potrei scommettere che lo portano fino alla prossima manutenzione ma non voglio aspettare altri 12 mesi :P
    Questa volta i termini sono chiari :)
    Beh, che ci mettiamo in palio?

    RispondiElimina
  76. Roberto,
    anche i costi per il nucleare non è detto che siano corretti. Dipende se hai sotto controllo tutto il ciclo del combustibile ad esempio. Oppure dipende dal tipo di macchina, sappiamo che i fattori di capacità USA e Giappone sono talmente diversi da essere sicuramente più economico il nucleare americano.
    I costi per le smart-grid dove li mettiamo? Si realizzano da sole? Quanta elettronica di importazione c'è per l'Italia per fare queste reti smart?
    Ancora, il costo dei combustibili cambia da paese a paese. Spesso sono costi coperti da segreto di stato. In che modo intervengono nella media?

    L'articolo mi è sembrato strepitoso perchè leggendolo mi viene spontaneo dire che è da imbecilli per qualsiasi stato non tenere il piede in ciascuna delle fonti citate, la diversificazione è la migliore soluzione nel lungo periodo. Ovvietà mi dirai, ma di questi tempi ...
    SM

    RispondiElimina
  77. Buongiorno a tutti i vacanzieri. Ho messo un nuovo post veloce veloce, con il riassunto di quanto successo questa settimana e già anche raccontato in questi commenti.
    http://unico-lab.blogspot.it/2012/08/altro-risparmio-dacqua-e-tre-piccoli.html

    RispondiElimina
  78. Vi ricordo che parte di MinamiSoma era stata ripopolata verso luglio 2011 perche`, come mostrava la mappa dei dati raccolti dalle centinaia di tecnici-studenti-professori e riuniti dalla facolta` di Osaka, avevano da 2 a 4mSv/anno...
    http://www.rcnp.osaka-u.ac.jp/dojo/GM_dose.php#

    RispondiElimina
  79. Una cena. I due di Ohi li fermano in autunno, ne sono sicuro.

    RispondiElimina
  80. Allora il 1 dicembre o vinco la cena o la perdo e faccio la figura dell`orsetto lavatore..
    Il problema e` che il vincitore deve comprarsi il biglietto aereo, SIGH.

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...