Cerca nel blog

Loading

14 luglio 2012

Sistemato il piano superiore del reattore 4 di Fukushima e altre news


L'edificio del reattore 4 come si presenta ora, con tutti i detriti rimossi dal piano operativoE' un aggiornamento molto corposo quella di questa settimana e che coinvolge le due aree di attività su cui si stanno concentrando al momento maggiormente gli sforzi: la rimozione del combustibile esausto dalla piscina del reattore 4 - l'unico che al momento del disastro non aveva elementi di combustibile nucleare nel nocciolo - e la ricerca delle perdite d'acqua negli altri tre severamente danneggiati, passo fondamentale per la risoluzione dell'emergenza.

Per poter rimuovere le barre di combustibile, sia quelle fresche e non ancora utilizzate sia quelle già utilizzate e quindi molto più radioattive e calde, è necessario predisporre macchinari nuovi, in particolare un carroponte, e possibilmente proteggere le operazioni con una copertura temporanea come quella installata intorno al reattore 1.


Il primo passo necessario per procedere in questa direzione era la pulizia del piano operativo (il quinto), con la rimozione di tutti i detriti e anche la demolizioni delle strutture danneggiate, pericolanti e che comunque erano solo d'ingombro per l'installazione della nuova copertura. Nella foto d'apertura vedete chiaramente come le pareti esterne degli ultimi due piani siano state totalmente rimosse. In questo PDF trovate un utile confronto prima e dopo.

Anche se non hanno ufficialmente dichiarato e reso pubblico il programma, fonti giornalistiche annunciano che tutto sarebbe pronto per i prossimi giorni per la rimozione di prova di due elementi di combustibile inutilizzato a titolo di prova. Vogliono sperimentare il piano di rimozione che hanno pensato e che non differisce di molto da quello utilizzato normalmente se non fosse che si dovranno utilizzare macchinari nuovi e non quelli precedenti. Gli elementi verranno estratti e posizionati all'interno di un contenitore adatto per lo stoccaggio e il trasporto che poi a sua volta verrà trasportato da un altra gru a terra e quindi nella piscina comune.

Oltre a verificare la procedura, i tecnici TEPCO potranno controllare la superficie delle guaine in lega di zirconio per verificare se e quanto l'acqua salata utilizzata nei primi momenti dell'emergenza possa averle danneggiate e quindi complicare le operazioni per le ben più critiche barre di combustibile già utilizzato.


A conferma che le cose stanno procedendo velocemente nel verso giusto, hanno iniziato anche a rimuovere i sali, in particolare i cloruri dalla vasca tecnica del reattore (quella a lato della piscina del combustibile e che ospiterà il contenitore per le barre durante il trasferimento). Al sistema mobile basato su osmosi inversa, verrà installato un deviatore in modo da poter inviare l'acqua "pulita" o alla piscina del combustibile o a quella del reattore come rappresentato nello schema qui sotto.

Sistema mobile per la rimozione dei sali collegato alla piscina del combustibile e a quella del reattore nell'unità 4

Sala toro e piano operativo del reattore 3

Piano operativo del reattore 3
Sempre nella foto d'apertura, alle spalle dell'edificio del reattore 4, si vede un alto cumulo di reticolati. E' la ben più complessa situazione del piano operativo del reattore 3. Vedete come i detriti e le strutture che necessitano di essere rimosse per poter rendere accessibile il piano e la piscina siano ancora presenti in grande quantità. A differenza del reattore 4 dove i livelli di radiazione erano tali da permettere ai lavoratori di accedere alla struttura, nel caso del 3 tutte le operazioni devono essere effettuate da macchine controllate da remoto, cosa ovviamente non semplice e molto lunga in questo groviglio di macerie.

In questo video, girato da una telecamera appesa ad una gru (sconsigliato per chi soffre di mal di mare) potete vedere una panoramica del piano operativo e di quel che resta dei due livelli superiori collassati, mentre questo documento presenta alcuni dettagli delle immagini e del video.

Passiamo dai piani superiori, a quelli parzialmente interrati per riportarvi dell'ispezione avvenuta nella sala toro del reattore 3 utilizzando il robot Survey Runner. I risultati della missione sono contenuti in questo documento e riassunti nel seguito. Gli obiettivi principali restano quelli di individuare eventuali perdite o dal toro (la struttura a forma di ciambella posizionata sotto al reattore) o da altre parti del contenimento primario e poter quindi programmare operazioni di riparazione. Parallelamente il robot deve eseguire una mappatura radiologica in modo da verificare possibili interventi umani, almeno per le operazioni più critiche.

Nella planimetria riportata nella foto vedete il percorso del robot (linea blu); i numeri rossi sono le posizioni dove è stato misurato il rateo di dose che è riportato nella tabella a fianco. Il valore più elevato di 360 milliSv/h, mentre nel resto del percorso i valori erano mediamente compresi tra 100 e 200 milliSv/h, comunque parecchio elevati per operazioni umane. A differenza dei robot Rosemary, il Survey Runner comunica con il centro di controllo attraverso un cavo, come anche la serie Quince - nel video a lato è ben visibile la matassa di cavo che si trascina dietro - e in corrispondenza della x rossa sulla mappa, la comunicazione via cavo si è interrotta lasciando il robot bloccato all'interno dell'edificio. Purtroppo non è stato possibile recuperare il registratore di suoni che era stato installato sul robot in modo da sentire la presenza di eventuali perdite. Di queste ore, la notizia che il Chiba Institute of Technology avrebbe reso disponibile robot più resistenti e performanti per questo genere di lavori.

Nuovi termometri e nuovi grafici

E' da un paio di giorni che TEPCO ha cambiato il formato dei file che contengono tutti i parametri dei reattori e che noi recuperiamo per poterveli presentare in formato grafico direttamente sul sito dedicato www.grafici-reattori.tk. Alcuni termometri che nel tempo erano stati dichiarati guasti sono ora stati rimossi dalle letture quotidiane e altre informazioni, come la pressione di azoto iniettato, la concentrazione di Xenon-135 (per tutti i reattori) e la quantità di gas estratto dai contenimenti primari sono state aggiunte. Il nostro sistema è stato aggiornato, ma non escludiamo ci saranno piccoli aggiustamenti nei prossimi giorni.
Verifica della fattibilità dell'installazione di nuovi termometri nel reattore 2
Storia differente per i termometri alternativi del reattore 2. Qualche tempo fa, in un video TEPCO aveva ricostruito la complessa situazione di tubi e condutture che intendeva utilizzare per l'installazione di un termometro alternativo direttamente nel core del reattore 2. Durante questa settimana, i tecnici sono entrati all'interno dell'edificio per verificare che i tubi fossero in buono stato e per farlo hanno utilizzato una pompa, dell'acqua e un misuratore di pressione come descritto in questo documento. Dalle dimensioni dei tubi, hanno stimato che il volume massimo corrispondesse a circa 33 litri, ma quando hanno iniziato ad iniettare acqua attraverso la pompa, dopo circa 15 litri la pressione ha iniziato a salire e dato che l'acqua è praticamente incomprimibile, questo significa che il tubo potrebbe essere otturato e quindi rendere l'installazione di un termometro difficile se non impossibile. Visto che hanno pressurizzato l'acqua fino a 3.3 MPa (=33 bar limite di tenuta dei normali tubi) e che poi questa è andata abbassandosi nel giorno seguente fino a 0.1 MPa (1 bar) è possibile che l'ingorgo sia parzialmente risolto, anche se 100 kPa restano comunque troppo alti per la quantità di acqua iniettata. 


Situazione dell'acqua


Concludiamo con il consueto aggiornamento sulla situazione dell'acqua contaminata e questa settimana non sono affatto buone notizie. Le previsioni sono state sbagliate in pieno e la quantità di acqua altamente contaminata è tornata a superare la soglia psicologica delle 100 mila tonnellate. Non si prevedono miglioramenti per la settimana a venire. 



Settimana precedentePrevisione per questa settimanaSettimana presentePrevisione per la settimana successiva
Acqua nei reattori + turbine80 60080 60083 20083 700
Acqua nello stoccaggio18 71019 04019 32020 500
Totale 99 31099 640102 520103 200
Clicca qui per il più recente aggiornamento tecnico su Fukushima

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

198 commenti:

  1. mamoru_giappopazzie14 luglio 2012 11:59

    Parto io con un bel OT:

    Evidence Supporting Radiation Hormesis in Atomic Bomb Survivor Cancer Mortality Data

    http://dose-response.metapress.com/app/home/contribution.asp?referrer=parent&backto=issue,11,30;journal,1,29;linkingpublicationresults,1:119866,1

    aspetto @SM e chi ne capisce piu' di me

    RispondiElimina
  2. bisogna registrarsi al sito (è gratuito) altrimenti si finisce sulla homepage e non sull'articolo. in caso qui trovate il link diretto al pdf.


    Ho trovato anche questa pagina: http://ansnuclearcafe.org/2012/07/11/lnt-examined-at-chicago-ans-meeting/ in cui si parla con un certo astio di LNT. Additandolo come la causa di tutti i mali dello sviluppo della tecnologia nucleare nel mondo.


    come @SM sicuramente avrà modo di ribadire, LNT va preso per quello che è: un metodo di lavoro che permette di ottimizzare il lavoro di radioprotezione. se lo si usa per fare previsioni e retrospettive la frittata è assicurata, ma è come usare un cacciavite al posto del martello.

    RispondiElimina
  3. Ma dov'è la nostra @AnonimaFrancese? Oggi tra l'altro è la sua festa... E dovrebbe venire in aiuto a protezione del suo Arnie pesantemente attaccato in questo articolo:
    http://atomicinsights.com/2012/07/arnie-gundersen-caught-on-video-lying-about-risk-of-radiation-released-during-fukushima-event.html



    non è il primo di questa serie e probabilmente non sarà nemmeno l'ultimo.

    RispondiElimina
  4. Auguroni a AF e un attacco di diarrea a Gundy!

    RispondiElimina
  5. Non è più la sua festa. E' la mia!!!! :-))

    RispondiElimina
  6. cioè mi stai dicendo che sei diventato più francese di lei?

    RispondiElimina
  7. Cliccando qua e là sono riuscito a leggere l'intero articolo senza dovermi registrare :)
    Direi che la rivista mi sembra abbastanza incline a dare addosso al LNT come si vede addirittura dal LOGO della IDRS. Mi sembra un po' la stessa cosa di quegli articoli estremamente dettagliati che dimostrano che in realtà i mutamenti climatici non ci sarebbero. Per il resto credo solo la ICRP abbia la forza di esaminare veramente i dettagli scientifici di questi lavori. Io mi attengo al LNT.
    SM

    RispondiElimina
  8. I cambiamenti sull'edificio del n.4 mi hanno impressionato, i ragazzi giapponesi ci stanno dando dentro veramente in modo rapido ed efficace. Siamo mai riusciti a monitorare quant gente sta lavorando sul sito? Farne un grafico per vedere come cambia nel tempo?
    Bellissimo update toto.
    SM

    RispondiElimina
  9. penso che possiamo estrapolare il numero di lavoratori sul sito dai report di dose ai lavoratori.


    sono generalmente divisi per mesi e separati tra dipendenti TEPCO e ditte esterne. guarda qui per esempio: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/betu12_e/images/120629e0601.pdf


    stiamo parlando di qualche migliaio di persone impegnate su base mensile, probabilmente non tutte, tutti i giorni ma una buona cifra!

    RispondiElimina
  10. SM dal documento non possiamo ipotizzare che con nostra somma gioia siano finalmente passati dai 100mSv, ai 20mSv/anno come desideravamo da almeno 5 mesi?

    Oggi sono di corsa, ma domani pensavo di riprendere l`interessante dialogo con te ed alessandro.

    RispondiElimina
  11. credo siano passati ai 50 milliSv/anno tranne che per alcune mansioni particolarmente delicate (quelle che riguardano il raffreddamento dei reattori) per cui si può passare a 100 mSv senza richiedere ulteriori autorizzazioni.

    RispondiElimina
  12. Almeno 2 tepco 10-20 sono spariti il mese dopo, assieme ad almeno 10 a contratto ed 1 che aveva superato i 20.
    O il documento e` solo parziale? Hai i mesi precedenti? [scusa la perdita di tempo]

    RispondiElimina
  13. Hai preso la Bastiglia per il malditesta?

    RispondiElimina
  14. Per me il massimo e` il film geniale di Gundy: "L`esplosione nucleare della piscina 3 e l`evaporazione di tutto il combustibile esausto".

    RispondiElimina
  15. ci sono rapporti pubblicati tutti i mesi, in genere in ritardo di un mese.

    31 maggio 2012: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/2012/1204969_1870.html27 aprile 2012: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/2012/1202813_1870.html30 marzo 2012: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/2012/12033006-e.html29 febbraio 2012: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/2012/12022908-e.html31 gennaio 2012: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/2012/12013106-e.html
    27 dicembre 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11122705-e.html
    30 novembre 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11113013-e.html
    31 ottobre 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11103111-e.html
    30 settembre 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11093009-e.html
    15 settembre 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11091515-e.html
    31 agosto 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11083111-e.html
    13 luglio 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11071313-e.html
    30 giugno 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11063014-e.html
    20 giugno 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11062011-e.html e http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11062010-e.html
    13 giugno 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11061311-e.html
    10 giugno 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11061012-e.html
    30 maggio 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11053003-e.html
    30 aprile 2011: http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/11043003-e.html

    RispondiElimina
  16. Ragazzi, ValerianoB ha fatto il solito immane lavoro con la contaminazione degli alimenti. Da leggere e diffondere:
    http://unico-lab.blogspot.com/2012/07/fukushima-rapporto-sulla-contaminazione_14.html



    ps. ha persino integrato la tabella come la volevate voi!

    RispondiElimina
  17. Aggiornamento strepitoso, come quantità e qualità di info. Complimenti!!!

    Drugo

    RispondiElimina
  18. grazie.
    In effetti le informazioni cominciano a diventare davvero tante, ma non è colpa nostra... anzi, ci riduciamo al minimo utile.

    RispondiElimina
  19. Ed è stato meno banale di quello che sembrava ad un primo sguardo...

    RispondiElimina
  20. il venerdì prima di andare a letto raccolgo tutti gli argomenti e poi il sabato mattina sveglia presto per scrivere... :)

    RispondiElimina
  21. così parebbe...
    D'altra parte, l'Alsazia... uh, pardòn :-)))

    RispondiElimina
  22. Penso che come dosimetrie per il 2012 abbiano fatto il grosso del lavoro, salvo imprevisti consolideranno il lavoro in vista dell'anno prossimo. La gestione dell'acqua blocca al momento ogni altra operazione, salvo ispezioni più o meno profonde negli edifici.
    L'acqua è importante adesso, l'ho già detto?
    SM

    RispondiElimina
  23. L'acqua è importante adesso, l'ho già detto?


    non abbastanza... perché ancora non ti hanno risposto. :)

    RispondiElimina
  24. Alsazia uber alles... E se mi sente AF sono sugarless cocks...
    Da domani ferie italiche, un saluto a tutti, so gia' che mi mancherete.
    R.

    RispondiElimina
  25. buone ferie @bertaglio e mi raccomando divertiti e riposati!

    RispondiElimina
  26. buone ferie, per me è lunga ancora! A parte un paio di giorni la settimana prossima ;-) se ne parla dopo ferragosto!

    RispondiElimina
  27. AnonimaFrancese!
    Subito qui a raccontarci cosa ti succede e farti fare gli auguri! Ma dico, ci snobbi così??
    ;)
    SM

    RispondiElimina
  28. Ottimo aggiornamento toto!! Guardando il video, Survery Runner aveva accumulato 400 mSv prima di rompersi (domanda a chi è più esperto: ma ha senso usare i Sv per i robot?) Comunque mi sembrano un po' pochini per mettere fuori gioco un robot progettato specificamente per operare in ambienti contaminati. Chissà se è stato un problema al cavo o all'elettronica...

    RispondiElimina
  29. Grazie Duccio Gasparri, il tuo punto sui Sv ai robot è azzeccatissimo. Nel loro caso sarebbe più sensato parlare di dose in Gy. In generale per l'elettronica bisognerebbe anche distinguere tra i vari contributi (beta+gamma, neutroni e ioni pesanti), ma nel caso della sala toro, l'unico vero contributo è beta/gamma.


    Gli effetti delle radiazioni sull'elettronica sono ben noti e si dividono in due grosse categorie.


    1. Dose integrata, ovvero che dipendono da quanta radioattività il sistema ha accumulato e in genere si misura uno spostamento delle tensioni di soglia dei transitori a causa delle cariche positive negli ossidi (beta/gamma). L'altro effetto da accumulo è l'aumento delle correnti di leakage dei diodi (neutroni) che di fatto rende quasi inutilizzabili fotodiodi, fotoaccoppiatori e simili.


    Per evitare questi problemi si ricorre a tecnologie rad-hard (militari) in cui il design dei transistor viene sostituito con uno di tipo enclosed in modo da minimizzare i danni dall'aumento di leakage. Per curare i problemi agli ossidi si fanno ossidi sempre più sottili come quelli delle modernissime tecnologie deep-sub-micron.


    2. Da singolo evento, in breve SEE. E' una famiglia di guasti che va dal single-event latch-up, SE upset, SE bit-flip e così via. In pratica il passaggio di una singola particella provoca in una determinata parte del circuito un'elevata concentrazione di carica da cambiare lo stato di quel transistor. Il più pericoloso è il latch-up dove l'intero circuito logico si trova in uno stato indefinito, non reagisce più e consuma un sacco di corrente. Al fine di evitare questi problemi si ricorre a modifiche di progetto introducendo decisioni in ridondanza e simili.


    Per un robot rad-hard, 400 mSv sono proprio pochini, no si può escludere un SE latchup, ma essendo il robot connesso via cavo mi aspetto che si possa spegnerlo e riaccenderlo da remoto risolvendo il problema.


    Scusa per la lunghezza... prima o poi dovrei scrivere un post di reminiscenze di rad-hard electronics prima che me le dimentichi tutte!

    RispondiElimina
  30. Non sono da escludere le banali scariche statiche in un ambiente umido.
    Confermo, i Sv per un robot non hanno senso anche perchè lo Z efficace della materia robotica è ben diverso dal circa 7 della materia organica. E' molto più alto.
    Ricordo una puntata della vecchia serie di Star Trek in cui c'erano creature a base silicio ... ecco, è un caso simile.
    SM

    RispondiElimina
  31. http://www.japantimes.co.jp/text/nn20120715a1.html#.UAMMPpGAuUo
    Più gente evacuata che per Fukushima crisi nucleare oltre che più vittime.
    SM

    RispondiElimina
  32. oppure il cavo che si è proprio interrotto, non dimentichiamoci che si è trascinato dietro il cavo lungo tutto il percorso, magari sfregando su spigoli vivi (avete visto quella foto che mostra la base della scaletta metallica staccata dal cemento?).


    onestamente però mi aspetterei di più da questi robot...

    RispondiElimina
  33. adesso diranno: per fortuna che i 4 reattori di Genkai nella prefettura di Fukuoka erano spenti!

    RispondiElimina
  34. Buongiorno! ( qui non si dorme dal caldo)Livelli di radiazione alla centrale FD
    http://ex-skf.blogspot.gr/2012/07/radiation-levels-inside-fukushima-i.html

    http://4.bp.blogspot.com/-VqD_vFWLNAE/UAM8YDJm_RI/AAAAAAAAEHs/u-U2ZmDVwcE/s1600/fukushimaplantRadSurvey5-2012.JPG





    Il Ministero dell'Ambiente, in un rapporto pubblicato nel 2010, ha detto che aumentando la quantità di energia rinnovabile a oltre il 10% della produzione totale di energia entro il 2020, si potrebbero creare tra i 458.000 ai 627.000 posti di lavoro, mentre gli impiegati nel settore nucleare in Giappone oscillerebbero tra 46.000 e i 75.000 ( fonti diverse)

    http://blogs.wsj.com/japanrealtime/2012/07/13/fukushima-watch-no-reactors-fewer-jobs/?mod=google_news_blog

    RispondiElimina
  35. Il primo impianto geotermico all'interno di un parco nazionale a Tsuchiyu Onsen Hot Spring Resort , 16 Km da Fukushima città, in autunno inizieranno i lavori

    http://www.japanguides.net/fukushima/tsuchiyu-onsen-hot-springs.html
    http://www.japanguides.net/files/tsuchiyu_onsen_hot_springs_in_fukushima_city.jpg


    Per quanto riguarda i robot, ecco Rosemary, pare che abbia ha un tempo di funzionamento di cinque ore, due ore in più rispetto al modello precedente Quince
    http://www.youtube.com/watch?v=U8Fmnrjfm2s&feature=player_detailpage



    Anche Quince ha i cavi, 400 metri riavvolgibili però, e non è chiaro se modalità wireless funziona solo se comunica con un altro Quince.
    http://www.japantimes.co.jp/text/nn20120131a2.html

    RispondiElimina
  36. solo Disqus sa perché il tuo commento è a metà pagina! buongiorno anche a te e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  37. grazie per la precisazione sui robot, correggo subito l'errore!

    RispondiElimina
  38. Giuro che non vi capisco. Non capisco tutto questo entusiasmo per il nuovo post di Toto, è come dire che i post precedenti non erano un granché, mentre sono tutti ma proprio tutti oggettivamente impeccabili e esaurienti, indipendentemente dall'abbondanza di materiale elaborato.
    A propo, se scopro il vigliacco che ha votato NON MI PIACE al mio post sulla crisi-euro-Grecia gliela farò pagare :))
    http://t0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSWvntEw5r17XGz2EnmQiVucvlDlrmR2PcDRWBWeuHONnpVIexNZQ

    RispondiElimina
  39. primo) corro subito a mettere eccezionale
    secondo) non ti preoccupare, c'è qualcuno che mette non mi piace praticamente a tutti i post, per fortuna passa di qua solo raramente
    terzo) scappo a farmi togliere un po' di colesterolo nella speranza che ci trovino pure del sangue dentro.
    quarto) i dati dei reattori li aggiorno dopo


    :)

    RispondiElimina
  40. e dimenticavo...


    quinto) alle otto in punto verrà pubblicato l'ultimo articolo della serie sui paradossi relativistici a cura di ValerianoB. A partire dalle 8 sarà disponibile qui: http://unico-short.tk/paradossi4

    RispondiElimina
  41. il gatto a nove code su un sito "rolegaming"??? :-O
    Puoi auto costruirlo, se vuoi: http://www.euronautica.net/tecnica/directory-nodi/nodo-del-cappuccino.asp

    RispondiElimina
  42. Oppure più semplicemente c'era una donna alla guida e l'ha fatto finire in acqua...


    Ahah scheeeerzo, giuro, non mi picchiate!!! :-)


    Sono anche i primi modelli che si usano "sul campo", perché ringraziando il cielo non c'era mai stato prima occasioni in cui si dovesse operare in quelle condizioni. Però concordo, li vedo molto delicati. Dubito sia un problema software perché un robot senza batteria attaccato ad un cavo, anche se il reset software fallisce, c'è sempre la madre di tutte le operazioni informatiche: stacchi la spina e la riattacchi. Quindi o hardware (incluse eprom e simili danneggiate) o cavo. A questo punto continuo a chiedermi sempre di più perché non facciano robot stupidi (ossia solo pompe motori e ruote) e lascino tutta l'elettronica all'esterno del reattore, in un posto non solo protetto ma anche facilmente raggiungibile. Magari aumenta il tempo di risposta di qualche millisecondo, ma non sono robot "velocisti". E anche la ridondanza sul cavo sarebbe da pensarci (avere due cavi invece che uno non lo vedo come una complicazione assurda, soprattutto se i cavi si possono staccare in caso si impiglino o si danneggino)

    RispondiElimina
  43. volevi dire una donna che ha cercato di posteggiare :)


    per tante cose non à possibile lasciare l'elettronica fuori, pensa alle camere CCD, piuttosto che ai sensori di prossimità delle parti mobili.


    noi abbiamo un encoder su una parte mobile fortemente esposta che è realizzato interamente con microswitch. Questo ha egregiamente funzionato per anni, poi ha iniziato a dare i numeri perché gli interruttori vivono un certo numero di cicli e poi amen.


    ho cercato per sostituirlo, ma di quelli puramente meccanici non sono riuscito a trovarne più. adesso li fanno tutti ottici e magnetici e temo che dovrei schedularne la sostituzione una volta al mese.


    altro punto: non possono applicare il sistema della massaia per estrarre la spina dell'aspirapolvere? ovvero perché non recuperano il robot semplicemente tirando il filo? troppo pesante? rischiano di romperlo? sempre meglio che darlo per disperso.

    RispondiElimina
  44. In questo articolo sui costi di Fukushima 1 e 2 si parla di 2000 lavoratori impegnati ogni giorno
    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201207050065

    RispondiElimina
  45. perfetto, allora direi che è in accordo con i report di dose immaginando che quelli più esposti lavorino solo 2 o 3 settimane al mese.

    RispondiElimina
  46. I famosi installatori contabilizzati 10 volte nel conto dei posti di lavoro.
    A parte il fatto che se a parità di energia generata faccio lavorare meno persone mi sembra che si vada nella direzione giusta. Altrimenti tutti a zappare con sussidi statali e si porta la disoccupazione a 0% come sotto Pol-Pot.
    Mah!
    SM
    P.S. RobertoOne lancerà i suoi strali sui posti di lavoro incentivati ... preparati ...

    RispondiElimina
  47. Cambia la classificazione della zona di evacuazione. Ecco le nuove mappe:
    http://t.co/dFJJhd9x

    RispondiElimina
  48. Qualche notiziolia...


    mentre cresce di giorno in giorno il numero delle vittime accertate del maltempo in Kyushu, tutti gli occhi sono puntati su due eventi, la protesta anti-nucleare a Tokyo e tutte le lucine che si accendono nella sala controllo di Oi-4. In tutto questo, sembra quasi dispiaciuto il Japan Times che una recente analisi vede il nucleare a livello globale non essere turbato da tutto questo ribollire post Fukushima. Nell'analisi si nomina anche l'Italia, che ha abbandonato il nucleare con l'ultimo referendum anche e soprattutto come un voto politico contro Berlusconi.

    RispondiElimina
  49. Doveroso e da non sottovalutare
    Tokyo, sayonara nukes: 170.000 manifestanti secondo gli organizzatori ( 75.000 secondo la polizia) in un crescendo che ha visto soprattutto nell' ultimo mese e mezzo i giapponesi, anche in altre cittadine, organizzarsi in marce di protesta, veglie, sit in, occupazione metropolitana, assedio dell'abitazione ufficiale del primo ministro Noda. E' in atto la "rivoluzione delle ortensie", così chiamata perché questo fiore caratterizza l'estate e tanti piccoli fiori formano un grande fiore
    http://www.japantimes.co.jp/text/nn20120717a1.html





    http://a6.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc7/399195_10150916678538157_2005927674_n.jpg

    RispondiElimina
  50. domanda : come informare le generazioni future circa la vicinanza di un deposito nucleare e il modo giusto per manipolare i rifiuti radioattivi che contiene ?
    RISPOSTA
    Con un hard disk di zaffiro mostrato all' Euroscience open forum di Dublino
    http://news.sciencemag.org/sciencenow/2012/07/a-million-year-hard-disk.html?ref=hp

    Insomma sembrerebbe una specie di Stele di Rosetta per scorie nucleari
    vedi http://rosettaproject.org/disk/concept/
    Senonché leggo che "Sapphire is Al2O3, aluminum oxide (aka alumina). Alumina dissolves in alkaline pH conditions see, for example, http://www.seachem.com/support/AluminumSolubilityToxicity.pdf[seachem.com]). It seems likely that over hundreds of milennia, these discs would be exposed to alkaline conditions as a result of varying geochemistry/hydrology.
    Furthermore, sapphire is brittle. Very hard, but brittle. One could break a sapphire disc by dropping it a few feet on to concrete."
    In che lingua? Ma "mordor" naturalmente
    E poi ci saranno archeologi tra milioni di anni?

    RispondiElimina
  51. in effetti SM l'articolo è abbastanza raccogliticcio e i numeri approssimativi, non ci sono i dati per pronunciarsi, queste cose vanno studiate e pianificate per bene e non a pene di cane, per dirla con Rob.
    P.S.
    Animuccia gentile, come stanno gli uccellini malati? Li hai davvero portati al pronto soccorso?

    RispondiElimina
  52. Si certo, il piccolo di tordo dell'altra sera. L'ENPA di Milano dice anche che si può telefonare per sapere come sta l'animale ricoverato ma io credo che gli ho dato una seconda chance e che non debba più curarmi di lui, nemmeno di sapere se ce l'ha fatta o meno ...
    In realtà non vorrei sentirmi dire che non ce l'ha fatta. Crediamo che si sia ingozzato con bacche di una pianta che c'è nel nostro giardino e che avesse problemi di occlusione all'apparato digerente. Tuttavia siamo riusciti a dargli acqua (probabilmente era disidratato) con un cucchiaino e un po' di uovo col contagocce.
    Poi però abbiamo preferito portarlo all'ENPA. Se starà bene lo libereranno al bosco di Vanzago dove ho fatto parte del mio servizio civile, eoni fa.
    http://www.boscowwfdivanzago.it/
    SM

    RispondiElimina
  53. Ricordati, quando muoiono gli altri la gente è tranquilla, quando i Bq arrivano nel loro piatto strillano e strepitano.
    SM

    RispondiElimina
  54. Eoni fa, come dici tu, quasi sicuramente era un bosco libero, adesso appunto perché una riserva e così bene organizzata, mi da la sensazione di un museo.

    RispondiElimina
  55. guarda, tutta la discussione circa i depositi geologici e le possili conseguenze che tra mille anni, dopo una glaciazione e l'estinzione di massa della specie umana, la nuova specie dominante del pianeta terra possa trovare il deposito e averne conseguenze mi lascia un po' perplesso.


    cioè non stiamo facendo una cosa che magari tra 1000 anni potrebbe fare male a qualcuno, invece continuiamo a rovinare il nostro pianeta per renderlo meno ospitale per noi e i nostri figli.


    io preferisco pensare che tra mille anni forse andranno a scavare per recuperare i preziosi attinidi che sono stati seppelliti e li bruceranno in un reattore di 25esima generazione.

    RispondiElimina
  56. mitico! hai proprio una grande passione!

    RispondiElimina
  57. mumble, mumble... il reticolo cristallino dello zaffiro è robusto, e si fanno anche i famosi vetri zaffiro( zaffiri sintetici): http://www.minerali.it/articolo-scientifico/Minerali-nell-orologeria/Scienza-e-Curiosita/9ba85a68-3c58-425d-a8d2-8295bcfcf56a/I-minerali-nell-orologeria.aspx, http://it.wikipedia.org/wiki/Zaffiro_%28minerale%29
    Probabilmente, tutto dipende da cosa esattamente prendi.
    Mi viene in mente qualcosa tipo carbone-grafite-diamante.
    Ci vorrebbe il Marion che da secoli non si vede....
    toc, toc??

    RispondiElimina
  58. Io dico che dovranno durare meno di 200 anni perchè poi andranno a recuperare le scorie per riutilizzarle con tecnologie che adesso possiamo solamente immaginare.
    SM

    RispondiElimina
  59. ...il che non è falso, visto che già ci si pensa ora a come riutilizzarle.

    RispondiElimina
  60. Duro duro e' il nitruro di boro. Wikipedia dice che la forma allotropica simil-diamante e' quella cubica. Pero' lavorarlo per farci un HDD...io userei del papiro, oggi leggiamo ancora gli scritti degli Egizi mentre non siamo piu' in grado di leggere un disco da 360K 5"1/4.

    RispondiElimina
  61. facciamo dei floppy di nuova generazione in papiro e nel pc ci mettiamo uno scriba egiziano che li formatta

    RispondiElimina
  62. Pensa che all'ITIS avevamo una macchina che leggeva gli 8 pollici; proporrei una serie di disegni inglobati tipo wafer in una lastra di nitruro di boro. I disegni hanno sempre funzionato,
    http://it.wikipedia.org/wiki/File:Pech_Merle_main.jpg

    RispondiElimina
  63. Bentrovato, ilmarion !
    disegni scolpiti su roccia! Certo che una tecnologia moderna deve ancora dimostrare di poter resistere 5000 e passa anni, in condizioni non facili :-)

    Ma per lo zaffiro in particolare, che ci dici? Sono (siamo?) curioso.

    RispondiElimina
  64. Pensa che il papiro era caro, fra l'altro perché non potevi "formattarlo" ;-)
    Per le cose di poco valore (tipo gli esercizi scolastici e cose di questo tipo) usavano generalmente dei cocci per scriverci sopra, dove si poteva grattare per cancellare.
    Riciclaggio all'ancienne!

    RispondiElimina
  65. ilmarion è sempre di vedetta!

    RispondiElimina
  66. Se ti dicessi che conosco la chimica dello zaffiro e di tutti i suoi fratelli, mentirei. Per l'allumina, viene definita come "buona" la resistenza ad acidi e basi; non penso pero' che ci siano studi sulla resistenza di questo materiale a 1000 anni di attacco basico. Io userei qualcosa di piu' inerte...anche se "col volgere di strani eoni anche la morte può morire" :-)

    RispondiElimina
  67. sempre sul pezzo!

    RispondiElimina
  68. E per chi non ha mai visto gli 8", guardatevi WARGAMES con Matthew Broderick.
    Sbaglio o gli 8" avevano 180KB?

    RispondiElimina
  69. così tanti? di più della sim del mio cellulare (ho una sim vecchia :)

    RispondiElimina
  70. non mi ricordo la capacita'; ti dico solo che era collegato alla macchina ( collegato, non nel case ) e il software gestiva un mini impianto di rettifica per usi didattici; con uno Z80 A se non ricordo male.

    RispondiElimina
  71. uhhh...una citazione di HPL! Anche tu apprezzi?

    RispondiElimina
  72. Sbaglio o c'erano anche le versioni a doppia densità, fino a 360?
    quelli erano "Floppy" nel vero senso della parola :-D

    RispondiElimina
  73. E i 3.5 da 720 KB cui facevamo il buco per portarlia 1.44.
    Uh, i ricordi...

    RispondiElimina
  74. puoi sempre sostituirla conun piatto di uno Winchester...come quello di st. IGNUcius

    RispondiElimina
  75. Semi OT simpatico, semi perche` ha a che fare col 11/3 o 3/11.

    Oggi mi e` arrivata una mail con indirizzo @JRC. ed ho pensato fosse il Jointed Repeatedly Culatons di Totoro, invece era una comunicazione in cui si dispiacevano...

    Dear XXXXXXXXXXX,

    Thank you very much for your donation.
    Attached please find the receipt.
    The fund has been helping those who were affected by the earthquake,
    tsunami and nuclear power plant disaster in Japan in March, 2011.
    We deeply apologize the delay in issuing the receipt but appreciate your
    understanding and generous contribution.

    Please do not hesitate to contact us if you have any questions.

    Sincerely yours,

    Japanese Red Cross Society

    RispondiElimina
  76. Scusa la domanda, in quelli impacchettati "alla francese" nel vetro: sono mescolati al vetro o il vetro e` solo "esterno a tutto il blocco"?
    Perche` nel primo caso sarebbe piu` complicato il recupero :)

    RispondiElimina
  77. ma quello e` ultramoderno!
    i buchi li facevo su quelli da 5"1/4 col taglierino per i modellini in balsa di aerei.
    Mi sa che il 3.5 e` arrivato su PC intorno al... "386".
    si` lo so, sull`AMIGA prima.

    RispondiElimina
  78. Era come inserire un LP, dura metterlo nel case, anche se fosse stato un AS400 :)
    Dal vivo l`ho visto solo nel dipartimento di matematica dove ero stato ospite nei primi due anni.
    Mi auguro fosse stato in "display" e non in uso, ma non ne sono certo :)

    RispondiElimina
  79. ho iniziato ridendo, poi mi si è smorzato il sorriso. Bravo per quello che hai fatto!

    RispondiElimina
  80. preparati a vedere altri capolavori di modernariato elettronico!

    RispondiElimina
  81. Grazie tante! Mi e` piaciuto il finale del PDF in cui ci tengono a dire:
    Please note that the Japanese Red Cross Society does not charge any administrative costs to your contribution.

    RispondiElimina
  82. Il raffreddatore dell'acqua iniettata:
    http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/images/handouts_120717_01-e.pdf



    Per ovviare al problema del riscaldamento dell'acqua che buttano nei reattori a causa delle temperatura estive, hanno installato un sistema di refrigerazione. Ho come l'impressione che l'avevamo già suggerito vero?


    :)

    RispondiElimina
  83. Ma hai idea quanto ti costi un egizio che ti ritraduca l`egizio?

    RispondiElimina
  84. Non meno di 2 volte al mese negli ultimi 15 mesi.
    Ed il piu` sbuffante dalle orecchie era Sergio, a qualche incollatura di vantaggio su tutti gli altri.

    RispondiElimina
  85. mamoru_giappopazzie17 luglio 2012 19:37

    SM toto
    Ci risiamo con la conta dei morti

    http://www.corriere.it/ambiente/12_luglio_17/fukushima-effetti-radiazioni-disastro-nucleare_5d50687e-d012-11e1-85ae-0ea2d62d9e6c.shtml

    BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    RispondiElimina
  86. mamoru_giappopazzie17 luglio 2012 19:46

    curiosita': ma sei a svernare in IT o ti diverti a non dormire la notte? =)

    RispondiElimina
  87. mamoru_giappopazzie17 luglio 2012 19:46

    era decisamente ora

    RispondiElimina
  88. Ti rispondo venerdi`!

    RispondiElimina
  89. mamoru_giappopazzie17 luglio 2012 20:55

    chissa' perche' lo sospettavo... :D

    RispondiElimina
  90. Porti anche Mamorina? [se non e` OT questo...]

    RispondiElimina
  91. mamoru_giappopazzie17 luglio 2012 21:33

    certo =)

    RispondiElimina
  92. E' stato appena pubblicato uno studio sugli impatti sanitari a Fukushima:
    http://pubs.rsc.org/en/content/articlelanding/2012/ee/c2ee22019a

    Riportato dal Corriere della Sera...
    http://www.corriere.it/ambiente/12_luglio_17/fukushima-effetti-radiazioni-disastro-nucleare_5d50687e-d012-11e1-85ae-0ea2d62d9e6c.shtml

    Drugo

    RispondiElimina
  93. E' tutto un blocco. La radioattività è inserita nel vetro e il vetro è monoblocco. Idem per la cementazione. All'esterno c'è acciao o altro secondo specifiche.
    SM

    RispondiElimina
  94. (rispondo anche a mamoru_giappopazzie nel commento qui sotto)


    già mi immagino la faccia di SM che da gufo si trasforma in aquila incazzata nera non appena vedrà che persino nell'abstract si dice che si contano i morti usando LNT.


    ma a parte il metodo, altamente discutibile, forse sarebbe meglio dire sbagliato, ma avete visto i numeri? e le incertezze? 130 morti per le radiazioni contro 600 dovuti all'evacuazione / terrore. Se i primi si mettono sul conto delle industrie del nucleare, mi verrebbe voglia di mettere i secondi su quello di chi ha volutamente sparso il terrore che ha portato a questi morti.


    non serve nemmeno confrontarli con il numero di tumori mortali che ogni anno ci sono nei paesi occidentali per rendersi conto che sono numeri piccoli.

    RispondiElimina
  95. Beh sapete, questi sono morti 3D, per vederli ci vogliono gli opportuni occhiali che ti danno al cinema, altrimenti non si vedono :)
    SM

    RispondiElimina
  96. mamoru_giappopazzie17 luglio 2012 22:16

    Lastly, a hypothetical accident at the Diablo
    Canyon Power Plant in California, USA with identical emissions to
    Fukushima was studied to analyze the influence of location and
    seasonality on the impact of a nuclear accident. This hypothetical
    accident may cause 25%
    more mortalities than Fukushima despite California having one fourth
    the local population density due to differing meteorological conditions.


    2 PWR da 1200kW vs 3 reattori giapponesi e piscine annesse, considerano le stesse emissioni, arrrivano a +25% di IPOTETICHE morti non confermabili.
    Vabbe' mettiamoci anche Godzilla che rade al suolo tutto e stermina i sopravvissuti.

    E vissero felici e contenti (godzilla e i suoi parenti).

    RispondiElimina
  97. Dimostrazione: 0 = 0 + 0.25*0
    Non era difficile :)
    SM

    RispondiElimina
  98. e non è finita. sempre oggi è stato pubblicato un opinione all'articolo in questione
    http://pubs.rsc.org/en/content/articlelanding/2012/EE/C2EE22658H



    alla quale gli autori hanno prontamente risposto
    http://pubs.rsc.org/en/content/articlelanding/2012/ee/c2ee22659f



    passerò una notte di veglia nell'attesa di scaricarmi i tre articoli in full text.

    RispondiElimina
  99. qualcuno ha capito perché è stata scelta proprio quella centrale degli USA e non un'altra?


    la cosa mi incuriosisce.

    RispondiElimina
  100. Ma avete notato il controsenso?
    600 morti dovuti all`evacuazione, e l`aver fatto l`evacuazione diminuisce i morti di solo 245 unita`-> CONCLUSIONE: NON EVACUANDO NESSUNO A FUKUSHIMA SI SAREBBERO SALVATE 355 PERSONE!
    DEI GENI? O questa e` la nuova procedura richiesta da questi scienziati?
    Non evacuare nessuno per salvare piu` persone...

    A tempo perso potrei leggermi il rapporto intero o... leggermi il prossimo bignamino di SM e Totoro.

    RispondiElimina
  101. io ho una sim con ancora scritto omnitel...

    RispondiElimina
  102. Diablo Canyon è la più grande centrale in funzione in California (l'altra a San Onofre è ferma dopo un piccolo incidente)... entrambe sull'oceano:-)...
    immagino che essndo gli autori di Stanford, abbiano voluto contestualizzare..

    Drugo

    RispondiElimina
  103. Per formattarlo bastava tirare le linee verticali, il problema era che era un Write Once, quindi non potevi RIformattarlo :)
    Siamo su di un blog scientifico, un po` di precisione perdindirindina.

    RispondiElimina
  104. caspita, mi ero dimenticato la storia dei SSSD, SSDD, DSDD, Single/Double-SIDE-Single/Double-DENSITY.
    E quelli erano gli ultimi e veri floppy.

    RispondiElimina
  105. ll 18 mattina 7-2012 dalla piscina del combustibile esaurito Unità 4 è stato rimossa in via sperimentale una barra di carburante non utilizzato di 4 metri di lunghezza, peso 300 kg, tramite gru, che sarà trasferita in un apposito contenitore nella "piscina comune".
    Oggi è prevista la rimozione di un secondo elemento
    http://www.fnn-news.com/news/headlines/articles/CONN00227693.html

    RispondiElimina
  106. Come dice sotto Dr, San Onofre
    é una delle due centrali nucleari della California, l'area con maggiori rischi sismici di tutti gli Usa, a 5 chilometri da una faglia e non lontano dal mare, a
    metà strada tra Los Angeles e San Diego, l'altra è
    Diablo Canyon, in California centrale, circa a metà strada tra San Francisco e Los Angeles, lungo la famigerata faglia di Sant'Andre e, manco a dirlo , ad Avila Beach

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/8c/Diablo_Canyon_NPP_above.jpg/800px-Diablo_Canyon_NPP_above.jpg

    RispondiElimina
  107. Geniale! Immagini, altro che parole!

    RispondiElimina
  108. Riaperta alla balneazione una spiaggia a 65 km a sud di FD
    Le misurazioni radiazione aria e acqua vengono visualizzate sulla spiaggia 2 volte al giorno
    http://www.guardian.co.uk/environment/2012/jul/17/fukushima-beach-reopens-to-public

    RispondiElimina
  109. Brava Giovanna! Ottima segnalazione, per il momento TEPCO non ne parla ancora e nemmeno la versione inglese di NHK.

    RispondiElimina
  110. Perché non vogliono ficcanaso in giro con le telecamere sugli elicotteri!!!

    RispondiElimina
  111. eh, ma lo dicono chiaramente:
    Quindi la decisione di allontanare le persone è costata più vite di quante sia riuscita a salvarne.
    Quello, d'altra parte, è sempre il pericolo delle evacuazioni non pianificate correttamente.

    RispondiElimina
  112. mumble mumble.
    Si critica il Giappone che ha un territorio (relativamente piccolo) interamente sismico per costruire centrali nucleari sulle faglie e non si dice niente agli USA che fanno una centrale proprio sulla faglia di Sant'Andrea con tutto il territorio che hanno.
    Neanche loro scherzano...

    RispondiElimina
  113. e invece mi sa che serve, eccome, giusto per rimettere le cose nelle giuste proporzioni.

    RispondiElimina
  114. Interessata anche lei al ciclotrone, la mamorina? ;-)

    RispondiElimina
  115. ... a differenza di tanti altri di cui non faccio il nome...

    RispondiElimina
  116. Neanche te devi essere tanto giovane.... :-))

    RispondiElimina
  117. Prima, su un 286 (ben 21 MB di hard disk e ben 1 MB di RAM!!!!) montavo già il drive 3.5"...

    RispondiElimina
  118. in bacheca? :-)
    Dubito che funzioni su un telefono moderno... ad un certo punto, non ricordo quando, la tensione di alimentazione delle SIM passo' da 5V a 3.3V, per cui le vecchie non andavano più nei nuovi telefoni.

    RispondiElimina
  119. Ottima notizia. Pensate useranno lo stesso sistema, ovviamente automatizzato, anche per le barre irraggiate?

    RispondiElimina
  120. mi sembra già un buon motivo.


    adesso condivido sulla nostra pagina facebook il video.

    RispondiElimina
  121. secondo me, per quelle irraggiate sarebbe più opportuno fare un trasferimento tutto sotto acqua. in tal caso può essere fatto anche con personale sul piano operativo.


    vedremo cosa faranno...

    RispondiElimina
  122. Si lo so che è meglio fare sott'acqua però non vedo dove possano farle passare mantenendo un ambiente stagno.

    RispondiElimina
  123. c'è un passaggio tra la vasca del combustibile e quella del reattore, in genere si passa da lì quando si fanno le normali operazioni di re-fuelling.


    mi sono immaginato che il motivo per cui stanno rimuovendo i sali dalla vasca del reattore è proprio questo, però potrei sbagliarmi e si inventeranno qualche altra cosa.

    RispondiElimina
  124. Solo a quello di mamorino...
    Ma viene per controllare che lui non si butti sulle gnocche del JRC [e gia` sappiamo di cosa sia l`acronimo]

    RispondiElimina
  125. Puoi sempre fare il cognome!

    RispondiElimina
  126. Non vedo l`ora!

    RispondiElimina
  127. Infatti in Italia ho uno dei primi Motorola 3G, tanto per essere compatibile un po` ovunque con tariffa Italy (aggiornata da quella City).

    RispondiElimina
  128. Purtroppo le frottole iniziano a girare veloci anche in Giappone.

    RispondiElimina
  129. mi ricordano le doppie accuse a tepco: quella di non voler usare acqua salata per cercare salvare i reattori e quella di voler evacuare tutto il personale (perdendo i reattori).
    Scegliete almeno una delle due, non entrambe allo stesso tempo.

    La domanda e`: cosa si poteva pianificare meglio un`ora dopo che avevi 20mila morti, qualche centinaio di migliaia di dispersi, strade distrutte, comunicazioni via cell e via terra distrutte, persone in mezzo alla neve e gli unici mezzi che avevi capaci di muoversi erano elicotteri?
    Ed eventuali addetti ai trasporti dei malati che ben istruiti da grinpiss erano sicuri di morire se andavano 30 minuti a SOLI 20km dai reattori.

    Uno dei problemi era stato il personale medico di diversi ospedali che se la e` data a gambe levate.

    RispondiElimina
  130. Credo di no, un cask pesa X tons, un po' di più di 300kg. Comunque direi si tratta veramente di una ottima notizia. Attendo i comunicati in inglese su NHK.
    SM

    RispondiElimina
  131. Si dice il peccato, ma non il peccatore ;-)
    Grosso ente internazionale che destina al proprio scopo circa il 40% di quello che intasca, il restante 60 essendo necessario per.... "administrative costs".

    RispondiElimina
  132. Non hai torto sull'ultima affermazione.
    Il punto è proprio quello: le evacuazioni di emergenza devono essere pianificate con cura in tempi tranquilli, certo non nel caos dell'emergenza. E a maggiore ragione, le persone preposte a gestire l'emergenza, tecnici e non, devono sapere a cosa vanno incontro, cosa fare e soprattutto non darsela a gambe levate.
    E non è certo GP a dover stabilire cosa fare durante le emergenze.

    Una delle critiche è stata appunto quella di non aver previsto in anticipo che in seguito ad un terremoto saltassero linee elettriche, strade e collegamenti ferroviari tutto insieme. Una cosa invece da tenere in conto in un paese come il Giappone.

    RispondiElimina
  133. Ehi, sei servito San Tommaso!..



    http://www3.nhk.or.jp/daily/english/20120718_13.html

    RispondiElimina
  134. Uhm ok, magari c'è abbastanza spazio per i cask e vi sistemeranno le barre tenenendo tutto sommerso.

    RispondiElimina
  135. Chiariamo [e qui mi costringi ad un papiro formattato, a rileggerlo mi sembra piu` un blob che un blog, perdona la fretta nell`esposizione]: non sto dicendo che le cose siano andate lisce e, mentre l`emergenza "globale" si dipanava, io stesso mi chiedevo perche` non facessero di piu`.
    Poi ho capito che una bella mossa se la erano data, ed ho pensato a come avremmo reagito in Italia con un terremoto che se fosse stato a L`Aquila avrebbe raso al suolo Milano e Torino, ed ho capito che avevo pochi motivi per essere seccato.
    Il nord del Giappone si e` spostato di 6 metri ed abbassato di 1.

    Altro discorso e` il POST emergenza, su cui concordo pienamente con te, e percui a bocce ferme si riguardano i piani predisposti prima, quanto si e` riuscito a seguirli e quanto fossero reali, e se ne studiano di migliori.
    Ma questo lo hanno sempre fatto, ad esempio le gia` strette norme antisismiche le hanno dovute rivedere dopo il terremoto di Kobe.

    Non ricordo se sia stato Gemba o Hosono a dire che non erano pronti a tutte queste emergenze in contemporanea, riferendosi appunto a tutti i problemi, frase che naturalmente sui giornali italiani e` stata ritagliata e cucita diventato "non eravamo pronti alla [sola] emergenza nucleare".
    Non dimentichiamo che e` stato il terremoto piu` grosso della loro [non piccola] storia di terremoti e prima dello tsunami aveva fatto pochi morti, anche se difficili da quantificare.
    Tra le lezioni capite subito c`e` stato che bastavano pompe e generatori su camion per impedire la fusione degli altri reattori nel caso si ripetesse Fukushima, intesa come perdita di ogni funzionalita`.

    Ed ora un inciso dell`inciso: ti leggi che la gente protesta perche` Ohi e` ripartita senza aver completato le 30 misure di sicurezza aggiuntive, ma grinpiss e verdurame vario, oltre a compositori come Sakamoto gli ha spiegato che di fatto le misure non ancora completate sono a tutela delle perfide aziende elettriche piu` che della popolazione?
    Il minimo indispensabile che a me interessa e` non avere rilasci radioattivi, che non avvengono senza fusioni, che a loro volta non avvengono grazie ai camion sulla collina piu` vicina ed ai quadri di comando/potenza gia` resi impermeabili [sono tra le condizioni obbligatorie per il riavvio].
    E QUESTO E` GIA` IN ESSERE DA APRILE 2011
    Le misure non completate come alzare le mura antitsunami sono misure che, rispetto alla sicurezza gia` raggiunta, avvantaggiano le perfide compagnie elettriche che non saranno costrette ad iniezioni di acqua di mare mantenendo il proprio asset funzionante dopo l`emergenza, ma in quanto a sicurezza per il cittadino non vi e` un vero miglioramento.
    Percarita` avere 8 linee funzionanti anziche` 6 [con magari una bastante] puo` essere visto come miglioramento.
    Ma avere due ruote di scorta anziche` una in macchina non e` un buon motivo per dire "non puoi guidare se non hai almeno 2 ruote nel bagliaio".

    E dopo questo blobbone... perdonatemi :)

    RispondiElimina
  136. Pre Scriptum:
    e ricordati che grinpiss ha gia` stabilito durante Chernobyl cosa fare durante le emergenze!
    50mila morti.
    Quell`anno, nell`europa occidentale che non ha avuto nemmeno un tumore in piu` dovuto a Chernobyl, vi e` stato un incremento di aborti volontari, per paura di "fare il mostro", di 50mila unita`.
    Di chi e` la colpa?

    RispondiElimina
  137. Si, ma come a me il dos/Win non li hanno mai visti i 350kb aggiuntivi...

    RispondiElimina
  138. Ma sempre piu` giovane di te!!!!

    E come diceva Asimov a Lester Del Rey ogni volta che cenava a casa sua [di Lester]: "Tu sarai piu` vecchio di me per l`eternita`"

    RispondiElimina
  139. Intendete dire che la piscina e` profonda "2 assembly"?
    Chiarisco da dove origina la domanda, per spostare useranno un contenitore con acqua, ma mentre metto le barre nel contenitore, o esco temporaneamente dall`acqua o la profondita` deve essere di 2 assembly/barre, cioe` altezza contenitore + altezza barre. Dove sbaglio?

    RispondiElimina
  140. A futura memoria aggiungo il testo visto che cancellano i links in 2-3 giorni:
    TEPCO removes unused fuel rods from pool
    The operator of the damaged Fukushima Daiichi nuclear power plant has begun removing two unused fuel rods from a storage pool in the No. 4 reactor.
    Tokyo Electric Power Company, or TEPCO, began the work on Wednesday as a test for eventually removing all 1,535 fuel rods stored in the pool, including 204 unused ones.
    Workers are carefully monitoring radiation levels and footage from underwater cameras to make sure they remove unused fuel rods, instead of a highly radioactive spent one.
    This is the first time fuel rods are being removed from the storage pool since the plant was damaged in the earthquake and tsunami last March 11th.
    In late August, TEPCO will check if there's any damage and corrosion to the metal container used to store the fuel rods.
    If workers can successfully remove the 2 fuel rods, the utility plans to extract the remaining rods beginning in December 2013, as the first step in decommissioning four of the reactors at the Daiichi plant.
    The building housing the reactor was heavily damaged by a hydrogen explosion following the earthquake and tsunami. This has raised concerns that fuel rods in the pool on the fifth floor of the building could pose a threat in the event of another earthquake.
    Jul. 18, 2012 - Updated 06:21 UTC (15:21 JST)

    RispondiElimina
  141. Iniziate ad estrarre le barre di Ohi 4, tra poche ore sara` critico (o si dice in criticita`? entrambe?)
    SM rispondici tu!

    RispondiElimina
  142. OT Dato che e' venuta discretamente, mi permetto di condividerla con voi; M16 nella costellazione dell'aquila, fresca fresca dal telescopio /OT

    RispondiElimina
  143. Io vorrei capire questa cosa del monitoraggio delle barre fresche. A mio parere si tratta di un monitoraggio cautelativo fin che vuoi o per eventuale contaminazione esterna ma non possono avere il dubbio che sia una barra esausta. La contabilità dei posizionamenti e spostamenti da e per il nocciolo è così stretta che non si può pensare di sbagliare. Infatti quando si spostano si gioca a battaglia navale: C2 in L4, H7 in Rack 6-1 etc... tutto scritto e firmato da due persone. Impossibile sbagliare ...
    ... possibile?
    SM

    RispondiElimina
  144. critico vuol deire che k=1 cioè potenza stazionaria. Può essere critico a 1W o 2500 MW termici, entrambe sono criticità.
    Comunemente si intende criticità alla potenza nominale di esercizio.
    Gli ambientalisti invece pensano che il termine "critico" implichi una situazione di pericolo.
    eh

    RispondiElimina
  145. Se posizionano il gruppo di barre più calde nell'alloggiamento del nocciolo come gli avevo suggerito mesi fa voglio il copyright. Scherzi a parte è il posto più sicuro in attesa di dic13
    SM

    RispondiElimina
  146. infatti anch'io sono perplesso. sul posizionamento non ci devono essere dubbi.


    io farei i controlli per contaminazione e per danni di grossa entità alle strutture, tipo una rottura grossa, ma per il resto deve essere chiaro.


    a meno che... temono che il buon Gundy ci abbia preso e la piscina sia andata critica e che tutte le barre sono "usate"! :)


    a parte gli scherzi, secondo me controllano che tutto resti stabile e non ci siano movimenti strani dei cestelli durante le operazioni.

    RispondiElimina
  147. si però non vale... adesso fai un bel post a parte e ce la racconti tutta. io più che gli aspetti astronomici, sono interessato a quelli tecnici.


    a parte gli scherzi, perché come astrofilo non ci scrivi un post settimanale (anche poche righe) con una delle tue belle foto? adesso che arriva l'estate avrai tante serate osservative...

    RispondiElimina
  148. Se vi accontentate delle misere informazioni che vi posso dare...potrei provarci...

    RispondiElimina
  149. Come dice SM.
    Dicendo "tra poche ora sarà critico" si intende che dalla fase di cold shutdown stanno inziando a estrarre le barre di controllo, quindi per ora è sottocritico (la reazione non riesce a sostenersi ancora da sola). L'estrazione delle barre (a blocchi) avviene seguendo una precisa sequenza spaziale e temporale in maniera da far montare la potenza in maniera omogenea nel reattore e in maniera di lasciare un certo tempo fra un blocco e l'altro per stabilizzare il reattore. E' un processo che chiede il suo tempo.
    Quando si raggiunge la criticità significa sostanzialmente che la reazione può autosostenersi e come dice correttamente SM, questo può avvenire a diverse potenze.
    Normalmente, lo scopo è di averlo critico alla potenza di esercizio del reattore.

    RispondiElimina
  150. figurati... già io sbavo al vedere le foto, se poi ci metti una didascalia allungata vado in brodo di giuggiole.


    e secondo me sarai molto apprezzato!

    RispondiElimina
  151. Solo per segnalarvi che ValerianoB ha aggiunto una sezione sul the alla contaminazione alimentare. Lo trovate qui.
    http://unico-lab.blogspot.com/2012/07/fukushima-approfondimento.html

    RispondiElimina
  152. grazie per la pub!!
    @SM: il tuo caso lo analizzeremo con più comodo... :-)

    RispondiElimina
  153. mamoru_giappopazzie18 luglio 2012 22:13

    a proposito di Safecast.org



    U.S. group supplying radiation datahttp://www.japantimes.co.jp/text/nn20120718f2.html

    sono solo io a pensare che comunque ci sia dietro una possibilita' di business notevole?


    Fukushima University to open radiation research centerhttp://www.japantimes.co.jp/text/nn20120719b4.html

    "The new research center will have a staff of some 30, including around 20 hired overseas through open recruitment.The center will study the long-term movements of
    radioactive substances, the processes by which animals take in
    radioactive substances through the food chain, and measures for environmental regeneration."

    RispondiElimina
  154. no, non sei il solo.
    Peccato che non conosca (già) il giapponese ;-)

    RispondiElimina
  155. in effetti un po' di puzza di soldi la sento.


    spero che faranno un buon lavoro e non siano al soldo di compratori di informazioni, pronti a pagare per avere quello che chiedono.

    RispondiElimina
  156. Cosaaaaaaaaa? Criticità nella piscina del 4????
    Quel Gundy è da ricoverare con la camicia di forza
    SM

    RispondiElimina
  157. adesso... io non ricordo se lo dicesse per la 4 o per la 3, ci vorrebbe @roberto

    RispondiElimina
  158. Buon giorno!

    Noi lo sapevamo già, grazie a SM, che LNT non va usato per la conta dei morti, ma in questo altro articolo viene ribadito con forza il grosso errore di fondo fatto da Ten Hoeve e Mark Jacobson nel recente articolo di cui adesso abbiamo anche una copia integrale.
    Insomma hanno preso il modello sbagliato (LNT) e i coefficienti di rischio sbagliati (EPA) e al fine di fare ancora più paura hanno re-inscenato l'incidente in California. E i numeri che hanno trovato, nonostante il loro sforzo di ingigantirli sono comunque bassi, più bassi dei morti per l'evacuazione.
    http://www.marklynas.org/2012/07/fukushima-death-tolls-junk-science/

    RispondiElimina
  159. Alessandro Clementi19 luglio 2012 08:03

    Salvatori della patria! questo balordissimo studio iniziava a dare più problemi del consentito (consentito da quanto ti suggerisce il buon senso di fronte alla qualità dei numeri...)

    RispondiElimina
  160. Signore e Signori, guardate l'effetto di raffreddare l'acqua in ingresso ai reattori.
    http://www.grafici-reattori.tk/index.php?startTime=2012-06-19&endTime=2012-07-19&vis=graph&par=Temp&react=r2



    senza aumentare la portata eppure scende la temperatura! se ci avessero ascoltati all'inizio della stagione calda...

    RispondiElimina
  161. L'articolo ci va giù duro ma se leggete i commenti sono ancora più pesanti. Il problema di questi conflitti è che il pubblico percepisce che non c'è accordo nella comunità scientifica e ne traggono la conclusione che la scienza non sa nulla sulla radioprotezione e non capisce nulla sul danno possibile alle persone. E' un'equazione immediata e deleteria e purtroppo questi soggetti il danno l'hanno già fatto col semplice scrivere l'articolo.
    E' di magra consolazione dire "te l'avevo detto ..."
    SM

    RispondiElimina
  162. Alessandro Clementi19 luglio 2012 13:45

    No. Oggi hanno pubblicato le immagini. Magari le hai già viste. Le barre inutilizzate vengono estratte "a riveder le stelle". http://www.fnn-news.com/news/headlines/articles/CONN00227821.html

    RispondiElimina
  163. Alessandro Clementi19 luglio 2012 13:52

    Attenzione, Kuma, che come trattato in altre sedi, le fughe dagli ospedali del personale è stato tema di intensa speculazione giornalistica. In alcuni casi, mi ricordo quello di Futaba, è stato abbondantemente dimostrato che non era scappato nessuno, anzi. Erano stati strappati via a forza dalle Forze di autodifesa, dopo aver resistito in condizioni estreme, senza acqua e senza luce, a 5 km da FD1, dove intanto stavano avvenendo dei bei fuochi artificiali.

    RispondiElimina
  164. Alessandro Clementi19 luglio 2012 13:55

    Appassionante più di Wallander! Ci fai sapere?

    RispondiElimina
  165. ecco, direi che assolutamente non è ripetibile con una barra usata.

    RispondiElimina
  166. non ho accesso alla rivista... porcaccia!

    RispondiElimina
  167. Perdonatemi, ma la domanda era "letterale", quindi di lingua italiana :)
    L`espressione italiana e` "essere critico" o "essere in criticita`" o entrambe?

    Ne approfitto per una domanda tecnica invece: i PWR sono "steam driven", cioe` piu` vapore uso attraverso la valvola del vapore e piu` potenzatermica faccio sviluppare al reattore.
    Detto questo, se sto lavorando intorno al 50% o al 100%, ho lo stesso numero di barre di controllo estratte o comunque lo "steam drive" ha un range limitato di operativita`?

    RispondiElimina
  168. Alessandro Clementi19 luglio 2012 15:06

    Vedo che non ne parla nessuno, mentre qui infiamma il dibattito.
    La NISA (poveraccia, fa tutto il lavoro che avrebbe dovuto fare da aprile - ci sarà a settembre?? - il nuovo organo di controllo... per di più "naso", senza il famoso nuovo prontuario sulla sicurezza che dovrà stabilire il bene e il male di tutto lo scibile e l'attuabile in campo nucleare, compreso il decidere se una centrale si potrà riavviare o meno)...
    la NISA (eh certo, finisce con la "a") ha ordinato una nuova indagine geologica per capire se la faglia sotto il reattore 1 della centrale di Shika (prov. di Ishikawa) sia da considerarsi attiva o no, come avevano stabilito nel 1988. Anzi, pare che nella riunione di esperti tenutasi il 17, i sismologi gli abbiano proprio gridato in faccia: "Ma come m...hia le avete fatte queste indagini??". http://j.mp/LuBhKt
    Se il responso sarà positivo, sarà anche molto complicato procedere con il riavvio come si prevedeva. Stessa nuova analisi anche per l'ormai leggendaria centrale di Oi, dove però le nuove indagini potranno venire eseguite senza spegnere i reattori. Qui, pare che si tratti più che altro di un pro-forma, a differenza di Shika, dove però il reattore n. 2, leggermente spostato rispetto all'1, non dovrebbe essere coinvolto nel problema.
    Il fatto è che pare che il sisma dell'anno scorso abbia un po' rimestato le carte in tavola per quanto riguarda gli standard di riconoscimento di una faglia attiva. Se prima si riconosceva un solo movimento (scusate, non sono del campo e magari uso termini sbagliati), cioè quello "tirante", per cui una faglia non si riscontravano attività negli ultimi (mi pare) 120, 130 mila anni, era considerata dormiente. Adesso, visto che a marzo scorso così è stato, si considera il rischio - fino ad ora ritenuto molto basso - che una faglia se ne trascini dietro altre, nel suo movimento, agganciandole, in pratica. E questo significa pericolo (almeno in un'ottica prudenziale) anche qualora la faglia non sia esattamente sotto il reattore, come per l'1 di Shika.
    Solo che adesso sono cetrioli che volano, perché le nuove tecnologie di rilevazione (e la nuova categorizzazione di faglia attiva) permette di rimettere in discussione moltissimi dei siti considerati sicuri (anche se non ho difficoltà a credere che in alcuni casi abbiano fatto indagini all'acqua di rose, sarebbe un bel macello costringere a mesi di controlli per tutto il territorio nazionale). Per ora la NISA ha ordinato nuovi controlli a Tsuruga (Fukui) e Higashi-doori (Aomori). In esame la possibilità di eseguirne anche per Mihama e Takahama (sempre Fukui), nonché per Monju, che poverello era l'unico, oltre al n.4 di Kashiwazaki Kariwa ad aver portato a termine il riesame geologico che nel 2006 sempre la NISA aveva chiesto alle compagnie elettriche, anche in questo caso celeri e fulminee come sappiamo.

    RispondiElimina
  169. Alessandro Clementi19 luglio 2012 15:13

    Per adesso, i reattori in lista d'attesa per la riattivazione sono: l'1 e il 2 dio Tomari (Hokkaido), l'1 e il 2 di Sendai (Kagoshima... come cacchio fa uno a immaginare che si leggano "Sendai", quei kanji... Kuma e Mamoru so che mi capiscono); il 3 e il 4 di Takahama (Fukui). Per questi si prevedeva di ultimare gli stress test per la fine di agosto, e di accorparli all'impianto di Ikata (Ehime), che gli stress test li ha già terminati. E adesso vediamo come evolve.

    RispondiElimina
  170. Sempre sull'attivita' sismica; il link e' copiato da una mappa sismologica che un docente ( che appunto si occupa di sismologia ) ha in ufficio; potrebbe essere interessante dovrebbero esserci anche le mappe sismiche; http://www.jishin.go.jp/main/index.html

    RispondiElimina
  171. No.
    Il numero di barre estratte è un concetto fuorviante. Quello che conta è il k (coefficiente di moltiplicazione) per la criticità e la reattività positiva inserita dall'estrazione delle barre. Queste sono numerose e vengono gestite da un software che ottimizza la funzione, per cui non pensare che potenza stabile equivalga a barre ferme, anzi, è vero il contrario, ci sono le barre di regolazione che aggiustano continuamente la potenza.
    Comunque non sono la persona più indicata per darti questa risposta sui PWR perchè nel mio reattorino ci sono solo 3 barre di cui una ad estrazione pneumatica (1 o 0) e gestione totalmente diversa (più semplice).
    Dovresti chiederlo ad un ing. nucleare o un nocciolaro.
    SM

    RispondiElimina
  172. Fukushima Video: Pubblicati i video dell'estrazione del combustibile. Qui il http://youtu.be/PqjFIKhZE-0

    RispondiElimina
  173. Rimozione di un elemento di combustibile dalla piscina 4.

    Si tratta di un elemento fresco, mai usato e quindi non radioattivo. L'elemento in sé è quella struttura a sezione quadrata di colore rossastro nel centro dell'immagine. L'operatore alla sinistra sta asciugandone la superficie che era stata lavata dall'acqua delle piscina dall'operatore alla destra che impugna la lancia di un'idropulitrice.

    La lunga asta che impugna l'operatore sull'estrema sinistra è la parte telescopica di un radiametro e sta misurando il rateo di dose emesso. E' difficile capire cosa stia facendo l'altro operatore con il giacchettino arancione, è possibile che stia misurando la radioattività con un altro strumento portatile.

    Una simile procedura non può essere usata per gli elementi già utilizzati, dove il rateo di dose è estremamente più elevato.

    RispondiElimina
  174. Devo dire che una movimentazione di combustibile, ancorché fresco, a cielo aperto non l'avevo mai vista e mi fa una certa impressione. Si, anche l'altro sta misurando.
    SM

    RispondiElimina
  175. Considerata la tettonica a placche, non c'è un singolo m^2 di superficie terrestre che è effettivamente fermo. Se il Giappone che è uno dei paesi più avanti al mondo sull'antisismica si pone questi problemi, chissà cosa dovrebbero fare gli altri.
    La definirei "isteria da sisma" quando è sotto gli occhi di tutti che i loro guai sono stati causati dallo tsunami.
    SM

    RispondiElimina
  176. Mi tolgo un sassolino dalla scarpa.
    Il 12 aprile 2011 mi foindai in ufficio imprecando contro la NISA e la IAEA per l'inadeguatezza della Scala INES e ne seguì un acceso dibattito per tutta la giornata.
    Col senno di poi si comincia a ragionare ...
    http://www.associazioneitaliananucleare.it/uk-report-calls-for-changes-to-ines-international-nuclear-and-radiological-event-scale/
    SM

    RispondiElimina
  177. a me la cosa che ha impressionato è stato il tipo che asciugava a mano :)

    RispondiElimina
  178. Che bello vedere che pulivano per evitare che il carburante venisse contaminato :)

    RispondiElimina
  179. Ma non avevi detto che l'elemento non è radioattivo?
    GOSSIP: Secondo due lavoratori alla centrale il livello di radiazione era di 2 ~ 3 mSv / h prima del lavaggio e asciugatura, 50 μSv/h dopo.
    Inoltre sostengono[ link ], che al momento del disastro, il 4 non era solo in manutenzione ma in ristrutturazione, stavano cambiando la shroud, e perciò avevano tagliato i tubi nel dry well.

    RispondiElimina
  180. Ecco le faglie
    http://dwqovw6qi0vie.cloudfront.net/article-imgs/en/2012/07/18/AJ201207180073/AJ201207180075M.jpg

    RispondiElimina
  181. SM sono perplesso. sul posizionamento delle barre
    Non so se può essere utile questo
    http://www.gen4.fr/.a/6a015433c24917970c0163060fe2db970d
    ( allegato 22 del documento NRC
    http://pbadupws.nrc.gov/docs/ML1114/ML11147A075.pdf)
    Questa è la mappa dei detriti secondo Tepco
    http://4.bp.blogspot.com/-vo9fREwZv1A/T5ha0K8VlZI/AAAAAAAADpM/LjoWFl28Xkw/s400/Overlay-v4.jpg

    Le barre fresche dovrebbero essere ospitate nel cestello 26, e nei cestelli dal 31 al 35


    Comunque dopo la divertente performance di ieri e ieri l'altro, tirare fuori tutto il combustibile non sarà una passeggiata, dovranno costruire capannone e carroponte, tirare fuori i detriti, ecc. ecc.
    http://www.tepco.co.jp/en/press/corp-com/release/betu12_e/images/120416e0201.pdf

    RispondiElimina
  182. ciao Giovanna, l'uranio è solo debolmente radioattivo, la dose che hanno misurato deriva in gran parte dall'acqua contaminata, quindi il gossip che riporti non mi stupisce affatto.

    È vero che il quattro era fermo per sostituzione shroud proprio come avevano fatto con il 3.

    RispondiElimina
  183. e soprattutto non potranno fare così! però da qui a dicembre c'è abbastanza tempo per fare opere sull'edificio.

    RispondiElimina
  184. Alessandro Clementi20 luglio 2012 07:30

    Fukushima Diary, ti prego daaaaaai!!!!!!

    RispondiElimina
  185. e ripeto, è compatibile con l'acqua contaminata. tenete conto che all'interno del parallelepipedo che si vede nella foto ci sono tutti i tubi con le vere e proprie barre di combustibile e quindi molta superficie a cui l'acqua resta "appiccicata".

    RispondiElimina
  186. Alessandro Clementi20 luglio 2012 07:41

    No, è che la faccia del tizio, assieme ai suoi gatti (e a tutto il danno informativo di cui è stato fonte in passato), mi fanno venire la cirrosi epatica al solo guardarlo.

    RispondiElimina
  187. Alessandro Clementi20 luglio 2012 07:49

    Stamattina sul Nikkei c'era la notizia della nomina (previa approvazione parlamentare, si intende) del direttore del nuovo ente per la sicurezza del nucleare. Gli incarichi sono previsti con scadenza quinquennale.


    TOKYO (Nikkei)--The government will nominate Shunichi Tanaka, a former deputy chairman of the Cabinet Office's Atomic Energy Commission and a scientist in nuclear reactor engineering, to head the nation's new nuclear regulatory commission.Shunichi TanakaTanaka, 67, now helps run the nonprofit Radiation Safety Forum and has taken part in the decontamination effort in Fukushima Prefecture following last year's nuclear disaster.He has served as a special adviser to the quasi-governmental Japan Atomic Energy Agency and president of the Atomic Energy Society of Japan.The government will present the nomination to Diet leaders Friday. The choice must be confirmed by both houses of the Diet.The five-member commission, which the government aims to put in place on Sept. 3, will oversee the response to major nuclear accidents. It will also create new safety guidelines that will serve as a basis for decisions on restarting offline reactors.

    RispondiElimina
  188. L'Uranio fresco è comunque radioattivo. Sicuramente non saranno riusciti a pulire nelle parti interne dell'elemento dove circolava acqua contaminata (il Cesio si fissa molto bene sulle pareti metalliche), per cui un po' di contamianzione residua era da mettere in conto. 50 microSv/h sono una sciocchezza. Lo decontamineranno con calma in un'altra sede. Piuttosto, è noto dove li portano?

    2mSv/h a contatto all'estrazione è comunque una dose che non pone particolari problemi di gestione
    SM

    RispondiElimina
  189. Che coglioni, hanno messo tutti vicini quelli dell'ultima ricarica. Sistemarli a gruppi su rack distanti è una regola per migliorare la dissipazione di calore.
    Vabbé che non potevano sapere che avrebbero avuto 3gg di blackout ...
    SM

    RispondiElimina
  190. domanda clamorosamente OT, ma l'uranio più o meno quanto costa al grammo?

    RispondiElimina
  191. Secondo dati della WNA,
    a gennaio 2010, con uranio a 115$/kg e considerandolo sfruttato da
    reattori attualmente in funzione, questo incide per circa il 40% sul
    costo del combustibile, che incide per circa 0.71c$ sul costo di
    generazione di ogni kWh.[4]

    Fonte Wikipedia
    0.71 c contro i circa 12-13c del costo kWh ... ti rendi conto quanto poco pesa rispetto ai fossili?
    SM

    RispondiElimina
  192. http://english.kyodonews.jp/news/2012/07/170769.html
    Biricchini, cercano di mascherare le dosi?
    SM

    RispondiElimina
  193. Sfogati sui dettagli, o uccello rapace!

    http://ajw.asahi.com/article/0311disaster/fukushima/AJ201207210069
    http://fukushima-diary.com/wp-content/uploads/2012/07/TKY201207200744.jpeg

    RispondiElimina
  194. Secondo il JT memorizzano tutto nella piscina comune, non chiedermi se c'è posto però...
    http://www.japantimes.co.jp/text/nn20120719a2.html#.UAq2x2GdA80

    RispondiElimina
  195. i cretini ci sono ovunque, il Giappone e il nucleare non fanno certo eccezione.

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...