Cerca nel blog

Loading

20 marzo 2012

[Rilsolto] Primo baco del country redirect

Vi ricordate quando vi avevo detto che Blogger cambiava gli indirizzi dei Blog? Era circa un mese fa quando ci siamo accorti che accadeva qualcosa di strano e alcuni contatti al nostro blog ci apparivano con un suffisso di dominio differente dal solito. Oggi possiamo confermarvi che i nostri visitatori che si collegano da indirizzi IP appartenenti a reti italiane e giapponesi (le prime due nazioni nella classifica dei nostri lettori) verranno automaticamente reindirizzati verso domini della loro nazione.

In altre parole, per chi si collega dall'Italia a unico-lab.blogspot.com, dopo un instante vedrà comparire nella barra dell'indirizzo unico-lab.blogspot.it. Niente di eccezionale, un semplice redirect, e nessuna differenza per i lettori che non si accorgono nemmeno della transizione.


Tutto liscio quindi, come promesso da Google? Se per il momento i lettori non hanno trovato motivo di lamentarsi, per gli autori un piccolo primo problema è già stato individuato: è sparito il quick-edit! Gli autori del blog, infatti, oltre alla possibilità di leggere gli articoli pubblicati, possono anche modificarli e per fare questo hanno due vie: o passare attraverso l'interfaccia amministrativa di blogger, oppure cliccando sull'iconcina a forma di matita rappresentata nel tondo rosso nella foto di apertura.

Questa icona appare solo se il blog non è stato ridirezionato verso il dominio nazionale (.com) e per il momento l'unica alternativa per farla ricomparire è forzare la non-ridirezione. Per accedere al blog, senza che l'indirizzo venga modificato si deve aggiungere la scritta /ncr al termine dell'indirizzo, in questo modo:

http://mio-blog.blogspot.com/ncr

L'acronimo ncr sta per no country redirection, ovvero spiega al server di fregarsene di dove sono e non manipolarmi l'indirizzo.

Qui trovate il riferimento nel forum ufficiale di Blogger.

Primo baco - risolto!

Il problema descritto sopra è stato già risolto dal team di Blogger e ora è possibile non sono visualizzare la matita anche nei blog localizzati, ma questa funziona pure, permettendo di editare il post o il widget direttamente dall'interfaccia di front-end.

Secondo baco - già risolto!

Cristian che di professione si occupa proprio di siti web e di posizionamento nei motori di ricerca ci segnala un secondo baco, anche questo piuttosto importante per la diffusione e la socialità degli articoli: l'azzeramento dei contatori di "Mi piace", Tweet e +1. Volete un esempio? Guardate le due immagini qui sotto, che riportano lo stesso identico articolo tratto da unico-lab, ma visualizzato con (a sinistra) e senza (a destra) la redirect nazionale.


Segnaleremo ad AddThis, lo strumento che utilizziamo per i pulsanti di condivisione questo problema, ma non credo che abbiano una soluzione facile.

Un lettore suggerisce un baco e un altro lo risolve. Gayburg infatti ci segnala come la variabile del template data:post.canonicalUrl punti sempre all'indirizzo .com. Ho applicato il suggerimento manomettendo il plugin di AddThis con ottimi risultati come potete vedere dallo screenshot qui sotto.


Qui potete trovare il modo per sistemare questo problema.

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

19 commenti:

  1. confermo.... io vi vedo "così": 
    http://unico-lab.blogspot.jp/2012/03/primo-baco-del-country-redirect.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed:+unicolabrss+(unico-lab)&utm_content=FaceBook

    RispondiElimina
  2. yes, http://unico-lab.blogspot.fr/2012/03/primo-baco-del-country-redirect.html

    RispondiElimina
  3. Aggiungo un altro bug importante: l'azzeramento dei "mi piace" e dei "+1" dei vari post

    RispondiElimina
  4. porca pupazzola! altro baco importante, lo aggiungo subito al post! Grazie @9677790890247b972087d870d041b7a8 !

    RispondiElimina
  5. Aggiungo... come è che se clicco sul tuo di blog 
    http://cristianbuda.blogspot.com/ non vedo funziona la redirect? 

    RispondiElimina
  6. kumachanTokyo20 marzo 2012 15:33

    Sigh, sono arrivato secondo dal Giappone.
    http://unico-lab.blogspot.jp/2012/03/che-mestiere-fare-il-papa.html

    Ed i grafici dove li hai caricati che sembrano turchi?  :)
    http://www.grafici-reattori.tk/

    RispondiElimina
  7. I sognatori di Cucina e nuvole20 marzo 2012 15:52

    Mi ero accorta del redirect e della soppressione della matitina in visualizzazione post, ma cambierà qualcosa o peggiorerà? le due immagini qui su...non vedo nessuna differenza, cosa c'è che non va?
    Ale

    RispondiElimina
  8. .tk è il ccTLD di Tokelau (Nuova Zelanda!), che però ha venduto ad una società di gestione di domini il suo primo livello. Se vai su dot.tk puoi registrare un nome di dominio gratuito! 

    RispondiElimina
  9. Ciao Ale (I sognatori di Cucina e nuvole ) vero che quella della matitina mancante è una grande fregatura? Nelle due immagini, guarda i contatori di Twitter e di mi piace. Quella pagina è stata creata quando il dominio era ancora .com e ha avuto un certo numero di mi piace, adesso ai lettori che vi arrivano dall'Italia (.it) sembra che a nessuno sia piaciuta. 

    Altra cosa che mi fa un po' paura è il piazzamento nei motori di ricerca, che potrebbe subire un abbassamento perché i risultati saranno suddivisi su più domini. 

    RispondiElimina
  10. In Svizzera non siamo considerati... :)
    Entrando sul mio visualizzo sempre il ".com".

    RispondiElimina
  11. Non temere arriverà anche lì la fregatura!

    RispondiElimina
  12. e bravo Gayburg ! Ho seguito il tuo consiglio e sistemato la cosa. Adesso in effetti funziona e i social plugin usano sempre l'indirizzo .com

    se riesco scrivo un micro post spiegando come fare così da essere utile anche ad altri. 

    RispondiElimina
  13. Solo perché non mi hai visto domenica: appena scoperti gli effetti del redirect, credo di aver insultato uno ad uno tutti i dipendenti di Google mentre cercavo una soluzione (poi, fortunatamente, il fatto che il dominio locale era già stato testato per qualche mese in India ed Australia ha fatto sì che trovassi nei loro forum una possibile soluzione).

    L'unico problema apparentemente senza soluzione è che il "Mi piace" di Facebook attiva spesso il filtro anti-spam (credo dipenda dal fatto che il dominio raccomandato non è quello della pagina) e difficilmente gli utenti avranno voglia di cliccare, vedere se compare la scritta "conferma", ricliccare, attendere l'apertura di un popup e ricliccare (già è tanto se lo fanno una volta sola...).
    Poi ho il sospetto che interferisca anche con il plugin di Facebook sui post più votati (di solito è sempre stato pieno ed ora lo vedo sul mio sito con solo 2-3 link, pure un po' datati...)

    RispondiElimina
  14. In realtà ho appena trovato una soluzione ancora più semplice, almeno per mettere a post AddThis. L'idea è la seguente: visto che il plugin di AddThis cerca un link all'interno del post o della pagina index, ho modificato il template in modo che il link dietro al titolo sia il canonicalURL. In questo modo tutto il resto si è automaticamente sistemato. 

    ps. tra i dipendenti di Google ci sono alcuni miei amici, quindi dopo averne insultati un certo numero, avrei scritto una mail a loro! :)

    RispondiElimina
  15. Ho fatto un po' di prove e credo che il filtro anti-spam (non credo che spam sia il termine adatto) di facebook sia la fregatura più grossa. Ho ancora un asso nella manica che voglio provare e se non funziona mi sa che faccio un contro-redirect sul dominio .com

    Vi tengo informati.

    RispondiElimina
  16. Grazie toto per la citazione nel tuo post.
    Sul mio blog non vedi il redirect perchè poco dopo aver postato il mio commento ho testato la soluzione suggerita qui: http://danielesensi.blogspot.com/2012/03/come-disabilitare-il-reindirizzamento.htmlUtilissima, perchè in altri blog pubblico gli ads di Virgilio Banner, che col country redirect sono andati in panne! (nuovo bug).Ora però adottando questa soluzione ho un problema su Analytics: infatti nomedelmioblog.blogspot.it è diventato il principale sorgente di traffico (ovvero, azzerati i dati sulle keywords di accesso!), nonostante abbia provato ad aggiungere il profilo del ".it" al sito monitorato e cambiato il codice di rilevamento statistiche con quello "per piu domini di primo livello"...Qualche idea?

    RispondiElimina
  17. Ero piuttosto soddisfatto di aver riportato i vari counter ai loro valori corretti e poi mi sono reso conto di quanto nefasto sia l'effetto di avere il filtro-antispam su Facebook. In pratica nessuno più cliccherà sul bottone Mi piace, perché come diceva Gayburg chi vuoi che clicchi 3 o 4 volte per mettere un "Mi piace". 

    Ho valutato l'opzione del contro redirect, lo farei almeno per le provenienze più comuni tra i lettori, non che disdegni i lettori indiani o australiani sia chiaro, ma non avrebbe senso appesantire ulteriormente con uno script globale. 

    Comincio a pensare che è una soluzione "rattoppo" non sa sufficiente, ma perché sia veramente efficace dovremmo mettere intorno allo stesso tavolo gli sviluppatori di Blogger, Facebook, Twitter o almeno dei grossi plugin sociali come shareit e addthis. 

    Ma ne avevamo veramente bisogno di questo country redirect? 

    RispondiElimina
  18. Hai fatto un po' di confusione fra nrc e ncr!

    RispondiElimina
  19. Bravo @johndoe prontamente corretto, grazie mille per la segnalazione! 

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...