Cerca nel blog

Loading

22 febbraio 2012

Neutrini vs fotoni: vincono i fotoni

Vi ricordate l'epopea dei neutrini che secondo l'esperimento italiano Opera sarebbero stati in grado di viaggiare più veloci della luce? Ebbene arriva la conferma da fonti vicine al team che ha condotto l'esperimento che è stato individuato almeno un punto debole, chiamiamolo errore, che avrebbe prodotto una sottostima del tempo di volo delle particelle.

Ricordiamo brevemente i precedenti che però trovate nei dettagli in questi due post (uno e due). L'esperimento Opera, nei laboratori sotto il Gran Sasso riceve un fascio di neutrini prodotti dagli acceleratori del CERN ed è in grado di misurare il tempo impiegato dai neutrini a percorrere gli oltre 700 km che separano i due laboratori. Per calcolare la velocità bisogna conoscere tempo e spazio, entrambi sono misurati con grande precisione e ripetutamente, ma come avevamo anche noi stessi segnalato, poteva esserci un errore sistematico, ovvero che accade sempre e in ugual entità in ogni misura e di difficile individuazione a portare alla falsa scoperta.

Fonti vicine all'esperimento Opera e riportate da Science sembrerebbero, il condizionale è ancora d'obbligo, additare come colpevole la cattiva connessione di un cavo in fibra ottica. Un'inezia, ma sufficiente per generare quei 60 nanosecondi - altrettanto un'inezia - con cui i neutrini vincevano la gara sui fotoni, ovvero la luce.

E questo è il messaggio del direttore Generale del CERN, Rolf Heuer:

The OPERA collaboration has informed its funding agencies and host laboratories that it has identified two possible effects that could have an influence on its neutrino timing measurement. These both require further tests with a short pulsed beam. If confirmed, one would increase the size of the measured effect, the other would diminish it. The first possible effect concerns an oscillator used to provide the time stamps for GPS synchronizations. It could have led to an overestimate of the neutrino's time of flight. The second concerns the optical fibre connector that brings the external GPS signal to the OPERA master clock, which may not have been functioning correctly when the measurements were taken. If this is the case, it could have led to an underestimate of the time of flight of the neutrinos. The potential extent of these two effects is being studied by the OPERA collaboration. New measurements with short pulsed beams are scheduled for May.

Tutto risolto dunque? Da buoni scienziati, agli sperimentatori di Opera serve confermare che il cavo sia effettivamente l'origine dell'errore e nelle prossime misure ripeteranno i conti per vedere chi vince. Per il momento la partita sembra finita come da pronostico, tra fotoni e neutrini a vincere sono i fotoni e la relatività di Einstein che se la ride sotto i baffi!

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

6 commenti:

  1. C'era da aspettarselo! :-)

    RispondiElimina
  2. Da un certo punto di vista è meglio così. Mi piace vivere nelle mie certezze!

    RispondiElimina
  3. No, no... il problema è che i neutrini di Science non hanno usato il tunnel Gelmini, per questo sono stati più lenti dei fotoni: fuori dal tunnel c'era coda. :)

    Saluti,

    Mauro.

    RispondiElimina
  4. Il tunnel Gelmini sarà sicuramente più ricordato nel futuro di editare questa mancata scoperta.

    RispondiElimina
  5. da un certo punto di vista non poteva essere altrimenti :-) anche se il problema era impossible da vedere da qui.

    Valeriano

    RispondiElimina
  6. AnonimaFrancese23 febbraio 2012 18:34

    http://www.meteogiornale.it/notizia/22641-1-neutrini-piu-veloci-della-luce-esperimento-da-ripetere

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...