Cerca nel blog

Loading

6 dicembre 2011

[Howto] Come dividere un video in più parti

Il nuovo look di Youtube
Vi ricordate quando anni fa avevo scritto un piccolo tutorial su come fare a unire due video in un unico file avi? L'idea di base era quella di salvare sul proprio pc alcuni video presi da servizi come Youtube e poi accodarli uno all'altro per vederli senza interruzioni.

Youtube permette di caricare anche video con durata superiore al limite generale di 15 minuti, ma solo agli utenti che hanno una fedina penale pulita, ovvero che hanno sempre rispettato le regole della community e che non hanno mai infranto nessuna regola antipirateria. Purtroppo questa è solo una teoria, perché come potete leggere da questa lunghissima discussione, esistono decine di utenti assolutamente regolari, tra cui io, che per qualche strano motivo sono finiti sulla lista dei cattivi e niente video lunghi.

Unendo insieme due famosi detti popolari: "Se Maometto non viene alla montagna" e "Nulla è impossibile a Linux", ho trovato una soluzione temporanea a questo problema: ovvero usando ffmpeg spacco il file in due o più segmenti in modo che ognuno di essi abbia durata inferiore ai maledetti 15 minuti, li carico sul tubo e poi li incateno uno dietro l'altro usando le annotazione di Youtube.

E' una soluzione per poveretti? Sì lo è, ma per il momento è l'unica che ho trovato.

Dividere in parti

Spaccare un video con linux è estremamente banale e io mi trovo talmente bene a farlo da riga di comando che non sprecherei nemmeno un ciclo di CPU per aprire un'interfaccia grafica. Quello che vi serve è FFmpeg, che in genere è presente bello che impacchettato nella vostra distribuzione preferita e nulla più. Quello che dovete fare è digitare il comando seguente da un terminale

ffmpeg -vcodec copy -acodec copy -i video.wmv -ss 0 -t 100 video1.wmv

Solo per chi non è famigliare con FFmpeg, spiego la sintassi di questo comando. Le opzioni -vcodec e -acodec, entrambe settate a copy, istruiscono FFmpeg a non fare alcuna conversione di formato, encoding e incapsulamento. FFmpeg, prende il file di input (specificato da -i) e lo copia esattamente in un file di uscita (video1.wmv) ma partendo da il secondo 0 (opzione -ss) e per una durata di 100 secondi specificata -t. Sia -ss sia -t accettano anche nel formato h:mm:ss.sss. Per l'ultima frazione del video potete anche evitare di specificare la durata, il processo si arresterà alla fine del video.

Accodare dopo su Youtube

Fin tanto che non Youtube non mi avrà ripulito la fedina penale, non ho troppe alternative e posso solo caricare video fino a 15 minuti. Ma posso aggiungere alla fine di ogni parte un link alla parte successiva. A tale scopo, si possono usare le Annotazioni di Youtube in modo da far apparire una nota, diciamo quando mancano una trentina di secondi alla fine del video, così che l'utente possa cliccarci sopra e passare direttamente alla parte successiva. Aiuta anche mantenere il titolo di tutti i video uguali mettendo tra parentesi (1/2), per esempio, per indicare che si tratta del primo di due video. In questo modo è possibile che il tubo proponga nei video correlati la parte successiva.  Qui a lato, vedete un esempio di come ho fatto...

Post Scriptum

Se vi sembra che questo tutorial sia totalmente inutile, avete anche ragione. Più che un tutorial è un reminder, per ricordarmi come ho fatto e ripetere i passaggi la volta successiva. :)

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

1 commento:

  1. AnonimaFrancese6 dicembre 2011 23:48

    ;.) TE LA RIDI E TE LA CANTI DA SOLO IN SOMMA ;.)))

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...