Cerca nel blog

Loading

4 gennaio 2013

L'irrazionalità della paura

Oggi quando ho visto questa infografica pubblicata su Facebook (su questa pagina che vi consiglio) non ho resistito alla tentazione e l'ho subito ricondivisa e ora ne amplio la diffusione anche su queste pagine. La grafica mette in evidenza come le paure più comuni siano scatenate da fattori che in concreto sono molto meno probabili di altri con i quali siamo abituati a convivere e che quindi non ci fanno affatto paura.

Tra queste pagine, abbiamo spesso parlato di questo effetto e di quanto la paura sia irrazionale. La mia convinzione è che solo con la conoscenza si può superare quella barriera di irrazionalità che ci fa temere il morso di uno squalo molto di più dell'influenza stagionale.

Se proprio non si riesce a razionalizzare la paura, almeno cerchiamo di collocarne le cause nel giusto contesto!

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

2 commenti:

  1. Luca Bertagnolio5 gennaio 2013 09:24

    Anche io la ho condivisa subito, Toto. Mi e' molto piaciuta perche' evidenzia molto chiaramente la troppo frequente mancanza di spirito critico nella gente. Anche se le cifre non fossero precise, alla luce del fatto che certi confronti sembrano un po' mele con banane, ma ha comunque un certo appeal...


    Buon 2013!


    Ciao, Luca

    RispondiElimina
  2. Ho notato anch'io questa discrepanza tra i confronti, ma il discorso generale resta validissimo!


    Grazie Luca e buonissimo 2013 anche a te!

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...