Cerca nel blog

Loading

2 aprile 2012

[Risolto] Lab trivia: la pompa turbomolecolare

Le regole del gioco sono semplici, ci state ad indovinare a cosa appartiene il particolare ritratto nella foto qui sotto? La soluzione dopo il salto



La pompa turbomolecolare

Il vincitore di questo primo Lab Trivia è stato Roberto, il quale ha indovinato che il dettaglio nell'immagine è preso dal rotore di una pompa turbomolecolare (foto integrale qui a destra). L'occasione è quindi particolarmente buona per cercare di spiegarvi cosa sia e come funziona.

Quando si inizia a fare il vuoto all'interno di una struttura a tenuta stagna, la pompa funziona come un'aspirapolvere, ovvero c'è un flusso intenso di aria che esce dalla camera che si svuota e passando attraverso la pompa finisce nell'ambiente esterno. A seconda delle dimensioni della camera e della velocità di pompaggio, questa fase dura relativamente poco, ma non riesce a garantire livelli di vuoto troppo spinti. Ad un certo punto le pompe rotative "standard" raggiungo un livello massimo oltre cui non riescono ad andare.

Il motivo è presto spiegato, il gas residuo all'interno della camera a vuoto non si comporta più come un fluido classico, le singole molecole di gas sono talmente distanti le une dalle altre da non interagire più tra di loro. Il risultato è che le molecole di gas hanno maggior probabilità di scontrarsi con le pareti della camera durante il loro moto rispetto che contro altre molecole.

E' in questo regime che comincia ad operare efficacemente una pompa turbomolecolare, il cui nome è formato dalle parole turbo, a causa della struttura molto simile ad una turbina, e molecolare perché agisce sulle singole molecole. Una turbomolecolare è composta da un certo numero di strati di rotori e statori, ovvero di eliche che girano e altre che stanno ferme. L'inclinazione delle palette dei rotori è opposta a quella degli statori e si va da inclinazioni importanti sul lato rivolto verso il vuoto ad angoli sempre minori andando verso l'uscita.

I rotori girano a velocità angolari folli, decina di migliaia di rotazioni per minuto. Quando una molecola di gas colpisce una delle palette, riceve un impulso che, per come è fatta e come gira, tende ad inviarla verso lo strato inferiore dove colpirà lo statore. L'orientazione delle palette e la rugosità delle superfici è tale per cui è massimizzata la probabilità di convogliare il maggior numero di molecole dalla camera a vuoto all'uscita.

Una turbomolecolare deve essere azionata. Se fatta pompare contro la pressione atmosferica o comunque con pressioni troppo elevate verso l'uscita, le palette vengono sollecitate troppo e si rischia di spezzarle mandando la pompa in un milione di pezzi. Anche l'arresto deve avvenire con attenzione, infatti dopo aver interrotto l'alimentazione, i rotori continueranno a velocità molto elevate per alcuni minuti grazie alla quasi completa assenza di attrito. E' importante iniziare a far entrare aria lentamente e solo quando la velocità è già piuttosto bassa in modo da non caricare troppo le "ventole".

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

16 commenti:

  1. ROBERTOPUTANO2 aprile 2012 14:46

    ventola di raffreddamento della tua povera cpu :-))) dai che c'ho indovinato!!

    RispondiElimina
  2. se fosse stata la mia ventola probabilmente avevo un super computer della NASA

    RispondiElimina
  3. Dietro non è aperto, quindi deve smuovere aria/qualcosa, ma non farla passare attraverso.
    Ci sono residui grossi.
    La parte di un'autoclave/centrifuga?

    RispondiElimina
  4. non è un'autoclave/centrifuga (e così mi hai bruciato altri due possibili trivia :)

    dietro è aperto, solo che non si vede perché c'è uno statore e questo è un grosso aiuto. E fa passare attraverso qualcosa...

    RispondiElimina
  5. Riprovo: un compressore?

    RispondiElimina
  6. in un certo senso comprime, ma non la chiamerei compressore (e ho dato 2 indizi)

    RispondiElimina
  7. comprime ed è femminile. Ma non è un'autoclave/centrifuga.
    ...mumble mumble...

    RispondiElimina
  8. Beh, le lamelle hanno la forma tipica di quelle di compressori di (relativamente) piccole dimensioni o di quelle di ventole di grosse dimensioni (tipo i ventilatori presenti nei tunnel). Ne vedo quotidianamente qui alla Siemens dove lavoro.

    Non sarà una ventola per l'impianto di aerazione del laboratorio?

    L'unico problema è che la foto non ti da la benché minima indicazioni su qualli potrebbero essere le dimensioni reali...

    Saluti,

    Mauro.

    RispondiElimina
  9. Non è una ventola della ventilazione e mi sono giocato un altro trivia! Ti dirò che le dimensione reali contano relativamente poco. In laboratorio ne ho di almeno quattro dimensioni differenti. Sono del tutto identiche cambia solo il raggio delle pale e il numero verticale degli elementi.

    Aggiungo un aiuto. Soffre la presenza del campo magnetico...

    RispondiElimina
  10. Roberto Putano3 aprile 2012 07:32

    Dunque dopo una serie di congetture su facebook sono giunto alla conclusione che e' una pompa turbomolecolare

    RispondiElimina
  11. E bravo Roberto! Abbiamo un vincitore alla prima edizione del Lab Trivia! Adesso devo scrivere l'approfondimento su questo tipo di pompa che elimina manciate di molecole alla volta.

    RispondiElimina
  12. ROBERTOPUTANO3 aprile 2012 08:42

    che strepitosa sorpresa sono il primo vincitore del trivia di unico-lab...sono onorato!!

    RispondiElimina
  13. ROBERTOPUTANO3 aprile 2012 10:07

    ma solo perchè non c'era Anonima...altrimenti vinceva lei!

    RispondiElimina
  14. Avrei detto un close-up di un rasoio elettrico :)

    RispondiElimina
  15. Ho messo una descrizione della pompa turbomolecolare e di come funziona. Settimana prossima, altro trivia!

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...