Cerca nel blog

Loading

20 febbraio 2012

Giornalisti per la seconda volta dentro Fukushima Daiichi


Pio d'Emilia, giornalista di Sky TG24, ci ha inviato sulla nostra pagina Facebook il resconto comune scritto dai giornalisti che per la seconda volta oggi sono potuti entrare nella centrale disastrata di Fukushima. Al testo, lui aggiunge che si è trattata di una visita un po' "sovietica" in termini di vincoli e restrizioni.

Ecco il testo del comunicato stampa, nel quale mi sono permesso di correggere l'utilizzo improprio di mSv come abbreviazione di microSv.




Fukushima Pool Report

We met at the rendezvous point of HIRONO Station, about 230km northeast of Tokyo and 25km south of the Fukushima Daiichi nuclear plant. A convoy of TEPCO vans took us to J-Village, which sits just outside the border of the 20-km exclusion zone around the plant and is the headquarters for the nuclear cleanup.

J-Village bustles with activity. Workers in white DuPont TVYEK protective suits and masks arrive and leave throughout the day for stints at the plant. There are hundreds of cars in the car park, along with trucks bearing the logos of TEPCO, Hitachi, Kashima Kensetsu and many other companies, along with fire engines and police cars.

After an all-body radiation check, we were briefed by TEPCO officials, and instructed on how to wear our suits, gloves and radiation masks. We are assigned numbers and given individual dosimeters then began by bus the roughly 45minute journey to the plant. We were told to leave personal cameras and cellphones behind. (David McNeill took his but it was later confiscated by a TEPCO official at the plant). The radiation level at J-Village was 0.5 microSv per hour according to TEPCO. Our own dosimeter showed 0.86 microSv per hour.

We entered the exclusion zone at NARAHA town at 8:54AM through a convoy of police cars and trucks and then through TOMIOKA, OKUMA and FUTABA. We passed the Fukushima Daini plant between NARAHA and TOMIOKA. From TOKIOKA, the radiation level began rising sharply, from 1.5 (microSievert, hereafter microSv) to 7.68 microSv in OKUMA and 9.9 microSv about 1KM from the plant, at which point the radiation exceeded the level of our dosimeter and we had to rely on TEPCO. From TOMIOKA on, the bus was filled with a symphony of bleeps from counters. TEPCO said the reading at the main gate was 15.0 microSv and 40 microSv before we entered the onsite crisis management center (MENSHIN JYUUYOUTOU)

Inside the center the air was filled with the sound of filters working to keep the exterior contamination at bay. TEPCO officials explained that about 3000 people work at any one time at the entire nuclear plant. We saw hundreds of people wearing various states of protective gear. There were makeshift beds and cots throughout the building. Inside the central control center, workers in utility suits, many wearing masks, huddled around computers. The room was dominated by three large screens: one monitoring j-Village and different parts of the Daiichi plant; another showing exterior shots of the four most damaged reactors and a third bank of small screens showing live feeds of the main TV networks in Japan. A large digital readout on the wall showed the radiation level inside the room, which used MilliSieverts not MicroSv, and therefore read 0.000. Our dosimeter said 0.68MicroSV.

Plant manager Takeshi TAKAHASHI arrived for an interview. He explained that he replaced Masao YOSHIDA in December after Yoshida fell ill (with cancer). He apologized for causing so much trouble to the people of Japan and thanked everyone, including people abroad, for all their help. He said because of this assistance the plant has now achieved cold shutdown. He said his task is now to make sure reactors 1-4 are safe and stable and ensure no radioactive substances escape. “Our main challenge now is to remove the nuclear fuel from the reactors. It’s a technically very difficult problem, but we want to take it step by step.” He was asked repeatedly about the temperature of the No.2 reactor, which last week reportedly climbed alarmingly, and he blamed it on a single faulty thermometer – one of three. “The plant has reached a state of cold shutdown. We will try to allow people to return to their homes as early as possible.” We were struck by how tired and drawn Takahashi looked -- there were some questions about his health, which he swatted away.

We were then taken on a tour of the six reactors, past 1 to 4 first. Reactor 1 is now completely covered with a tarpaulin-like structure so we couldn’t see the damage; reactor 2 appeared undamaged; reactor 3 was the most damaged and is a mess of tangled metal; it appears to have lost its top floor, which was blown off in the force of the March explosion. The radiation reading at the seafront-side of the reactors was 100microSv (Reactor 1), 300 microSv (Reactor 2), peaking at 1500microSv in front of reactor 3. Reactor 4 was also badly damaged but TEPCO officials said the damage was sustained from the force of the reactor 3 explosion. About a dozen workers could be seen on the roof of the reactor 4 building.

Black pipes ringed the back of the buildings. These are recycling contaminated water from the reactors, we were told. The pipes are surrounded by a bank of earth and clay to stop leaks into the sea, after some of the pipes previously sprang leaks. We saw about 100 new, very large 1000-ton water tanks on a ridge about 20 meters from the reactors, which are being used to store contaminated water from the reactors. A building crew was leveling land next to the tanks, apparently to make more room. TEPCO said in April the existing tanks will be full so they are trying to make more space.

We were taken back to the control center where we interviewed some workers at the plant:

Yasuki HIBI, an engineer with KAJIMA KENSETSU. He heads a team of 50 workers who are responsible for removing debris. He said conditions had improved a lot for the workers at the plant, but they still have to limit work to two three-hour shifts a day. “It’s still too dangerous for workers to enter reactor no.3.”

Kazuhiro SAKAMOTO, a worker with TODEN KOGYO. His job is to find workers and purchase equipment. “The worst time was when the radiation was 250 MiliSV (per year – the maximum, temporary government limit) and we couldn’t find people to do the work. We could only work in two-minute busts, when we were extracting cesium from contaminated water.

Hiroyuki SHIDA. Responsible for cleaning every vehicle going in and out of the zone. “The most difficult job was ensuring our people were not exposed to too much radiation. So we needed a lot of people, a sea of people, and they had to change frequently. It was a lot of trouble. Everyone needs a full-body check every day.”

At the end of the day we handed in out individual radiation counters. McNeill’s said he had absorbed 71 microSv during the four hours at the plant.

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

28 commenti:

  1. Foto da Fukushima

    http://www.guardian.co.uk/environment/gallery/2012/feb/20/inside-fukushima-in-pictures#/?picture=386219736&index=9

    RispondiElimina
  2. AnonimaFrancese20 febbraio 2012 19:44

    farina del tuo mulino  Vale?? ;.) 

    RispondiElimina
  3. AnonimaFrancese20 febbraio 2012 19:51

    ecco li scrissi a aprile 2011...........

    RispondiElimina
  4. Macché figurati... non ne so niente di questa storia. E' che le cose vanno come ti ho detto.

    RispondiElimina
  5. Su dai non fare la permalosa, sarà stato impegnato!
    :-)

    RispondiElimina
  6. AnonimaFrancese20 febbraio 2012 22:06

    come no..........hai ragione....cosi faticoso dare una risposta con 60 lettere in fila!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Dai...su..... lascialo perdere e scrivi a mè....prometto che ti rispondo :))))

    RispondiElimina
  8. Cara ????? fidanzata di????? Boh. Ti assicuro che non so di cosa parli.Ma mi dispiace molto essere additato come uno stronzo che non risponde alle mail. Penso di essere, in assoluto una delle persone che risponde di più alle mail, anche di sconosciuti (meno ai messaggi su Facebook, che frequento solo saltuariamente). Quindi delle due l'una. O la mail non l'ho mai ricevuta (in questo caso rimandamela) oppure davvero mi è sfuggita, cosa improbabile ma possibile, visto che lo scorso aprile ero in effetti abbastanza incasinato e ne ricevevo centinaia al giorno. Ma concedimi il beneficio del debbio e ....riprovaci. Anche perchè a questo punto sono curioso di capire di chi tu sia la fidanzata....l0unica persona con cui lavoro.....regolarmente infatti è felicemente sposata e non mi sembra il tipo da avere un'altra relazione, un altro è gay dichiarato.....illuminami!

    RispondiElimina
  9. AnonimaFrancese21 febbraio 2012 09:27

    caro Pio . qui mi conoscono come Anonima....nacque per gioco e cosi è da un anno , e seppur lontani con alcuni ci conosciamo dal vivo  ( e certo è che dopo 1 anno ormai di "vita in comune con diversi ci si conosce piuttosto bene)...;.) ma il "chi e il come" te lo dirò nel solito messaggio a questo punto :-)  e chissà forse.... sono la fidanzata del tuo amico gay?  Poi tu lavori per un azienda composta da qualche migliaia di persone mi pare? e visto le sedi vi conoscete tra di voi....in questo mi sono espressa male...dicendo "lavora con" .avrei dovuto dire."lavora per la stessa azienda" .....ma al di la di questo vi conoscete comunque ;.) questo lo so per certo .!
    Comunque  te ne mandai  4 di messaggi su FB anche  perché non avevo la tua mail personale  : di cui i primi due per congratularmi con te per i tuoi doc che presentai allora a Unico-lab  e che furono messi  in apposita cartella per i documentari inerenti,  e altri  per invitarti , a più riprese,a venire su questo blog serio composto da persone che si dedicano e si ammazzano da un anno, per tenere viva questa memoria e la  traccia completa degli avvenimenti , senza per questo pretendere nulla e con puro spirito professionale e di serietà----E noterai come me, che questo è lodevole e raro. In molti iniziano e quasi nessuno va avanti ! Qui tutti son andati avanti e infatti la traccia e la memoria completi sono a disposizione di tutti...... questo ti spiegai nei miei messaggi sapendo quanto hai a cuore tutta questa vicenda che hai vissuto di prima persona entrando il più vicino possibile alla centrale subito a ridosso del terremoto 

    Ma se sei su questo blog oggi , non certo pubblicizzato  da quale "porta"  o come mai sei entrato su Unico lab allora, se non hai mai letto o ricevuto i miei messaggi? comunque benvenuto e continua a seguire i ragazzi qui se vuoi avere notizie e spiegazioni chiare e dettagliate su Fukushima  :-) ciao e buona giornata :-) AF 

    PS aggiungo che un lavoro come questo che hanno fornito gli "Unico-labisti " con in testa  il suo fondatore toto;-)  merita assolutamente di essere riconosciuto  e preso in considerazione a parer mio....sapessi quante mail allora, quanta carta inviata qui e li  per farli riconoscere..anche perché tra gli scritti seri in sequenza sulla storia della centrale . questi sicuramente lo sono ! ciao ancora 

    RispondiElimina
  10. Ragazzi, AnonimaFrancese e @d305c89dc159c2fc10712b9cb3a435f8 suggerirei di metterci una pietra sopra, cosa dite? In fondo siamo tutti sulla stessa barca :)

    RispondiElimina
  11. AnonimaFrancese21 febbraio 2012 09:39

    Ma toto sono d'accordo e non c'era acredine nel mio messaggio per Pio.....sicuramente saranno stati smarriti  i messaggi e non li avrà letti, ma li do semplicemente  una risposta per farli capire come sono andate le cose da parte mia... tutto qui....detto e fatto questo ,il mio era anche un benvenuto .............;.) ciao 
    PS a proposito Pio da che parte sei dle pianeta sei ora? 

    RispondiElimina
  12. AnonimaFrancese21 febbraio 2012 09:48

    ma mi spiegate che cavolo ha disqs da due giorni che deforma le parole?????

    RispondiElimina
  13. In risposta a questo commento di AnonimaFrancese :

    deforma le parole? non è che hai un po' di febbre anche tu? 

    RispondiElimina
  14. Allora, cara "anonima",  ultima replica perchè davvero mi sembra assurdo, dopo aver apprezzato per mesi la qualità di "unicolab" (citandolo ripetutamente anche nel mio libro), essere proprio io ad occuparlo con questa surreale querelle. Ti ripeto, non ho memoria dei tuoi messaggi, e su "unicolab" non ci sono capitato nè per caso nè grazie alla tua segnalazione. Ci sono "andato", e fin dai primi giorni, su segnalazione di altre persone. Per il resto, ti prego, svelati in privato, mandami un messaggio su Facebook o, meglio ancora, sulla mia mail privata, che è piodem@fccj.or.jp, così liberiamo il campo da queste frattaglie e facciamo un po' di sano gossip...."aziendale".  Grazie a tutti per la pazienza e complimenti a toto e tutti gli altri per il vostro lavoro. E' possibile (ma non ancora sicuro) che marted' prossimo vada io stesso all'intyerno della centrale. Vi sarei molto grado se mi poteste dare qualche idea, qualche suggerimento su dove guardare e cosa chiedere....in privato magari è meglio. La mail ora ce l'avete. 

    RispondiElimina
  15. primo, appena mi passa la febbre, vado in libreria a comperare il libro di Pio, sia mai che l'unica volta che unico-lab finisce in un libro e me lo lascio scappare.

    secondo, adesso rigiro il tuo invito anche sull'altro post, dove c'è la discussione tecnica, così magari veniamo ad una proposta "unitaria" che ti mandiamo in privato. 

    grazie per i complimenti, ma io ho fatto e continuo a fare poca roba, specie poi se confrontato a quelli che da circa un anno si stanno spaccando le ossa e logorando nello spirito per rimettere in sesto il disastro nella centrale. 

    RispondiElimina
  16. Perfetto, grazie. Fammi sapere se hai difficoltà a trovare il libro, pare sia pressochè introvabile in libreria. L'unico modo forse è ordinarlo direttamente sul sito della "manifesto libri". Oppure mandami l'indirizzo che te ne faccio spedire volentieri una copia omaggio...E' uscito anche in giapponese...30 mila copie già vendute...日本の問題

    RispondiElimina
  17. Vorrei segnalarvi quest'ottimo articolo sul Telegraph: The world has forgotten the real victims of Fukushima

    RispondiElimina
  18. semplicemente osceno..... per il semplice fatto che i primi mesi non era affatto uno "spauracchio nucleare" la centrale di fukushima...anzi ha tenuto   sulle spine parecchie persone con l'incognita di cosa potesse succedere .
    è facile scrivere queste cose un'anno dopo sapendo che non è accaduto fortunatamente nulla di "apocalittico" .

    RispondiElimina
  19. No spetta, il punto è che in 24-48h i morti e la devastazione vera sono spariti. Non è che si è parlato anche del problema nucleare con le dovute proporzioni e cautela (ci hanno ricamato su tutti in modo apocalittico approfittando proprio della scarità iniziale di informazioni), ma solo di quello.

    RispondiElimina
  20. Ok un anno fa le cose potevano anche sembrare diverse e per questo l'articolo lo scrive adesso sottolineando più volte come con il senno di poi ci si sarebbe dovuti fidare un po' di più di chi cercava di avere una visione razionale. Dico una visione razionale, non di minimizzare; le cose sono ben diverse. Abbiamo "conosciuto" personaggi che di fronte ad ogni cosa vedevano scenari apocalittici e altri che non riescono a vedere gli errori nemmeno quando sono assolutamente evidenti.

    I morti dello tsunami e i danni economici del disastro naturale sono stati dimenticati istantaneamente, su questo non si può che essere d'accordo, almeno da noi, a scapito del disastro nucleare.

    Il disastro nucleare ha creato disagio, che è normale. Si parla ancora delle povere persone che vivono fuori dai 20 km, ma non di chi ha perso la casa, il campo, il lavoro perché spazzato via dall'onda nera.

    Il messaggio di fondo è che serve una maggiore formazione per superare le paure irrazionali e in questo la stampa internazionale ha fallito in pieno, montando la paura, aumentando la confusione, stimolando la sensazione di insicurezza.

    La stampa non è l'unica colpevole in questo rispetto. Anche il governo e gli enti preposti non sono certo sempre stati un esempio di trasparenza e chiarezza.

    RispondiElimina
  21. Takahashi esclude un'eventuale criticità, Un breve video 
    http://www.guardian.co.uk/environment/2012/feb/20/fukushima-manager-dismisses-fears-overheating 

    RispondiElimina
  22. AnonimaFrancese22 febbraio 2012 10:43

    questi le abbiamo ?  2  video della visita? 
    http://fukushima-diary.com/2012/02/live-inside-of-fukushima-plants/#.T0Obwy8H4ck.facebook

    RispondiElimina
  23. Ciao, sperop ti sia passata la febbre,,,,nel frattempo ti/vi chiederei davvero se, in occasione dell'anniversario, non vi va di predisporre un bel documento che faccia un po' il punto della situazione, Sarei felice di citarlo sia pr lo speciale di Sky TG 24 che per il reportage sull'espresso che uscirà il 2 marzo (e che quindi debbo chiudere entro lunedì 27....)

    RispondiElimina
  24. Solo per dirti che non ho più ricevuto la tua famosa mail privata, nè ulteriori messaggi su Facebook. Per la cronaca....visto che mi accusavi di non rispondere....

    RispondiElimina
  25. In risposta a questo commento di @d305c89dc159c2fc10712b9cb3a435f8 :

    La febbre sì, l'influenza no. Oggi sono andato al lavoro perché avevo un impegno improrogabile, ma forse era meglio stare a casa. 

    Grazie mille per la proposta, lunedì è come se fosse oggi, ma ho almeno un paio di ritagli di tempo in cui posso scrivere.

    Non sei il primo che ci chiede un sunto ad un anno ed in effetti l'idea è molto interessante. Ti sto preparando un paio di domande che abbiamo raccolto e meditato, spero di potertela inviare domani mattina (CET). Adesso chiedo un po' di aiuto e vedo cosa riusciamo a mettere giù per lunedì.... 

    RispondiElimina
  26. AnonimaFrancese24 febbraio 2012 22:10

    @d305c89dc159c2fc10712b9cb3a435f8  Ti rispondi d qui perché sotto non c'e posto: E una settimana di fuoco e con il mio lavoro è cosi...quando poco quando tutto..... e preferisco cosi! queste sono le settimane corsi- convegni-i treni -partenze- ritorni- via- pronti -e sei gia ripartito...e la prossima sarà ancora peggio! quindi appena possibile e con calma ti risponderò....ciao ;.) 

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...