Cerca nel blog

Loading

30 dicembre 2011

Un salto nel mondo di Fedora 16

Primo incontro con Linux Fedora 16


Eccoci qua con un post diverso dal solito. Vedremo come passare da un lento e mastodontico PC portatile con Windows Vista ad uno snello e agile con Linux, nella varietà Fedora 16! Il portatile in questione è un ACER Extensa 5630Z e la scelta di Fedora invece delle più note Ubuntu o Debian è fondamentalmente dettata da ragioni storiche (provengo dalla vecchia RedHat, da sempre la mia preferita).
Ho preso delle foto dello schermo nelle fasi salienti della procedura, la qualità non è il massimo, ma in genere si riesce a distinguere quello che occorre vedere. Bene, rimbocchiamoci le maniche e partiamo!


Situazione di partenza

Ave Caesar, morituri te salutant!
La situazione di partenza è illustrata nella foto a lato.

Come si vede, si tratta di un malato terminale con Vista (da notare nell'angolo in basso a destra la quantità di strumenti necessari per mantenerlo in vita correttamente). Ben presto procederemo all'eutanasia.

Il malato è... malato perché ormai prendeva 15-20 minuti di orologio per caricare, scrivere e ravanare sul disco rigido, fra firewall, antivirus e aggiornamenti vari. Hai voglia a deframmentare! Ed è terminale perché in queste condizioni non poteva durare a lungo...

Eliminazione di Windows

Non vogliamo mica scoprirlo dopo, vero?
Verifichiamo innanzitutto che il DVD che abbiamo creato con la distribuzione di linux sia senza errori: non vogliamo certo scoprire che la copia è venuta male al momento dell'installazione e con il PC piallato!

La prima cosa da fare, visto che vogliamo un sistema Linux "pulito", è sopprimere la vecchia versione di Windows. Nulla di più facile (distruggere è sempre più facile che conservare!), cerchiamo la partizione del sistema operativo (quella corrispondente al disco C:) e la sopprimiamo. Naturalmente, questo è possibile farlo a cuor leggero solo se tutti i dati di interesse sono in un'altra partizione, una operazione che è sempre saggio fare!
Il disco prima della cura
Per fare questo, c'è un simpatico programmino live (che parte direttamente da CD): GParted. Questa utility permette di gestire le partizioni di qualunque disco senza essere appoggiato a un sistema operativo. Una volta lanciato il programma si vede quindi lo stato dell'Hard Disk attuale:

Troviamo quindi una partizione da circa 10 Gb (PQSERVICE) che è utilizzata da ACER solo per conservare i dati di ripristino e che sono gli stessi del CD di ripristino (che ognuno dovrebbe fare all'acquisto), una partizione Acer, che corrisponde al disco C: in cui c'è il sistema operativo, e una partizione DATA, il cui uso è chiaro :-), più una piccola parte di circa 3Mb non allocata. Lo stato finale che ho scelto in questo caso è una zona di 20 Gb all'inizio del disco rigido per accogliere il sistema operativo e i restanti 129 Gb per la partizione DATI (ex disco D:):
Il disco dopo la cura

Installazione di Fedora

Poco da dire, fortunatamente. Si prende il DVD, si fa partire il sistema e si seguono le istruzioni. Ad un certo punto, si avrà la schermata che permette di scegliere il tipo di installazione. Nel mio caso ho scelto "Usare lo spazio libero" e ho spuntato la casella "review and modify partitioning layout".

Passiamo alle cose serie!
In questo modo, la schermata successiva mostrerà tutto quello che l'installatore farà:

Tutto a posto? Sicuri? La accendiamo?

Assicurarsi che tutto corrisponda a quello che si vuole, confermare e seguire le istruzioni a video. La dimensione delle diverse partizioni linux (/, /boot, swap) sono state correttamente calcolate dall'ottimo installer e non è stato necessario modificarle a mano. Questa è un'ottima cosa, linux ci ha già abituato da tempo a questo.
Nota importante: nel primo tentativo di installazione ho fatto l'errore di non connettere il computer alla rete. In realtà anche se tutto il sistema è sul DVD, ho notato che deve essere collegato alla rete via cavo (perché a questo stadio probabilmente l'installazione non è in grado di riconoscere una rete Wi-Fi). Niente paura, compare una finestra dove chiede di configurare la rete (cavo eth0 o Wi-Fi Wlan0), è sufficiente configurare la fissa eth0 e non saltarla, come ho fatto invece io :-) Se non si fa questo, l'installazione arriva comunque correttamente in fondo, il sistema parte correttamente, ma il database repository non sarà corretto e ho trovato impossibile installare/disinstallare le applicazioni e configurare il sistema. In fondo metterò una schermata di errore di esempio in questo caso.

Il pupetto (Fedora 16) è pronto

Seguite tutte le istruzioni fino alla fine e riavviato il PC, ci si ritrova con la schermata di connessione tipica:

Ci siamo quasi...
Una volta connessi, si arriva al desktop. Occorre subito dire che rispetto alla Fedora 14, è molto diversa (non ho idea di come sia la 15):

Le grand Bleu!
Notiamo subito lo splendido sfondo di default a tema marino... davvero molto bello! La foto purtroppo non è chiara, ma vediamo qualche elemento base di questa interfaccia. In alto a sinistra notiamo la voce "attività". E' da lì che parte tutto. In alto al centro troviamo la data e l'orario, in alto a destra troviamo alcune icone, fra cui il volume altoparlante, la connessione di rete, la batteria (nel caso del portatile) e l'utente connesso. Cliccando su "attività", possiamo iniziare a lavorare:

Il pupo emette i primi vagiti!
Lo so che la foto è un equivalente a basso costo della dolce euchessina, ma vediamo cosa si può dire. A sinistra compaiono la barra delle applicazioni e due voci cliccabili: "Finestre" (poco visibile) e "applicazioni", che mostra a tutto schermo le applicazioni disponibili nel sistema. A destra è presente un filtro per selezionare le applicazioni (ad esempio, Accessori, Audio e video, Giochi, ecc.). Da notare in basso la finestrina che indica che il disco DATA è stato montato. Una volta cliccato sopra, questa finestra si trasforma in una sobria iconcina in basso a destra.
Non resta che configurarsi il sistema a proprio piacimento!

Riporto la schermata di errore che ho avuto nella prima installazione:
Oops! (ovvero: leggere sempre TUTTI i messaggi)
Si vede come quando si cerchi di aggiungere software o semplicemente aggiornare il database delle applicazioni si ottenga un non molto incoraggiante: "Database Disk image is malformed".

Impressioni preliminari

E' presto per trarre conclusioni definitive, però qualche cosa si può dire. l'interfaccia è cambiata, e dire se è meglio o peggio è solo questione di gusti. Personalmente, per ora preferisco ancora il vecchio stile. L'impatto visivo è però davvero degno di nota.
La facilità di installazione rimane notevole e difficilmente qualcosa può andare male. Nessuna difficoltà neanche sul portatile usato, tutto va al posto giusto al primo tentativo (a parte errori personali, di cui il sistema non ha colpa!). Nessuna necessità - almeno per il modello usato - di cercare driver aggiuntivi. Una cosa cui gli utenti di Fedora/redHat erano già abituati.
L'impressione generale ricavata da una prima e sommaria navigazione è di un sistema scorrevole, nella linea dei precedenti quanto a fruibilità e sicuramente anche per quanto riguarda la robustezza. Lo Yum extender (una utility grafica per gestire i pacchetti installati sul sistema, che trovo eccellente) deve essere installato a parte come nelle precedenti versioni, e vale senz'altro la pena farlo. Il resto lo si vedrà con l'esperienza di tutti i giorni.

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

23 commenti:

  1. Bravo Valeriano! Ottimo lavoro. Sul portatile di mia moglie, che uso quasi sempre io!, ho windows 7. Ho cercato di convincerla di mettere una qualche distribuzione di linux, ma lei ha detto che se voglio continuare ad usarlo saltuariamente, deve restare windows. 

    Ma che sistema di finestraggio hai installato? E' da parecchio tempo che non vedo la faccia di Kde e l'aspetto di Gnome è cambiato ultimamente (io sono ancora felicemente con Ubuntu 10.10), ma dalle immagini mi sembra xfce... giusto?

    RispondiElimina
  2. Incontro più o meno le stesse resistenze sul casalingo... chissà perché poi. Io ho (quasi) risolto mettendo un dual boot XP e Fedora 14. Ora per lei è (quasi) indifferente usare l'una o l'altra, e probabilmente se sparisse XP non ne farebbe un dramma ormai. Il vero problema è che esistono alcuni programmi che vanno solo sotto Windows e la mia esperienza con WINE non è stata il massimo (non mi partiva niente di quello che volevo).

    Per le finestre, guarda è il default dell'installazione quindi dovrebbe essere Gnome (e sicuramente è xfce)

    RispondiElimina
  3. Claudio Termografia31 dicembre 2011 00:25

    Ho già installato Ubutu su un extensa 5635 dal quale stò scrivendo, ho ottenuto risultati strabilianti....ero abituato a win7 .... il limite purtroppo è dovuto ai programmi che uso per lavoro realizzati solo per windows :-( 

    RispondiElimina
  4. Paolo Restuccia31 dicembre 2011 00:36

    Fedora 16 ha di base Gnome 3, che ho provato ad usare e non riesco minimamente a saltarci fuori. Per chi è abituato a interfacce grafiche più vicine a Windows o alla vecchia Gnome 2 è meglio installare Fedora con KDE, così ci sono anche maggiori possibilità di personalizzare il desktop.

    RispondiElimina
  5. Ciao Paolo Restuccia ho sentito opinioni alterne su Gnome 3 e al momento ho un sacco di confusione in testa circa la differenza tra Gnome 3 e Gnome Shell, ma mi sa che ce ne dovremo fare un'abitudine perché anche la nuova versione di Mint è passata a Gnome 3. 

    Guardando gli screenshot mi sembra piuttosto simile come aspetto a KDE 4, ma ricordo che il mio vecchio laptop aveva risentito parecchio dell'upgrade dal KDE 3 a 4 perdendo in dinamismo e velocità. 

    RispondiElimina
  6. assolutamente vero, l'unico problema è che esistono dei programmi che sono solo sotto Win e non sono soddisfatto per niente degli emulatori.

    RispondiElimina
  7.  Ho capito va'... devo fare da tester :-) Un attimo di pazienza e vediamo... sperando di non far saltare il PC casalingo in dual boot, sennò mia moglie mi fa la pelle... :-D

    RispondiElimina
  8. AnonimaFrancese31 dicembre 2011 14:50

    strano che il nostro Vantaggista non si sia espresso.........

    RispondiElimina
  9. devi chiamarlo ad alta voce e tutto in maiuscolo:

    ROBERTOPUTANO !!!!

    RispondiElimina
  10. eccolo!!!!!!!!!!!!!! >Ragazzi io è da un pò che bazzico le nuove versioni di linux l'avvento di Gnome 3 e nel caso di Ubuntu di Unity mi hanno scoraggiato un pochino, sembra che la tendenza sia quella di "sofisticare" linux per renderlo sempre più simile a un Mac con dispendio di risorse io personalemente sono tornato al vecchio e affidabilissimo Debian che mi permette tutte le personalizzazioni che voglio e soprattutto mi permette di non buttare il mio vecchio amd 1700mhz , comunque se uno ha un computer performante e vuole provare l'ebrezza delle satinate schermate di Gnome 3 vale la pena provarlo...il bello di linux è che tentar non nuoce...ne alla cpu ne al portafoglio...

    RispondiElimina
  11. il vantaggio di non avere una moglie...il mio notebook è addirittura in tri-boot - Vista - Seven - Mint 11 :-)))

    RispondiElimina
  12. con wine qualcosa risolvi ma è come tornare a windows in termini di risorse spese...

    RispondiElimina
  13. cosa ti avevo detto AnonimaFrancese ? 

    eccolo ritornato in pieno spolvero, quando si parla di linux (e di Abby) non può mancare! 

    quello che mi preoccupa di Gnome 3 è che dopo aver convinto mio padre che passare a linux sarebbe stato facile e averlo fatto abituare a gnome 2 un anno fa, adesso potrebbe dover ricambiare tutto un'altra volta. 

    RispondiElimina
  14. AnonimaFrancese31 dicembre 2011 15:56

    hihih veramente l'ho chiamato io ;.))) 

    RispondiElimina
  15. ragazzi, io wine non riesco a sopportarlo... non so perché, ma ho come un'avversione viscerale. Piuttosto uso e apprezzo la virtual box anche se in termini di risorse non è proprio economica.

    RispondiElimina
  16. eh ma come sei... potevi almeno lasciarmi sperare! :)

    RispondiElimina
  17. AnonimaFrancese31 dicembre 2011 16:01

    ;.) tu accontenta la mia domanda e si va tutti a cena assieme qui a Roma;.) intanto Vanty ci viene (a cena) la settimana prossima ...;.)) alla faccia tua ;.))))

    RispondiElimina
  18. mica devi per forza fare l'upgrade...oppure gli metti debian che è molto più leggero, nella schermata base debian mi consuma 140-150 mega di memoria una qualunque distro con gnome 3 almeno 200 e anche 250 mega il mio vecchio hal 9000 diventa pesante, ora con deb è tornato a volare...

    RispondiElimina
  19. fortunatamente cucinerà Luis :-))) ma io non so l'indirizzo preciso poi me lo notifichi...sei ztl? ba bene che Eleonor è GPL ma non vorrei prendere altre multe!

    RispondiElimina
  20. AnonimaFrancese31 dicembre 2011 16:10

    @Roberto ti rispondo qui che li non c'e spazio...............PRRRRRRRRRRR per la frase "fortunatamente cucinerà Luis" MA DICO IO CHE NE SAI DI COME CUCINO IO??? ;.) basard inside....poi secondo te vivo in centro io?? quale ztl....sto non lontana da Corso Francia non a paizza Navona sai ;.)) puoi dire a Eleonor GPL di stare serena ..se vuole le daremo un po di ciccia mentre ti aspetta ;.) 

    RispondiElimina
  21.  masochista! :-)

    RispondiElimina
  22. Buongiorno a tutti!
    Sto preparando un approfondimento... 

    RispondiElimina
  23. Bravo... sono curioso di leggere il secondo tempo della storia...

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...