Cerca nel blog

Loading

13 novembre 2010

Perché la mela fa maturare la frutta

Me l'ha consigliato mio suocero la scorsa settimana: i cachi che avevamo appena comperato erano un po' indietro e con quel sapore orribile che rende immangiabile quelle deliziose bacche quando sono acerbe. Mi ha consigliato di metterci una mela vicino e per la sera successiva avrei mangiato un caco delizioso. Così è stato.

Non era la prima volta che sentivo questa perla di saggezza popolare, così ho voluto cercare di capire il perché di questa maturazione accelerata. In effetti, come al solito, non c'è nulla di magico e tutte le leggende si basano su un fondo di assoluta verità. Il trucco si spiega sapendo che esistono due tipi differenti di frutta: i frutti climaterici e quelli aclimaterici. I primi, a cui appartengono la mela e il caco, continuano il loro processo di maturazione anche una volta separati dalla pianta, gli altri, come l'uva e le fragole, assolutamente no.

Il processo di maturazione nella frutta è guidato da un ormone chiamato etilene, un semplicissimo idrocarburo che in condizioni normali si presenta sotto forma di gas. Più etilene respirano i frutti e più questi tendono a maturare e a produrre altro etilene. Le mele, tra i frutti climaterici, sono forse quelle con il più alto tasso di produzione di etilene, così che fungono da stimolatore per la maturazione degli altri frutti climaterici.

Ecco così spiegata la magia della nonna, ma attenzione funziona solo con la frutta climaterica, non sperate di far maturare le fragole avvicinandovi delle mele!

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

4 commenti:

  1. AnonimaFrancese26 maggio 2011 14:55

    ahahaha lo scopro adesso, non lo sapevi eh? saggezza dei piu anziani toto:-)) ...sei una macchia......curioso cone pochi e questo oltretutto è interessante...

    RispondiElimina
  2. se non fossi curioso per tutte queste cose, avrei sbagliato lavoro. C'è stato un periodo della mia vita in cui era anche peggio e per ogni stupidaggine dovevo capire come e perché funzionava. 

    RispondiElimina
  3. Io lo vedo adesso (ogni tanto gironzolo per il blog, seguendo i consigliati in basso) e manco lo sapevo.
    Ma come toto apprezzo la spiegazione, quasi più della cosa in sé :-))

    RispondiElimina
  4. ragazzi state perlustrando tutto il blog come dei segugi. anche di post di cui non ricordavo più l'esistenza.

    in totale sono oltre 1000, ma non tutti sono venuti un granché.

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...