Cerca nel blog

Loading

11 maggio 2008

Nome in codice: ENIGMA

Come la gran parte dei fisici, sono attratto da tutte le questioni riguardanti la crittografia, ovvero l'abilita' di celare dietro ad una serie di simboli apparentemente insignificanti, un messaggio di senso compiuto che solo il destinatario e' in grado di comprendere. La mia curiosita' non si limita a carpire il messaggio segreto, anzi sono decisamente piu' interessato a svelare l'algoritmo che permette di trasformare una frase in una sequenza di lettere e simboli incomprensibile.

Perche' la trasmissione di un messaggio in codice avvenga con successo, mittente e destinatario devono essere a conoscenza di tre oggetti:
  • il messaggio in codice, ovviamente. Ovvero la sequenza di simboli che contengono il messaggio segreto.
  • la chiave. O le chiavi, a seconda che si tratti di crittografia simmetrica o asimettrica. Questa puo' essere trasmessa insieme al messaggio (chiave pubblica) oppure puo' essere conservata dai dialoganti (chiave privata). E' generalmente un'altra sequenza di simboli che permette di codificare e decodificare il messaggio.
  • l'algoritmo di cifratura. Ovvero quella sequenza precisa di operazioni che permettono di convertire il messaggio originale in quello in codice usando la chiave. L'algoritmo inverso, quello di decifratura, permette di ottenere il risultato inverso.
Da sempre l'uomo fa uso di messaggi in codice, con protocolli di cifratura piu' o meno complessi. Nel medioevo, per esempio, i messaggi che i re spedivano alle truppe, o quelli che le dame spedivano agli amanti, erano solo leggermente codificati perche' confidavano che il loro messaggio restasse riservato affidandone la trasmissione ad un messaggero fidato, leale e molto ben armato. Con l'avvento delle comunicazioni radio, l'impossibilita' di evitare che altri (nemici compresi) potessero captare il messaggio trasmesso, ha fatto evolvere la complessita' degli algoritmi di cifratura. In generale vige la regola che piu' complesso e' l'algoritmo di (de)codifica, piu' diventa improbabile che un orecchio indesiderato ascolti e comprenda il messaggio trasmesso. Attenzione pero' che un algoritmo complesso e' spesso piu' prono ad errori, specie quando il messaggio viene trasmesso in codice Morse dalla mano tremante di una spia dietro le linee nemiche. Inoltre piu' complesso e' l'algoritmo, piu' lungo e' il tempo richiesto per l'interpretazione di un messaggio e quindi lenta la reazione del ricevente.

La crittografia moderna nasce nel 1918, ma e' durante la seconda guerra mondiale che assistiamo una rapida evoluzione di tecniche differenti piu' o meno sicure e, soprattutto, piu' o meno violate. Certamente tra la piu' sicure c'e' da ricordare: ENIGMA, ovvero una macchina per la cifratura inventata ed usata dai tedeschi che permetteva di velocizzare al massimo la codifica e decodifica dei messaggi nonostante si basasse su un algoritmo veramente molto complesso. La chiave di cifratura veniva impostata sulla macchina stessa inserendo tre cilindri rotanti, impostando la lettera di partenza di ciascun cilindro e inserendo un certo numero di spine per lo scambio delle lettere. Trovate una bellissima simulazione del funzionamento di una macchina Enigma in questo sito web: Enigmaco. Provate per credere!

In piu' dovete ricordare che i messaggi spediti via radio non arrivavano come i nostri SMS, ma erano una sequenza di punti e linee in base al codice Morse, il che rendeva il tutto ancora piu' difficile, ma al tempo stesso intrigante.

Vorrei concludere con un messaggio in codice.

- ..-. -..- ..- --.. .- ... -..- .-- .. - --.- .- .-.. ... ... -... --.. .-.. --. -.-- .-.. - - -.-. .-. . - -.- .--. .- .--- .. --- .. .. ..-

Per decodificarlo dovete prima di tutto tradurlo da Morse in lettere e poi decriptarlo con una macchina Enigma usando la seguente chiave:
  • Rotori IV,III,V,
  • Posizioni iniziali: T,O,P
  • Spine di scambio: AM CN IO
Una volta decifrato il messaggio vi sara' chiaro il perche' ho dovuto scriverlo in codice!

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

14 commenti:

  1. tra una lettera e l'altra (nel codice) c'è uno spazio vuoto?

    chi puo risponda.

    ciao.

    RispondiElimina
  2. bell'osservazione fhandy. Pe rendere la soluzione piu' facile ho aggiunto (artificialmente) uno spazio tra ogni lettera nel codice morse.

    togliete lo spazio prima di tradurlo con enigma!

    RispondiElimina
  3. Toto nel mess. x caso (in codice) hai scritto (es: FRANCO o F R A N C O)

    RispondiElimina
  4. i rotori devono essere 4 5 3

    credo

    perche 4 3 5 non e possibile

    RispondiElimina
  5. Toto, cosa sono le spine di scambio?
    in enigmatico

    RispondiElimina
  6. e' possibile mettere i rotori 453. Mettete prima il 4, poi settate il 3 come terzo rotore e quindi potrete settare il 5 come secondo.

    @fandhy: non c'e' scritto franco. quando inserisci il testo alfabetico nell'enigma devi togliere tutti gli spazi.

    @fandhy: le spine di scambio sono quei fili che collegano le varie lettere in basso a destra nello schema dell'enigma. Cliccate sul filo corrispondente alla prima lettera della copia e spostatelo fino a sovrapporlo alla seconda lettera della coppia.

    buona decifrazione!

    RispondiElimina
  7. quelli che collegano le lettere

    RispondiElimina
  8. esattamente in basso a destra c'e' una sorta di collegamento tra le lettere su una riga in basso e le stesse su una riga in alto. Clicca sul quadratino blu della lettera in alto e spostala sul quadratino blu della seconda lettera.

    RispondiElimina
  9. grazie Toro,

    un altra domanda,

    le lettere (trovate dal codice morse)dove le posso trascrivere nell'enigmaco (ci ho provato in tutti i modi ma....niente da fare

    ancora grazie ciao.

    RispondiElimina
  10. le devi scrivere una per una nella casella di testo sotto la scritta input.

    Non mettere gli spazi! Vai che ci sei vicino...

    Che tristezza... (capirai...)

    RispondiElimina
  11. Ciao Toto
    Perche quando io metto la prima lettera? (il 3° cerchio si sposta)?

    attendo risposta grazie.

    RispondiElimina
  12. e' giusto... deve succedere cosi' non ti preoccupare!

    ciao

    RispondiElimina
  13. Allora va a posto quando ho finito di digitare tutto il testo?

    sto vedendo il (Live Traffic Map) c'è qualcuno dagli U.S.A (ore 13,05)

    Grazie.

    RispondiElimina
  14. devo complimentarmi con fhandy (franco) per aver portato a termine la decifrazione del messaggio. Chiaramente non lo posso scrivere qui in chiaro perche' sarebbe ingiusto nei confronto degli altri eventuali decifratori.

    Se volete controllare se avete decodificato nel modo corretto, mandate una mail con la vostra soluzione a: il.gluista@gmail.com

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...