Cerca nel blog

Loading

16 luglio 2011

Mi raccomando, non fate sciocchezze

Sembra la raccomandazione di una coppia di genitori sull'uscio di casa, nell'intento di lasciare da soli i figli adolescenti per la prima volta. Invece, sono state le parole con cui il nostro capo, mercoledì scorso, ci ha salutato partendo per le vacanze.

Secondo voi, noi l'abbiamo ascoltato? La situazione è rimasta nella norma per diciamo due ore lavorative, che tradotto significa che giovedì mattina avevamo già fatto la nostra frittata. Ma prima di descrivervi la scena tragicomica a cui abbiamo assistito, ho bisogno di aprire una parentesi (spero breve) per descrivervi le...

Tecniche di vuoto

Fare il vuoto significa eliminare tutto il gas contenuto in un contenitore isolato e a tenuta stagna e per farlo ci sono svariati metodi, il più comune è quello di usare una pompa. L'unità di misura comunemente usata per il vuoto è il bar, ovvero la pressione residua all'interno; quasi sempre si usa il suo sottomultiplo mbar (milli-bar). Tenete conto che la pressione atmosferica è circa 1000 mbar e più questo numero diventa piccolo, più il vuoto migliora (diventa alto) fino a raggiunge l'ultra alto vuoto a 1E-12 mbar. La parte principale del nostro acceleratore si trova a "qualche" 1E-7 millibar, vuol dire un decimo di miliardesimo della pressione atmosferica che è un vuoto di tutto rispetto.

(C) Wikipedia
Per fare il vuoto, non basta chiudere i buchi e attaccare una pompa, almeno questo non basta se si vogliono raggiungere livelli di vuoto particolarmente alti. Innanzitutto è quasi sempre necessario utilizzare una cascata di pompe, noi per esempio, usiamo una combinazione di pompe turbomolecolari e rotative. La turbo infatti non può essere azionata quando la pressione dalla camera da svuotare è troppo elevata, questo produrrebbe una forza sulle palette delle turbine talmente elevata da spezzarle. Serve quindi una pompa rotativa di "backing" per produrre un pre-vuoto sufficiente per permettere alla turbo di lavorare in sicurezza.

Ma le pompe da sole non sempre bastano. Servono altri accorgimenti e spesso il nemico numero da battere è il cosiddetto outgassing. Mi spiego con un esempio: se toccate la superficie interna della camera con le mani nude, quando cercherete di svuotarla, le creste delle vostre impronte digitali, che sono composte da acidi grassi, cominceranno ad evaporare creando altro gas che prima non c'era. Il rilascio di gas sarà lungo e per ottenere un alto vuoto anche con pompe potenti sarà necessaria una lunga attesa. La causa principale dell'outgassing non sono però le impronte digitali, perché come i criminali sanno benissimo, basta indossare un paio di guanti in lattice, ma è piuttosto l'umidità. Questa tende ad appiccicarsi a tutto e l'acqua sotto vuoto continuerà ad evaporare e a ghiacciare in quello strano balletto delle fasi di cui vi avevo già parlato un'altra volta. Per tenere lontana l'appiccicosa umidità, si utilizza uno stratagemma intelligente: si tiene la camera sempre sottovuoto, aprendola il meno possibile. E quando lo si deve per forza, anziché riempire il contenitore con l'aria dell'ambiente si usa azoto, che è il maggior costituente dell'aria ed è completamente secco.

Torniamo alla tragicomica vasca per i pesci

Lo sapevo che sarebbe andata per le lunghe, ma ora è tempo di tornare indietro a giovedì mattina quando abbiamo commesso due errori, uno procedurale e uno accidentale (quello che a Roma, chiamano errore di sbaglio), nell'ordine esatto per trasformare una delle nostre linee sotto vuoto in una vasca per pesci rossi, senza pesci rossi.

Questa linea è suddivisa in segmenti isolati tra loro ed ognuno dotato di un proprio gruppo di pompaggio, in questo modo è possibile ventilare (far entrare l'aria) in una parte senza aprire tutta la linea. In quel momento l'ultimo segmento di linea era aperto e visto che l'aria era piuttosto umida abbiamo deciso che era buona cosa chiuderla. Così come prima cosa abbiamo chiuso la valvola di ventilazione, cioè quel piccolo rubinetto che ci permette di far entrare aria nel tubo vuoto e poi abbiamo sigillato il fondo della linea. Qui abbiamo commesso l'errore procedurale, perché sul fondo ci sono due tubicini di plastica che corrono verso un serbatoio di acqua che viene utilizzata per raffreddare la camera durante l'irraggiamento. La procedura prevede che questi buchi siano tappati oppure che le valvole di ingresso e uscita del serbatoio siano chiuse. Ma noi, i furbi, abbiamo detto, chiudiamo la linea per evitare di far entrare l'umido, ma non facciamo il vuoto quindi possiamo anche lasciarli aperti.

E poi c'è stato l'errore di sbaglio, quello fatale. Da un pannello di controllo abbiamo selezionato la linea che volevamo utilizzare per il nostro esperimento e aperte le valvole di sezionamento in modo da mettere in comunicazione tutti i segmenti. Peccato che abbiamo sbagliato la linea e anziché la 1 abbiamo selezionato la 2, proprio quella che i furbi (cioè noi) avevano deciso di non svuotare.

E' stata questione di un istante, schiacciamo [1] il pulsate di apertura e scatta la "firing unit",  un sensore molto veloce che non appena registra un brusco peggioramento del vuoto comanda la chiusura di tutte le valvole per mettere al sicuro il resto dell'impianto in particolare la nostra Ciclotrona.

A quel punto avevamo già un presentimento, ma la premonizione è diventata la tragicomica realtà quando abbiamo visto con i nostri occhi, da una finestra di plexi della camera a vuoto, che una quindicina abbondante di litri d'acqua erano entrati proprio dove noi non volevamo far entrare l'umidità.

La dinamica è semplice e presto spiegata, quando erroneamente abbiamo aperto la valvola verso il resto della linea il vuoto da quella parte ha risucchiato come un potente aspirapolvere l'aria dell'ultimo segmento e visto che i tubi dell'acqua non erano isolati si è portato dietro anche quella.

Ci siamo guardati in faccia e ci siamo detti: Mi raccomando, non fate sciocchezze! 

Ah probabilmente vi starete domandando come abbiamo fatto a risolvere il problema... facile: vasi comunicanti, carta assorbente e tanto tanto sudore!

[1] In una squadra di laboratorio non si è mai soli, nemmeno quando è un solo dito a schiacciare un pulsante (su)

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

7 commenti:

  1. AnonimaFrancese16 luglio 2011 09:38

    ;-)))))))))))))) come iniziare la giornata ridendo a crepapelle immaginandovi..peccato non avere una video di cò tanta bella giornata!! Sorge spontaneo sapere se il grande capo abbia ad esempio, tale padre premuroso, chiamato per sapere se fosse tutto ok????:-) e un classico per concludere bene la giornata...e ora mi spisgo la tua battuta dell'altro giorno riguardo alla muta da sub se ben ricordo....
    Altra annotazione, scusa toto , scanssati un attimnio che devo chiamare qualqu'uno: "Vantyyyyyyyy....................(VANTAGGISTA) roberto putano vieni un pochino a sentire che dice il signor sui Romani....................vieni vieni", come direbbero qui "che te faccio vedè io come che dicano i Romani" ahahahah ( vabbè l'ho detto cosi ma bisogna attendere Vantaggista per il tono e la correzione:) grazie toto ...sei grande forever.........

    RispondiElimina
  2. il capo non ha chiamato, quando è in ferie stacca tutto.

    abbiamo una foto dell'acqua, ma è rimasta sul cellulare di un altro collega che è partito per le ferie. Anzi quando eravamo lì a guardare il disastro e ci domandavamo: "adesso come facciamo", lui, quello del cellulare ha risposto "lasciamo così fino a domani e poi una soluzione la troverete, visto che io sarò in ferie!"

    RispondiElimina
  3. Toto, mi dispiace ridere delle "disgrazie" altrui, ma pagherei una cena a tutti per aver potuto vedere le vostre facce quando avete guardato dentro la finestra di plexi...
    Dai, cose cosi' capitano a tutti quelli che si sporcano le mani col lavoro vero, e non sai quanto ti capisco (non ti racconto gli errori che succedono da me...)

    RispondiElimina
  4. tranquillo Franco, i primi a ridere eravamo noi... all'inizio era una po' una risata isterica tipo film dell'orrore, ma poi quando abbiamo visto riuscivamo a rifare il vuoto, ridevamo per la disavventura.

    Comunque tornado sul pezzo, questa mattina l'olio della pompa primaria
    aveva l'aspetto (non il colore) del vino mosso dall'umidità che aveva
    accumulato. Una mezz'ora di sano gas ballasting e l'olio era tornato limpido.

    Oggi, uno dei tre con le "mani sporche", che è anche il responsabile della qualità dell'intera unità, mi ha detto dobbiamo fare una non-conformità e una preventive-action (spero per te che tu non debba lavorare in qualità, ma ho il sospetto che ti tocca). E così abbiamo pensato come impedire che l'errore procedurale possa ri-capitare. Due modi: uno facile in cui mettiamo un cartello di warning e uno più complesso in cui mettiamo un microswitch e dalla camera passiamo fuori il cavo via un vacuum feed-thorugh e ci colleghiamo al PLC in modo da vincolare il conseso di apertura della valvola. Indovina quale abbiamo scelto? Suggerimento, non è la seconda.

    Con la certezza che risuccederà prima o poi, abbiamo rimandato la soluzione difficile a data da destinarsi.

    RispondiElimina
  5. Appena ho letto "perché sul fondo ci sono due tubicini di plastica che corrono verso un serbatoio di acqua" già mi immaginavo tutta la scena finale :-)
    ROTFL, ma come si dice "chi non fa niente, non sbaglia" :-)

    RispondiElimina

Chiunque può lasciare commenti su questo blog, ammesso che vengano rispettate due regole fondamentali: la buona educazione e il rispetto per gli altri.

Per commentare potete utilizzare diversi modi di autenticazione, da Google a Facebook e Twitter se non volete farvi un account su Disqus che resta sempre la nostra scelta consigliata.

Potete utilizzare tag HTML <b>, <i> e <a> per mettere in grassetto, in corsivo il testo ed inserire link ipertestuali come spiegato in questo tutorial. Per aggiungere un'immagine potete trascinarla dal vostro pc sopra lo spazio commenti.

A questo indirizzo trovate indicazioni su come ricevere notifiche via email sui nuovi commenti pubblicati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...